ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 6 agosto 2015

I nuovi peccati

Quali sono i "peccati" che si fanno, inventati da Bartolomeo nella enciclica papale?

Si tratta di un seguito per la mia rubrica su quello che potrebbe essere la più grande bomba in Laudato Si - vale a dire, la sua presentazione del nonsense ambientalista del "Papa" ortodosso Bartolomeo, come se potesse vincolare i cattolici.Uno sguardo più da vicino a questo concetto del presule di "crimine contro il mondo naturale" mi sembra giusto. Diamo uno sguardo al passaggio che Francesco cita nei paragrafi di apertura della sua "reciclica":

Mentre la Chiesa discute del clima

Nel mistero del Sangue versato

Preziosissimo Sangue(di Cristiana de Magistris) Tra le varie Feste che la riforma liturgica post-conciliare ha abilmente depennato dal calendario, v’è quella assai significativa del Preziosissimo Sangue, celebrata fino al 1970 il 1° luglio di ogni anno. Il Sangue versato da Nostro Signore Gesù Cristo per la salvezza dell’umanità è stato oggetto di culto sin dai primi secoli dell’era cristiana, benché la devozione si accrebbe a partire dall’XI secolo.
Tale devozione assunse sotto il pontificato di Pio VII una forma ben precisa e si iniziò a tributare uno speciale culto ai 7 spargimenti di sangue di Nostro Signore, approvati e indulgenziati dall’allora Pontefice: la circoncisione, l’agonia nell’orto, la flagellazione, la coronazione di spine, la via del Calvario, la crocefissione, la transfissione del cuore. La festa liturgica fu istituita da Pio IX, sotto il cui pontifi­cato questa devozione ebbe una svolta gloriosa.

Galantino's gender

Se la Chiesa del dialogo si ritira dalla battaglia
In nome del dialogo la Chiesa rinuncia alla sua missioneLa Chiesa cattolica è ancora in grado di fare battaglie culturali (non dico religiose) o sa solo dialogare? La Nuova Bussola Quotidiana sta mettendo in evidenza come a proposito di unioni civili, omosessualismo e gender, parte consistente e autorevole della Chiesa italiana abbia già rinunciato ad una battaglia di idee e abbia già percorso il tragitto, teorico prima ancora che pratico, verso il dialogo. Quando il dialogo non è con le persone ma con le idee sbagliate, esso comporta già una loro accettazione. Ci sono parroci e vescovi che disapprovano lo stile di lotta delle “Sentinelle in Piedi”. Lo considerano, nonostante la sua modalità inoffensiva, impositivo e non dialogico.  

Assaggino di chiesa da campo-rella

Danza pagana nella Cattedrale di San Lorenzo in Perugia

Dopo il "cardinal" Ravasi, partecipante ad una cerimonia pagana (vqui), ora anche la Cattedrale di Perugia è profanata da una cerimonia-danza altrettanto pagana (sic!!!).
È sconcertante assistere, all'interno della Chiesa cattolica, che è Sposa di Cristo, a questa sorta di gara al paganesimo di ritorno o all'indifferentismo o cosmopolitismo religioso, connotato da un antropocentrismo idolatra e blasfemo!  Anzi la Chiesa, ahimé, agevola oggi simili "esibizioni", con il pretesto che si tratti di realizzazioni artistiche o culturali!
Ci si dimentica così che i defunti vanno suffragati con una preghiera seria, composta e cristiana, ma soprattutto col Sacrificio della Messa, e non con "danze cerimoniali"!!!!

Danza cerimoniale Table of silence 9/11 in occasione del Perdono

Si intitola "Table of silence 9/11" la danza cerimoniale nata dalla collaborazione tra l'artista umbra Rossella Vasta e la coreografa newyorkese Jacqulyn Buglisi. Nel giorno del Perdono d'Assisi, domenica 2 agosto, la danza cerimoniale è "andata in scena" di prima mattina ad Assisi, sul piazzale della basilica di Santa Maria degli Angeli; poi nel pomeriggio a Perugia, prima in piazza IV Novembre poi nella cattedrale di San Lorenzo.


Gaucho, ripassi un pò..!

