ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 13 agosto 2016

La speranza di una salvezza a tempo indeterminato.

Conservare la fede .... in un dialogo tra il Signore e don Camillo

Preghiera di Ferragosto


Maria Assunta, io sono qui, dalla Chiesa e dallo Stato più licenziato che assunto: i clericali mi disprezzano, siccome da cristiano credo che Cristo, tuo figlio, sia l’unica via, l’unica verità, e gli statali mi osteggiano, siccome da patriota credo che i confini siano sacri ossia inviolabili, pensa la pretesa. Maria Assunta, per pagare meno tasse vorrei esulare in Svizzera, ovviamente in Canton Ticino, stessa patria (la patria è la propria lingua) ma diverso Stato, e purtroppo non so come fare, forse dovrei cambiare commercialista; per onorare tuo figlio che si è fatto crocifiggere per me dovrei evitare le chiese sequestrate dai preti parassiti del Vangelo, tipo il Duomo di Parma dove recentemente un maomettano ha detto che Maometto è uomo di pace, e il sacerdote assentiva (scusami se vomito). Ma scrivo tanto e concludo poco così mi limito a consegnarti la mia pochezza, la mia speranza di una salvezza a tempo indeterminato.

Nessun commento:

Posta un commento