ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

venerdì 27 luglio 2012

I MESSAGGI DELLA GOSPA E DEI "VEGGENTI" DI MEDJUGORJE SONO CATTOLICI?



Pontifex.RomaIn attesa delle decisioni della Santa Sede sulla "vicenda Medjugorje", anche oggi tornerò a parlarvi di alcuni luoghi comuni che, ormai quasi per dogma, sembrano essere universalmente accettati. Ieri vi ho scritto dei divieti della Chiesa cattolica verso ogni forma di pellegrinaggio, sia pubblico che privato, se si presuppone l'autenticità delle apparizioni, quindi la credibilità dei "veggenti"; l'ho fatto non esprimendo pareri personali ma riportando esclusivamente i documenti della Congregazione per la Dottrina della Fede, della Conferenza Episcopale Jugoslava e della Diocesi di Mostar-Duvno. Per chi non ha avuto modo di leggere l'articolo questo è il LINK. Assodato, quindi, che per la Chiesa cattolica ogni forma di pellegrinaggio a Medjugorje è vietata - se presuppone l'autenticità delle apparizioni -, oggi vorrei presentarvi alcuni documenti che sembrano dimostrare la non attendibilità dei messaggi della Gospa, talvolta puerili, fino ad essere prossimi all'eresia. Perché la pubblicazione di questo documento?

Il motivo è molto semplice ed è dato dal fatto che i "medjugorjani" sono stati particolarmente abili a diffondere questa affermazione: "i messaggi sono cattolici e buoni".
Da ciò che oggi leggerete, invece, sembra emergere una realtà ben diversa; premetto che oggi è solo la prima puntata che dedicherò all'argomento, nondimeno - a Dio piacendo - vi garantisco che pubblicherò numerosi altri estratti molto esplicativi.
Eviterò di aggiungere commenti personali per motivi di ossequio verso la Commissione; altresì ricordo che qualsivoglia decisione prenderà la Santa Sede noi cattolici siamo tenuti ad attenerci sebbene, trattandosi di "private rivelazioni", non abbiamo alcun vincolo.
LE DEVIAZIONI DI MEDJUGORJE
Il Vescovo di Mostar-Duvno, il 25 gennaio 2010, così si esprime: 
Introduzione
Recentemente, dopo la visita „privata" a Medjugorje, l'arcivescovo di Vienna, card. Christoph Schönborn ha dichiarato che nel discernimento del fenomeno, oltre che degli elementi positivi, bisogna tener conto anche di „alcune questioni aperte“.[1] In questo articolo riportiamo proprio alcune cose „dubbiose“, risposte errate o eresie, cioè errori dottrinali scritti nella Cronaca delle apparizioni della parrocchia di Medjugorje e in alcuni altri scritti legati al „fenomeno di Medjugorje“. L'originale della Cronaca si trova nell'archivio dell'Ufficio parrocchiale di Medjugorje, e la copia nella Curia diocesana di Mostar. Non ci meravigliamo che i „giovani di Medjugorje“ d'un tempo attribuiscano alla Beata Vergine Maria la loro scienza dottrinale imperfetta, ma ci meravigliamo di come i sacerdoti, vicari parrocchiali dell'epoca a Medjugorje, fra Tomislav Vlašić (che redige la Cronaca dall'11 settembre al 31 agosto 1984) e fra Slavko Barbarić (che continua dal 2 settembre 1984 ed è deceduto nel 2000) abbiano potuto registrare tali frasi sospette ed eretiche. Come se avessero presupposto non solo che si trattasse delle nuove conoscenze che sarebbero state adottate dalle singole persone e dai gruppi di fedeli che anelano ai „miracoli“ e alle „guarigioni“, ma che anche la stessa Chiesa avrebbe cambiato la sua dottrina biblica e magisteriale! Abbiamo già visto vari giochi circa il „grande segno“ come anche le novità circa il cambiamento del calendario liturgico relativamente alla  nascita della Madonna. Di queste annotazioni o manifeste menzogne nel contesto del fenomeno di Medjugorje ha scritto con argomenti il vescovo Pavao Žanić a più riprese:
- Nel Supplemento alle „Informazioni“ del 1982;
- nella „Posizione attuale (non ufficiale) della Curia diocesana“, del 1984;
- nella „Dichiarazione su Medjugorje“ a Medjugorje, nel 1987;
- nel libretto „La verità su Medjugorje“ nel 1990 (in italiano, tedesco, inglese e francese).
Qui ci limitiamo solo alle deviazioni lapalassiane che sono registrate dai cronisti di Medjugorje come „rivelazioni“ e „messaggi“, inviatici tramite i singoli „veggenti“. 
