ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 23 marzo 2013

Se si toglie il Male,

Se si toglie il Male, la Redenzione è impossibile e il cristianesimo non serve


Molti intellettuali cristiani, o sedicenti tali, stanno portando avanti un disegno di svuotamento interno e di graduale erosione del cristianesimo, mediante l’adozione di schemi di pensiero laicisti e la soppressione di punti fondamentali della religione cristiana, senza che i fedeli se ne accorgano più di tanto e, soprattutto, in nome della buona, anzi, dell’ottima intenzione di rendere il cristianesimo stesso più aggiornato e “illuminato” di quanto lo sia stato finora. Per illustrare questo concetto, abbiamo scelto un caso particolare: ma avremmo potuto sceglierne innumerevoli altri, perché il loro numero, ormai, è legione.

I segreti di Capovilla colpiscono ancora?


Dossier segreto da BXVI a Francesco

Benedetto XVI avrebbe lasciato al suo successore un “memorandum” di circa trecento pagine, scritto di suo pugno. Lo ha rivelato l’arcivescovo Loris Capovilla, il segretario di Giovanni XXIII, a Marco Roncalli, il nipote del “Papa Buono”. Il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi, nega l'esistenza di un dossier.
MARCO TOSATTI
Benedetto XVI avrebbe lasciato al suo successore un “memorandum” di circa trecento pagine, scritto di suo pugno. Lo ha rivelato l’arcivescovo Loris Capovilla, il segretario di Giovanni XXIII, a Marco Roncalli, il nipote del “Papa Buono”. Capovilla ha appreso dell’esistenza del dossier – da non confondere con il rapporto Vatileaks - in via riservata da fonti vaticane.

PAPA PIU' PAPA, QUANTO FA?


1. PAPA PIU' PAPA, QUANTO FA? ‘’UN MOMENTO DI ALTISSIMA, PROFONDISSIMA COMUNIONE’’ - 2. L'INCONTRO DI 45 MINUTI, PRANZO COMPRESO, TRA I DUE PAPI A CASTELGANDOLFO - 3. AMBEDUE CON UNA TALARE BIANCA, NELLA CAPPELLA DEL PALAZZO APOSTOLICO PER UN MOMENTO DI PREGHIERA, PAPA FRANCESCO SI RIVOLGE AL PAPA EMERITO DANDOGLI DEL '’LEI’'. SI VEDE PAPA RATZINGER CHE VORREBBE OFFRIRE IL POSTO D'ONORE A PAPA FRANCESCO MA QUESTI PRENDENDOLO PER MANO DICE 'SIAMO FRATELLI” -

«Un momento di altissima, profondissima comunione». Così padre Federico Lombardi ha definito l'incontro di oggi tra i due papi. Il colloquio, ha detto, ha dato modo a Benedetto XVI di «rinnovare il suo atto di riverenza e obbedienza al suo successore» e a questi di rinnovargli la «gratitudine sua e di tutta la Chiesa per il ministero svolto da papa Benedetto nel suo pontificato».
PAPA PIU' PAPAPAPA PIU' PAPA
Benedetto XVI aveva accolto Francesco all'eliporto di Castelgandolfo, dove - come ha riferito Padre Lombardi - c'è stato un «abbraccio bellissimo tra il Papa e il papa emerito». Bergoglio e Raztinger si sono poi recati insieme in auto verso il Palazzo Apostolico, per un incontro nella biblioteca e un pranzo in compagnia dei due segretari, monsignor Georg e monsignor Xuereb.

A pensar male si fa ancora peccato..?


RETROSCENA

Fabius: «Berlusconi non ha vinto a causa delle dimissioni del papa»

Lo ha detto il ministro degli Esteri francese.

Una teoria davvero originale è emersa per spiegare la mancata vittoria di Silvio Berlusconi alle ultime elezioni.
Se il leader del Popolo della libertà non è arrivato primo «è solo perché si è dimesso il papa».
A dirlo è stato il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius, citato dal settimanale Le Point.

note sulla Mariologia mancata di Lumen Gentium VII/54

Quin tamen in animo habeat completam de Maria proponere doctrinam: note sulla Mariologia mancata di Lumen Gentium VII/54

  Che la mariologia del proemio al capitolo ottavo della LG (De Beata Maria Virgine) sia mancata non lo dico io; lo disse il Concilio Vaticano II quel 21 novembre 1964 quando fu promulgata la LG, precisando che il concilio intende esporre la dottrina della Chiesa su Maria, “pur senza aver in animo di proporre una dottrina esauriente, né di dirimere questioni dai teologi non ancora pienamente illustrate” recita la versione ufficiale del documento.

venerdì 22 marzo 2013

Accuse di eresia


Di fronte alle accuse di eresia non ci lasceremo intimorire
Noi, chi?  Tutti coloro, oso affermare, sacerdoti e laici, che hanno aderito idealmente o per iscritto alle ben note S u p p l i c h e  presentate da studiosi qualificati, italiani e stranieri, in questi ultimi tre anni a Benedetto XVI implorandolo di voler autorizzare l’apertura di una pubblica discussione sui contenuti del Concilio Vaticano II.  Prima di abdicare, Benedetto XVI ha riaffermato la sua fede nella assoluta conformità delle dottrine del Concilio alla Tradizione della Chiesa.  Nell’ultimo suo incontro con i sacerdoti del Clero romano egli è giunto a dire – parlando all’impronta in un clima di forte commozione collettiva – che le cattive interpretazioni del Concilio erano da imputarsi soprattutto ai media, all’immagine deformata che essi ne avevano data. 

