ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 10 gennaio 2015

Scelte oculate?


Pastori pro gay e in dialogo con il mondo: i 15 nuovi cardinali ai raggi x

PER LA CHIESA, che definisce <un ospedale da campo>, papa Francesco snobba ancora 'i medici' di Curia e continua ad affidarsi a quelli delle periferie. Se l'anno scorso, su sedici nuovi cardinali elettori, scelse solo quattro vescovi di Curia, questa volta Bergoglio, in vista del suo secondo concistoro del 14 febbraio, si è superato. Ha 'sfornato' quindici porporati, provenienti da quattordici paesi diversi, con un unico curiale, l'attuale prefetto della Segnatura apostolica, monsignor Dominique Mamberti. Un'investitura quasi forzata data la natura di supremo tribunale della Santa Sede della stessa Segnatura. Bocciati anche a questo giro i presidenti dei pontifici consigli monsignor Vincenzo Paglia (Famiglia), monsignor Rino Fisichella (Nuova evangelizzazione), monsignorClaudio Celli (Comunicazioni sociali) e monsignor Zygmunt Zimowski (Salute).

Chi ci casca..

Charlie Hebdo: non abbiamo imparato nulla?

suicida
Avevo deciso di non parlare dell’attentato avvenuto in Francia, a Parigi: un po’ perchè mi sembra inutile parlarne a caldo, un po’ perchè mi sembra si faccia il gioco di chi vuole creare clamore, e quindi alla fine fare il gioco di chi ha organizzato tale strage, un po’ perchè sappiamo, per esperienza, che gli attentati sono un ottimo sistema per ottenere in fretta qualcosa che sarebbe o molto lungo o addirittura impossibile ottenere. Esiste quindi una buona probabilità che la prima versione, quella del terrorismo islamico, non stia in piedi.
Credo che, seguendo la ragione del cui prodest, sia facile capire come questi eventi facciano il gioco di chi cerca lo scontro di civiltà. E in molti ci cascano. Ad esempio Antonio Socci, che per altri versi ammiro molto, su questo fronte non lo capisco proprio. Nella sua newsletter critica il Papa perchè, qundo critica la violenza, gli assassini, gli atti terroristici, non cita mai la parola Islam. Capito? Per Socci non basta puntare il dito contro il peccato, e neanche basta puntarlo contro il peccatore singolo: vuole erigere lo scontro a tutta una classe, come se tutti gli islamici fossero nemici da cui difendersi. Ci è cascato anche lui.

Cave manum

Perché a Messa non bisogna prendersi per mano durante il Pater o alzare le mani al Cielo

Per stigmatizzare un abuso liturgico durante le nostre Celebrazioni Eucaristiche … Un'ennesima prova della protestantizzazione delle stesse. 

PERCHÉ A MESSA NON BISOGNA PRENDERSI PER MANO DURANTE IL PADRE NOSTRO, O ALZARE LE MANI AL CIELO

di Henry Vargas Holguín


La pratica di prendersi per mano al momento di recitare il Padre Nostro deriva dal mondo protestante.

La tradizione per i tradizionali

Cristina Campo : la Scrittrice che "portò il peso e l'onore" del Breve Esame Critico del Novus Ordo Missae

Cristina Campo

A cura del Centro studi Giuseppe Federici - Per una nuova insorgenza
Comunicato n. 3/15 del 10 gennaio 2015, Sant’Aldo
" Il 10 gennaio 1977 moriva Cristina Campo. Figura decisamente complessa, contribuì tuttavia alla difesa del rito cattolico della Messa minacciato dalla riforma liturgica. Nella stessa Roma di Paolo VI seppe riunire e coordinare un coraggioso gruppo di teologi e di liturgisti: il risultato più importante fu il “Breve esame critico del Novus Ordo Missæ” (aprile-maggio 1969), redatto principalmente da padre Guérard des Laurieres, o.p. Il testo fu sottoscritto dai cardinali Ottaviani e Bacci (settembre 1969) e presentato a Paolo VI. Il documento esprime il rifiuto cattolico di celebrare o di assistere al nuovo rito. La ricordiamo con le prime pagine del libro di don Francesco Ricossa, CRISTINA CAMPO, O L’AMBIGUITÀ DELLA TRADIZIONE (Centro Librario Sodalitium 2005).

venerdì 9 gennaio 2015

E se Francesco I convoca un Vaticano III?