1 - I „veggenti“ non devono pregare per se stessi
16. IX. 1981. trasmette il cronista Vlašić: „Ha detto loro pure che non devono pregare per se stessi poiché lei li ha premiati nel modo migliore. Preghino per gli altri.”
- Un tale „messaggio“ non si addice alla Beata Vergine Maria. La Santissima Madre di Dio sa nel modo migliore che nessuna apparizione privata in terra sostituisce la necessità della preghiera a Dio. Questo, del resto, è in contraddizione con  altri „messaggi“ nei quali è spessissimo ricordata la preghiera che include anche i „veggenti“. E lo stesso Gesù, Figlio di Dio e figlio di Maria, ha pregato in primo luogo per se stesso, affinché glorificasse Iddio e il Padre fosse glorificato in lui, affinché eseguisse la volontà del Padre; poi ha pregato per quelli che avrebbero seguito lui e finalmente per quelli che avrebbero creduto nella loro parola (cfr. Gv 17). Se leggiamo attentamente i sacri Vangeli, troveremo molti luoghi in cui Gesù, separato dagli altri, prega il Padre celeste. La Madonna è stata orante per tutta la vita, e ci ha lasciato la più bella preghiera biblica che recitiamo o cantiamo ogni giorno nel Breviario: Magnificat anima mea Dominum!
2 - Le „apparizioni“ di fr. Jozo Zovko
19.  X. 1981. „Jakov e Vicka hanno avuto una visione insolita. La Gospa è venuta alle 18:10. I veggenti allora non hanno pregato. La Gospa ha detto che avrebbe fatto vedere loro fra Jozo Zovko. Jozo è apparso sorridente. Mentre egli era con la Gospa, la Gospa ha chiesto di invitare i ragazzi e i giovani, loro hanno cantato fuori i canti sacri e pregato. La Gospa ha voluto che fra Jozo li vedesse come glorificavano Iddio e lui. Quando sono venuti, la Gospa e fra Jozo li hanno incoraggiati a continuare a pregare e glorificare Iddio.” 
- Lo stesso cronista scrive (11. IV. 1983) che nei primi tempi delle apparizioni  “fr. Jozo ha avuto la visione della BVM e ne ha sentito chiaramente la voce nella chiesa”. È anche lui tra quel centinaio di adolescenti ed adulti che hanno visto la “Gospa”! E qui leggiamo che lui non solo l’ha vista, ma è anche “apparso” insieme a lei, sorridente! L’apparsa invita i ragazzi e i giovani affinché “fra Jozo li vedesse come glorificavano Iddio e lui”?! La gloria e l’adorazione appartengono solo a Dio, alla Madonna spetta la venerazione, anzi super-venerazione, a S. Giuseppe proto-venerazione e a tutti gli altri Santi solo la venerazione. A fra Jozo, secondo l’”apparizione” spetta la “gloria”! Come i “ragazzi” l’hanno trasmesso all’assistente spirituale, non lo sappiamo; il cronista ha così trasmesso al mondo.
3. La seconda „apparizione“ di fra Jozo Zovko
21. X. 1981. Il vicario parrocchiale ha scritto nella Cronaca anche questo messaggio: „Jakov e Vicka dicono di aver visto la Gospa e fra Jozo. Jozo era allegro. I veggenti hanno visto anche il tribunale e un capo nel mezzo (probabilmente il giudice capo). La Gospa ha detto loro che il processo non è finito e continua. Ha detto anche che lui (fra Jozo) non subirà una grave condanna e che essi non si preoccupino per lui, poiché egli è un santo, come ha detto loro anche prima. Ha detto anche che fra Jozo vuole che essi perseverino nella preghiera.”
Nel Diario II,[2] sotto la stessa data Vicka ha similmente scritto: „Un'altra volta io e Jakov abbiamo detto qualcosa con mia sorella su Jozo, magari lo vedessimo oggi, come si sente e cosa sarà di lui. Proprio in quel momento la nostra stanza si è riempita di luce. Allora io e Jakov ci siamo inginocchiati e la Gospa è venuta. Ci ha fatto apparire Jozo. Jozo era allegro e ci sorrideva. Lei ci ha detto di non temere per Jozo, egli è un santo, questo ve l'ho detto già da tempo!“
- Secondo l'“apparizione“ dei ragazzi, il processo di fra Jozo „continua“  (però, la sentenza è stata pronunziata già l'indomani, il 22 ottobre 1981, ciò significa che il giorno prima il processo era finito),  „non subirà una grave condanna“ (è condannato a tre anni e mezzo di prigione), e non si tema per lui - „egli è un santo“. L'apparsa di Medjugorje proclama fra Jozo vivo „un santo“, come l'aveva loro „detto già prima“. Tale „messaggio“ discorda dalla prassi generale nella Chiesa e nella storia delle apparizioni. La vera prudente Vergine evangelica di Nazaret non proclamerà nessuno un santo, specialmente finché egli vive in „questa generazione adultera e peccatrice“ (Mc 8,38), proprio perché non si sa che cosa gli succederà e in quali processi e sanzioni civili ed ecclesiastiche può cadere. Pertanto tali „proclamazioni“ possono essere solo semplici storie infantili.