Papa, il povero ricco che vuole rivoluzionare lo Ior


Bergoglio vuole riformare la 'banca di Dio'. Ma tra i segreti dell'istituto ci sono anche i soldi del pontefice. 

Francesco è stato chiaro. «Vorrei una Chiesa povera per i poveri», è stato il messaggio del successore di Benedetto XVI. Perché la rivoluzione del pontefice «venuto dalla fine del mondo» passa anche dai soldi.
INVERTIRE LA ROTTA. Non che sia una scelta difficile per il nuovo papa. Abituato aviaggiare in metropolitana a Buenos Aires, la città da cui è partito per presentarsi al Conclave, e incline a una vita piuttosto frugale (in Argentina viveva in un piccolo appartamento dove si concedeva solo un pasto al giorno), Francesco ha già dimostrato di voler invertire la rotta della Chiesa. Tanto che ora ha intenzione di mettere le mani nell'Istituto delle opere religiose che conserva nei suoi forzieri i tesori del Vaticano, con un'operazione di trasparenza.

CON BERGOGLIO TUTTI A BORDO DELLA “MACCHINA DELLA BAVA”


Mario Giordano: “È dannosa l’immagine da ‘’Domenica del Corriere’’ che gli abbiamo costruito attorno, una copertina patinata e sdolcinata facendolo diventare l’eroe dei rotocalchi, una specie di protagonista melenso della quotidiana soap opera catodica”... -

1 - LETTERA
Dago darling, va beh che ormai siamo abituati sia alle macchine del fango sia a quelle della bava dei nostri giornalisti con la schiena curva perché sempre "on their knees" (come tante Moniche Lewinsky!), che non conoscono crisi. Ma la produzione di tenerezze e bava su Sua Santità Francesco I ha raggiunto livelli tali che temo finiranno per annegarlo. Come hanno fatto con Mario Monti!

Non basta essere cattolici!

Il cardinale Bergoglio:'La Chiesa universale ha bisogno di anglicani'     Mark Stabinski

La Comunione anglicana celebra l'elezione del card argentino. Jorge Bergoglio come papa. Perché? Perché han riferito abbia detto più di una volta che "la Chiesa universale ha bisogno degli anglicani " e che "l'Ordinariato è abbastanza inutile." La presente relazione viene direttamente dal Servizio Comunione Anglicana Notizie :

Venerabili papa Bergoglio anglicani

Anglicani Greg Venables con Carta. Bergoglio ad un incontro interreligioso, Venables loda la scelta del papa
In una nota rilasciata dopo l'elezione di un Pontefice per la prima volta dell'America Latina, il vescovo anglicano di Argentina e ex primate della [cosiddetta] Chiesa Anglicana del Cono Sud, Greg Venables ha detto che il card. Bergoglio è stata "una scelta ispirata." 
"Molti mi chiedono che cosa e come è realmente . 

IOR, MAMMETA E TU:

LA CHIESA SI SPACCA SULLA TRASPARENZA DELLA “BANCA DI DIO”

INAUGURAZIONE DI 
PAPA FRANCESCO BERGOGLIO

Giacomo Galeazzi per "la Stampa"
C'è un piano per ricondurre lo Ior sotto il Governatore vaticano in vista dell'ingresso nella «white list» dell'Ocse.

Il "teoscrittore" con talare tradizionalista & psiche modernista e


J’ACCUSE 

E dopo la carota del Mastino (qui)…

il bastone di don Ariel Levi di Gualdo… spezzato sulla schiena di quella frangia ideologizzata ed estetizzante (e forse agnostica) di certo “tradizionalismo” cattolico. All’attacco del pontefice con una guerra preventiva… a partire dal casus belli della “mozzetta”. E che ha dimostrato di essere tal quale quei progressisti che oggi non fanno altro che parlare di “mozzette”, croci e anelli “d’argento”, scarpe “nere anziché rosse”.  Rischiando (i primi, vedi lo scandalo  sacrilego del blog Messainlatino) di infangare quei cattolici ortodossi attenti a ogni aspetto della tradizione antica, perenne e viva della Chiesa, che per alimentare la loro fede frequentano la messa di rito antico… ma che non sono disponibili a giocarsi tutto su un accessorio in più o in meno… che, oltretutto, va e viene a ogni morte di papa… 

Persino il Pio V che fanno finta di conoscere… li avrebbe fatti fustigare sulla pubblica piazza!

Las bolas do pampauperista


"Contro una visione riduzionista sono stati rilevati, invece, sia la non staticità astorica dei simboli e la loro forza operativa e trasformativa del reale, sia il loro carattere attivo di "organizzatori di senso", all'interno di specifici contesti storici, di creatori e mediatori di ideologia. 
Come ha ribadito recentemente Lynn Hunt, una studiosa della cultura politica di età rivoluzionaria che ragiona in questa prospettiva, il linguaggio dei simboli, come ogni linguaggio, non è un riflesso del mutamento, ma lo opera.

