ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 3 maggio 2014

Ci mancava! La grande sorella?

 è tutto un cinema

reality show in convento

Stati Uniti: Un canale televisivo segue la vita quotidiana di cinque novizie per vedere se prendono l'abito o rinunciano alla vita religiosa



Per Lifetime è in preparazione una serie di documentari chiamata “The Sisterhood”. Visto il successo di reality precedenti che toccavano temi religiosi e l'ondata di film sul tema che sta realizzando Hollywood, forse nell'ottica commerciale della svolta storica che papa Francesco sta producendo tra credenti e non credenti, la rete è entrata in un convento cattolico per seguire la quotidianità di cinque novizie per vedere se prenderanno l'abito o rinunceranno alla vita religiosa.

Il Dio mortale di Mauro Biglino:

 confutazioni

im
Mauro Biglino è studioso di storia delle religioni e traduttore di ebraico antico. Ha collaborato con le Edizioni San Paolo per diversi anni, fino a quando non ha iniziato a pubblicare i suoi testi, frutto di 30 anni di analisi, a suo dire accurate, che avrebbero portato alla luce aspetti della Bibbia fino ad allora “volutamente omessi”.
La tesi sostenuta dal professore è che l’Uomo non sia stato creato da un Dio onnipotente, puro spirito e onnisciente, come vuole la tradizione cristiana, ma sia stato artificialmente progettato da una razza extraterrestre. A dire il vero questa non è una novità per il mondo pseudo-scientifico: il vero e più “insigne” iniziatore della teoria paleoastronautica* è l’americano di origini azero-ebraiche, nonché massone, Zecharia Sitchin (1920-2010).

Illusi o delusi..?


A che punto è la riforma della Curia voluta da Papa Francesco

A che punto è la riforma della Curia voluta da Papa Francesco

"La riforma della Curia, non è facile, richiede coraggio e determinazione", ha detto ieri Papa Francesco. Ecco i fini della riforma, i mugugni che sta suscitando e i primi passi compiuti. Un'analisi a volte indiscreta
Chi pensava a soluzioni fulminee è rimasto ancora una volta deluso.

Il combattimento

Danilo Quinto per RadioSpada - Quando il Papa rende inautentica la sua persona e la sua missione

0010072239
 
Racconta San Marco nel suo Vangelo (Mc 8,27-35) che quando Gesù cominciò a insegnare «apertamente» ai Suoi discepoli che «doveva molto soffrire, ed essere rimproverato dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli scribi, poi venire ucciso e, dopo tre giorni, risuscitare», Pietro «lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo». Gesù, «voltatosi e guardando i discepoli, lo rimproverò e gli disse: Lungi da me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini». Parole durissime. Le stesse che Gesù dice a Satana durante le innumerevoli tentazioni alle quali è sottoposto.
Se si considera quanto dichiarato dal portavoce della Sala Stampa Vaticana, Padre Federico Lombardi, il successore attuale di San Pietro, pensa e - di conseguenza - agisce secondo parametri umani, che sono opposti a quelli di Dio.

pax bioetica


Marciamo contro la pax bioetica

La prima Marcia per la Vita fu nel 2011 a Desenzano, arrivarono sì e no 700 persone. Gli interventi che seguirono nel Convento che era la destinazione della parata, parlavano chiaro: il Movimento per la Vita – che in larghissima parte difende la 194 come «buona legge se applicata» e nulla, proprio nulla fa con i tanti danari di cui dispone – e la sua linea morbida (quindi cripto-genocida) dovevano cessare, essere sostituiti da un vero movimento pro-life. Il popolo della Marcia, da sùbito, dimostrava il suo denominatore comune: nessun compromesso con l’abortismo.