Ho letto diverse analisi e commenti sulle riforme proposte dal Papa, in particolare sui temi dibattuti durante il Sinodo sulla Famiglia, in essi si sostiene che il Vescovo di Roma ha incontrato una forte resistenza all’interno della Curia Romana per la realizzazione dei suoi progetti. Vi è un noto vaticanista che dice che la possibilità che Francesco I giunga al successo è piccola. La Curia romana, che egli ha severamente rimproverato nel suo messaggio di Natale, rappresenterebbe un ostacolo insormontabile.

Devo dire che io non condivido questa opinione.

Alla maniera dei protestanti.

«Insomma, la Chiesa ha attuato o ha tradito la Costituzione conciliare?»

Proponiamo, per la nostra edificazione spirituale, una parte di uno scritto di Tito Casini, grande Cattolico dotato di spirito profetico  che ha messo a disposizione della Tradizione e della Liturgia Cattolica l'intelligenza  ricevuta dall'Altissimo Iddio.
Diversi anziani fedeli tradizionali, soprattutto italiani , si sono formati alla lettura dell'eletta prosa arguta e anticonformista dello Scrittore Toscano le cui espressioni, a tratti profetiche, sono di un'attualità sconvolgente.


Tito Casini : "Nato a Cornacchiaia, frazione di Firenzuola, il 23 novembre 1897, da una famiglia di antiche tradizioni rurali e religiose, Tito Casini fin dalle prime classi elementari dimostrò una particolare attitudine alla letteratura.
Nella notizia biografica redatta da Nicola Lisi, in "Antologia degli scrittori cattolici", è definito "Avvocato per la laurea e per gli occhiali a stanghetta, per tutto il resto colto, intelligentissimo montanaro, esaltatore e difensore di tutto ciò che vive e si muove all'ombra dei suo campanile".

Ben presto, infatti, depose la toga di avvocato, una professione che necessitava di compromessi che mal si confacevano al suo carattere, e si unì a un gruppo di scrittori fiorentini, tra i quali Papini, Bargellini, Giuliotti e Betocchi. Insieme fondarono il "Frontespizio", la famosa rivista pubblicata a Firenze tra il 1929 e il 1940.

Il primo libro pubblicato da Casini fu "La bella stagione" (1929), una raccolta di 40 novelle tanto lodate da Giovanni Papini "per quella bella lingua che sa di Mugello e di Trecento"; l'ultimo fu il romanzo "Nel nostro piccolo paese", edito nel 1979, a coronamento di cinquant'anni di intensa attività letteraria.

Se si ironizza ..

Se si ironizza sugli ebrei si viene accusati di negazionismo e crimini contro l’umanità
Se si ironizza sui musulmani si viene accusati di idiozia perché si provocano i bombaroli e i tagliatori di teste.
Se si ironizza sui cristiani, meglio sui cattolici, tutto va bene. Anzi, riceverete un plauso alla libertà di pensiero.
Riprendendo una celebre frase del marchese Onofrio Del Grillo (alias Alberto Sordi) nel film Il Marchese del Grillo, “Sai qual è la differenza tra me e te? Se tu parli male di me e del Papa io ci rido. Se io parlo male di te e del tuo Napoleone tu ti incazzi.”

Da cosa è data la nostra identità?

vitello_d_oro_-nicolas_poussin

Il buon Europeo? Futuro pagano

Il buon Europeo di oggi non è più devoto alla Croce, né tanto meno può essere il decerebrato schiavo dell’Euro. Dovrebbe abbandonare queste superstizioni e imparare dall’Islam, fra i tre monoteismi il meno peggiore: prima viene il senso spirituale disinteressato e valoroso, e poi tutto il resto. Antichi Déi, dove siete fuggiti?
DI  - 9 GENNAIO 2015
In Europa, dalla Le Pen a Salvini, rullano tamburi di guerra santa contro l’Islam. Basta buonismi, proclamano i neo-crociati: dopo la strage di Parigi bisogna difenderci dal pericolo dei fanatici di Allah che ci ritroviamo in casa, quei ragazzi di seconda e terza generazione figli di immigrati come i killer di Charlie Hebdo. E’ l’ora di riscoprire e far rispettare la nostra identità. Già: ma quale? Da cosa è data la nostra identità?