4 - Quali sono i tre stati celesti?
19. XI. 1981. nella Cronaca si legge: „Dicono che lei li ha condotti nel paradiso che è strabello (luce, gioia, fiori). Nel purgatorio è fosco, mentre l'inferno è pieno di fuoco, i diavoli neri e con la coda. Quando sono tornati, dopo 20 minuti, erano strafelici.”
- Qui lo stesso cronista ci trasmette che gli adolescenti erano in tutti e tre gli stati dell'aldilà, per circa 20 minuti. Nel paradiso strabello, nel purgatorio fosco, nell'inferno con il fuoco e i diavoli neri e caudati. I diavoli sono spiriti maligni e quindi non hanno né colore nero né le code. Gli adolescenti vedono le loro fantasie secondo i racconti degli altri, e ciò trasmettono, e il cronista acritico ce lo riferisce come una apparizione e rivelazione soprannaturale. Il paradiso non li ha toccati, con la sua „luce“ e „fiori“ tanto da volerci restare, poiché quando sono tornati in questa valle di lagrime, erano „strafelici“. 
I membri della Commissione, dr. don Ante Brajko e dr. fra Ivan Dugandžić hanno avuto un colloquio con tre “veggenti” - Vicka, Jakov e Marija - a Medjugorje, il 10 maggio 1982. Ne estraiamo il racconto della loro visione del paradiso, purgatorio e inferno. Questa visione era prima dell’Annunziata del 1982. Probabilmente si tratta di una storia simile a quella che abbiamo già esposto. Almeno per quanto riguarda l’inferno, le frasi concordano: il fuoco, i diavoli caudati e neri. Racconta la “veggente” Vicka:
“Fu proprio prima dell’Annunziata... Jakiša [Jakov] mi dice: ’Ecco la Gospa. Subito lui cadde. La Gospa venne e ci dice: ‘Ora verrete con me’. Dice Jakiša: ‘Io non ci vado... vada Vida [Vicka], loro sono 8. Io sono solo.’ E poi io dissi: ‘Se non va lui, non ci vado neanche io...’ La Gospa è venuta e ci ha preso per le mani quando eravamo nella casa e poi siamo saliti, non c’è soffitto né tegola, niente dappertutto, e in un batter d’occhio siamo subito davanti al paradiso. Lei ci dice: ‘Ora andremo nel paradiso, nel purgatorio e nell’inferno”.
Il paradiso: “Innanzi tutto ci introdusse nel paradiso. Là vi è una porta di legno all’ingresso. Avanzammo per cinque metri. C’è gente. La gente conversa così come noi ora. E noi ci avvicinammo e non è possibile riconoscere nessuno, tutti sono giovani. Non è che posso dire: ‘Quello è morto vecchio o qualcuno è grasso’. Io pensavo che lassù ci fossero delle persone grasse. Ma noi siamo andati su e non ci sono grassi: tutti uguali. Qualcuno è vestito di bianco, qualcuno di gialliccio. Le vesti lunghe. A sinistra vi è un santo alto con le mani allargate. Noi non chiediamo né chi è né che cosa è. Noi lo guardammo e lui ci guardò. E noi passammo e lui sta accanto alla porta. E quando noi entrammo, lei ci fece vedere che là c’è da camminare - noi avanzammo solo cinque metri - c’è da camminare quanto vuoi. E noi eravamo là.”
Il purgatorio: “E ci disse: Avete visto? Ora andiamo un po’ nel purgatorio.’ E noi ci avvicinammo. E entrammo nel purgatorio. Tutto è cosparso di cenere simile a quella del sigaro. Non si vedono le teste, niente. Solo si vede qualcosa: giù si spasima. Si tormentano. E lei ci disse: ‘Vedete come si tormentano qui! Questo è il purgatorio.’ E (disse) che bisogna pregare per loro quanto più possibile.”