Di(t)o unico

PAPA FRANCESCO  IL NUOVO SALUTO PAPALE



Descrivemmo, tempo fa, la tipologia del segno della pace, quello che reciprocamente si dà nel rito della Messa di Paolo VI, la “stretta di mano”, banale, salottiero e, tuttavia, sottile e perverso simbolo che, contrassegnando una pratica massonica, si contrappone al vero e santo “segno” di pace, quello della Santa Croce. Il quale ultimo segno resta, per fortuna – almeno per ora - quale sigillo finale, quando il celebrante, annunciando la conclusione  del Santo e Sacro Rito del Sacrificio di Cristo, impartisce la benedizione nel nome della Santissima Trinità, visivamente  espressa nel segno crociato. 

giovedì 21 marzo 2013

Ahi IOR!


1. MALEDETTO IOR! SCOPPIA UN CASO DIPLOMATICO TRA L’ITALIA E LO STATO DEL VATICANO - 2. ‘’L'ESPRESSO’’ SVELA CHE TRE SETTIMANE FA LA GUARDIA DI FINANZA HA CIRCONDATO L'AEREO DOVE VIAGGIAVANO IL SEGRETARIO DI TARCISIO BERTONE, MONSIGNOR ROBERTO LUCCHINI, E L'AVVOCATO DELLA FIAT, PUPILLO DI FRANZO STEVENS, MICHELE BRIAMONTE - 3. I PM DI ROMA CERCAVANO CARTE E DOCUMENTI SEGRETI, MA LA PERQUISIZIONE NON S'E' FATTA: I DUE HANNO MOSTRATO IL PASSAPORTO DELLA SANTA SEDE. IL VATICANO E' INTERVENUTO MINACCIANDO LA CRISI DIPLOMATICA, E I DUE SONO TORNATI SANI E SALVI A CASA - 4. OK PER IL MONSIGNORE, MA PERCHÉ IL PUPILLO DI GRANDE STEVENS E FIGLIOCCIO DI BERTONE, COL SEDERE NEI CDA PIù PESANTI D'ITALIA, HA UN PASSAPORTO FIRMATO DAL PAPA? - 5. POCHI GIORNI DOPO IL FATTACCIO, LA PROCURA DI SIENA HA PERQUISITO LA CASA DI BRIAMONTE: CHE RAPPORTI INTERCORRONO TRA LA “BANCA DI DIO” E IL MONTE DEI “PACCHI”? -

Emiliano Fittipaldi e Vittorio Malagutti per "l'Espresso" - l'articolo integrale domani in edicola
MICHELE BRIAMONTE FOTO LAPRESSEMICHELE BRIAMONTE FOTO LAPRESSE
Roma, aeroporto di Ciampino. Una mattina di fine febbraio due passeggeri sbarcano da un aereo privato appena atterrato da Torino. La coppia si avvia verso l'uscita a passo svelto. Pochi minuti e gli agenti della Guardia di Finanza li circondano. Le Fiamme gialle cercano loro. Sì, proprio loro. Roberto Lucchini, un sacerdote, e Michele Briamonte, giovane e brillante avvocato dello studio torinese Grande Stevens nonché consulente legale dello Ior.

In isto tempore


Vaticano, pratiche gay diffuse nella Santa Sede

Il teologo Berger racconta a Lettera43.it i retroscena dell'omosessualità in Vaticano. Tra saune e locali segreti.

Prima del 2010, David Berger era un giovane e brillante teologo tedesco, frequentatore degli ambienti curiali conservatori e della scena gay romana.
Dopo il 2010, anno del suo outing e della pubblicazione del libro La sacra apparenza, un teologo gay nella Chiesa cattolica (Der heilige Schein Als schwuler Theologe in der katholischen Kirche, pubblicato da List, mai edito in Italia), Berger è stato radiato dalla Pontificia accademia di San Tommaso d'Aquino, dove era professore, e interdetto dall'insegnamento della religione nelle scuole.

Chiesa e civiltà (in illo tempore..)

L’impero della Chiesa
295534_352922631483378_930471551_n
Nella festa di San Giuseppe, patrono della Chiesa Universale, segnaliamo uno scritto di mons. Umberto Benigni (già pubblicato dal nostro centro studi il 27/2/2005), tratto dall’introduzione generale alla monumentale Storia Sociale della Chiesa. Si tratta di un inno al più autentico cattolicesimo romano, in questi giorni in cui la Chiesa è umiliata dal modernismo e dalla demagogia pauperista di Jorge M. Bergoglio.
L’impero della Chiesa
La Chiesa e la civiltà hanno, senza dubbio, un loro elemento proprio, indifferente all’altra: la questione dommatica se lo Spirito Santo proceda da o per il Figlio, è estranea alla civiltà; lo stabilimento del telefono internazionale è estraneo alla Chiesa. Ciò avviene perchè in questa avvi un elemento dommatico, assoluto e trascendente; e nella civiltà entra un elemento semplicemente tecnico.

Dio è brasiliano?