La testa del serpente


Considerazioni a margine della strage di Parigi


L’attacco vigliacco e stragista al settimanale Charlie Hebdo ci pone dinanzi a due tragiche realtà.
La prima è la natura dell’Islam, che non muta mai. La seconda è il devastante suicidio del mondo occidentale, frutto inevitabile del tradimento alla civiltà e alla fede cristiane.
Riguardo il secondo punto, ci sarebbe da scrivere interi libri, molto è stato già detto e quindi è superfluo ora insistere in questa occasione. Ma due cose devono essere aggiunte nella fattispecie dell’evento ultimo: ed è il fatto che a essere colpito è stato un giornale che viene descritto come espressione di libertà, ma che in realtà è una fogna di bestemmie e volgarità, anzitutto contro la fede cristiana. Se si distingue dagli altri perché ha avuto, da solo, il coraggio di toccare anche Maometto (coraggio che manca a tutti gli intrepidi offensori della nostra fede), non si distingue però, se non in peggio, per la mostruosa volgarità e blasfemia rivolta contro la Ss.ma Trinità stessa, come quando in una vignetta è stata ripresa in maniera orribilmente offensiva finalizzata alla esaltazione della sodomia.

Ci sperano..!?

Leggenda del benigno imam che sanò lo scisma cattolico sulla famiglia




Sono passati duecento anni, ma sembra ieri. Quei fatti segnarono in maniera indelebile la chiesa cattolica, ma non solo. Io, per comprensibili ragioni, li ho studiati, e sono in grado di ricostruirli in maniera piuttosto fedele.

Superato il Fanzaga, ora mira a Padre Pio!

Brosio avverte: “Il 2015 sarà l’anno di Medjugorje e del suo ospedale. Ora il Papa ha l’ultima parola”

Lucia Bigozzi
brosio
“La Chiesa dichiarerà Medjugorje “Luogo di culto e di preghiera” e inizieremo la costruzione dell’ospedale per i milioni di pellegrini che, ogni anno, si recano al santuario mariano ma anche per i tanti abitanti del posto – cattolici e non – carenti di assistenza sanitaria”. E’ la speranza, tradotta in news, di Paolo Brosio, giornalista e scrittore, nella conversazione con Intelligonews.
Cosa si aspetta da questo 2015, la Commissione vaticana scioglierà la riserva su Medjugorje?
«La Commissione ha già deciso e ha già inviato tutto alla Congregazione della Dottrina della Fede. Il Papa avrà l’ultima parola. Mi auguro che ci sia un responso positivo. Penso che la decisione di Papa Francesco sarà in linea con quello che ha già stabilito il Cardinale Ruini, capo della Commissione Internazionale d’Inchiesta. Di quello che scriverà la Congregazione mi fido pochissimo.

giovedì 8 gennaio 2015

Bugiardino SantaMarta




Per le vittime coinvolte nell'attentato a Charlie Hebdo il pontefice ha pregato nella messa a Santa Marta. "Preghiamo, in questa Messa - ha invitato Papa Francesco nella Messa a Santa Marta, la prima del 2015 - per le vittime di questa crudeltà. Tante! E chiediamo anche per i crudeli, perché il Signore cambi il loro cuore".

Realtà o fantascienza?

La Lettera di Natale 2014 dei “preti di frontiera” friulani

zzchfmm
Ogni tanto arrivano a Riscossa Cristiana lettere di questo tenore: “perché volete vedere solo quello che non va?”, oppure “Non sapete far altro che criticare”, e così via.
Ebbene, se pubblichiamo certe cose, se cerchiamo di informare i nostri lettori sui tanti – troppi – eventi spiacevoli, tanto per parlar garbato, che costellano la vita della Chiesa, non è certo per il macabro gusto di vedere solo il brutto e lo sgradevole. Piuttosto ci pare sempre più urgente che i fedeli si rendano conto delle strade pericolose imboccate con disinvoltura e baldanza da preti e/o vescovi che non si capisce più a quale “fede” si riferiscano, di quale “chiesa” facciano parte.

Sedeinvalidismo pullula

Avvenire: congiura contro Ratzinger. Antonio Socci: “Fu costretto a dimettersi?”

ROMA – “Il giornale dei vescovi rivela: congiura contro Ratzinger” titola Libero in un articolo a firma di Antonio Socci che spiega: “Ieri abbiamo appreso – nientemeno che dalle pagine di “Avvenire”, il quotidiano della Conferenza episcopale italiana – una cosa che nemmeno io ero arrivato a scrivere, nel mio libro “Non è Francesco”, sulla (tuttora) misteriosa rinuncia di Benedetto XVI. Infatti alla pagina 2 del giornale dei vescovi si poteva leggere, testualmente, che ci sono stati “ambienti che, per i soliti motivi di potere e sopraffazione, hanno tradito e congiurato per eliminare Papa Ratzinger, pur riconosciuto “fine teologo”, e l’hanno spinto alla rinuncia”.”

