ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

lunedì 3 febbraio 2020

Cari cattolici in pantofole il tempo dell’Anticristo è arrivato

LE PROFEZIE SULL'ANTICRISTO


Di che stupirsi? Era stata predetta ogni cosa. Cari cattolici in pantofole il tempo dell’Anticristo è arrivato. Mentre Gesù Cristo viene offeso, dileggiato e bestemmiato da che parte volete stare: col Signore o coi suoi nemici? 
di Francesco Lamendola  


 http://www.accademianuovaitalia.it/images/gif/chiesa/0-CRISTO-OK-200.gif

Gesù fa un po’ lo scemo… Ci trema la mano nel riportare queste parole, ma è giusto e doveroso ricordarle a tutti i cattolici: sono le precise parole adoperate da Bergoglio per commentare l’episodio di Gesù e la donna adultera. Gesù fa un po’ lo scemo… Il vicario di Cristo, o colui che si fa passare per tale, adopera una simile espressione, davanti a tutti, e nessuno balza in piedi, nessuno si straccia le vesti, nessuno grida: Ha bestemmiato!

 Il sito vaticano si è affrettato a modificare l’espressione con quella, lievemente meno brutale, fa il finto tonto, ma c’è la registrazione a documentare la bestemmia. E che Bergoglio abbia voluto deliberatamente offendere il Figlio di Dio e, al tempo stesso, abbia voluto intenzionalmente scandalizzare i fedeli, turbarli, addolorarli, amareggiarli, lo confermano altre espressioni da lui usate nel corso dello stesso discorso. Fra l’altro, ha affermato che Gesù, in quell’occasione, salvando la donna dalla lapidazione, ha mancato verso la morale; che Gesù non era uno pulito (alla lettera!); e poi, già che c’era, che una grande maggioranza dei nostri matrimoni sacramentali sono nulli, mentre tante convivenze sono matrimoni veri, così da spandere letame a piene mani sul Sacramento cristiano del Matrimonio e legittimare quel che matrimonio non è. E nessuno è insorto; nessuno gli ha gridato: Come osi dire queste parole?; anzi, i suoi fedelissimi hanno steso un muro compatto attorno a lui, per difenderlo; e non manca mai il padre Pasquale di turno a blaterare che sì, va tutto bene così, omnia munda mundis: sono gli altri, prevenuti e in malafede, sono i suoi critici che interpretano con cattiveria le sue parole, mentre lui è un papa magnifico, non ha detto niente di male, dalle sue labbra escono solo perle di cristiana saggezza.

 http://www.accademianuovaitalia.it/images/0-03MISTI/000-ANTICATTOLICO.jpg
 Bergoglio ha bestemmiato più volte e ha profanato le cose più sacre del cristianesimo! E poi quale compassione può esserci in un uomo consacrato il quale afferma apertamente che Dio è ingiusto?

Questo è solo un esempio, uno dei cento e cento casi che potremmo citare, nei quali Bergoglio ha bestemmiato, ha profanato le cose più sacre del cristianesimo; mentre sul piano teologico non ha trascurato alcuna occasione, alcuna possibilità per incrinare e stravolgere la vera dottrina, fino al punto di insinuare che Gesù, in fin dei conti, era solo un uomo quando viveva sulla terra. Il che significa annullare il significato dell’Incarnazione; il significato della divina Concezione di Maria Vergine; il significato della sua Passione, Morte e Resurrezione; il significato dell’intero Vangelo. Se Gesù era solo un uomo, il peccato non è stato rimesso (sulle Sue spalle) e noi ne rimaniamo  prigionieri. Come dice san Paolo (1 Corinzi, 15, 12-19):
Ora, se si predica che Cristo è risuscitato dai morti, come possono dire alcuni tra voi che non esiste risurrezione dei morti? Se non esiste risurrezione dai morti, neanche Cristo è risuscitato! Ma se Cristo non è risuscitato, allora è vana la nostra predicazione ed è vana anche la vostra fede. Noi, poi, risultiamo falsi testimoni di Dio, perché contro Dio abbiamo testimoniato che egli ha risuscitato Cristo, mentre non lo ha risuscitato, se è vero che i morti non risorgono. Se infatti i morti non risorgono, neanche Cristo è risorto; ma se Cristo non è risorto, è vana la vostra fede e voi siete ancora nei vostri peccati. E anche quelli che sono morti in Cristo sono perduti. Se poi noi abbiamo avuto speranza in Cristo soltanto in questa vita, siamo da compiangere più di tutti gli uomini.