Dopo la croce di ferro e l’anello d’argento, Francesco ha fatto sostituire il trono con una sedia e userà meno stanze dell’appartamento papale - Le linee guida: dialogo con i politici e con le altre religioni, apertura ai non credenti e ai divorziati...
PAPA BERGOGLIO TRA LA FOLLA A PIAZZA SAN PIETRO jpegPAPA BERGOGLIO TRA LA FOLLA A PIAZZA SAN PIETRO JPEG
Giacomo Galeazzi per "La Stampa"

La «spending review» di Bergoglio. Ogni suo gesto semplifica l'istituzione e avvicina il papato ai fedeli, mentre leader religiosi e politici rendono omaggio alla «rivoluzione» di Francesco. Obama gli ha scritto una lettera per offrire collaborazione, Dilma Rousseff lo definisce un grande Pontefice», poi al termine dell'udienza scherza: «Se il Papa è argentino, Dio è brasiliano». Il «Bergoglio style» abiterà anche nell'Appartamento. «Qui c'è spazio per 300 persone», si sorprende Francesco: al Palazzo Apostolico sono in corso lavori di ristrutturazione e lui ha chiesto di abitare «nella semplicità e nella condivisione».

LA “SPENDING REVIEW” DEL TENERO BERGOGLIO

Dopo la croce di ferro e l’anello d’argento, Francesco ha fatto sostituire il trono con una sedia e userà meno stanze dell’appartamento papale - Le linee guida: dialogo con i politici e con le altre religioni, apertura ai non credenti e ai divorziati...
PAPA BERGOGLIO TRA LA FOLLA A PIAZZA SAN PIETRO jpegPAPA BERGOGLIO TRA LA FOLLA A PIAZZA SAN PIETRO JPEG
Giacomo Galeazzi per "La Stampa"

La «spending review» di Bergoglio. Ogni suo gesto semplifica l'istituzione e avvicina il papato ai fedeli, mentre leader religiosi e politici rendono omaggio alla «rivoluzione» di Francesco. Obama gli ha scritto una lettera per offrire collaborazione, Dilma Rousseff lo definisce un grande Pontefice», poi al termine dell'udienza scherza: «Se il Papa è argentino, Dio è brasiliano». Il «Bergoglio style» abiterà anche nell'Appartamento. «Qui c'è spazio per 300 persone», si sorprende Francesco: al Palazzo Apostolico sono in corso lavori di ristrutturazione e lui ha chiesto di abitare «nella semplicità e nella condivisione».

Papa, vescovi, curia. Le riforme che verranno



ROMA, 21 marzo 2013 – Giovanni XXIII nominò il suo nuovo segretario di Stato la sera stessa della sua elezione a papa. Ed era il grande diplomatico Domenico Tardini, all'epoca semplice prete, non ancora vescovo né cardinale.Un "consiglio della corona" attorno al papa, con cardinali dei cinque continenti. Un drastico snellimento degli uffici. Una svolta per lo IOR. Novità e incognite del pontificato di Francesco 

Ma quella è preistoria, rispetto al terremoto di oggi.

Papa Francesco è arrivato a Roma "dalla fine del mondo" e il modo di governare la Chiesa lo sta innovando dall'alto, da lui per primo. La riforma della curia verrà. E verranno anche molte altre cose. Ma dopo "un certo tempo", ha avvisato.

Intanto, a tutti i capi di curia decaduti con la rinuncia del predecessore ha detto di rimettersi a lavorare. "Provvisoriamente" e "donec aliter provideatur", fino a che lui, il nuovo papa, deciderà. Dal 13 marzo la curia vaticana è un tremebondo esercito di precari.

Ecco cos'han seguito i Cardinali.. Altro che S.Santo!

CITTÀ DEL VATICANO - Un romanzo di fanta-vaticano - ma neanche tanto - aveva previsto l'elezione di un Papa Francesco latino-americano.Luigi Sandri, vaticanista di lungo corso, nel suo 'Cronache dal futuro. Zeffirino II e il dramma della sua Chiesa' (Gabrielli editori, 2008) ai capitoli 6 e 7 immagina che ad un certo punto del secolo XXI venga eletto vescovo di Roma Francesco I, un latino-americano che, proprio per fare onore al nome scelto, prospetta una serie di riforme evangeliche che, attuate, cambierebbero il volto storico della Chiesa cattolica romana:

AFFLIZIONE NELLA DELUSIONE


Francesco I è il primo Papa che bacia pubblicamente un Capo di Stato. 
Pur permanendo nel silenzio pubblico con piacere un bel commento di Terzio, titolare del blog Exorbe. Commento che non posso non condividere parola per parola, a testimonianza del fatto che storie di vita diverse e sensibilità distanti si ritrovano a pensare le medesime cose, fin nei minimi dettagli. Straordinarietà del Cattolicesimo Romano. 

Le nostre lacrime


Papa Francesco… le nostre lacrime non son più di commozione,
ma di dolore, d'angoscia…

Era il pomeriggio di mercoledi' e mi trovavo a Montecatini nell'appartamento di Osvaldo Ravoni che dà sull'elegante viale dove, la mattina, avevamo preso il primo solicello, come lucertole, accovacciati ai tavolini di un bel caffè dove assaggiammo anche le fragranti “cialde”, il dolce tipico dellla città … e i ricordi belli di tanto, tanto tempo fa,  si accavallavano fin dal mattino, scacciando i tetri “fantasmini”, tipici  della vecchiaia, che tante inquietudini creano negli stanchi cuori.