L’Inferno. “E da là ci disse: Ora andiamo nell’inferno. E noi andammo nell’inferno. C’è pure la porta. Noi entrammo là. Vi è molta gente. E in mezzo c’è un fuoco. E non è un fuoco che si accende nel forno e che sia piccolo. C’è un fuoco grande.  Come salta uno,  così salta un altro. Non è che quella gente è così come la gente è di solito, ora che siamo andati nell’inferno, che noi siamo così . Hanno le corna, le code. Veri diavoli. Neri come carbone. Così come questa sua” (indica la sottana nera di dr. Brajko).[3]
- Questa è la storia originale della visione degli stati post mortem. I “veggenti” entrano nel paradiso da una porta di legno. Entrano nel paradiso per circa 5 metri. In esso Vicka e Jakov non riconoscono nessuno, vedono solo che tutti sono giovani, non ci sono vecchi né grassi. Gli uni portano la veste bianca, altri gialliccia, tutti con vesti lunghe. Alla sinistra un grande santo con le mani allargate, come una statua; sta zitto, li guarda come una sfinge. Nel purgatorio il pavimento è come cenere di tabacco, sotto il pavimento c’è sofferenza e tormento, ma le teste non si vedono. Infine arrivano nell’inferno. Molta gente. Per come i ragazzi si meravigliano della moltitudine, sembra che ci sia più gente là che nel paradiso. Il fuoco grande, non è come nel forno. I diavoli saltano uno dopo l’altro, con code e corna, di colore nero! 
Da questo si “apprende” che in tutti e tre gli stati post mortem sarebbe avvenuta la risurrezione. I ragazzi sono presi per le mani dalla loro apparsa che quasi per forza li tira nel paradiso, purgatorio e inferno, e loro si oppongono e a stento acconsentono. E tutto sembra più che altro un sogno infantile.
21. VII. 1982. “I cinque veggenti hanno preso parte alle preghiere in chiesa. Hanno avuto la visione. Non ci sono stati messaggi particolari. Ci sono state delle risposte alle domande poste da fr. Tomislav Vlašić:
Il purgatorio (sono state poste alcune  domande relativamente alle quali scrivo solo le risposte)
- Nel purgatorio ci sono molte anime…
- Ci sono anche persone consacrate a Dio: sacerdoti, religiosi, religiose.
- Si recitino per le anime nel purgatorio 7 Padre nostro, Ave Maria e Gloria al Padre, e il Credo. Questo ve lo raccomando.
- Nel purgatorio ci sono parecchie anime che vi sono da lungo tempo, poiché nessuno prega per loro.
- Consideriamo la non verità che nel purgatorio „ci sono parecchie anime che vi sono da lungo tempo, poiché nessuno prega per loro“. Oggi i 400 mila sacerdoti e i 4 mila vescovi ogni giorno nella s. Messa pregano per tutti i fratelli e sorelle che si sono addormentati nella speranza della risurrezione, che sono deceduti nella misericordia di Dio, dei quali solo Iddio conosce la fede. E vi è una preghiera del popolo: „per le anime nel purgatorio per cui non c'è nessuno a ricordarle“. Ecco sono ricordate ogni volta che si recita questa preghiera.
„L'inferno:
- Oggi molte persone vanno all'inferno;
- Iddio permette ai suoi figli di soffrire nell'inferno poiché hanno commesso gravi peccati che lui non può perdonare;
- Nell'inferno tutti soffrono nello stesso modo (MI PERMETTO DI SOTTOLINEARE QUESTA ULTERIORE GRAVISSIMA AFFERMAZIONE);
- Nell'inferno le persone soffrono nell'anima e nel corpo“.
- Quante persone vanno all'inferno, lo sa solo Iddio. La fede ci insegna che non vi è un peccato che Iddio non possa perdonare se l'uomo se ne pente. Nell'inferno sono quei contumaci che non si sono pentiti dei loro peccati. Nell'inferno nessuno ora soffre nel corpo, poiché non c'è stata ancora la fine del mondo né la risurrezione del corpo.
5 - Una domanda „teologica“ e una  risposta non teologica
6. V. 1982. nella Cronaca leggiamo: „Stasera i giovani hanno posto una domanda teologica e hanno avuto la risposta: ‘Le persone nel cielo sono presenti solo con l’anima, o con l’anima e il corpo?’ - hanno chiesto. Sono presenti con l’anima e con il corpo - è stato loro risposto”.
