mercoledì 29 marzo 2017

L’angoscia di una madre i cui figli si perdono*

Il messaggio URGENTE della Madonna di Fatima è sempre valido. Le daremo retta?


Antoine Mekary/ALETEIA
Sono le cinque del mattino nel Santuario Nazionale del Cuore di Maria. L’immagine della Vergine giunta recentemente da Fatima ha peregrinato per tutto il Panama. Oggi sosta nella mia parrocchia.
Hanno esposto il Santissimo per l’Adorazione Eucaristica tutta la notte. Molti hanno pregato fino all’alba accompagnando Gesù. Chiedendogli delle grazie. Dicendogli che lo amano.
Dalla sera precedente, la fila al confessionale è stata interminabile. L’appello della Vergine alla conversione non è caduto nel vuoto.

Impero della menzogna




01:01:11

Persecuzione ai FRANCESCANI DELL'IMMACOLATA - Gnocchi 2016

Audio del XXIV° Convegno di Studi Cattolici - A.D. 2016 - Impero della menzogna e menzogne dell’impero Violenza e arbitrio del nuovo ordine mondiale ed ecclesiastico Rimini - 28, 29, 30 ottobre 2016 

Il travisamento dell’obbedienza


Perché non bisogna discreditare la Compagnia di Gesù
(di Roberto de Mattei) Tra le conseguenze più disastrose del pontificato di papa Francesco ce ne sono due, strettamente connesse tra loro: la prima è il travisamento della virtù tipicamente cristiana dell’obbedienza; la seconda è il discredito gettato sulla Compagnia di Gesù e sul suo fondatore sant’Ignazio di Loyola.
L’obbedienza è una virtù eminente riconosciuta da tutti i teologi e praticata da tutti i santi. Essa ha il suo perfetto modello in Gesù Cristo, di cui san Paolo dice che fu «obbediente fino alla morte, alla morte di Croce!» (Fil. 2, 8). Essere nell’obbedienza significa essere in Cristo (2 Cor 2, 9) e vivere pienamente il Vangelo (Rom 10, 16; 2 Tess. 1, 8). Perciò i Padri e i Dottori hanno definito l’obbedienza come la custode e la madre di tutte le virtù (S. Agostino, De Civ. Dei, Liber XIV, c. 12). Il fondamento dell’obbedienza è la subordinazione ai superiori perché rappresentano l’autorità stessa di Dio. Ma essi rappresentano l’autorità in quanto custodiscono e applicano la legge divina.
Questa legge divina è a sua volta superiore al potere umano degli uomini che hanno il compito di farla rispettare. L’obbedienza costituisce per un religioso la virtù morale più eccelsa (Summa theologica 2-2ae, q. 186, aa. 5, 8). Tuttavia si pecca contro questa virtù non solo per disobbedienza, ma anche per servilismo, uniformandosi a decisioni dei superiori palesemente ingiuste.
Il travisamento dell’obbedienza avviene, sotto il pontificato di papa Francesco, quando i vescovi, o il Papa stesso, abusano della loro autorità, esigendo dai fedeli una sottomissione servile a documenti che inducono all’eresia o all’immoralità.

Totalmente privo di “scaltrezza”



Processo a mons. Paglia, 8 per 1000, Gayburg

Antonio Righi28 marzo 2017

La verità del 24 marzo ha dedicato una pagina al processo a Mons. Paglia che si svolge in questi giorni.
Svelando tra gli altri un dato già noto: i 25 milioni di euro di buco fatti sotto di lui dalla diocesi di Terni, sono stati appianati per metà dallo Ior e per metà dalla Cei.
La Cei ha quindi versato 12,5 milioni di euro per appianare le spesse folli di un suo vescovo: qualcuno si chiede ancora perchè molti cattolici non vogliono più dare l’8 per mille ad una Cei che li utilizza per coprire un vescovo spendaccione e filo radicale?
Vedremo come andrà il processo, per intanto Paglia può contare sull’appoggio di radio radicale e, come si vede nell’immagine in alto,
di Gayburg.