Marcia per la Vita :

in marcia assieme a chi obbietta 

zzmdcbbtrIn Italia, il massiccio incremento del fenomeno dell’obiezione di coscienza da parte del personale medico è chiaro sentore di un certo mutamento culturale nella percezione del tema dell’aborto volontario.
Vuoi per gli innegabili progressi nel campo della tecnologia medica (ad esempio l’ecografia in gravidanza), che hanno reso ancor più evidente la natura criminosa dell’atto abortivo, vuoi per l’instancabile opera di informazione messa in campo dalle numerose associazioni pro life sparse nel territorio, ancor più meritoria in quanto svolta fra mille difficoltà e innumerevoli forme di ostracismo, è divenuto oltremodo complicato per le strutture pubbliche applicare la omicida legge 194 che disciplina la cosiddetta interruzione volontaria di gravidanza, proprio a causa dell’ormai cronica carenza di personale sanitario disposto ad eseguire la condanna a morte dell’innocente.

venerdì 2 maggio 2014

«Ma cosa mi è venuto...

Francesco: «Ma cosa mi è venuto in mente di chiamare a Panella»

Crozza-Papa Francesco chiama Crozza-Pannella che non lo riconosce - rcd


Maurizio Crozza in versione Papa Francesco immagina la telefonata fatta dal Pontefice il 25 aprile a Marco Pannella. Francesco chiama Pannella dopo l'intervento all'aorta addominale cui il leader radicale è stato sottoposto, ma 'Panella' lo scambia per Francesco Rutelli e non lo fa parlare. (Rcd - Corriere Tv)

Santa maniera


Uno spettro si aggira laicamente per il secolo: è lo spettro della mala educazione. Ma, per quanto sia baldanzoso, avrebbe vita grama se non trovasse alimento nel confratello che si aggira religiosamente per i documenti ecclesiali col nome di ”emergenza educativa”. L’uno e l’altro, più che nei programmi di educazione civica o nei piani pastorali di nuova generazione, potrebbero trovare almeno un po’ d’argine in quei libriccini di formazione del laicato cattolico finiti nei mercatini di antiquariato. Erano  pubblicati da diocesi, ordini religiosi, confraternite, pie unioni e persino da singoli sacerdoti ad uso dei loro parrocchiani. Hanno titoli come “Educazione della giovinetta cattolica”, “Manuale del giovane cristiano”, “Decoro della sposa cristiana” o “Doveri, responsabilità e precetti del capofamiglia”: roba da far ridere i pedagoghi d’oggi, ma formavano l’ambiente in cui ragazzini come Domenico Savio si santificavano preferendo la morte al peccato, oppure fanciulle come Maria Goretti e Pierina Morosini sceglievano la purezza a costo della vita, e tanti altri, senza oltrepassare la soglia di una santità conclamata, mettevano su famiglie in cui l’emergenza non riguardava il degrado dei costumi.

Mica scemo! preferisce gli adulti..

Tutti a Roma col papa per la scuola. Ma Galantino non ci sta

papa
“Tutti a Roma con papa Francesco!”. È questa la parola d’ordine dell’adunata di massa “per la scuola” che la Chiesa italiana ha in programma per il 10 maggio in piazza San Pietro, con la partecipazione dello stesso papa.
Eppure, incredibilmente, quasi alla vigilia dell’evento, il segretario della conferenza episcopale italiana Nunzio Galantino è parso prendersela proprio contro iniziative come questa.

Alleanza blasfema

Gli Illuminati contro la Russia

map_ktk_enIeri l’UE e gli USA hanno imposto ulteriori sanzioni alla Russia, mentre 150 truppe statunitensi sbarcano nella vicina Estonia per le esercitazioni militari. Due mesi dopo che il presidente democraticamente eletto dell’Ucraina Viktor Janukovich è fuggito dal Paese per il putsch orchestrato da MI6/CIA/Mossad a Kiev, l’occidente continua l’aggressione alla Russia, nonostante i ripetuti tentativi diplomatici del presidente russo Vladimir Putin. Quindi cosa c’è di nuovo? La City dei banchieri di Londra guidata dai Rothschild da due secoli ha grandi piani imperialisti per le ricche risorse naturali della Russia, sempre ostacolati dagli zar o dallo stalinismo nazionalista. Putin ha sventato i loro ultimi tentativi, quando ha incarcerato l’israeliano dalla doppia cittadinanza Mikhail Khodorkovskij e ri-nazionalizzato gran parte dell’industria energetica russa. Non è un caso che uno dei funzionari russi sanzionati ieri sia Igor Sechin, presidente del colosso petrolifero russo Rosneft, di cui BP detiene ancora una quota del 20%.
Alleanza blasfema
hersh_malta_2Mentre i sindacati bancari internazionali avevano sempre trattato con l’Unione Sovietica, l’accesso alle sue vaste risorse petrolifere rimase limitata fino a quando Ronald Reagan entrò alla Casa Bianca nel 1980, determinato a frantumare l’Unione Sovietica e aprirne i giacimenti petroliferi ai Quattro Cavalieri. Il suo uomo di punta fu il direttore della CIA Bill Casey, le cui connessioni con i cattolici Cavalieri di Malta furono sfruttate a fondo. La “santa mafia” segreta dell’Opus Dei del Vaticano era dietro l’ascesa al Papato del cardinale polacco Karol Wojtyla. Wojtyla divenne Papa Giovanni Paolo II e lanciò l’offensiva dell’Opus Dei/Vaticano per eliminare i movimenti della teologia della liberazione dall’America Latina e il comunismo dall’Europa orientale.

