ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 25 aprile 2019

Via electoralis

Via Crucis 2019: dopo la seconda stazione eravamo scioccati…


Lo confessiamo… quest’anno siamo rimasti senza parole per molte segnalazioni ricevute a riguardo delle tante Vie Crucis del Venerdì Santo che a tutto somigliavano, fuorché alla “Via Crucis”. Tema centrale per tutte, a quanto pare, è sembrato una sorta di richiamo vincolante per tutte le diocesi: Il Migrante. E Gesù Cristo? Tranquilli, Lui c’è sempre, magari stilizzato, senza la croce, col pollicione, sorridente mentre va a salvare dei migranti su una spiaggia… sì, ci è stato raccontato anche questo: un gommone ai piedi dell’altare con dentro una croce con un “cristo” “STILIZZATO” per l’Adorazione del Venerdì Santo….. (??)

Perché ora, anche il Venerdì Santo – dopo la devastazione liturgica della Messa – non poteva rimanere come era, dedicato alla PASSIONE DI GESU’ CRISTO morto per noi, no! Troppa ombra per i migranti, ecco le espressioni usate da un sacerdote alla meditazione della Passio: “quel Cristo così sanguinante,  non ci deve far dimenticare i nuovi crocifissi di oggi…” (??) e quindi? Quindi niente Crocefissi sanguinanti, è stata presa una croce di legno e sopra sono state messe le foto di migranti…. con questa è stata fatta la Via Crucis.
Vi lasciamo ora con la descrizione dettagliata di un’altra Via Crucis – anche se non del Venerdì Santo ma del 12 aprile – che ci è stata gentilmente inviata insieme all’audio che, purtroppo, non si sente molto bene, ma noi lo inseriamo ugualmente. Come vedete non commentiamo, certe cose si commentano da sole, per chi ha ancora un briciolo di Fede e soprattutto “buon senso”…