http://www.accademianuovaitalia.it/images/0-03MISTI/000-SUPER_DIAVOLO_BERGOGLIO.jpg
 Cari cattolici in pantofole il tempo dell’Anticristo è arrivato. Mentre Gesù Cristo viene offeso, dileggiato e bestemmiato da che parte volete stare: col Signore o coi suoi nemici?

E che dire dell’insegnamento morale di Bergoglio? (Il concetto, peraltro, è in se stesso assurdo e anticattolico, perché i papi non hanno una loro dottrina morale da predicare, devono semplicemente custodire e diffondere la dottrina morale della Chiesa, in piena fedeltà al Vangelo.) In un’altra circostanza, durante un’udienza della Comunità del Bambino Gesù, nel dicembre 2016, fra le altre cose si è permesso di dire, e le sue parole sono state servilmente riprese, senza batter ciglio, dal giornale Avvenire, organo della Conferenza Episcopale Italiana:
Non c’è una risposta alla morte dei bambini. Io non ho una risposta, credo sia bene che questa domanda rimanga aperta. (…)  Nemmeno Gesù ha dato una risposta a parole. (…) Di fronte ad alcuni casi, capitati allora, di innocenti che avevano sofferto in circostanze tragiche, Gesù non fece una predica, un discorso teorico. Si può certamente fare, ma Lui non lo ha fatto.
(…) Dio è ingiusto? Sì, è stato ingiusto con suo figlio, l’ha mandato in croce. Ma è la nostra esistenza umana, la nostra carne che soffre in quel bambino, e quando si soffre non si parla: si piange e si prega in silenzio.

http://www.accademianuovaitalia.it/images/GALLERY/00-GALLERY-FRANCESCO-manifesto.jpg
Di che stupirsi? Era stata predetta ogni cosa: Roma perderà la fede e diventerà la sede dell'anticristo. L’opera del diavolo si insinuerà anche nella Chiesa in una maniera tale che si vedranno cardinali opporsi ad altri cardinali, vescovi contro vescovi!