Castighi dal Cielo o coincidenze?

Parigi, 29 aprile 2014 - Scossa di terremoto questa mattina poco dopo le 9 negli Alti Pirenei, ovest della Francia. L’epicentro è stato individuato, dall’ufficio sismologico di Francia, nei pressi di Lourdes, la città del celebre santuario.
 
L’istituto di sorveglianza sismica ha registrato due scosse consecutive, di magnitudo 4.4, poi 3.4 sulla scala Richter. Il terremoto è stato confermato dal Comune di Pau e dalla prefettura. Nessun danno, secondo le autorità locali, ma soltanto paura fra la popolazione.

Aspetta e spera..?

Gotti Tedeschi

Dagoreport
Diavolo di un Marco Pannella! Mai il leader dei radicali avrebbe pensato di dare lo spunto a un banchiere. Sta di fatto che la telefonata ricevuta nei giorni scorsi da Pannella, mentre era ricoverato all'ospedale Policlinico Gemelli di Roma, da parte di Papa Francesco ha alimentato addirittura le speranze di Ettore Gotti Tedeschi.

Per favore non chiamatelo Francesco

Bilancio Papa Bergoglio. Per favore non chiamatelo Francesco

francescoSi chiama Francesco di nome e gesuita dicognome. E’ questa la battuta che ricorre più frequentemente riferita a Papa Francesco. Il quale all’esterno si presenta sicuramente con il volto e l’umiltà propria del francescano, ma all’interno della Chiesa sembra agire con l’inflessibilità tipica del militante gesuita.
E’ ormai trascorso più di un anno dalla sua elezione al soglio di Pietro e sono tanti i gesti che hanno caratterizzato il pontificato di Francesco. Eppure si ha come l’impressione che ad un’esteriorità esaltata oltre misura, fatta di continue manifestazioni d’affetto verso i fedeli, di assoluta sobrietà negli stili di vita e nelle cerimonie pubbliche, di continui richiami alla misericordia e al perdono, faccia da contraltare una rigidità esercitata con pugno di ferro. In un anno il Pontefice ha di fatto ridimensionato la Curia romana o come ha commentato qualcuno ha “tagliato teste” con un decisionismo da far impallidire persino l’ultra decisionista Pio XII, uno che non era solito andare troppo per il sottile (e non a caso papa Pacelli era accusato di essere troppo filo gesuita).

Evangeli gaudium

Bergoglio scherza con due ragazzi che chiedono la benedizione 

giovedì 1 maggio 2014

Diavolo liquido

Il Diavolo? È diventato «liquido»




«Non ho mai dubitato dell’esistenza del Diavolo e dei suoi influssi sull’uomo, ma da quando faccio l’esorcista ho davvero capito che cosa significhi. Il Maligno è capace di distruggere culture, di distruggere popoli. Invidia l’uomo, soprattutto ne invidia la capacità di amare e a causa di questa invidia c’è tanta gente che soffre. Ho insegnato filosofia alla Gregoriana per oltre 30 anni. Quando sono tornato a Padova, la mia diocesi, il vescovo Antonio Mattiazzo mi ha affidato questo ministero. In sette anni ho seguito oltre 1300 persone con disagi dell’anima più o meno gravi. E si tratta di uomini e donne della sola diocesi perché ho deciso, d’accordo con i Superiori, di non accogliere le richieste che vengono da fuori diocesi.