Fototeologo papale

Francesco predica un nuovo «Fiat lux»


Nel dicembre del 2015, in occasione di una serie di eventi mirati ad accrescere la consapevolezza e promuovere interventi nei confronti dei cambiamenti climatici, alcune mie fotografie sono state proiettate sulla basilica di San Pietro in Vaticano. Per tre ore, immagini della terra, dei suoi abi tanti e dei suoi animali, provenienti dagli scatti miei e di altri professionisti, hanno illuminato la facciata durante l’evento chiamato Fiat Lux: Illuminating Our Common Home, il primo di questo tipo in 390 anni di storia della basilica. Sembra che ultimamente ci siano molte novità interessanti all’interno della Chiesa cattolica romana, compresa la elezione di papa Francesco, il gesuita che ha scelto il nome in onore di san Francesco d’Assisi…

Si dovrà render conto del disastro

http://www.ilcorrieredelleregioni.it/index.php?option=com_content&view=article&id=11644:sorriso-dono-di-dio&catid=130:nuovo-umanesimo&Itemid=161Promemoria sull’intervista del generale dei gesuiti circa l’inattendibilità dei Vangeli

Il Generale dei gesuiti a febbraio ha rilasciato un’intervista, dove insinua che le parole di Gesù sull’indissolubilità del matrimonio non siano un punto di stabilità teologica, bensì un punto di partenza della dottrina, che dovrà poi essere convenientemente sviluppato. Ciò che – al limite – potrebbe anche avvenire sostenendo l’esatto contrario, ossia la compatibilità del divorzio con la vita cristiana. Tale iniziativa ha a mio avviso innescato una situazione esplosiva, a causa del prestigio della prepositura generale gesuitica; e anche per l’assordante silenzio generale, che si è levato in risposta dalla critica.
Naturalmente Arturo Sosa Abascal SJ è persona intelligente, molto accorto a non cadere in eresia conclamata. E questo, in un certo senso, è anche più grave. Occorre dunque riassumere il filo del suo ragionamento. La domanda che pone è se gli Evangelisti siano attendibili; e il nostro gesuita dice: bisogna discernere. Dunque, non è detto che lo siano.

Saldi di fine chiesa

«Parrocchie ai laici», la ricetta del cardinale Marx
Vocazioni sacerdotali in picchiata: nella diocesi di Monaco, una volta serbatoio per la Chiesa tedesca, quest'anno c'è stato l'ingresso di un solo seminarista. E l'arcivescovo, consigliere di papa Francesco, lancia il piano per il coinvogimento dei laici con apertura al sacerdozio per gli uomini sposati.

Affidare le parrocchie rimaste senza prete ai laici, ed eventualmente, esplorare la possibilità di ordinare degli uomini sposati per amministrare i sacramenti, i cosiddetti “viri probati”. Così il cardinale di Monaco di Baviera, Reinhard Marx, membro del C9, il Comitato di porporati da tutto il mondo incaricato di studiare la riforma della Curia e della Chiesa, si è espresso parlando davanti ai 180 membri del consiglio diocesano di Monaco, il più grande organismo laico della diocesi.

Scopofilia

Il pesce puzza dalla testa
A margine della visita pastorale di Bergoglio a Milano




In questa visita pastorale ricca di plausi e di migliaia di curiosi, ne sono successe delle belle: alcune segnalate e commentate dal nostro L. P.

Ma in mezzo a tanto baillamme: tra misericordiose visite carcerarie, demagogiche visite maomettane, puntate pubbliche alla latrina di plastica, ecco spuntare un paio di corna, ludicamente mostrate da un tizio vestito da prete, sbracciato e coperto da una improbabile coppola scozzese.

A seguito dello stupore dei “paparazzi”, che si sono chiesti se non si trattasse di un provocatore che voleva guastare la festa di Bergoglio,… cerca cerca si scopre che si trattava di tale Luca Raimondi, parroco a Bernareggio, nella Brianza, presente nel parco per partecipare alla “Messa del Papa”.