- Una domanda „teologica“ fuori posto e una risposta del tutto non teologica. Chi ha dato loro tale risposta? - „è stato loro risposto!“ - così impersonale. Dalla terminologia cristiana sappiamo che l'uomo, composto di anima e corpo, costituisce la persona; che le anime razionali nel cielo non sono pienamente persone, poiché manca loro il corpo. E dalla fede sappiamo che nel cielo esistono solo le anime salvate, fino al Giudizio ultimo, eccetto Gesù Signore che è risorto col corpo trasformato, e la Beata Vergine Maria che è assunta con l'anima e il  corpo nella gloria celeste. E al Giudizio ultimo vi sarà la „resurrectio carnis“, quando saremo di nuovo persone complete, con anima e corpo. Ed ecco adesso una nuova dottrina da parte dei „veggenti“ di Medjugorje e del loro direttore spirituale: che le anime salvate nel cielo non hanno solo l'anima ma anche il corpo. Dall'esperienza sappiamo che i corpi umani defunti vengono sepolti in terra, nella tomba, e che si scoprono le ossa degli uomini sepolti alcuni secoli fa, anche le ossa dei Santi. Come mai sono nel cielo? E un sacerdote cattolico trasmette tali assurdità e inverosimiglianze come insegnamento medjugorjano!  
... prosegue ...
Note:
[1] Kath.net, 22. I. 2010.
[2] Sulla dipendenza del Diario II. dalla Cronaca delle apparizioni vedi N. Bulat, Istina će vas osloboditi, (La verità vi farà liberi), Mostar, 2006, pp. 40-48.
[3] Archivio della Curia diocesana di Mostar, Il Colloquio con i membri della Commissione con i veggenti, il 10 maggio 1982, p. 4. Trascritto dal nastro; R. P., « Zovkićeva prosudba međugorskih zbivanja», in: U službi Riječi i Božjega naroda (“Il discernimento di Zovkić degli eventi di Medjugorje, in: Nel servizio della Parola e del Popolo di Dio), Sarajevo 2007, pp. 731-733.
Carlo Di Pietro
Allego alcuni approfondimenti:

MEDJUGORJE, ENTRO IL 2012 LA COMMISSIONE DECIDE. ELENCO CRONOLOGICO DEI DOCUMENTI PIU' RILEVANTI SUL "CASO MEDJUGORJE"
LA VERITÀ DELLA CHIESA CATTOLICA SU MEDJUGORJE. VIDEO E DOCUMENTI
CARDINAL GIUSEPPE VERSALDI: PRECISAZIONI E DIVIETI DELLA CHIESA CATTOLICA CIRCA MEDJUGORJE
VATICANO: IL DISCERNIMENTO NELLE PRIVATE APPARIZIONI E RIVELAZIONI. OBBEDIENZA E CONOSCENZA PER EVITARE SEDUZIONI SATANICHE
MEDJUGORJE: IL LIBRO DI MARIA VALTORTA, GIÀ MESSO ALL'INDICE E POI RI-CONDANNATO DA RATZINGER, VIENE ESALTATO E CONSIGLIATO DALLA GOSPA
L'OMELIA DEL VESCOVO A MEDJUGORJE SUL CUORE MATERNO DI MARIA, SULLE CHIACCHIERE DEI "VEGGENTI" E SUI COSIDDETTI "FRUTTI"
MONS. VACCA: MEDJUGORJE, ECCESSO DI PROTAGONISMO. MARIA NON GRADIREBBE. MARIA, DONNA DEL "SÌ" DISCRETO E DELLA SANTA OBBEDIENZA
FRUTTI DI MEDJUGORJE: PAOLO BROSIO E LA DIATRIBA COL VESCOVO TONUCCI?