Ecco cosa pensava Padre Pio della comunione ai conviventi.

Padre Pio
Alla messa vespertina del sabato, che nel nuovo rito ambrosiano si chiama vigiliare e non corrisponde alla pre-festiva, incontro sempre una vedova, che chiamerò Camilla, molto composta, che sta seduta quando c’è da stare in piedi, sta in piedi quando c’è da inginocchiarsi, non risponde quasi mai alle preghiere dell’assemblea e, dopo aver ricevuto la comunione all’altare centrale, si reca per pochi istanti a fare il ringraziamento ad uno laterale, chiamato della Madonna per un’immagine miracolosa lì  raffigurata. Quindi torna al suo posto e sta seduta finché la messa è finita.
All’uscita le domando se il giorno successivo, domenica, la rivedrò in chiesa e mi risponde che ha già preso la pre-festiva. Comincio quindi a tenerle una  catechesi sull’importanza di assolvere il precetto nel giorno stabilito dal Signore, visto che non ha motivi per astenersene, e le racconto di quando Padre Pio rimproverò una vedova poverissima che gli aveva confessato di lavorare anche la domenica per consegnare in tempo gli abiti che le signore le affidavano per ripararli.

Scippo in fuorigioco: cartellino rosso!!

Così Francesco il contropiedista dribbla chi vorrebbe fare di San Pio un’immaginetta poco misericordiosa

Padre Pio da Pietrelcina è stato anche una (involontaria) icona della lotta fra tradizione e modernismo nella chiesa. Ancora oggi, c’è chi lo contrappone a Bergoglio
Papa Francesco (foto LaPresse)
Buon contropiedista, pur con le scarpe ortopediche, efficace nelle verticalizzazioni improvvise che puntano dritte all’obiettivo, al bersaglio grosso, Papa Francesco ha messo a segno un altro di quei suoi ribaltamenti di fronte, quei suoi cambi di segno intelleggibili anche ai semplici, per cui va celebre e che sconcertano, a turno, i suoi (incauti) laudatori e i suoi (prevenuti) detrattori.

Il Sinodo sud


Benvenuti in chiesa

I divorziati risposati non sono scomunicati. Francesco “apre” il Sinodo

Papa Francesco (foto LaPresse)
Le persone che hanno cominciato una nuova unione dopo lo scacco del loro matrimonio sacramentale non sono assolutamente scomunicate, e non devono assolutamente essere trattate come tali: fanno sempre parte della chiesa”. Il Sinodo sulla famiglia si avvicina, vi terremo sempre informati. Molti, nella chiesa e fuori, continuano a vederlo come una sorta di Armageddon che distruggerà la chiesa o quantomeno spaccherà la sua gerarchia, arcigni dottrinaristi di qua e aggiornatori pastorali di là, con lancio di reciproche “scomuniche”, lato sensu. In mezzo, secondo alcuni, ci sarebbe poi un Papa che non sa come uscirne. A giudicare dalla prima udienza generale dopo la pausa estiva, mercoledì in Aula Paolo VI, non sembra proprio.

Una compassione infinita

La tragedia alla discoteca “Cocoricò” 

zzzzmrtdsk
Caro Direttore,
i tristissimi eventi verificatisi nella più famosa discoteca di Rimini  mi hanno lasciato allibita e terrificata. Il mio primo istintivo pensiero è stato quello di ringraziare Dio perché mio figlio non ha mai provato interesse per quel genere di divertimenti. Poi si sono presentati alla mia mente i disgraziati genitori di quegli adolescenti abbindolati da quel tipo di seduzioni che ha il solo scopo di farli ballare all’infinito, al suono di una musica ossessiva che mi riesce difficile chiamare musica, senza provare stanchezza in un totale  obnubilamento mentale e il cui frequente esito è sotto gli occhi di tutti.

mercoledì 5 agosto 2015

La neve d’agosto tradizionale?

La neve d’agosto a Roma, domani si ripete il

“miracolo”

La neve d’agosto, dedicata a Papa Francesco, è diventata un appuntamento tradizionale dell’estate della Capitale


Domani sera si ripetera’ il ‘miracolo’ della neve a RomaPiazza Santa Maria Maggiore fara’ da scenario alla rievocazione storica della nevicata con cui il 5 agosto del 358 dopo Cristo – secondo la tradizione – la Madonna indico’ al papa dell’epoca, Liberio, il luogo del rione Esquilino in cui edificare una basilica in suo onore.

