ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 6 settembre 2012

RICEVIAMO E RISPONDIAMO AL QUESITO.

 La storia infinita (per il male di tutta la Chiesa) e la nuovissima razza dei “lefebvriani” di parrocchia
3-IX-2012
San Pio X, Papa e Confessore
 Anniversario della beatificazione del nostro Pio IX

Domenica [nel tal centro ecumenico di Messa antica, il tal responsabile di un’associazione della Parrocchia dei Francescani dell’Immacolata e il talaltro studente dell’Università dell’Opus Dei] mi hanno detto che i lefebvriani fanno bene a non fare l’accordo, perché la Santa Sede li ha ingannati, cambiando i testi da firmare. Io ho risposto che tanto prima o poi li pubblicheranno pure questi testi, lì vedremo come stanno le cose! Come sarà questa storia?

Risposta (breve, sia perché è una materia di cui questo sito si è già occupato – pur essendo vero, d’altra parte, che repetita iuvant – sia perché soprattutto in Italia, e specialmente nelle Marche, non è tanto qui il problema): “terza posizione”! Ovvero?

La prima posizione è che il Vaticano abbia ragione e la San Pio X torto. La seconda è che la San Pio X abbia ragione e il Vaticano torto. La quarta, molto ecumenica e all’ultima moda, tende nella direzione per cui avrebbero ragione entrambe le parti (magari a seconda se si è con un interlocutore o con un altro; esplicitamente nelle parole o implicitamente nella condotta; in pubblico o in privato - pur essendo tutt’altro che fatti privati).

E la terza? È anch’essa intermedia, in qualche modo, ma speriamo un intermedio un po’ meno ambiguo e doppio: hanno torto tutti e due.

Siamo troppo antidiplomatici, ci obiettasti? In realtà, la questione è più articolata. Qui osserviamo soltanto, ironicamente, che ce ne vantiamo; giacché nei riferimenti in oggetto della parola “diplomazia” è prevalsa l’accezione simulata: dall’arte delle relazioni è diventata l’arte degli imbrogli. A servizio dell’attuale grande menzogna. In ogni caso, la diplomazia non può avere il primato. Men che meno oggi. Non può assurgere al ruolo di via di fondo, davanti alla mole degli odierni mali.

Ma leggi questo articolo: ecco la risposta (interesse permettendo) a quanto asserisci che costoro avrebbero detto, e più ampiamente al parere che chiedi:

Aggiungiamo un paio di considerazioni. Per quanto riguarda Roma: ecco i frutti dell’ostinarsi a voler seguire, in tempi anormali, la prassi ordinaria; facendo, nel concreto, come se nulla fosse (leggi Plenaria CDF, ovvio condizionamento e conseguente mezzo voltafaccia rispetto a quanto lasciato intendere nei mesi precedenti, anche da fonti vaticane). Per quanto riguarda monsignor Fellay: rileggi quanto avevamo scritto gli anni scorsi nei vari articoli in materia; fino a quello di dicembre u.s.: Eccellenza, si dimetta!

www.cattolicitradizionalistimarche.org


Nessun commento:

Posta un commento