Queste parole atroci, che fanno a pezzi duemila anni di dottrina morale della Chiesa, che distruggono la speranza di tante persone e gettano nello sconforto i malati e tutti quelli che hanno perso una persona cara, sono state proferite impunemente da un signore vestito di bianco che dicono essere il papa: e nessuno ha protestato. Le ha pronunciate davanti a centinaia di bambini malati e di infermieri che vivono quotidianamente in mezzo alla sofferenza dei piccoli, ammantandole di un velo di finta compassione verso questi ultimi; ma quale compassione può esserci in un uomo consacrato il quale afferma apertamente che Dio è ingiusto? Quale speranza possono dischiudere nei cuori simili affermazioni? E cosa dovrebbero pensare i fedeli, sentendo quel signore che dice (28 novembre 2015), parlando della Via Crucis, che essa è la storia del fallimento di Dio? Si saranno chiesti: ma abbiamo sentito bene? Torniamo ad ascoltare questa frase terribile, che può uscire solo dalla  bocca di chi non crede in Dio, di chi non ha capito nulla del cristianesimo, oppure, come a noi sembra più probabile, di chi vuole annientare la speranza nella sapienza, nella giustizia e nell’amore di Dio verso gli uomini, e seminare il massimo della confusione e del turbamento tra i fedeli, per meglio procedere nella sua opera malvagia di distruzione della fede: la Passione di Gesù Cristo è la storia del fallimento di Dio. Eppure, anche in questo caso, nessuno è insorto, nessuno ha protestato; nessun giornale cattolico, nessun teologo, nessun sacerdote, tranne i soliti, pochissimi che per tempo hanno aperto gli occhi, ha rilevato una simile enormità. E la ragione, a nostro avviso, non può essere che questa: i cattolici, adagiati da sempre in una vita di compromesso tra la loro fede e il modo di essere del mondo, anzi abituati a sacrificare la loro fede, all’atto pratico, ogni qualvolta essa entra in conflitto coi modi di pensare e di sentire del mondo, preferiscono cullarsi nella comoda illusione che il papa non può bestemmiare, non può dire eresie, non può essere apostata; e quindi che deve esistere una diversa spiegazione. Forse hanno capito male, forse bisogna contestualizzare meglio, insomma sono più che disposti ad arrampicarsi sugli specchi pur di non dover fare i conti con la realtà: ossia che questo papa, ammesso che sia legittimo papa (noi non lo crediamo; ma ammettiamo, per amore d’ipotesi, che lo sia), ha bestemmiato, ha apostatato e si è macchiato pervicacemente di eresia. Del resto, basta domandarsi: ma perché mai il papa non può bestemmiare, non può dire eresie, non può essere apostata? In realtà, non c’è alcuna ragione valida. Una simile convinzione nasce solo dalla pigrizia, dalla pusillanimità e dal desiderio di quieto vivere: meglio fare come lo struzzo, nascondere la testa sotto la sabbia, piuttosto che guardare le cose in faccia e chiamarle con il loro nome.

http://www.accademianuovaitalia.it/images/BALDISSERA/0-PREGA.jpg
Oggi un signore vestito da papa offende e bestemmia Gesù Cristo quasi ogni giorno: cosa dovrebbero pensare i fedeli, sentendo quel signore che dice (28 novembre 2015), parlando della Via Crucis, che essa è la storia del fallimento di Dio?

Nel suo terzo messaggio a suor Agnese Sasagawa, il 13 ottobre 1973, nella sua ultima apparizione, la Vergine Santissima disse (da: https://profezie3m.altervista.org/ptm_akita.htm):
Come ti ho detto, se gli uomini non si pentiranno e non miglioreranno se stessi, il Padre infliggerà un terribile castigo su tutta l’umanità. Sarà un castigo più grande del Diluvio, tale come non se ne è mai visto prima. Il fuoco cadrà dal cielo e spazzerà via una grande parte dell’umanità, i buoni come i cattivi, senza risparmiare né preti né fedeli. I sopravvissuti si troveranno così afflitti che invidieranno i morti. Le sole armi che vi resteranno sono il Rosario e il Segno lasciato da Mio Figlio. Recitate ogni giorno le preghiere del Rosario. Con il Rosario pregate per il Papa, i vescovi e i preti.
L’opera del diavolo si insinuerà anche nella Chiesa in una maniera tale che si vedranno cardinali opporsi ad altri cardinali, vescovi contro vescovi. I sacerdoti che mi venerano saranno disprezzati e ostacolati dai loro confratelli… chiese ed altari saccheggiati; la Chiesa sarà piena di coloro che accettano compromessi e il Demonio spingerà molti sacerdoti e anime consacrate a lasciare il servizio del Signore. Il demonio sarà implacabile specialmente contro le anime consacrate a Dio. Il pensiero della perdita di tante anime è la causa della mia tristezza. Se i peccati aumenteranno in numero e gravità, non ci sarà perdono per loro.

http://www.accademianuovaitalia.it/images/00-CARTOLINE/0-VIA-VITA-JESUS-aforismi.jpg
 Gesù fa un po’ lo scemo… Ci trema la mano nel riportare queste parole, ma è giusto e doveroso ricordarle a tutti i cattolici: sono precise parole adoperate da Bergoglio!


Di che stupirsi? Era stata predetta ogni cosa 
di Francesco Lamendola

continua su



Nessun commento:

Posta un commento