MEDJUGORJE: L'OMELIA DEL VESCOVO DURANTE LA CRESIMA. FRATELLI E SORELLE, NON COMPORTIAMOCI COME SE TALI "APPARIZIONI" FOSSERO AUTENTICHE
MEDJUGORJE: L'OMELIA DEL VESCOVO, IL DOLORE PER LA DISOBBEDIENZA DEI FRANCESCANI, LE TANTISSIME CRESIME INVALIDE E LE MESSE SACRILEGHE
LA CHIESA CATTOLICA E LA VERA LOTTA A SATANA. ATTENTI AI LAICI CHE PRATICANO ESORCISMI ED IMPONGONO LE MANI
MEDJUGORJE E DINTORNI: MESSE E CRESIME FALSE E SACRILEGHE. ELENCO DI ALCUNI FRANCESCANI SOSPESI A DIVINIS E CACCIATI DALL'ORDINE
MEDJUGORJE: LA CURIA EPISCOPALE DI MOSTAR, LE MENZOGNE DEL "MISTERO DI MEDJUGORJE" E LE OFFESE DEL VATICANISTA TORNIELLI ALLA MEMORIA DI ŽANIĆ
FRUTTI DA MEDJUGORJE: SCHUELLER, ALLIEVO DEL MEDJUGORJANO SCHÖNBORN, E LE PRETESE ERETICHE DELLA "PFARRER-INITIATIVE" AUSTRIACA
PADRE LIVIO FANZAGA, RADIO MARIA, MEDJUGORJE, LA GOSPA, LE FALSITÀ SULLE VOCAZIONI, LA DISUBBIDIENZA E LA PAURA DELLA FINE DEL MONDO
LA DERIVA DEL CARDINALE SCHONBORN E I PROBLEMI DELLA CHIESA MODERNISTA. I FRUTTI DI MEDJUGORJE
"AH, AH, AH, ... LO ABBIAMO CUCCATO". MEDJUGORJE E LA "PROFONDA MARIOLOGIA" DI GOSPA, PADRE LIVIO E MARIJA
SUPER COMPILATION DELLE CATECHESI DI PADRE LIVIO FANZAGA SU MEDJUGORJE E LA GOSPA ... IN ATTESA DI SCOMUNICA!
MEDJUGORJE: IL CARDINALE DI ZAGABRIA FRANCO KUHARIC ED I PELLEGRINAGGI VIETATI DAL 9 GENNAIO 1987. MA IN ITALIA SI FA FINTA DI NON SAPERE ...
MEDJUGORJE: FANTASIE E MENZOGNE DI TOMISLAV VLAŠIĆ E DI SLAVKO BARBARIĆ SUL COMPLEANNO DELLA GOSPA, 5 AGOSTO (???)
CROLLA IL MITO DI MEDJUGORJE, MA IN ITALIA NESSUNO SA NIENTE. JOZO ZOVKO E LA BANDIERA DEGLI USTASHA DURANTE LA MESSA
MEDJUGORJE, I CARISMATICI, LA GOSPA ED I NAZIFASCISTI USTASHA (5 VIDEO SCIOCCANTI)
MEDJUGORJE: I "VEGGENTI" OGGI E LE DURE MISURE DI BENEDETTO XVI. IN ITALIA TUTTO PASSÒ NEL SILENZIO!
MONS. BERTOLDO: MARIA NON È UN'APPARIZIONE CONTINUA. LEI NON CERCA IL CONSENSO E LA VISIBILITÀ, MA L'AMORE PER IL FIGLIO. DUBBI SUI VEGGENTI
MONS. PIERRO: STATO TUTELI PARTI DEBOLI. SBAGLIATO CAMBIARE L'ART. 18. PERPLESSITÀ SU MEDJUGORJE, LA GOSPA PRENDE IL POSTO DI CRISTO
LE VOCAZIONI SPIRITUALI DEI "VEGGENTI" DELLA GOSPA DI MEDJUGORJE
MONS. SPROVIERI: MEDJUGORJE? LA CHIESA HA CONOSCIUTO VEGGENTI PIÙ RISERVATI. SONO MOTIVO DI PERPLESSITÀ
CARDINALE PIOVANELLI: ERANO MEGLIO I POLITICI DELLA PRIMA REPUBBLICA. PARTITI RISSOSI ED AUTOREFERENZIALI. MEDJUGORJE, VEGGENTI PROTAGONISTI
MONS. APPIGNANESI: LE CONVERSIONI NON SONO SINONIMO DI VALIDITÀ PER MEDJUGORJE. ABUSO DEL NOME DI GIOVANNI PAOLO II
MEDJUGORJE: QUANDO I "VEGGENTI" E LA GOSPA DISUBBIDIRONO A GIOVANNI PAOLO II. PAPA E VESCOVO NON AVEVANO VALORE E LA GOSPA LI AVREBBE "GIUDICATI"!