IL ‘’PECCATORE’’ FRANCESCO SCEGLIE IL DOPO-BERTONE. O NO?



Potrebbe spuntarla Celli: conosce l’Oriente ma, soprattutto, sa leggere i bilanci avendo trascorso diversi anni all’Apsa – Magari resta per un altro anno Bertone - La risposta di Bergoglio al Conclave: “Peccator sum, sed misericordia et gratia Dei accepto…” - -

Franca Giansoldati per Il Messaggero
CLAUDIO MARIA CELLICLAUDIO MARIA CELLI
In Vaticano raccontano che lo spirito libero di Papa Bergoglio si sia manifestato sin dal primo momento, quando nella Cappella Sistina si raggiunsero i tre quarti dei voti. E scattava il battimano dei cardinali, mentre lo spoglio continuava. 77 voti, 78 voti, 79 voti fino a sfiorare il centinaio. E' a quel punto che il decano dell'assemblea, il cardinale Re, si è alzato dal suo posto, per avvicinarsi al futuro Papa e rivolgergli solennemente la domanda di rito in latino: Accetti?
Raccontano ancora che Bergoglio alquanto pallido ma assai fermo, ha fornito una risposta che mandava all'aria il cerimoniale previsto dall'Ordo rituum conclavis. Invece che limitarsi a dire: Accepto, avrebbe aggiunto: «Peccator sum, sed misericordia et gratia Dei accepto», «Sono peccatore, ma con la grazia e la misericordia di Dio, accetto». Il tema della misericordia a lui caro sarebbe emerso poi nei giorni a venire, ma intanto ai cardinali elettori il neo eletto dava già in quel frangente prova di saper stupire con gesti e parole.
CARDINALE TARCISIO BERTONECARDINALE TARCISIO BERTONE
Più tardi si sarebbe visto: il pulmino, l'anello d'argento, la stanza a Santa Marta, la croce di ferro, l'abolizione della mozzetta bordata d'ermellino (finto). Insomma il profilo di un innovatore al quale adesso viene richiesta la capacità di riformare la curia, renderla più snella.
IDEE 
Qualche idea in questi giorni è circolata anche se il progetto richiede tempo, è complesso e, come ha detto il cardinale Braz de Aviz, sarà realizzato attraverso il dialogo. «Si è preso un po' di tempo per valutare e poi si vedrà». Al di là del Tevere danno per scontato che dopo Pasqua vi saranno i primi passaggi decisivi per il futuro, tra cui quello del cambio del segretario di Stato, principale collaboratore del Papa.
Diversi prelati potrebbero avvicendarsi a Bertone per la loro esperienza internazionale e perché assai stimati da Bergoglio. Bertello, in primis, attuale capo del Governatorato, anche se poco tempo fa, prima delle dimissioni di Ratzinger, non nascondeva la sua stanchezza e si augurava un futuro meno impegnativo. Poi Baldisseri, già nunzio in Brasile, ma ultimamente dato in calo di possibilità e, infine, Celli, attuale presidente del Pontificio delle Comunicazioni Sociali.
INAUGURAZIONE DI PAPA FRANCESCO BERGOGLIOINAUGURAZIONE DI PAPA FRANCESCO BERGOGLIO
Un passato in diplomazia, segretario di nunziatura a Buenos Aires durante gli anni difficili della dittatura di Videla, gode dell'apprezzamento di Bergoglio. A suo favore gioca anche il fatto che conosce bene la realtà in Oriente, visto che è l'uomo del dialogo impossibile con Pechino ma, soprattutto, che sa leggere i bilanci avendo trascorso diversi anni all'Apsa.
CARDINAL LORENZO BALDISSERICARDINAL LORENZO BALDISSERI
MODERATOR CURIAE 
In attesa che Francesco sciolga la riserva sul suo principale collaboratore (dicono sia un «gesuita solitario e abituato a decidere da solo») si affacciano ipotesi per una razionalizzazione della curia, immaginabile negli anni a venire meno pesante economicamente e strutturalmente. Potrebbe essere introdotto un Moderator Curiae, una specie di Ufficio della semplificazione con il compito di coordinare meglio i vari settori per evitare i doppioni, informare delle iniziative, uniformare i progetti inter dicasteriali.


Dopo Pasqua il Segretario di Stato?

I cardinali alla essa d'ìnaugurazione del pontificato
I CARDINALI ALLA ESSA D'ÌNAUGURAZIONE DEL PONTIFICATO

Con l'inizio del pontificato, dopo l'insediamento in arrivo le prime scelte di Papa Bergoglio

MARCO TOSATTICITTÀ DEL VATICANO 
Papa Francesco ha confermato – pro tempore – tutti i capi e i segretari delle Congregazioni “donec aliter provideatur”, fino a quando non si provveda altrimenti. Nel comunicato non si parlava del Segretario di Stato, il cardinale Tarcisio Bertone, ma è stato spiegato che l’annuncio riguardava anche lui. Fonti molto attendibili in Vaticano indicano però l’intenzione di papa Francesco di provvedere con una certa rapidità, dopo la Pasqua, alla scelta del suo collaboratore più diretto. Tarcisio Bertone compirà 79 anni a dicembre, e appare logico che lasci il posto che ha ricoperto vicino a Benedetto XVI, fra polemiche e divisioni.