La scuola dei kommissari

Quella persecuzione cristianofobica fatta di bavagli, sanzioni e galera

(di Mauro Faverzani) Il discorso parte da lontano: per questo nel 2011 l’Observatory’s Report on Intolerance and Discrimination against Christians parlò espressamente di «negazione dei diritti dei Cristiani» in Europa, evidenziando numerose gravi violazioni: della libertà di espressione, ad esempio, di quella di coscienza, della dimensione istituzionale e collettiva della libertà religiosa e molte altre ancora.

E chi ha mai sostenuto il contrario?

Divorziati risposati, linee pre-sinodo di Francesco: niente scomunica come Ratzinger
Divorziati risposati, linee pre-sinodo di Francesco: niente scomunica come Ratzinger
“Si deve fare in modo di non aggiungere altri pesi oltre a quelli che i figli già si trovano a dover portare quando i loro genitori si risposano. Il numero di questi bambini è grande. E’ importante che sentano la Chiesa come madre attenta a tutti”. 

Lo ha detto Papa Francesco, nel corso della 100esima udienza del suo pontificato, dopo la pausa estiva di luglio. 

“In questi decenni la Chiesa non è stata né insensibile né pigra. E’ molto cresciuta la consapevolezza che un’accoglienza è necessaria verso i battezzati che hanno stabilito una nuova convivenza dopo il fallimento del matrimonio sacramentale. Queste persone non sono scomunicate, fanno sempre parte della Chiesa”, ha concluso il Papa. 

Excusatio petita?


Tutto vero, però… Padre Lombardi puntualizza


lombardi
Il servizio di www.chiesa del 29 luglio, costruito a partire da alcune affermazioni di padre Federico Lombardi relative allo stile di governo di papa Francesco, riportate da “National Geographic“, ha fatto il giro del mondo con un picco vertiginoso di accessi:
E questo anche grazie all’involontaria pubblicità che gli ha dato “Avvenire”, sceso in campo per difendere il gesuita e il papa da chissà quali affronti:
Ma ecco qua di seguito le pacate puntualizzazioni del diretto interessato, utilissime per arricchire il quadro descrittivo.
A padre Lombardi ancora grazie… dal settimo cielo.

Non si capisce che fine farà l'uovo di Colombo?^



Papa Francesco dice che il matrimonio uomo-donna è sotto attacco

Il pontefice: bisogna difendere questa istituzione


Papa Francesco dice che il matrimonio uomo-donna è sotto attacco
Città del Vaticano, 5 ago. (askanews) - Promuovere il matrimonio "tra un uomo e una donna" mentre questa istituzione "è sotto attacco da potenti forze culturali". Lo scrive Papa Francesco nel messaggio inviato, a firma del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, alla convention dei Cavalieri di Colombo, che si è aperta a Philadelphia, negli Stati Uniti, dove Francesco si recherà a fine settembre a conclusione dell'incontro mondiale delle famiglie.

Wishful thinking

Medjugorje: "sento" quindi credo?

di Marco Corvaglia

Immagine 1Com'è noto, noi esseri umani abbiamo la naturale tendenza ad interpretare i fatti secondo le nostre speranze.
In tutte le epoche vi è stata consapevolezza di ciò:

Nulla è più facile che illudersi, poiché l'uomo crede vero ciò che desidera.
[Demostene, Terza Olintiaca, IV sec. a.C.]
In genere, gli uomini credono volentieri ciò che desiderano.
[Cesare, De bello Gallico, I sec. a.C.]
L'uomo crede più facilmente vero ciò che preferisce sia vero.
[Francis Bacon, Novum Organum, XVII sec.]

Oggi gli psicologi utilizzano l’espressione inglese wishful thinking per indicare questa tendenza a sostituire una valutazione obiettiva dei fatti con una valutazione di tipo emotivo.