MONS. COZZI: IMPOSIZIONE DELLE MANI, ATTO RISERVATO AL SACERDOTE, EVITARE ABUSI. MEDJUGORJE PREVALGONO SPETTACOLO E COMMERCIO
MEDJUGORJE: LA VERA STORIA DI PADRE JOZO ZOVKO, FRATE DISOBBEDIENTE
MEDJUGORJE: LE VERITÀ DELLA CHIESA CATTOLICA SULLE TRAVAGLIATE VICENDE E SULLA DISOBBEDIENZA DI FRA JOZO ZOVKO
MEDJUGORJE: LA VERA FONTE DEI “MESSAGGI” DI MARIJA. UNA BARZELLETTA DI MARIJA CONTRO CRISTO
ATMOSFERA CARISMATICA A MEDJUGORJE E ORIGINI DEL RINNOVAMENTO
MONS. PLOTTI: IMPORRE LE MANI? GESTO MINISTERIALE. IL VESCOVO INTERVENGA SUI "VEGGENTI" DI MEDJUGORJE DOVE TUTTO E' ANORMALE
MONS. MARCHETTO: FINANZA SIA PIU' RISPETTOSA DELLA DIGNITA' UMANA E DEL BENE COMUNE. I VESCOVI NON VADANO A MEDJUGORJE
MEDJUGORJE: "GUERRA SANTA TRA CATTOLICI", ANCHE IL "GIORNALE.IT" MENTE E MODIFICA LE VERITA'. MA VI PAGANO PER DIFFAMARE?
MEDJUGORJE: 5 AGOSTO FALSO COMPLEANNO DELLA MADONNA. LA GOSPA PIANGE PIU' DELL'ADDOLORATA SOTTO LA CROCE. MESSAGGIO INQUIETANTE
MEDJUGORJE E L'IMPOSIZIONE DELLE MANI DEI "VEGGENTI" E DEI LAICI, GIOCO PERICOLOSO E AMBIGUO
MEDJUGORJE E LA GOSPA: PADRE LIVIO FANZAGA, IL VESCOVO CHE PUZZA DI ZOLFO E LA CHIESA DI SATANA CHE LUI RICONOSCE MOLTO BENE!
CARDINALE MARTINS: TROPPO PROTAGONISMO NELLE APPARIZIONI DI MEDJUGORJE. NON ACCOSTABILI A LOURDES O FATIMA. RECITARE IL ROSARIO
MEDJUGORJE: IL GIORNALISTA MARCO INVERNIZZI E' UN BUGIARDO? DIMOSTRI CHE SIAMO INATTENDIBILI E LA SMETTA DI DIFENDERE L'INDIFENDIBILE. DOMANI I SICARI?
QUEI PRIMI 10 GIORNI CHE HANNO FATTO MEDJUGORJE FRA VERITA' E MENZOGNE. "CES DIX JOURS QUI ONT FAIT MEDJ'"
MEDJUGORJE: LE MENZOGNE DEGLI SCISMATICI (PRO GOSPA) E LE VERITA' DEL VATICANO (PRO VERGINE MARIA) SUL VESCOVO ŽANIĆ ED I COMUNISTI
CARDINALE PIOVANELLI: COL ROSARIO VEDIAMO CRISTO CON GLI OCCHI DI MARIA. ARMA CONTRO SATANA. PADRE LIVIO FANZAGA RISPETTI IL PAPA
MEDJUGORJE: QUANDO IL DIRETTORE SPIRITUALE DEI "VEGGENTI", MOLESTATORE DI SUORE, FU FOTOGRAFATO MENTRE SCRIVEVA I MESSAGGI DELLA GOSPA
MEDJUGORJE: QUELLA GOSPA COSI' CONTRARIA AI DOGMI E COSI' DIVERSA DALLA SANTA VERGINE DI FATIMA
IL COSTATO CHE SERVE PER CONVERTIRE SAN TOMMASO. MEDJUGORJE, LA GOSPA, LA LOTTA AL PAPA, LA CANONIZZAZIONE ERETICA ED IL VIDEO DI PADRE LIVIO FANZAGA
MEDJUOGORJE: "VEGGENTE" IMPONE LE MANI E BENEDICE DUE RELIGIOSI. NEANCHE VANNA MARCHI HA MAI OSATO TANTO!
LA GOSPA E I "VEGGENTI", DIO LIBERI MEDJUGORJE DALLE VOSTRE OFFESE ALLA VERGINE MARIA
MEDJUGORJE, LA GOSPA, PADRE LIVIO FANZAGA E LA SETTA SCISMATICA. LETTERA APERTA AI MIEI LETTORI ED A PADRE LIVIO FANZAGA, CON SINCERO AMORE
MEDJUGORJE: TUTTA LA VERITA' SUI GIOCHI AMBIGUI INTORNO AL GRANDE SEGNO ... RADIO MARIA!