Le stesse fonti parlano di un italiano, appartenente al servizio diplomatico, come del possibile braccio destro del papa argentino. Ma sembra esclusa la candidatura sia dell’attuale Sostituto, Angelo Becciu, sia del prefetto di Propaganda Fide, l’ex nunzio Filoni, perché comunque implicati negli screzi e nelle lotte interne che hanno segnato la gestione Bertone della Segreteria di Stato. Papa Francesco, secondo queste informazioni, preferirebbe partire da zero, con una persona nuova.

I candidati non mancano. A cominciare dall’arcivescovo Piero Parolin, nunzio apostolico in Venezuela. Poi c’è, fra i possibili futuri collaboratori di papa Francesco, l’arcivescovo Celestino Migliore, attuale “ambasciatore” del Papa a Varsavia, e che ha rappresentato la Santa Sede all’Onu. Entrambi sono molto vicini al Decano del Collegio cardinalizio, Angelo Sodano, che è stato per molti anni Segretario di Stato sotto Giovanni Paolo II e per un certo periodo anche sotto Benedetto XVI, prima della nomina di Bertone.

Ma la lista prosegue ancora. A Parigi c’è il bresciano monsignor Luigi Ventura, di formazione casaroliana, che ha un curriculum di tutto rispetto, dal Burkina Faso al Cile, al Canada e alla Francia. E c’è anche Giacomo Guido Ottonello, prima nunzio a Panama, e adesso in Ecuador, dove svolge dal 2005 un difficile compito di mediazione con un governo apertamente anticlericale; qualcuno con una grande conoscenza dell’America Latina. Infine non si può dimenticare l’ex nunzio in Brasile, monsignor Lorenzo Baldisseri, nominato da Benedetto XVI nel 2012 segretario della Congregazione dei vescovi e segretario del Collegio dei cardinali nel Conclave. Alcune voci, circolate alla fine del Conclave, lo vorrebbero quasi cardinale, per volontà di papa Francesco.

Il neo-eletto pontefice ricevendo dalle sue mani dopo il voto lo zucchetto bianco (e compito del segretario del Collegio offrirglielo) gli avrebbe posto sulla testa la “sua” berretta rossa da cardinale. E’ una tradizione che è stata praticata in maniera non tassativa dai pontefici nell’ultimo secolo.

E’ probabile invece che sia il Sostituto alla Segreteria di Stato, l’arcivescovo Angelo Becciu, sia il “Ministro degli Esteri” del Papa, monsignor Dominique Mamberti, mantengano il loro ruolo ancora per un certo tempo, nel regno di papa Francesco. E che la loro eventuale sostituzione avvenga in un secondo momento.


Piccole Gospe continuano..?

Civitavecchia, altri miracoli


"La Storia siamo noi" presenta domani, su Rai Tre alle 22.50, a vent'anni dalle prime lacrimazioni, un documentario con immagini e rivelazioni inedite su un evento straordinario che a quanto pare continua anche adesso. 
MARCO TOSATTI
Civitavecchia. Sono passati quasi vent’anni da quando la piccola Jessica Gregori ha visto la statuetta della Madonna di gesso, custodita nel suo giardino di Pantano-Civitavecchia, piangere lacrime di sangue. Un episodio destinato a suscitare un enorme clamore mediatico ma anche interrogativi, polemiche e persino inchieste giudiziarie.

mercoledì 20 marzo 2013

Francesco: cambiare lo stile del papato è facile…

Cambiare il Vaticano un po’ meno




Come capo della Chiesa cattolica, papa Francesco è molto di più che il suo semplice leader spirituale. Egli è anche il capo di uno dei governi meno trasparenti della Terra, che regna sull’ultimo impero veramente globale che è allo stesso tempo il più piccolo Stato sovrano del mondo, meno di mezzo chilometro quadrato nel cuore di Roma, circondato da alte mura.

Communicatio in quid cumquibusque?


Sacramento
VATICANISTA DE LA STAMPA
Per il catechismo della Chiesa cattolica:"Chi vuole ricevere Cristo nella Comunione eucaristica deve essere in stato di grazia. Se uno è consapevole di aver peccato mortalmente, non deve accostarsi all'Eucaristia senza prima aver ricevuto l'assoluzione nel sacramento della Penitenza". Il vice presidente americano Joe Biden e la leader democratica alla Camera Nancy Pelosi , entrambe cattolici, hanno ricevuto ieri la comunione alla messa inaugurale di Papa Francesco, scrive il sito Politico.com, dopo le polemiche sollevate da alcuni cattolici americani sull'opportunità di tale gesto per due leader politici «pro choice», ovvero favorevoli alla libertà delle donne di scegliere di interrompere la gravidanza.