La palla passerà direttamente a papa Francesco

Sinodo e Medjugorie, le anticipazioni del cardinale Müller
Il cardinale Gerhard Müller
Mentre il cardinale arcivescovo di Vienna, Christoph Schönborn, manda un messaggio ai giovani che si riuniscono a Medjugorie per il Festival 2015, il cardinale Ludwig Müller conferma che la decisione vaticana sulle presunte apparizioni balcaniche dovrà attendere la «sessione ordinaria di autunno». Dopo quella riunione della congregazione della Dottrina della Fede la palla passerà direttamente a papa Francesco che avrà l'ultima parola. Intanto il cardinale Schönborn dice ai giovani riuniti a Medjugorie che è «con loro con il cuore e con la preghiera intensa».

martedì 4 agosto 2015

Leoni uccisi e demenza diffusa

L’uccisione del leone Cecil e l’enciclica “Laudato si’”. In 240 (diconsi duecentoquaranta) pagine domina un concetto che è il contrario di quanto insegnava padre Pio. Il frate santo di Pietrelcina, quello sì un vero imitatore di San Francesco, diceva che “il mondo può reggersi anche senza il sole, ma non senza la Santa Messa”. Bergoglio, che di San Francesco porta solo e indegnamente il nome, sostiene invece che “il mondo può reggersi anche senza la Santa Messa, ma non senza il sole”.


Cosa non si fa per la cassetta..


ANCHE AL GIUBILEO SERVE L’ATTRAZIONE - PAPA BERGOGLIO CALA L’ASSO PER RICHIAMARE I FEDELI E DISPONE CHE IL CORPO DI PADRE PIO VERRÀ TRASPORTATO A SAN PIETRO DURANTE IL PROSSIMO “GIUBILEO DELLA MISERICORDIA”

Il corpo del frate cappuccino verrà per la prima volta dalla canonizzazione portato via da San Giovanni Rotondo ed esposto nella basilica vaticana dall’8 al 14 febbraio prossimi - Sarà esposto il giorno del mercoledì delle ceneri…

Pio 13


Sorrentino in Tv. Ogni riferimento a Bergoglio è puramente casuale?

Il premio Oscar Paolo Sorrentino si sta per cimentare con una nuova impresa cinematografica ambientata, niente meno che nei “sacri palazzi”. 

Sì, avete capito bene, dopo Nanni Moretti con il successo di “Habemus Papam”, anche Sorrentino entra in Vaticano. Non un vero e proprio film, ma una serie televisiva prodotta da Sky in otto episodi dal titolo “The Young Pope”. La trama è più che mai intrigante, visto che tratta il difficile inizio di pontificato di un fantomatico papa Pio XIII (nome che pare avesse voluto scegliere Albino Luciani, il papa dei 33 giorni, poi sconsigliato a farlo per il timore di essere tacciato di anticonciliarismo) interpretato da Jude Law, due volte nominato agli Oscar.

La coppia

Clima, Obama: “Entro il 2030 un terzo emissioni in meno”. E cita papa Francesco

ROMA – “Entro il 2030 le emissioni di carbonio dellecentrali elettriche saranno ridotte del 32% rispetto al 2005: 87 milioni di emissioni di carbonio saranno tolte dall’atmosfera”. Lo ha detto il presidente americano, Barack Obama, illustrando il suo piano per il clima.
Presentando il piano sull’energia pulita Obama ha citato l’Enciclica di papa Francesco, un testo che sottolinea come “combattere il cambiamento climatico è un obbligo morale”.

Quei cattolici piccoli e rancorosi

PIO X E DON GIUSEPPE LOZER

    Quei cattolici piccoli e rancorosi che non sopportano la canonizzazione di Pio X. Se qualcuno dubita ancora di quale fosse la posta in gioco all’interno della Chiesa Cattolica ai primi del' 900 allorché Pio X prese posizione contro il modernismo

Quei cattolici piccoli e rancorosi che non sopportano la canonizzazione di 
Pio X



Se qualcuno dubita ancora di quale fosse veramente la posta in gioco, all’interno della Chiesa cattolica, ai primi del Novecento, allorché Pio X, con la famosa enciclica “Pascendi Dominici gregis”, prese apertamente e severamente posizione contro il modernismo, basta che si prenda la briga di sfogliare alcune delle biografie di quei parroci e preti che, in quegli anni, fecero parlare di sé quali simpatizzanti, magari assai defilati, di tale movimento.

