ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

mercoledì 17 aprile 2013

Quando Papi caddero in errori

Resistenza - Precedenti storici

               sei casi quando i Papi caddero in errori e sono stati resistiti dai santi
Atila Sinke Guimarãess
Nel mio ultimo articolo , il lettore può vedere che ogni cattolico ha il diritto di resistere ai comandi e agli insegnamenti della autorità ecclesiastica quando sono in errore e danneggiano la Santa Chiesa e il bene comune.

tiaraLa gloria del papato non esclude la possibilità di un Papa può sbagliare
In essa vi sono estratti da autori molto autorevoli, tra i quali San Tommaso d'Aquino, Sant'Agostino e San Roberto Bellarmino, i quali sostengono che i fedeli hanno il diritto e il dovere di resistere all'autorità, e che questi ultimi dovrebbero ricevere tale resistenza e ammonimenti con lo stesso spirito di umiltà che San Pietro ha ricevuto il rimprovero famoso di St. Paolo. (Gal 2,11).
Partendo da questo esempio eccezionale, gli autori non si ritirano di fronte alla possibilità di un Papa che potrebbe cadere in errore o eresia o cercare di distruggere la Chiesa, e per questo motivo, meritano la resistenza e ammonimenti del fedeli. Le considerazioni di questi autori non sono ipotesi accademiche, elaborate a porte chiuse a accademiche dispute teologiche.Sono ben radicata nella storia della Chiesa. Senza essere troppo preoccupato per la documentazione, vorrei brevemente citare alcuni casi di errori o eresie dei papi del passato e della resistenza che hanno sollevato. Lascio aperta la possibilità di tornare ad affrontare questi incidenti in modo più dettagliato e minuziosamente documentata, in caso di necessità. St. Policarpo ha resistito a Papa S. Aniceto 1. Nel secondo secolo, i riti della Chiesa ancora non sono stati fissati. C'era una naturale tendenza a mantenere i riti giudaici. L'impero romano, dominante in quasi tutto il mondo conosciuto, ha esercitato una forte influenza. C'era anche l'influenza greca presente principalmente in Egitto e in Siria. Con questo, una domanda comprensibilmente si è presentata alla Chiesa. Quale di queste influenze deve seguire il rito liturgico? Papa S. Aniceto (155-168) ha voluto regolarizzare i riti della Chiesa, l'avvio di quello che sarebbe venuto per essere il rito romano. San Policarpo di Smirne, discepolo di san Giovanni Evangelista, ha voluto mantenere gli stessi riti che aveva imparato da San Giovanni e che era stato seguito dagli altri Apostoli. St. Policarpo viaggiato da Est a Roma e ha parlato con fermezza a S. Aniceto, oppone a tale uniformazione previsto. San Policarpo era intransigente. S. Aniceto non riuscì a convincerlo della sua riforma. I due riti sono stati mantenuti, a causa della resistenza del grande Vescovo di Smirne. S. Policarpo, insieme a S. Clemente di Roma, il Papa e S. Ignazio di Antiochia sono ciascuno onorato con il titolo singolare di Padre Apostolico, che è, tra gli apologeti grandi personalità della Chiesa sono stati istruiti questi grandi Santi da uno o l'altro dei Apostoli. St. Ireneo ha resistito a Papa San Vittore 2. In 190 anni, una domanda simile è sorto. Papa San Vittore (189-199) ha subito le provocazioni di Blastus, un cattolico di razza ebraica che è andato a Roma con l'intenzione di provocare uno scisma nella Chiesa la celebrazione dei riti di Pasqua. Papa Vittore aveva deciso di risolvere il problema facendo un rito uniforme da seguire sotto la minaccia di scomunica. Tutte le Chiese d'accordo, con l'eccezione della Chiesa asiatica, che a quel tempo era molto numerosa. S. Ireneo, un asiatico che si era trasferito a Lione (Francia) ed è diventato il suo Vescovo, si è opposto alla decisione del Papa, e si è presentato davanti a papa San Vittore per fargli vedere tutti i mali che potrebbero derivare per la Chiesa con lo scisma possibile della Chiesa asiatica. La resistenza di S. Ireneo ha avuto l'effetto desiderato, e papa Vittore, pur mantenendo la regola generale per il resto della Chiesa, ha aperto una deroga per gli asiatici. papa Marcellino ha  offerto incenso agli idoli 3. Un caso più grave e triste, quello di papa Marcellino (296-304), che ha avuto luogo negli anni 303-304. Non è un caso di resistenza di per sé ., ma la priorità di un Papa che è caduto in un errore contrario alla dottrina cattolica A questo proposito, il Breviario Romano (lettura del 5 aprile) dice: "Durante la crudele persecuzione dell'imperatore Diocleziano, Marcellino di Roma, preso da terrore, offerto incenso agli idoli degli dei. Per questo il peccato che ha fatto penitenza, e indossa un cilicio, è andato al Consiglio di Sinuesso, dove molti vescovi erano riuniti. Ci ha apertamente confessato il suo crimine. " Non vi è alcun conto della resistenza a questa azione, ma si può ben immaginare che i cattolici eroico che erano disposti a offrire la loro vita come martiri per evitare il reato di Marcellino fortemente contrari che la defezione di vergognoso del Supremo Pontefice. Ss.Atanasio e Ilario han resistito alla politica Ariana di Papa Liberio 4. L'epoca di papa Liberio (352-366), a metà del 4 ° secolo è stato caratterizzato principalmente da tre uomini. L'imperatore romano Costanzo II, figlio di Costantino,ha diretto le persecuzioni dei semi-ariani. S. Atanasio, patriarca di Alessandria, e di S. Ilario, vescovo di Poitiers, han resistito all'Imperatore.