Bergoglio e Tolleranza



1. IL “NEW YORK TIMES” RICORDA COME NEL 2010 - ANNO IN CUI L’ARGENTINA SI APPRESTAVA A LEGALIZZARE I MATRIMONI GAY - L’ALLORA CARDINALE BERGOGLIO, STRENUO DIFENSORE DEI VALORI DELLA FAMIGLIA CATTOLICA, SE NE USCÌ CON UNA PROPOSTA, DA LUI CONSIDERATA “IL MALE MINORE”, CHE FECE INORRIDIRE DURANTE UN INCONTRO MOLTI VESCOVI ARGENTINI: SCHIERARSI A FAVORE DELLE UNIONI CIVILI OMOSESSUALI - 2. BERGOGLIO GLI DISSE CHE PENSAVA CHE I DIRITTI GAY DOVESSERO ESSERE RICONOSCIUTI, MAGARI ATTRAVERSO LE UNIONI CIVILI, MA CHE NON APPROVAVA IL MATRIMONIO - 3. LA PRAGMATICA PROPOSTA DI COMPROMESSO NON VENNE ACCETTATA DAL CLERO ARGENTINO MA QUESTO EPISODIO SERVE A DELINEARE ANCORA MEGLIO LA FIGURA DEL NUOVO PAPA -

Buon appetito?


PER DIGERIRE I “CORVI”, A BERGOGLIO NON BASTERÀ LA TENEREZZA

Bergoglio, rispetto ai teologismi di Ratzinger, ripesca i concetti chiave della Cristianità puntando tutto sulla “tenerezza” e sul bisogno di “custodire” il mondo e gli altri - La strategia di archiviare i veleni di Curia, per ora, funziona - Ma sullo Ior cosa farà?...

1 - "LA TENEREZZA È DEI FORTI" E IL PAPA ESALTA GIUSEPPE
Andrea Tornielli per "la Stampa"
INAUGURAZIONE DI PAPA FRANCESCO BERGOGLIOINAUGURAZIONE DI PAPA FRANCESCO BERGOGLIO
Chi si aspettava una grande omelia programmatica del pontificato sarà rimasto sorpreso. Papa Francesco ha parlato della fede, della forza e della tenerezza di un santo a cui è devotissimo e che la Chiesa ieri ha festeggiato: Giuseppe. È lui il modello al quale il nuovo vescovo di Roma vuole ispirarsi.

Il Benedetto XVI di Raspail


Ne Il Campo dei Santi (1974) Jean Raspail immagina che, durante l’apocalisse dell’Occidente (assediato dalle moltitudini provenienti dal Terzo Mondo), a regnare sulla cristianità ci sia un pontefice brasiliano seguace della teologia della liberazione e del pauperismo eretico. Come nel racconto di fantascienza “Il dilemma di Bendetto XVI” di J.H. Brennan (1978), anche lui appioppa al suo personaggio il nome che poi sarà quello di Ratzinger: evidentemente negli anni ’70 doveva andare molto di moda tra gli appassionati del filone distopico.

Pro Memoria per il nuovo Primate d'Italia


Il falso benessere democratico degli anni ’60 fu smascherato dal terrorismo degli anni ’80, cui si aggiunsero le inespiabili leggi del divorzio e dell’aborto con avallo referendario.
Il Papa polacco invocò una riscossa culturale ed evangelizzatrice che si infranse nella fine ignominiosa della Dc, nell’orgoglio omosessuale, nell’irruzione dei metodi manipolatori della vita e della morte, nella decadenza della scuola.

francesco I e il modernismo


I MODERNISTI TENTANO DI STRUMENTALIZZARE IL PAPA

I modernisti stanno organizzando un’operazione in grande stile per accaparrarsi il Papa giocando sulla carta, sempre molto efficace, della simpatia universale che Papa Francesco ha suscitato nei suoi confronti per le sue parole, i suoi gesti e i suoi precedenti da Cardinale che ce lo fanno vedere come un uomo semplice e umile, vorremmo dire “francescano”, fortemente sensibile ai bisogni dei poveri e contrario agli atteggiamenti della prepotenza, dell’avarizia e della mondanità.

Loquimini nobis placentia



Il 19 Marzo di quest'anno segna l'inizio del ministero petrino di Jorge Mario Bergoglio: tra poche ore egli riceverà il pallio e l'anello piscatorio, quindi celebrerà la sua prima Messa, alla presenza di centotrentadue delegazioni internazionali. 

La stampa, abituata a cogliere i messaggi mediatici, ha già compreso la cifra di questo anomalo pontificato:

martedì 19 marzo 2013

IL ‘’TESTAMENTO SPIRITUALE” DI PADRE AMORTH,


1.  IL PIÙ FAMOSO ESORCISTA DEL MONDO - 2. “IL NOSTRO MONDO È GESTITO DA 7-8 PERSONE CHE HANNO IN MANO I QUATTRINI. MONTI NON PER NIENTE È STATO MESSO SU DA UN MASSONE! PERCHÉ NAPOLITANO È MASSONE. PER ESSERE ARRIVATO COSÌ, DI COLPO, SOLO CON LA POTENZA DELLA MASSONERIA” - 3. LA MASSONERIA IN VATICANO: HA CACCIATO GOTTI TEDESCHI (OPUS DEI) DALLO IOR” - 4. ‘’NON VORREI CHE IL NUOVO PONTEFICE FACESSE LA STESSA FINE DI PAPA LUCIANI” - 5. “OBAMA COMANDA? MACCHÉ! I POLITICI SONO TUTTI SOGGETTI ALLA MASSONERIA” -

Stefano Lorenzetto per "Il Giornale"
Un giudizio senza appello sul capo dello Stato ormai a fine mandato e sul presidente del Consiglio in carica ancora per pochi giorni. Anzi, un anatema, considerato che a pronunciarlo è padre Gabriele Amorth, il più famoso esorcista del mondo, oltre 160.000 riti di liberazione compiuti su indemoniati.