I tromboni si accoppiano

Sinodo, divorziati risposati: un tempo Chiesa li perdonava

Sinodo, "divorziati risposati": Chiesa primo millennio li perdonava - ANSA

"La Chiesa del primo millennio predicava il matrimonio monogamico ma esercitava la misericordia nei confronti di coloro che non erano riusciti a realizzare questo ideale. I divorziati-risposati erano sottoposti alla penitenza pubblica, ma, dopo uno anno o due, venivano riammessi alla piena comunione ecclesiale ed aucaristica".  Ad affermarlo è il teologo don Giovanni Cereti, che, nel recente libro "Matrimonio e misericordia" (Edizioni Dehoniane Bologna), riprende e sintetizza circa quarant'anni di studi da lui dedicati a un tema che resta fra i più dibattuti in vista del prossimo Sinodo sulle famiglia. 

Ma ci sono anche i Guardiani della Città

Il Neturei Karta comunica 
ב ינ״ו

עמ ” יעש״ו

נטורי

קרתא של היהדות החרדית ב ארץ הקודש פלשתינא

NETUREI KARTA of THE ORTHODOX JEWRY

AL-QUDS, PALESTINE
July 31 ’15
In the Name of Allah, the Beneficent, the Merciful

Condemnation of the cruel Zionist Brutal Murders

We Palestinian Jews are participating in the grief and deep sorrow of the Dawabsha family, of the shocking murder in cold blood by Zionist murders their beloved baby Ali saad , may he rest in peace. We are sending our deep consolations in the name of the Jewish nation to the mourning family. We strongly condemn the cruel and shocking murder that was committed, a thing that is strongly against the Jewish religion, which is one of the Ten Commandments is: “thou shalt not kill”. We wish a complete recovery to all the wounded in the family by the bloodthirsty Zionists.

lunedì 3 agosto 2015

Ateologia ebraico-gesuita: "non è detto che essi debbano aver bisogno della redenzione"

Il Dio dei due mondi

La letteratura aveva già previsto e raccontato la scoperta della Nuova Terra e la sfida alle nostre certezze, religiose e non


Un disegno di Peter Haars per la copertina di una vecchia edizione di “Lontano dal pianeta silenzioso” di C. S. Lewis

Sono tante, le antenne rivolte verso il cielo, in cerca d’un segnale qualsiasi. Ed ecco, una notte, che a raggiungere i nostri rilevatori e gli scienziati sconvolti, non sono dati matematici, o una comunicazione verbale diretta, ma un canto. Alto, fiero, vibrante. Di straziante bellezza e complessità. E i primi a lanciarsi dietro quella voce lontana non sono i rappresentanti delle potenze politiche, o economiche. “Era prevedibile, col senno di poi. Tutto ciò che riguarda la storia della Compagnia di Gesù rivelava lesta e efficace capacità di azione esplorazione e ricerca. Durante quella che gli europei si erano compiaciuti di chiamare Era della Scoperta, i sacerdoti gesuiti non erano mai stati più di un anno o due dietro agli uomini che avevano effettuato un primo contatto con i popoli sconosciuti; in effetti, i gesuiti costituivano spesso l’avanguardia dell’esplorazione…

Solo la verità rende completamente libero l’uomo

Il fondo inquietante della proposta kasperiana

Mons. Livi, decano di Filosofia alla Pontificia Università Lateranense, interviene sul Sinodo di ottobre

Nel nostro ultimo articolo sui rischi di profanazione del Sacramento della Confessione, avevamo rilevato: “ecco il processo che sta dietro a questi fenomeni e che è una realtà di portata ben più ampia dei punti specifici dei “divorziati risposati” e degli omosessuali. Siamo davanti all’assalto finale del pensiero gnostico-massonico alla Chiesa di Cristo”. Per cogliere la portata dello scontro in atto Disputationes Theologicae intende esaminare gli aspetti sottostanti alla scandalosa “proposta Kasper”, o da essa implicati. In questa prospettiva Mons. Livi analizza il fondo della “teologia eucaristica” dell’ecclesiastico tedesco.