Con la morale non si gioca

Il cardinale Arinze: 

zzcrdrnzPossono i politici che promuovono o appoggiano politiche abortiste ricevere la Santa Comunione? La questione, che ha generato un ampio e acceso dibattito coinvolgendo cardinali e teologi, secondo il cardinale nigeriano Francis Arinze è elementare, la domanda è talmente semplice che perfino i bambini ne conoscono la risposta. In un’intervista esclusiva, rilasciata questa settimana a “LifeSiteNews.com“,  il cardinale Arinze ha osservato come egli venga spesso interrogato riguardo il proprio parere a proposito dei politici cattolici favorevoli all’aborto e il loro rapporto con la Santa Comunione. La sua riposta è  sempre netta e fulminante: «Veramente avete bisogno di un cardinale dal Vaticano per rispondere a ciò? È una domanda cosi difficile?».

CIAK, SI PORPORA!

CHI È, CHI NON È, CHI SI CREDE DI ESSERE MONSIGNOR DARIO VIGANÒ, IL FRECCERO DEL VATICANO, INCARICATO DI PROIETTARE L’IMMAGINE DEL PAPA IN MONDOVISIONE E IN 3D

Questo è il tempo di Papa Bergoglio: un pontificato che usa la tv come un vangelo contemporaneo, come il teatro di un moderno film neorealista, come un network planetario che ha l’ambizione e la forza di raccontare, ma anche di controllare l’immagine come nessun altro prima…

Clima esodato

Papa Francesco, l’attacco di Bertone al pontefice “danneggia il clima”

Per rispondere a chi gli contesta il lusso dell'attico di cui sarà ospite in una lettera l'ex Segretario di Stato parla della "presunta ristrettezza della residenza del Papa". Una replica alle polemiche che più di qualcuno non ha apprezzato. Anzi le affermazioni hanno irritato molto prelati e in Vaticano la disapprovazione è pressoché unanime

Papa Francesco, l’attacco di Bertone al pontefice “danneggia il clima”
“È stato messo a confronto lo spazio del ‘mio’ appartamento con la presunta ristrettezza della residenza del Papa”. Il cardinale Tarcisio Bertone non riesce a restare in silenzio davanti agli attacchi subiti per il “modesto” attico, a due passi dalla residenza papale di Casa Santa Marta,dove si appresta a traslocare per trascorrere la sua pensione.

Lettera a Papa Francesco

VIENI E VEDI: Lettera a Papa Francesco

Pubblichiamo la Lettera a papa Francesco che la Tavola Pellegrini Medioriente gli ha inviato in questo tempo di attesa e preparazione della sua visita che, in particolare, lo vedrà sostare il 25 maggio a Betlemme.
VIENI E VEDI: Lettera a Papa Francesco
Carissimo Papa Francesco, pace e bene!
Da molti anni ormai, in comunione di fede e di amicizia con le comunità ed i presbiteri del Patriarcato Latino di Gerusalemme, ci rechiamo più volte all’anno in Terra Santa, per vivere l’esperienza autentica del pellegrinaggio biblico, spirituale, e di comunione con tutti i fratelli: cristiani, ebrei e musulmani.
Grande è la gioia di sentirci accolti con colore e fraternità dai fratelli e sorelle delle nostre comunità cristiane nella “Tenda di Abramo” da cui impariamo la spiritualità dell’accoglienza; Abramo infatti è “il primo eroe dell’ospitalità, del diritto d’asilo. Perché i problemi dell’inizio dell’umanità sono anche quelli della fine, specialmente quello del carattere sacro del diritto di asilo e quello del rispetto dello straniero” (Louis Massignon).

La “canonizzazione” del Vaticano II!