Dio mio!



1. ORA CHE IL PAPA C’È E HA IN MANO IL ‘DOSSIER VATILEAKS’ TOCCA CHIARIRE ALCUNE COSE - 2. PERCHÉ IL SILURATO GOTTI È STATO IN SILENZIO PER NOVE MESI SENZA DIFENDERSI?” - 3. TARCISIO BERTONE - PRIMO INDIZIATO A DARE RISPOSTE - SI È LIMITATO A DIRE E A FAR SCRIVERE CHE “NON È STATA UNA DECISIONE POLITICA E LUI NON NE SAPEVA NULLA”. MA COME? - 4. PERCHÉ LA COMMISSIONE CARDINALIZIA DI VIGILANZA SULLO IOR PER NOVE MESI E PER TRE VOLTE NON HA RATIFICATO LA SFIDUCIA A GOTTI DEL BOARD DELLA BANCA DI DIO? - 5. PERCHÉ PER NOMINARE IL NUOVO PRESIDENTE VON FREYBERG, S’È PRIMA DOVUTO ASSISTERE ALLA SOSTITUZIONE DI NICORA CON DOMENICO CALCAGNO NEL BOARD DELLO IOR? - 6. UN PAPA COSÌ LONTANO DAI CAVALIERI DI COLOMBO, DALL’ORDINE DI MALTA O DA COMUNIONE E LIBERAZIONE: EL JESUITA BERGOGLIO HA SPARIGLIATO LE CARTE IN CURIA -

Torquemada era meno feroce


 "ALLA SUA IPOCRITA ED ILLECITA SCOMUNICA RISPONDEREMO A TEMPO DEBITO, VIA WEB."

Mons. Lefebvre scriveva: «Il giorno del giudizio, Dio ci chiederà se siamo stati fedeli e se abbiamo obbedito a delle autorità infedeli. L’obbedienza è una virtù relativa alla Verità e al Bene. Ma se essa si sottomette all’errore e al male, non è più una virtù, ma un vizio.» (Mons. Lefebvre, lettera del 9 agosto 1986).

                              http://www.gloria.tv/thumbnail/2013-01/media-390263-2.jpg


Il Giorno 8 Marzo 2013, alle 19.46 sono stato raggiunto da una telefonata del Superiore della Fraternità San Pio X in Italia, don Pierpaolo Petrucci, che ha comunicato, a me e ad Anna Rita, la nostra “scomunica”: divieto di ingresso nelle Cappelle della Fraternità e privazione dei Sacramenti, con l’accusa di “calunnie nei confronti del Superiore Generale della Fraternità Monsignor Fellay”. In un primo momento non ho risposto a questa illegittima “scomunica”, chiudendo velocemente quella conversazione, che aveva del grottesco. Successivamente, il giorno 9 Marzo 2013, ho comunicato a don Petrucci, per SMS, che alla sua ipocrita “scomunica” avremmo risposto via Web, attraverso il nostro Blog.

Rispondiamo perciò a don Petrucci e a chi sta sopra e dietro di lui, con il sostegno di un santo Sacerdote tradizionale, che ha analizzato la questione trovandone i riferimenti legislativi nel Codice di Diritto Canonico del 1917 (unico Codice lecito della Chiesa Cattolica: non il Codice "riformato" di Giovanni Paolo II e nemmeno l'arbitrario "terzo" Codice della Fraternità San Pio X che è un frutto ibrido dei precedenti due), per dimostrare a tutti che questo atto prevaricatore, iniquo e violento è totalmente fuori dall’applicazione delle leggi della Santa Chiesa Cattolica.

FRANCESCO COME IL CHE GUEVARA: “DURI SENZA MAI PERDERE LA TENEREZZA”


CAFONALINO DEL PAPA INTRONIZZATO – FRANCESCO COME IL CHE GUEVARA: “DURI SENZA MAI PERDERE LA TENEREZZA”

200mila fedeli invadono S.Pietro per l’inaugurazione di Bergoglio, che scende dalla jeep per baciare bambini e disabili - Un saluto anche al feroce Mugabe, presidente dello Zimbabwe, sottoposto a sanzioni di Bruxelles. E il cerimoniale lo fa sedere proprio accanto alla delegazione UE…

Ernesto "Che" Guevara: "Bisogna essere duri senza mai perdere la tenerezza"

la Tradizione si può “acquistare in libreria”?


Il nuovo Papa Jorge Mario Bergoglio con il nome di Francesco I 


Una risposta a Introvigne: la Tradizione si può “acquistare in libreria”


 Ho letto l’articolo che Massimo Introvigne ha scritto in merito all’elezione di Papa Francesco. Lo condivido, anche se non appieno.
Bene ha fatto Introvigne a sottolineare che Papa Francesco è il Papa di Santa Romana Chiesa. Prima e durante il conclave si possono avere delle preferenze, si possono nutrire delle speranze verso qualcuno… ma dopo è bene che si dimentichi tutto e ci si sottometta a chi il Collegio cardinalizio ha scelto. Certo, non è detto che chi venga eletto sia necessariamente il desiderato dal Signore.