ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 17 dicembre 2015

Torna al lavoro, Francesco!

Gli ebrei sono portatori della parola di Dio?

DEROGA: SECONDO IL NEO-VATICANO, GLI EBREI POSSONO OTTENERE LA SALVEZZA ETERNA SENZA DIVENTARE CRISTIANI. TROPPO FIGO![1]


Una commissione teologica del Vaticano[2], ha valutato, giovedì 10 dicembre, che gli ebrei possono ottenere la salvezza eterna senza diventare cristiani, e ha invitato i cristiani a non cercare di convertirli. Cinquant’anni dopo la dichiarazione “Nostra Aetate”, che ha messo fine a secoli di disprezzo e ha aperto al dialogo, questa commissione teologica è così andata un po’ più lontano di Benedetto XVI, che si era pronunciato, in un libro del 2011, contro ogni tentativo di convertire gli ebrei.

“Gli ebrei sono portatori della parola di Dio”.

Benché gli ebrei non possano credere in Gesù Cristo come redentore universale, hanno un ruolo nella salvezza”, ha assicurato la commissione, senza andare oltre. La Chiesa ritiene in effetti che la salvezza possa venire solo dalla fede in Gesù, figlio di Dio, morto e resuscitato, e che i cristiani sono chiamati a diffondere questa fede nel mondo intero.

Ma i cattolici devono comprendere questo appello “in modo differente” per gli ebrei e testimoniare verso la loro fede “con umiltà e sensibilità, riconoscendo che gli ebrei sono portatori della Parola di Dio e tenendo presente la grande tragedia della Shoah”, ha spiegato la commissione, con un’allusione alla responsabilità dell’insegnamento della Chiesa nella diffusione dell’antisemitismo in Europa. “Ciò significa concretamente che la Chiesa cattolica non conduce né incoraggia alcuna missione istituzionale rivolta specificamente agli ebreiha insistito la commissione.



COMMENTO DEL CLAN DEI VENEZIANI

Questa nuova posizione del Vaticano è ancora un po’ antisemita. Come sarebbe che gli ebrei POSSONO ottenere la salvezza eterna? Sarebbe più corretto dire che HANNO OTTENUTO in anticipo un posto in Paradiso. Torna al lavoro, Francesco!

Nessun commento:

Posta un commento