Editoriale del 2 maggio 2014  del settimanale Rivarol






La Domenica di Quasimodo, Francesco ha dunque “canonizzato” in piazza San Pietro, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, nel corso di una cerimonia alla quale hanno assistito diverse centinaia di migliaia di persone.
«Dichiariamo e definiamo santi i beati Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, e li iscriviamo nell’albo dei santi e stabiliamo che in tutta la Chiesa siano devotamente onorati tra i santi» ha detto solennemente Jorge Mario Bergoglio in latino, subito acclamato dalla folla, mentre le campane suonavano in tutta la città di Roma. In seguito, sono stati portati sull’“altare” due “reliquarii”: uno contenente una piccola fiala di sangue di Giovanni Paolo II, l’altro un lembo della pelle di Giovanni XXIII.

Le parole profetiche di Alessandro Gnocchi

Ci troveremo sempre di più di fronte a qualcuno che pretenderà di parlarci in nome di Dio per dirci che non abbiamo bisogno di Dio”.

Ho ascoltato queste agghiaccianti parole seguendo, da youtube, una interessante conferenza di  Alessandro Gnocchi postata il 10 marzo scorso.
Per sentirla cliccare quì sotto (la citazione è proprio alla fine).

A prima vista sembrano dichiarazioni  provocatorie ed un tantino sopra le righe. Ci ho però riflettuto a lungo, non da teologo che non sono, ma da semplice fedele che osserva quanto accade intorno a sé.
Ebbene: sono giunto alla conclusione che queste sono davvero “parole profetiche”…

Le palle di cannone

Andrea Riccardi


Andrea Riccardi

Lo storico, scrittore, ex ministro e fondatore della Comunità di S. Egidio è un cannone. Non scherzo: un cannone. Per dirla col mitico Antonio Conte da Lecce, Riccardi «sta sempre sul pezzo».

mercoledì 30 aprile 2014

Alieno 1 ad alieno 2: cheffài piangi?


Loris Francesco Capovilla, segretario particolare di papa Giovanni XXIII.

L'ALIENO A CASTEL GANDOLFO. Il segretario particolare di papa Giovanni XXIII Loris Francesco Capovilla ha raccontato che Roncalli, nel 1961 (due anni prima di morire), incontrò un alieno nei giardini di Castel Gandolfo.

Vedi Sion e poi..

BERGOGLIO E IL RABBINO

 skorka-1_900146
0

di Alessandro Guzzi

Gli effetti dell'azione repressiva e annientante  dell'URSS sulla Chiesa Ortodossa, ed in generale del Comunismo sul Cristianesimo furono molto meno nefasti di quelli ottenuti dal dopoguerra in poi, senza sparare un colpo, dalle potenze "liberal democratiche" in stile americano oggi dominanti. Niente più impegnative uccisioni di preti, faticose distruzioni di chiese, odiosi regolamenti e divieti da imporre ai popoli per impedir loro di frequentare i luoghi di culto o persino di credere in qualche essere supremo che fosse tanto superbo da credersi più grande dei membri della Nomenklatura del Partito Comunista. L'intuizione fu che la Chiesa ed il Cristianesimo si sarebbero potuti distruggere molto più agevolmente dall'interno: questo fu il nuovo metodo usato dal Capitalismo Finanziario Massonico: infiltrazione e omologazione della Chiesa ai propri "ideali", ai propri "princìpi".

Ci sarà pure un motivo.. (vedi Sion...)

(a cura Redazione "Il sismografo")
(Luis Badilla) I Pontefici che si sono recati in pellegrinaggio in Terra Santa sono 3 e Papa Francesco sarà il quarto. I pellegrinaggi dei Papi in oltre duemila anni di storia del cristianesimo si snodano solo nell’ultimo mezzo secolo: tra il 1964 e il 2014. Di ciascuno di loro si potrebbe dire, con parole di san Girolamo (nella sua lettera a Paola a Eustochio e a Marcella) di essere stati pastori “convinti che mancasse qualcosa alla loro fede e alla loro propria scienza”. “Erano convinti - prosegue san Girolamo - di non poter raggiungere la perfezione se non avessero adorato Cristo proprio in quei luoghi dove il Vangelo, prima che altrove, aveva irradiato dalla Croce il suo splendore”. (1)

Nuovi esegeti pullulano..!