S. IlarioS. Ilario non ha paura di contrastare e correggere Papa Liberio
In un primo momento, Liberio ha preso una forte presa di posizione lodevole sostenere i vescovi che avevano resistito l'Imperatore e sono stati esiliati per aver rifiutato di firmare semi-Arian decreti. In considerazione di ciò, Costanzo ordinò al Papa di essere arrestato e lo ha sottoposto a pressioni di intimidirlo. Dal momento che il Papa è rimasto costante fino a questo punto, è stato mandato in esilio in Tracia. Poi Costanzo ha avuto Felix eletto ad occupare la cattedra di Pietro. L'esilio è stato più difficile per Liberio da sopportare rispetto alle altre pressioni. Dopo qualche tempo, ha presentato ai desideri dell'imperatore.Quattro lettere conservate da S. Ilario di Poitiers nei suoi Frammenti storici e il suo lavoro annuncio Constantiumcontengono la testimonianza di sottomissione del Papa per l'Imperatore semi-Arian. S. Atanasio ha lasciato anche una registrazione della defezione papale nella sua Storia degli Ariani e la sua Apologia contro gli ariani. Dalla Tracia, Liberio è stata presa a Sirmio, dove ha firmato una professione semi-Arian di fede nel corso dell'anno 357.Dopo aver firmato questo documento, il Papa è stato autorizzato a tornare a Roma. Nella sua Cronaca (a. 349), S. Girolamo scrive: "Liberio, conquistato dalla noia dell'esilio, con perversità eretica firmato [la professione di fede semi-Arian] ed è entrato in Roma come un conquistatore." E 'interessante notare che né Sant'Atanasio né Sant'Ilario avuto alcun problema a resistere alla politica ariani di Papa Liberio. È in gran parte dagli scritti di questi due santi che l'eresia di Papa Liberio è conosciuta oggi. SS.Agostino & Aurelio contrari e resistettero a Papa Zosimo 5. All'inizio del 5 ° secolo, Sant'Agostino, Vescovo di Ippona, S. Aurelio, arcivescovo di Cartagine, e San Girolamo a Betlemme brillavano le luci in Nord Africa e in Asia Minore. A quel tempo, la Chiesa era afflitta dall'eresia pelagiana. La dottrina di Pelagio è stata condannata dal Concilio di Cartagine nel 411. In seguito, ha dato origine alla grande polemica di San Girolamo e Orosio a Gerusalemme, dove l'eretico aveva stabilito una base importante. S. Agostino ha scritto diversi libri contro la dottrina pelagiana:la remissione dei peccati e il battesimo dei bambini, lo spirito e la lettera, Lettera a Hilary, natura e grazia, giustizia perfetta, gli atti di Pelagio, la grazia di Cristo eOriginal Sin . Accanto a questi sforzi intellettuali, il Vescovo di Ippona e il vescovo di Cartagine esercitato la loro influenza in modo che i due Consigli africani di Cartagine e Mileve terranno nel 416 condannò la dottrina pelagiana e dei suoi promotori.

