ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 15 dicembre 2011

Fratelli maggiormente distratti


Che distratto il N.Y.Times...
Qualche giorno fa abbiamo riportato la notizia, data dal New York Post, di uno scandalo di abusi sessuali su minori che ha sconvolto la comunità ebraica ortodossa di New York. Oggi traduciamo e riportiamo quello che scrive sull'argomento un sito americano, “TheMediaReport.com” che osserva il comportamento dei media di oltreoceano.
                                                                                Marco Tosatti

Qualche giorno fa abbiamo riportato la notizia, data dal New York Post, di uno scandalo di abusi sessuali su minori che ha sconvolto la comunità ebraica ortodossa di New York. Oggi traduciamo e riportiamo quello che scrive sull’argomento un sito americano, “TheMediaReport.com” che osserva il comportamento dei media di oltreoceano.

“Il procuratore distrettuale Charles J. Hynes, di Kings County, New York, di recente ha annunciato che negli ultimi tre anni sono stati arrestati 85 predatori di bambini nella comunità ebraica ortodossa di Brooklyn. I casi coinvolgono almeno 117 vittime. Un uomo, Andrew Goodman, è stato accusato di 144 casi di abusi sessuali rivoltanti nei confronti di due ragazzi ortodossi, uno da 11 a 15 anni, e l’altro da 13 a 16 anni.

“Andrew Goodman è noto nella nostra comunità come un molestatore incallito che trova le sue prede fra i ragazzini e rovina le loro vite” ha dichiarato al New York Post uno studioso locale”. Sono stati diffusi video in cui si vede Goodam che porta ragazzini di notte in casa sua, e il New York Post ha dedicato vari articoli allo scandalo. Fin qui, abituali storie di orrore. Ma è il seguito che ci sembra interessante.

Scrive “TheMediaReport.com”: “Tuttavia un organo sul quale non troverete nulla di tutto questo è il New York Times, anche se questi crimini disgustosi sono avvenuti proprio nel suo cortile. E’ un altro caso di ‘non la Chiesa cattolica’? Sembra proprio di sì. Il Times non è mai stato timido nello strombazzare casi, allegando accuse di abuso da parte di preti cattolici accadute decine di anni fa. Proprio la scorsa settimana, per esempio, ha riportato una storia, non confermata, secondo cui un arcivescovo in Irlanda, che è morto nel 1973,era stato oggetto di un accusa di abuso anni dopo la sua scomparsa. Un caso lampante di doppio standard? Assolutamente. Davvero dobbiamo chiedere giustizia e compassione per le vittime degli abusi sessuali dei preti. Ma chiediamo equità, giustizia e prospettiva nel riferire sugli abusi della Chiesa cattolica. E il New York Times continua a non fare nulla di tutto questo”.



e poi:

http://federiciblog.altervista.org/2011/12/14/la-pedofilia-in-casa-ebraica/

Nessun commento:

Posta un commento