Papa Francesco e la geniale satira di Maurizio Crozza

Sabato scorso ho assistito ad una puntata di Otto e mezzo, la trasmissione condotta da Lilli Grubersu La7, nella quale i due ospiti invitati fornivano una propria differente visione della figura di Papa Francesco.
Dario Fo, in collegamento, sosteneva con convinzione che Bergoglio è l’artefice di una vera e propria rivoluzione all’interno della Chiesa nella forma e nei contenuti. Secondo il premio Nobel l’attuale pontefice sta compiendo un importantissimo processo di rinnovamento con grande coraggio e responsabilità perché ha deciso di seguire le orme del Santo di Assisi di cui porta anche il nome usando il linguaggio, la forma, l’andamento e i ritmi del vero San Francesco che è stato molto più rivoluzionario di quanto noi possiamo immaginare dato che la Chiesa stessa è colpevole, secondo Fo, di aver censurato la sua opera e il suo messaggio originali. Fo fa notare che questo Papa quando parla va a braccio, è genuino, semplice, chiaro, a volte ha l’impaccio di dire fino in fondo certe cose ma poi si fa forza e le dice, studia i testi di San Francesco venuti alla luce di recente e ne incarna alla perfezione la natura più autentica, è sufficiente guardarlo e sentirlo per comprendere che la sua logica non è una struttura costruita per attrarre consensi.

Patroni cercansi?

Il patrono della famiglia

Francesco invoca Wojtyla sul suo Sinodo misericordioso

La Familiaris Consortio e le piaghe da curare. Serve coraggio dice il Papa

“San Giovanni Paolo II è stato il Papa della famiglia”, ed è a lui che Francesco affida le sorti del Sinodo che di famiglia e matrimonio si occuperà dal prossimo ottobre, a Roma, per almeno un anno e mezzo. “Un cammino che sicuramente dal cielo lui accompagna e sostiene”, ha chiarito Bergoglio nell’omelia di domenica letta davanti a ottocentomila fedeli giunti da ogni parte del mondo e sotto lo sguardo attento del Papa emerito, quel Joseph Ratzinger che di Giovanni Paolo II fu il braccio dottrinale e il più ascoltato consigliere. Il Papa della Familiaris Consortio e delle centotrentaquattro catechesi sull’amore umano diventa così una sorta di santo patrono della famiglia, come auspicato a suo tempo dal cardinale conservatore Joachim Meisner, da un paio di mesi arcivescovo emerito di Colonia.

Commissaria,commissaria che qualcosa resterà?


I Francescani dell’Immacolata e l’assedio del «pensiero unico»

I Francescani dell’Immacolata e l’assedio del «pensiero unico»

Ad un anno dal “commissariamento” del giovane ordine religioso, si avvertono i primi segnali di “normalizzazione” culturale
Nei giorni scorsi Papa Francesco è ritornato a raccomandare ai fedeli di non cedere mai al «pensiero unico», che vorrebbe impossessarsi delle menti, rovesciare i valori della persona e cancellare persino le parole con le quali viene designato il rapporto dell’uomo con la realtà, la vita, la storia. Tale rischio, talvolta, si annida anche all’interno della Chiesa se, proprio parlando ai partecipanti alla Plenaria del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, il Pontefice ha incoraggiato a fuggire ogni paura per lavorare fattivamente ad un futuro che non sia «nell’omologazione ad un pensiero unico teoricamente neutrale. Abbiamo visto a lungo la storia, la tragedia dei pensieri unici» (Papa Francesco, Per vincere la paura. L’edificazione della pace passa attraverso il riconoscimento del diritto alla libertà religiosa per tutti, in L’Osservatore Romano, 29 novembre 2013, p. 8).

La Guerra Occulta

croce_insanguinata-550

Viviamo oggi (Siria, Palestina e Russia) l’ultima fase dell’assalto della Sovversione all’Ordine naturale e cristiano.
Se vogliamo reagire contro questa aggressione satanica dobbiamo prima conoscerla. Infatti “nulla è voluto se prima non è conosciuto”. Ora una lunga cospirazione ed una guerra occulta hanno preparato, a partire dall’Umanesimo cabalistico e neopagano, tale assalto finale, che non è unicamente bellico, ma è soprattutto culturale, ossia filosofico e teologico.
Il dominio della cultura filosofica e teologica, da parte della Sovversione o della Restaurazione dell’Ordine naturale e soprannaturale, è l’arma vincente anche se meno appariscente della guerra occulta tra “la Città di Dio e la Città di satana” (S. Agostino d’Ippona).