PADRE LIVIO FANZAGA E LE CATECHESI ERETICHE DI RADIO MARIA. LA MADONNA E' FURBA, CANONIZZA ED E' SUPERIORE AL PAPA
MEDJUGORJE, I VEGGENTI IN TRASFERTA. SIAMO ALL'ABUSO DELLA CREDULITA' POPOLARE
MEDJUGORJE: I RACCONTI DI PADRE LIVIO FANZAGA (RADIO MARIA) SU TOMISLAV VLASIC E LE VERTIÀ DELLA CHIESA CATTOLICA
LE TANTE CONTRADDIZIONI SU MEDJUGORJE E LA VERITA' DI MONSIGNOR ANDREA GEMMA, VESCOVO ESORCISTA
QUANDO LA "MADONNA" DI MEDJUGORJE FONDO' "COSA GOSPA" ED INVIO' IL PIZZINO PER MANO DEL PICCIOTTO IVAN
PADRE LIVIO FANZAGA E RADIO MARIA CONTRO IL PAPA E CONTRO IL PERDONO D'ASSISI? "NON C'È PAPA CHE TENGA CONTRO LA GOSPA*"? BOH!
MEDJUGORJE: SEGRETI, MESSAGGI, VOCAZIONI, PREGHIERE, CONFESSIONI, COMMISSIONI. LE TANTE VERITA' CHE PADRE LIVIO SU RADIO GOSPA* OMETTE O NEGA
I CRITERI PER IL DISCERNIMENTO DELLE "APPARIZIONI". EVENTI DI MEDJUGORJE. I DETTAGLI CHE IN ITALIA NON SI CONOSCONO ...
PAOLO BROSIO E L'ECCESSIVA, ANCHE STANCANTE, PROPAGANDA A MEDJUGORJE, AI "VEGGENTI" ED ALLA GOSPA
ALLE ORIGINI DELLA COMMISSIONE SU MEDJUGORJE: LA MONTATURA DEI MEDIA DI "ISTITUZIONE"
PER NON DIMENTICARE: "FR. RANIERO CANTALAMESSA O.F.M. CAP. NON GUIDERA' IL RITIRO SPIRITUALE A MEDJUGORJE"
MEDJUGORJE E LO STATUS CANONICO DEL REV. FRA TOMISLAV VLASIC, OFM
DICHIARAZIONI DEL VESCOVO DI MOSTAR IN OCCASIONE DELLA VISITA DEL CARD. SCHÖNBORN A MEDJUGORJE, SEDE DELLE "APPARIZIONI" E DEI "VEGGENTI"
FRA TOMISLAV VLASIC "NEL CONTESTO DEL FENOMENO MEDJUGORJE"
IL FENOMENO DI MEDJUGORJE - I MESSAGGI DI VICKA E IL TENNIS
MONS. APPIGNANESI: CONVERSIONI A MEDJUGORJE? AVVENGONO IN TUTTE LE CHIESE DEL MONDO. IN QUELLE APPARIZIONI NULLA DI VERAMENTE NUOVO
OMBRE SU MEDJUGORJE: "IL PAPA RIDUCE ALLO STATO LAICALE PADRE TOMISLAV VLASIC", PER NON DIMENTICARE!
VICKA (VIDA) IVANKOVIC, IMPONE LE MANI E BENEDICE. ANCHE QUESTO ACCADE A MEDJUGORJE!
MEDJUGORJE, ATTENZIONE AGLI IMBROGLI ED ALLE MACCHINAZIONI. TROPPO DIVISMO. RADIO MARIA: CRONACHE ECCITATE DI PADRE LIVIO PRO MEDJUGORJE
MONS. PLOTTI: IL DEMONIO E' ANCHE TRA I PRETI. BASTA VANAGLORIA E PROTAGONISMO. MEDJUGORJE? LA MADONNA PARLA TROPPO
LA CHIESA CATTOLICA E IL "PROBLEMA MEDJUGORJE"
RICONOSCIMENTO DI MEDJUGORJE E CANONIZZAZIONE DI GIOVANNI PAOLO II. LE PROSSIME "PALLE AL PIEDE" PER BENEDETTO XVI?
VESCOVO COZZI: MEDJUGORJE? I VEGGENTI PARLANO TROPPO. CONSIGLIO MOLTA PRUDENZA. CHIEDIAMO A MARIA DI VEGLIARE SU QUESTO MONDO
IL VESCOVO DI MEDJUGORJE RIBADISCE: «A MEDJUGORJE LA MADONNA NON E' MAI APPARSA»
A MEDJUGORJE APPARE VERAMENTE LA MADONNA? CONFESSIONI DI UN MARITO CATTOLICO (Parte 2)
A MEDJUGORJE APPARE VERAMENTE LA MADONNA? CONFESSIONI DI UN MARITO CATTOLICO (Parte 1)

http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/il-fatto/12442-i-messaggi-della-gospa-e-dei-qveggentiq-di-medjugorje-sono-cattolici


 

Nessun commento:

Posta un commento