ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 23 luglio 2015

Mama sua e loro

 


Il Cardinale Gianfranco Ravasi partecipa al culto della dea pagana "Pacha Mama"

Il Cardinale Gianfranco Ravasi partecipa al culto della dea pagana "Pacha Mama"
Nel 202, un decreto dell'imperatore Settimio Severo (193-211) aveva proibito a tutti i cittadini dell'impero di diventare cristiani, chiunque avesse disobbedito sarebbe stato soggetto a pene severe.
Il padre di Perpetua era pagano, mentre sua madre e due suoi fratelli erano cristiani, uno di loro era anche catecumeno. Il terzo fratello, il giovane Dinocrate, morì ancora bambino.
Dopo il loro arresto, e prima di essere condotti in prigione, i cinque catecumeni furono battezzati. Perpetua e Saturo lasciarono dei fedeli e puntuali resoconti delle sofferenze e dei patimenti durante la prigionia, il tentativo del padre di Perpetua di indurla all'apostasia, le loro visioni e tutte le vicissitudini prima della loro esecuzione.

Poco dopo la morte dei cinque martiri, un cristiano zelante ha aggiunto a questi documenti preziosi anche il racconto dell'esecuzione.
Il buio e l'atmosfera oppressiva della prigione spaventarono molto Perpetua, che era anche molto in ansia per la vita del suo bambino. Due diaconi, corrompendo il carceriere, riuscirono a far visita ai prigionieri, alleviandone un po' le sofferenze. Anche la madre ed il fratello catecumeno fecero visita a Perpetua, che poté riabbracciare e nutrire il suo bambino, tenendolo in cella con sé.
Perpetua ebbe anche una visione, in cui saliva su una scala fino a raggiungere un prato verde, in cui pascolava un gregge di pecore. Dopo questa visione, capì di essere prossima al martirio.
Pochi giorni dopo il padre di Perpetua, avendo saputo che il processo stava per avere luogo, si recò in visita alla prigione, supplicando la figlia di non infangare il suo nome, ma Perpetua restò salda nella sua fede. Il giorno seguente i sei catecumeni furono processati dinanzi al procuratore Ilariano. Tutti e sei professarono con forza la loro fede cristiana, il padre di Perpetua, portandole il figlio, tentò nuovamente di indurla all'apostasia, perfino il procuratore fece delle rimostranze verso di lei, ma invano. Perpetua rifiutò di fare sacrifici agli dei per la salute dell'imperatore. Suo padre fu allontanato con la forza dal procuratore e fustigato.
I sei catecumeni furono condannati ad essere sbranati da belve feroci.
Sempre secondo le leggende agiografiche, in una visione Perpetua vide il suo fratellino Dinocrate, morto alla tenera età di 7 anni, dapprima triste e sofferente e subito dopo sano e felice; in un'altra visione vide se stessa impegnata in una lotta vittoriosa contro un etiope selvaggio, le fu subito chiaro che non avrebbe lottato contro belve feroci, bensì contro il diavolo.
Anche Saturo tramandò per iscritto le sue visioni: in una di esse era trasportato insieme con Perpetua da quattro angeli in uno splendido giardino, dove incontrarono altri martiri cristiani, vittime della persecuzione e delle loro stesse sofferenze: Giocondo, Saturnino, Artaio, e Quinto. Nella visione vide anche il vescovo Ottato di Cartagine ed il sacerdote Aspasio che implorarono i martiri per la riconciliazione. Frattanto si stava avvicinando la festa del natale del cesare Geta, in occasione della quale i cristiani condannati dovevano lottare contro bestie feroci, durante i giochi militari, a tal fine vennero trasferiti dalla prigione nell'arena. Il carceriere Pudete che aveva imparato a rispettare i catecumeni, permise ad altri cristiani di far loro visita. Il padre di Perpetua andò a trovarla tentando invano di dissuaderla.
Secundo, uno dei catecumeni, morì in prigione. Felicita, che quando fu arrestata era all'ottavo mese di gravidanza, era persuasa che non l'avrebbero sottoposta al martirio insieme agli altri, dal momento che la legge vietava l'esecuzione di donne incinte. Invece due giorni prima dell'inizio dei giochi diede alla luce una bambina, che venne adottata da una donna cristiana.
Il 7 marzo, durante uno spettacolo castrense per celebrare il compleanno del cesare Geta, figlio di Settimio Severo, i cinque catecumeni furono condotti nell'anfiteatro. In seguito alla richiesta della folla, furono dapprima fustigati, poi un cinghiale, un orso e un leopardo furono aizzati contro gli uomini, ed una mucca selvaggia contro le donne. Feriti dalle bestie feroci si baciarono per l'ultima volta prima di essere uccisi. I loro corpi furono sepolti a Cartagine.

www.cassiciaco.it/…/perpetua.html

Ed oggi un principe di Santa Romana Chiesa rende onore ai falsi dei !

Domine, miserere nobis!
Sanctae Perpetua et Felicitas Sancta Agnes , Omnes sancti martyres. orate pro nobis

Francesco I
     
https://gloria.tv/media/8mgXZmYT2NB


Vescovi discussi: Galantino e Mogavero



Mi si chiede un parere su certe posizioni espresse da questi due Vescovi che hanno destato sorpresa.
Ebbene, a quanto pare, tutto si riduce a “modi di dire”.
Galantino si è lasciato andare a dire “i sacrosanti diritti” riferendosi alle cosiddette unioni “civili”, ma non va preso sul serio: è un modo di dire piuttosto usato, un’esagerazione tollerabile. Si riferiva a diritti di tipo economico e di pietà umana.
Mogavero si è lasciato andare ad una tirata “antitradizionalista”, forse punzecchiato da una fastidiosa situazione locale. Per me, così lontano, è difficile rendermi ben conto. Ma ho sentito dire che egli è sotto inchiesta per questioni amministrative e allora perché agitarsi? Non è meglio star calmi e aspettare l’esito dell’inchiesta?
Certo i Prelati devono sapere che i giornalisti cercano sempre di “rivendere” per i loro interessi.

Don Ennio Innocenti
http://www.fraternitasaurigarum.it/wordpress/?p=689


Abusi liturgici. Le foto

Il sito tedesco “Pius.info” nella sezione Bild der Woche (Foto della settimana) da tempo denuncia tutta una serie di abusi liturgici in Germania e non solo.


Ne abbiamo raccolte alcune, ma l’elenco sarebbe lungo…
***
Link sorgente delle immagini:

Nessun commento:

Posta un commento