I neo/falsiprofeti danno i numeri?

“Papa Francesco si dimetterà tra quattro, cinque anni”

Monsignor Luigi Bettazzi lo rivelò 363 giorni prima che accadesse: “Penso che Ratzinger si prepari alle dimissioni“.
Era il 13 febbraio 2012, praticamente un anno prima dell’annuncio di Benedetto XVI che scosse il mondo. Rivoluzionando la Chiesa.
papa triste
Parole pronunciate al programma di Radio 2, ‘Un giorno da Pecora’, e a distanza di due anni si è ripetuto. Con una nuova, clamorosa previsione.

martedì 29 aprile 2014

Comincia a tremare anche il colonnato..?

Madonna di Civitavecchia venerata da Giovanni Paolo II: il mistero della mano



ROMA - Madonna di Civitavecchia venerata da Giovanni Paolo II: il mistero della mano. Sabato scorso, un giorno prima della cerimonia eccezionale di santificazione dei due Giovanni da parte di due papi, laMadonna di Civitavecchia ha subito una mutilazione fortuita dopo la da deposizione sul suo capo di una corona donata da Monsignor Grillo, ex vescovo della città. Di fronte ai fedeli sgomenti, improvvisamente la corona è caduta dalla sua sede facendo saltare una mano della statua.

Povero Anticristo, in balìa dei domenicani e della bibbia di gerusalemme!

Arriva l'Anticristo e porta con sé l'Apocalisse

"L’Anticristo è la personificazione della forza ostile a Cristo che attraverso tutto il corso della storia e pertanto è sempre attuale". Ecco le risposte alle domande che lasciano nel dubbio l'umanità...


GUARDA LA GALLERY

La Cometa ISON verso la Terra scortata da astronavi aliene. Le foto
Ex agente CIA rivela: "In Sicilia le basi…

Allarme russo: attacco alieno e la Terra non è…

Ufo: Italia presa d'assalto. Le immagini

Dopo il pesce mangia testicoli ecco il pesce…

Una razza aliena ostile alla guida degli Usa.…

Gli alieni ci governano. La nipote del…
Attacco degli alieni negli Usa: 500 morti
L'astronauta Aldrin rivelò: astronavi aliene…

Chi è l'Anticristo e se sia arrivato il suo tempo
Quesito
Caro Padre Angelo,
 Vorrei conoscere meglio la figura dell'Anticristo escatologico. Chi sarà? Perchè la Chiesa Cattolica non parla mai di questo personaggio, nonostante sia presentato dalla Sacra Scrittura (Daniele, 2 Tessalonicesi, Apocalisse), dalla Sacra Tradizione attraverso Padri e Dottori della Chiesa, nonchè da moltissime rivelazioni private passate e presenti?

Supposto prete (elargisce supposte?)

NUOVI PRETI DELLA NUOVA CHIESA
Un nuovo prete della nuova Chiesa non crede in Dio
Col permesso delli Superiori

Dopo aver pubblicato la notizia Falso prete irride la Fede ad un funerale, abbiamo ricevuto diverse segnalazioni su questo “camilliano”, tale Antonio Menegon, di origine veneta, di professione prete, di religione cattolica e di convinzione anticattolica.
Disgrazia vuole che sia stato messo a fare il “pastore” in “cura d'anime” nella Chiesa di San Giuseppe, sita a Torino, in via Santa Teresa, 22.

Cafonalino..ma non troppo! Se le cercano e se le trovano!