Nuovo cinema Bergoglio (Angelina* batte S.Michele)


BERGOGLIO LANCIA I FILM MEJO DI ENRICO LUCHERINI - INCONTRO IN VATICANO CON ANGELINA JOLIE, PROIETTATO IL SUO “UNBROKEN” CON L’ANORESSICA CHE HA OVVIAMENTE ANNUNCIATO DI AVER RISCOPERTO DIO DURANTE LE RIPRESE: “SO CHE C'E' QUALCOSA DI PIU' GRANDE DI NOI E CHE CI UNISCE ED E' BELLO”. AMEN

L’attrice è stata accompagnata Luke Zamperini, figlio di Louis, atleta ed eroe di guerra, cui è dedicato il film: “La sua vicenda è un grande esempio di forza e perdono”- A differenza del marito Brad Pitt che in fatto di religione è sull'agnostico-ateo, la Jolie ha riscoperto la fede e ha imparato molto da Zamperini in fatto di spiritualità…

De Corvis

Ecco la verità di Gotti Tedeschi sulla sua inusitata cacciata dallo Ior


“Ho una domanda per il cardinale George Pell, che in qualità di prefetto del Segretariato per l’Economia sta supervisionando la riforma delle finanze della Santa Sede. Eminenza, Lei è proprio sicuro di essere stato informato a dovere sulla storia recente della banca Vaticana, della quale io sono stato presidente dal 2009 fino al voto di sfiducia del 2012?”. A parlare, o meglio, a scriverlo in un lungo commento apparso sul magazine britannicoCatholic Herald, è Ettore Gotti Tedeschi, cacciato in maniera inusitata dalla guida dell’Istituto per le opere di religione con un comunicato dai toni durissimi nella primavera di quasi tre anni fa e progressivamente “risarcito” in sede giudiziaria rispetto a ogni addebito rivelatosi falso.

Sorvoliamo?

Comunione sulla mano o sui guanti di lana

La Comunione sulla mano: da profanazione ad eccezione, da eccezione a regola

Comunione-con-tutti-mani
di Massimo Micaletti
Prendereste in mano, anche solo per un istante, la cosa più preziosa, pura ed incontaminata  che esista al mondo? E se invece che una cosa fosse una persona, vi sentireste degni di farlo?
Eppure ciò avviene ormai ordinariamente ogni Domenica, quando un fedele prende la cosiddetta “Comunione sulla mano”.
Sorvoliamo sulle vicende che hanno portato all’approvazione, anche da parte della CEI, di questa prassi di matrice protestante: si è trattato di un vero e proprio … colpo di mano che ha portato all’accettazione dell’inaccettabile.

Chi cerca trova?

 attentato a Charlie Hebdo

se la sono cercata?

le immagini che pubblico sono una provocazione, per far vergognare i cristiani ............. i cristiani si risentono o no delle vignette blasfeme sul Cristo? o l' APOSTASIA ci ha defraudato di ogni senso di dignità???? purtroppo i cristiani se ne fregano di Cristo .... non invito certo a imitare i pagani nella violenza

P.S. dimenticavo di dire che, naturalmente, il Corano non insegna la violenza


L'attentato a Charlie Hebdo non è un attacco contro la libertà, come piace dire in queste ore, ma è un attacco figlio di questo tipo di libertà.

Ancora cattolico ?

L’ispiratore delle riforme della chiesa sia Lutero, dice il card. Marx


Il cardinale Marx


Roma. Anche i cattolici farebbero bene a prepararsi per il cinquecentesimo anniversario della riforma di Martin Lutero, in programma nel 2017. Il cardinale Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco e Frisinga, capo della conferenza episcopale tedesca e coordinatore del consiglio per l’economia istituito dal Papa per rendere trasparenti le finanze vaticane, non ha dubbi: Lutero deve fare da ispiratore alle grandi riforme  – spirituali e di governo – che attendono la chiesa nei prossimi anni. Una sorta di bussola che orienti la chiesa, insomma.

mercoledì 7 gennaio 2015

Che siano Re Magi? La fede con il Nasa all'insù

I «Pilastri della Creazione»: la nuova foto della meraviglia del Cosmo


Diffusa una nuova immagine con dettagli e definizione mai finora raggiunti delle tre colonne di gas della Nebulosa Aquila

di Paolo Virtuani


A sinistra i Pilastri della Creazione nella nuova immagine dettagliata in luce visibile, a destra agli infrarossi (Nasa/Esa)A sinistra i Pilastri della Creazione nella nuova immagine dettagliata in luce visibile, a destra agli infrarossi (Nasa/Esa)
shadow

Cancellate quei preti..!

“Cancellate quel murale dalla chiesa”. Milano, fedeli in rivolta contro il writer Bros

Il celebre artista ha decorato la facciata: al prete piaceva, ma i parrocchiani hanno imposto la rimozione

La facciata della chiesa di San Pio X con l’opera di Bros

Papa, non papa? certo che lo sarà..!