Risposta chiave a domanda chiave

Mueller: al sinodo sulla famiglia nessuna riduzione della parola di Gesù


Il sacramento del matrimonio
IL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO

Parla il custode dell'ortodossia cattolica: «Occorre trovare vie pastorali per una più forte integrazione nella comunità delle persone in situazioni difficili». Nessuna novità sui lefebvriani, in autunno la decisione su Medjugorie. E dopo le polemiche per una sua frase dice: «Sono fedele al Papa»


Il sinodo sulla famiglia del prossimo ottobre  dovrà affrontare «la sfida di trovare vie pastorali per una più forte integrazione nella comunità» per le persone che si trovano in «situazioni difficili», «senza riduzioni della parola di Gesù e del conseguente insegnamento della Chiesa».

Vedenti l'Invisibile? (se lo sa la Gospa..!)


TRA I RAGAZZI DI MEDJUGORJE. “SIAMO VENUTI A VEDERE"

02/08/2015  Nel villaggio bosniaco sono arrivati circa 130 mila giovani per il festival della gioventù. Si confessano facendo file di ore, pregano il Rosario, cantano e danzano. C'è chi si arrampica sugli alberi per vedere il luogo delle apparizioni, chi ringrazia per la vocazione ricevuta tra questi terreni sassosi e chi cerca la fede. “Il Signore”, dice Roberto, “è già qui in mezzo a noi”

Medjugorje – Vedere. Ecco in fondo cosa cerca veramente chi arriva a Medjugorje. Anelito vecchio quanto l'uomo. “Maestro dove abiti?'”, domandano i discepoli a Gesù. “Venite e vedrete”, la risposta nel Vangelo di Giovanni. Il “miracolo di Medjugorje” comincia al tramonto quando nella spianata dietro la Chiesa di San Giacomo migliaia di giovani  - sono circa 130 mila – si fermano a pregare. È il festival dei giovani. Molti si mettono pazientemente in fila per confessarsi e alcuni aspettano anche due ore. Sulla piazza sventolano bandiere da ogni parte del mondo: Usa, Australia, Canada, Italia ovviamente. E poi Croazia, Spagna, Corea, Brasile, moltissime quelle del Libano martoriato. I volti sono tanti: ragazzini, giovani e giovanissimi. Come pure anziani e famigliole che hanno scelto di trascorrere qui le loro ferie estive.

In articulis mors


Un articolo della sociologa Chiara Giaccardi su Avvenire prende le distanze da chi si oppone all'ideologia gender, cercando di coniugare antropologia cristiana e studi di genere. Si tratta di un'apertura sorprendente, perché il Magistero - incluso papa Francesco - si è già espresso chiaramente sul punto. Ed è proprio l'antropologia cristiana ad impedire una «appropriazione» del gender da parte dei cattolici.
Chiesa e gender, prove di compromesso
Nell'aprile scorso il teologo Vito Mancuso ha dichiarato: «[...] un giorno la Chiesa arriverà ad accettare la sostanza di ciò che essa definisce “teoria del gender” e che oggi tanto combatte”.
Sembrava, allora, un azzardo da parte dell'editorialista diRepubblica; ma da qualche giorno, dopo aver letto sul quotidiano dei vescovi italiani una apertura in tal senso, le sue parole sembrano ora tutt'altro che avventate.

La postina stralunata e il suo Cristo invisibile

Ultimo messaggio Madonna Medjugorje oggi 2 agosto 2015 :: Blog su Today

Ultimo messaggio Madonna Medjugorje oggi 2 agosto 2015 :: Blog su Today
In verità vi dico: era tanto tempo che volevo scrivere approfondimenti di e per la religione e grazie al Cielo il tempo è arrivato! In fondo non di solo pane vive l'uomo ma anche di conoscenza e di fede. "Perché coloro che non vedono, vedano e quelli che vedono, diventino ciechi". E così sia! Buona lettura!