DAGO, IL GIORNO DOPO I PAPI SANTI: “LA VERA FEDE DELLA CHIESA E’ NELLO SHOW ETERNO” - “SE OGGI ABBIAMO BROADWAY E HOLLYWOOD, MUSEI E TELEVISIONE, DOBBIAMO DIRE GRAZIE ALLA CHIESA - SA CHE LA VERA IDEOLOGIA È LO SPETTACOLO PERCHÉ CANONIZZA LO STILE E LO TRASFORMA IN LEGGE’’

A proposito del party sulla terrazza della Prefettura con Vespa che fa la comunione e Marco Carrai che attacca bottone a Von Freyberg, capo dello Ior: ‘’L’ultima su Renzi, la santificazione di due Papi molto amati e tra loro lontanissimi, l’emozione, l’assalto al buffet e l’Ostia avevano pari diritti di fronte a Dio’’….

Santificati… cum juicio?

Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II

Le dimensioni della festa e la risonanza sui media di tutto il mondo evidenziano l’eccezionalità della canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Di fatti straordinari, unici addirittura, ne annotiamo almeno due: l’elevazione contemporanea di due pontefici, la presenza in piazza San Pietro del papa regnante a celebrare e di quello emerito a concelebrare. Non tutto, però, è unico: possiamo rimarcare un processo di continuità storica e politica nella celebrazione di domenica 27 aprile e nel suo significato.
I santi della Chiesa cattolica hanno una peculiarità rispetto alle figure straordinarie delle altre religioni: per essere dichiarati tali non basta il riconoscimento popolare. Hanno bisogno della canonizzazione, un procedimento di diritto canonico che spesso ha una forte valenza politica.

Prodidit/Tradidit?

Giovanni XXIII

“Il Papa buono tradì il suo Concilio”, dice il tradizionalista De Mattei. “E fu un uomo poco lungimirante”

Questo Papa non gli piace. Lo fanno santo, domani, ma meno che meno gli piace. Tanto poco gli piacciono, questo Papa e la sua canonizzazione, che in mezzo ai cori di giubilo universale di questi giorni s’è invece preso la briga di spiegare – in punta di dottrina e di teologia e rispettoso, ci tiene a dirlo, dell’istituzione e delle sue decisioni – perché in certi casi “eccezionali” anche la gloria degli altari può essere messa in discussione.

Il secondo miracolo: inguaribili modernisti!

Wojtyla e la croce insanguinata

Brescia, 25 aprile 2014.

Una splendida giornata di sole. La primavera sta esplodendo, con i suoi colori e odori, e investe allegramente  il mio piccolo borgo della Bassa e la sua Festa della Liberazione, fatta di cori dei Bersaglieri urlati da un gracchiante registratore davanti alla sede dei Combattenti, fianco Poste.
I tricolori quest’anno, a pochi giorni dalle Comunali, sono davvero ovunque, e riempiono vie e piazze di quel calore nazionale che, un tempo, segnava l’avvicinarsi della gita scolastica di fine anno (e quindi anche il termine della scuola). La mia corteccia fotografa tutte queste immagini in movimento, mentre pedalo attraverso il paese, direzione caffè.

Risvegliò la Chiesa?

Giovanni Paolo II

“Il Papa polacco risvegliò la Chiesa ma diede troppo spazio ai movimenti”, sostiene il progressista Menozzi

Jesus Christ you are my life”, trasmette qualche maxischermo già piazzato in luoghi strategici di Roma per accompagnare i pellegrini verso San Pietro, dove domani, di primo mattino, il Papa proclamerà solennemente santi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. “Jesus Christ you are my life”, l’inno immortale dell’adunata giovanile sulla piana di Tor Vergata, anno Duemila, anno del grande Giubileo. Su quelle note, testimoniano le immagini di allora, si vede un Karol Wojtyla infiacchito dalla malattia e seduto in poltrona agitare divertito le braccia a ritmo di musica, gaudente per quel “chiasso che ha colpito Roma e che Roma non dimenticherà mai”. Il Papa delle folle, dei raduni di massa, delle messe negli stadi e nelle immense spianate.

No puede!Lo si sapeva anche prima, senza bisogno di suonar grancasse!


Perché Papa Francesco non ha abolito lo Ior

Perché Papa Francesco non ha abolito lo Ior

Papa Francesco ha mantenuto l'Apsa, una banca che gestisce su scala internazionale le ricchezze del Vaticano; e lo Ior è stato corretto, ma non soppresso. Senza i soldi, infatti, neppure la Chiesa può fare il bene dei poveri.