ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 25 aprile 2013

Chi dice cosa?


«Francesco usa un linguaggio semplice, ma è un fine intellettuale»

Papa Francesco
PAPA FRANCESCO
                                                      continua su:



Intervista con Virginia Bonnard, la giornalista argentina che ha seguito per diversi anni Bergoglio come ufficio stampa

ANDRÉS BELTRAMO ÁLVAREZCITTÀ DEL VATICANO

Jorge Mario Bergoglio non è mai stato un populista: i suoi gesti e la sua vicinanza con i fedeli devono essere interpretati nel modo giusto. Papa Francesco, in realtà, è un fine pensatore e nonostante si sforzi di essere semplice, il suo pensiero è molto profondo. Ne è convinta Virginia Bonnard, giornalista che ha collaborato diversi anni come ufficio stampa dell’arcivescovo di Buenos Aires. In questa intervista con Vatican Insider parla della  personalità e del messaggio del Pontefice argentino.


La Chiesa, se cede alla burocrazia, ha detto Papa Francesco, 
corre il pericolo di trasformarsi in una ong. E la Chiesa non è una ong. E' una storia d'amore ... Ma ci sono quelli dello Ior scusatemi, eh! .. tutto è necessario, gli uffici sono necessari eh, va be'! Ma sono necessari fino ad un certo punto: come aiuto a questa storia d'amore. Ma quando l'organizzazione prende il primo posto, l'amore viene giù e la Chiesa, poveretta, diventa una ong. E questa non è la strada.
Non si può più pretendere dal Vicario di Cristo che parli fluentemente in latino ciceroniano - per carità, non siamo all'epoca di Leone XIII o di Pio XII - ma almeno che sappia articolare una frase in italiano. O si chiede troppo?

Nessun commento:

Posta un commento