Ultimo messaggio Madonna Medjugorje oggi 2 agosto 2015



Santa messa al festival dei giovani nella spianata a Medjugorje(foto: Medjugorje Youth festival)
Santa messa al festival dei giovani nella spianata a Medjugorje(foto: Medjugorje Youth festival)

Grande festa in queste ore a Medjugorje. Venerdì sera, il 31 luglio, poco prima della messa si è ufficialmente aperto il Festival dei giovani, Mladifest. Una folla oceanica ha invaso il paesino della Bosnia-Erzegovina, durante la cerimonia di inaugurazione la sfilata con le centinaia di bandiere al vento. La gioia era palpabile, era ed è una vera festa di fede e amore soprattutto per i ragazzi di tutto il mondo. Poco dopo la celebrazione, raccolta, anche l'Adorazione. Un momento in cui la musica e la preghiera si uniscono, un'emozione che forse solo chi ha vissuto può comprendere.

Vaticano low cost.

Vaticano low cost, niente auto blu o ristoranti costosi 
Così Francesco cambia la Curia

Il negoziante: «Se il Papa va in giro con una “casuletta” che costa come una camicia, 65-70 euro al massimo, è naturale che tutto, intorno a lui, si fa più sobrio»

Francesco all’Angelus (Reuters)

«Io conosco bene il vescovo di Santo Domingo, lui in guardaroba ha delle mitrie pazzesche. Ma mi ha detto che adesso si vergogna e quei copricapo sontuosi non li indossa più. È chiaro no? Se Francesco va in giro con una “casuletta” che costa come una camicia, 65-70 euro al massimo, è naturale che tutto, intorno a lui, si fa più sobrio. Vescovi e cardinali hanno paura che il Papa li sorprenda...». Luciano Ghezzi da più di mezzo secolo ha il negozio in via dei Cestari, la strada famosa degli arredi sacri e della sartoria ecclesiastica accanto al Largo di Torre Argentina. La Chiesa - dice - si rifà il look e adesso è tempo di saldi anche per loro, gli alti prelati: una casula bianca, una rossa, una verde e una viola (la casula è la veste liturgica colorata indossata dal celebrante) Ghezzi le vende in blocco a 140 euro. L’offerta campeggia in vetrina: Vaticano low cost.


domenica 2 agosto 2015

San Vladimir

La statua di san Vladimir che farà grande Putin
Il lavori per la statua dedicata a Vladimir il Grande
E poi dice che uno tifa Vlad! No, non l’Impalatore vampiresco, ma lui, Vladimir Putin. Che ha annunciato l’erezione di una colossale statua in Mosca a San Vladimiro, Vladimir I il Santo, Gran Principe di Kiev e cristianizzatore della Rus’. Cadono i mille anni dalla sua morte e Putin ha indetto in suo onore un grandioso galà al Cremlino con centinaia di ospiti. Dopo, naturalmente, aver preso parte alla solenne cerimonia religiosa in cattedrale col patriarca Kirill. Putin ha ridato grande lustro alla tradizione religiosa della Santa Russia, premia le famiglie numerose, non vuol sentir parlare di gender e ideologia Lgbt, finanzia e ricostruisce chiese e monasteri, ha perfino richiamato il Papa in mondovisione per essersi distratto dal bacio alla Vladimirskaya, l’icona della Madre di Dio protettrice di tutte le Russie.

C'é poco da ridere e molto da fare sui complotti di Satana..

Don Gennaro, un prete esorcista per Castellammare

Criminalità, disoccupazione, cattiva politica: gli stabiesi si sentono perseguitati. Così s'affidano al parroco esorcista. «L'unico a regalarci un po' di consolazione».


Al santuario della madonna dell’Avvocatella, che risale al ‘700 e giace abbarbicato alle colline intorno a Cava de’ Tirreni, rispondono che «don Gennaro non c’è, è in ritiro spirituale».
E «tornerà dopo ferragosto». Contattarlo? «Impossibile, sta pregando».
In realtà, a padre Gennaro Lo Schiavo - prete ed esorcista riconosciuto dalla Curia di Salerno - è stato cortesemente “imposto” un po’ di silenzio dopo i clamori suscitati dalla curiosa “benedizione” alla cittadina di Castellammare impartita a bordo di un elicottero preso a noleggio da un gruppo di facoltosi fedeli.