ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

venerdì 6 luglio 2012

Quà la mano!

Papi e strette di mano

chiesa con occhio
Nel seguente video girato a Berlino il 22 settembre 2011, è visibile Papa Ratzinger durante la presentazione della Curia Romana al Presidente della Repubblica tedesco.  Mentre si accinge a salutare il gruppo di alti dignitari che attende il suo passaggio si intravede una particolare stretta di mano..Dal fermo immagine del filmato sembra che si tratti del saluto massonico, un fatto che per quanto possa apparire strano non costituisce  di per sé alcuna novità…
papa

Nell’immagine vediamo una delle più diffuse strette di mano massoniche.
Un segno convenuto che serve ai confratelli della massoneria per identificarsi tra loro anche durante cerimoniali pubblici.
Stretta di mano massonica tra Papa Ratzinger e Tony Blair
Come testimoniano le foto di Papa Montini e di altri capi della chiesa cattolica, Joseph Ratzinger non è affatto il primo Papa che utilizza i segni convenuti della massoneria. Basti sapere che persinoIgnazio Loyola, ovvero il fondatore del controverso ordine dei Gesuiti (soppresso e riabilitato più volte a causa di comportamenti sovversivi) proveniva direttamente dalle fila degli Illuminati spagnoli, i c.d. Alumbrados. Non è quindi un caso se anche Adam Weshaupt, lo storico fondatore degli Illuminati di Baviera (1766) proveniva proprio dallo stesso ordine dei Gesuiti creato da Loyola nel lontano 1534.
locchio-che-tutto-vede-dei-gesuiti-L-wVL-u4
L’occhio onniveggente massonico compare tra i simboli propri dei Gesuiti. L’immagine a sinistra si riferisce ad un Ducato tedesco del 1616.
Cappella Chigi di Roma basilica S.Maria Maggiore
L’occhio onniveggente della massoneria ben visibile nella Basilica di S. Maria Maggiore di Roma, Cappella Chigi.
Sala interna Grande Oriente di Francia
dollaro 500 gravne ucraine
Il simbolo dell’occhio onniveggente è presente anche sulla banconota americana da un dollaro e sulle 500 grivne ucraine.

Nessun commento:

Posta un commento