_01 Via Crucis Santi 12Via Crucis Venerdí Santo 12 aprile
  1. PASQUA 2019
Buongiorno, sono un Cattolico dalla nascita, cresciuto con una fede semplice ma genuina, trasmessa dalla famiglia, radicata ai tempi liturgici che arricchiscono l’anno. Amo la Santa Madre Chiesa e la S.ta Madre Celeste, che ancora tiene me e la mia Famiglia, legati alla Fede, malgrado molte sofferenze causate dalla miseria umana presente nella Chiesa.
Scrivo questa mia esperienza per capire ed avere una risposta a quello che sta capitando da tempo nelle nostre parrocchie, diocesi e purtroppo anche in vaticano.
Venerdì 12 Aprile, circa 10 giorni prima della S.ta Pasqua, io e la mia famiglia ci rechiamo nella nostra cattedrale, per vivere insieme alla comunità locale, la “Via Crucis”, in preparazione della S. Pasqua.
Come tutti gli anni ci predisponiamo con il cuore, partendo da casa e lungo il tragitto, ad un momento di riflessione e di compunzione interiore, per vivere meglio la celebrazione.
Arrivati in cattedrale, troviamo un ambiente molto chiassoso e distratto, e come se non bastasse, in fondo alla chiesa, che non era comunque molto gremita, vi era un ex ministro dello scorso governo, che fra molti saluti viene fermato chiassosamente da un suo probabile simpatizzante politico, che gli dice testuali parole (a voce alta e tuonante): “Spero che torniate presto al potere!”. L’atmosfera era surreale ed indecorosa, sembrava di stare ad un comizio.
Cerchiamo di ritrovare un poco di silenzio interiore a fatica, ma finalmente inizia la celebrazione con un canto introduttivo. Il vociare si affievolisce e lascia spazio, finalmente al vero protagonista della serata: Gesù.
…purtroppo le aspettative svaniscono a breve!
Lo schema della via crucis:
Annuncio della stazione;
Si promuove il rappresentante dell’associazione (tutte associazioni impegnate sul sociale) che porta la croce nella stazione;
Il canto “Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo…”;
Preghiera di intercessione per…;
Vangelo di riferimento della stazione;
Riflessione politica;
“Preghiera”;
Il canto “Lode a te o Cristo Re di eterna gloria”;
Dopo 2 stazioni, guardo mia moglie che come me era scioccata, e ci accorgiamo di alcune incongruenze evidenti dal punto di vista liturgico-celebrativo (secondo la nostra esperienza di fedeli).
Mancavano dopo ogni stazione: 1 Pater, Ave e Gloria. Santa Madre, deh! Voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore (non veniva recitato) insomma , ci sembrava di vivere una cozzaglia di riflessioni e consigli, anche ideologicamente scorretti e lontani dalla FEDE.
In compenso erano state aggiunte alle stazioni, intenzioni di preghiera esclusivamente socio-politiche, che in nessun modo conducevano ad un migliore approccio spirituale e riconducibili alla passione (non si parlava di peccato, compunzione e perdono)
Dopo la 2° stazione decido di attivare la registrazione, che non sapevo ancora come avrei utilizzato, ma semplicemente per il fatto che ero sconvolto ed incredulo. Mi sembrava di stare ad un comizio elettorale della sinistra, che voleva diffondere in quel momento il suo messaggio/comando (se ascoltate l’audio) al popolo di Dio che in quel momento era con il cuore attento, approfittando della loro buona fede. Guardavo la gente attorno a noi che ascoltava in modo indifeso tutte queste parole, ed ero sconvolto. Questo non è il messaggio di Gesù, mi ripetevo…volevo quasi ribellarmi a tutto questo. La sofferenza di me e la mia famiglia era tanta, e poi pensavo a Gesù….
Stazione dopo stazione la sfilata di Ideologie e finti richiami al dovere di cristiani andava avanti; tutti i punti cruciali sono stati toccati:
Diritti dei migranti (Soros e le sue propagande),Violenza e femminicidio, Bullismo e cyber-bullismo(non il gender, niente contro l’aborto), individui che non vogliono usare il servizio sanitario per non essere denunciati, prostituzione (6° Stazione, non fa riferimento nemmeno al vangelo di riferimento della via crucis!!!), spreco alimentare(anche qui, nella 7° stazione non vi è stato un riferimento al vangelo della via crucis e della salita al Calvario e morte di Gesù), libertà di pensiero, Banche-Usura, vittime della mafia(alla stazione della crocefissione di Gesù), …i poi molti messaggi nascosti fra le parole.
Quando si parla di diritti pare che si parli di diritti legali (anche nel modo in cui vengono presentati) più che di diritti di fatto-morali.
Poi la “Via Crucis” si è conclusa con una Omelia del nostro Vescovo.
Poteva essere, anzi doveva essere un momento di riflessione importante per la nostra vita personale e comunitaria alla luce di Cristo sofferente, agnello immolato volontariamente per la nostra salvezza, ed invece, è stato un’occasione di indottrinamento ideologico.
Il giorno seguente dopo aver contattato, con ancora il cuore provato, per la sera precedente, alcuni sacerdoti di mia conoscenza, ho avuto la notizia da uno di loro di tutto rispetto e degno di credibilità (che ricopre diversi ruoli) che la CEI ha inoltrato una lettera alla diocesi, premurandosi che la via crucis venisse eseguita come nello specifico   veniva illustrato nella medesima, seguendo esplicitamente la scaletta. Questo sacerdote mi confidò anche che alcune persone, fra cui alcuni seminaristi, gli avevano confidato alcune perplessità sullo svolgimento della Funzione, imposto dalla CEI.
Visto il modo stesso in cui La CEI, tramite il suo giornale “Avvenire”, si pone e si occupa spesso dei temi politici, e con molti Vescovi si dispone a schierarsi verso fazioni politiche, piuttosto che a difendere valori e realtà vitali come la famiglia (vedi ultimo congresso della Famiglia), la quale è unico pilastro della società, non mi stupisco di apprendere queste notizie.
Mi sono messo in gioco, scrivendo questa breve testimonianza, perché sono stanco di vedere pastori che non fanno le guide e pecore che si perdono nel mondo e nelle sofferenze perché chi dovrebbe guidarle pensa ad altro! Ad essere attraente per conquistare approvazione, a vendersi a modi di esprimersi mondani ed inadeguati per piacere ai lontani, non accorgendosi che perdono credibilità agli occhi dei vicini e dei più lontani.
Gesù non ammorbidiva le sue parole per svendere il Regno del Padre! Al contrario…. Ma se mi sbaglio correggetemi.
Un caro saluto ed un abbraccio a tutti i cattolici che come voi e tanti altri, soffrono per la mancanza di Verità, e grazie a voi della redazione che vi prodigate nel tenerci legati alla Dottrina e tradizione millenaria della nostra Santa Madre Chiesa Cattolica Romana!
Segue l’audio:
Audio Player

Nessun commento:

Posta un commento