CHIESA CATTOLICA: il grave rischio di una visione sociologica ed immanente…

Maradiaga
 Dopo il Vescovo di Anversa, mons. Johan Bonny, dichiaratosi a favore di un «riconoscimento formale» delle relazioni omosessuali e bisessuali, ecco una nuova stoccatina in vista del prossimo Sinodo con l’intervista rilasciata all’edizione on line del settimanale “ParisMatch” dal card. Oscar Andres Rodriguez Maradiaga, Arcivescovo di Tegucigalpa in Honduras. 

Pastori (?) di un gregge smarrito

Pino Daniele. Card Sepe: è stato un "messaggero" di Napoli

Il feretro di Pino Daniele all'uscita del Santuario del Divino Amore di Roma - ANSA

Sono stati celebrati i funerali di Pino Daniele. La cerimonia si è tenuta nel Santuario del Divino Amore, a Roma, in una chiesa gremita di familiari e amici più stretti, tra cui diversi personaggi del mondo della musica e dello spettacolo. All'esterno del luogo di culto tantissima gente, molti arrivati anche da altre regioni italiane per l'ultimo saluto all'artista napoletano. Il corteo funebre ha poi raggiunto Napoli nel primo pomeriggio, dove intorno alle 19, nella Basilica di San Francesco di Paola, in Piazza del Plebiscito, è in programma una Messa celebrata dal cardinale Crescenzio Sepe.

“rivoluzione” illuministica ? Non è quasi mai così...


La rivoluzione pacifica di cui l’islam ha necessità assoluta


Charlie
La terrificante strage compiuta il 7 gennaio a Parigi da terroristi musulmani nella redazione del settimanale satirico francese “Charlie Hebdo” ha riportato per l’ennesima volta al centro dell’attenzione l’irrisolta questione della violenza nell’islam.
È la questione che Benedetto XVI aveva analizzato con radicale chiarezza nella sua memorabile lezione di Ratisbona:

Meglio questi delle befane femen

Tradizione e religione: in alcuni paesi l'Epifania (o il Natale) si trascorrono così
06 Gennaio 2015

Oremus..!

 ROMA FELIX Editoriale di don Aldo Rossi

Carissimi fedeli,amici lettori,

La Provvidenza ha scelto Roma per espandere il Regno di Nostro Signore Gesù Cristo.Se guardiamo l'insegnamento dei Papi e in particolare quello di Leone XIII e di Pio XI, il Signore si è servito di due segni per far crescere il Regno di Cristo : la Croce e il Sacro Cuore sormontato dalla stessa Croce.I due segni risalgono a due apparizioni diverse:all'imperatore Costantino il 28 ottobre del 312 e a santa Margherita Alacoque il 27 dicembre 1673.

I nuovi profeti di sventura scelgono già i colpevoli !

La profezia del deputato di Sc: "Francesco finirà come Luciani"

Fosca previsione del montiano Andrea Vecchio: "La Casta non tollera intromissioni, papa Bergoglio va incontro allo stesso destino di Giovanni Paolo I..."


Francesco andrà incontro allo stesso destino di papa Luciani? È questa la choccante previsione del deputato di Scelta Civica Andrea Vecchio, che ieri ha azzardato una fosca profezia sul destino dell'attuale papa.
"Non sono cattolico, non sono credente, ma nutro un grande rispetto e una grande ammirazione per Papa Francesco - spiega l'onorevole di Sc - per le idee, le convinzioni, gli atteggiamenti che manifesta, ma al contempo nutro un altrettanto grande timore. Temo per la sua vita"

martedì 6 gennaio 2015

Di misericordina s'invecchia..!

Francescani dell’Immacolata Un anno e mezzo dopo




All’indomani del commissariamento dei frati Francescani dell’Immacolata scrissi un articolo nel quale manifestavo chiaramente i miei sospetti e timori [Commissariati i Frati Francescani dell'Immacolata].

Subito si fecero però avanti alcuni miei amici, tutte persone rispettabili, tutti certamente buoni cattolici i quali si rammaricavano delle mie posizioni a loro dire “troppo forti”, assunte senza aver atteso notizie più ragionate e spiegazioni che certamente sarebbero state esaustive.Un caro amico ad esempio, padre fra l’altro di un ottimo sacerdote, si affrettò ad inviarmi il comunicato ufficiale di padre Lombardi. Vi si leggeva, più o meno: non c’entra nulla la Messa antica... non è in discussione il Summorum Pontificum... State tranquilli!