AgostinoIl grande S. Agostino resistito Papa Zozimus quando ha approvato Pelagio
Questo sforzo dei vescovi africani è stata approvata e lodata da Papa Innocenzo I (401-417), che ha anche espressamente condannato Pelagio, la sua dottrina ei suoi seguaci. Con l'ascesa di Papa Zosimo (417-418) al soglio pontificio, i pelagiani trovato un'inaspettata opportunità di tornare all'offensiva. Dopo varie manovre ipocrite di Pelagio, Papa Zosimo, alla presenza del clero romano, ha riconosciuto le dichiarazioni del eretico come ortodossa. Egli ha espresso indignazione che "un uomo di merito Pelagio 'avrebbe potuto essere così calunniato." (Lettera Postquam nobis , del 21 novembre 417) Questo sostegno papale per Pelagio si possono trovare anche nella Lettera Magnum pondus. Oltre a questa posizione inconcepibile , la Santa Sede esigeva una ritrattazione formale da parte dei Vescovi africani. vescovi africani appello, chiedendo a Roma di prendere in considerazione la prima condanna di Papa Innocenzo I ei due concili di Cartagine. La richiesta è stata inascoltata. Di fronte a questa situazione, S. Agostino e S. Aurelio fatto una protesta energica, o obtestatio - un giuramento con Dio come testimone - affermando che la dottrina cattolica prima prevalso il giudizio di Zosimo. Il concilio plenario di tutta l'Africa poi assemblati per sostenere la condanna fatta da papa Innocenzo I contro Pelagio. Infine, Papa Zosimo, rompendo con le sue misure precedenti, ha accettato la condanna di Innocenzo I e rinnova la scomunica Pelagio.Questo precedente rimane nella storia come un brillante esempio di resistenza.Papa Vigilio 'accettazione del monofisismo doveva essere resistito 6.Vigilius, il rappresentante pontificio a Costantinopoli, era una specie di fantoccio della imperatrice Teodora. Egli è stato colui che ha dato l'ordine di Belisario, uno dei principali generali di Giustiniano, per deporre papa Silverio (536-537). Silverio fu esiliato in Asia, tornò a Roma, e poi nuovamente esiliato all'isola di Palmaria dove morì, abbandonato. Dopo la morte di Silverio, Vigilio stesso fu elevato al soglio pontificio (537-555). A quel tempo, la questione dei "Tre Capitoli" è stato un argomento molto discusso. In sintesi, ciò di cui il Concilio di Calcedonia, che condannò l'eresia di Eutiques, monofisismo. A condannare i "Tre Capitoli" era equivalente a condannare il Concilio di Calcedonia e di approvazione monofisismo.

Papa Vigilio tre capitoliPapa Vigilio approva efficacemente monofisismo nel Concilio di Costantinopoli
L'imperatore Giustiniano voleva condannare il Concilio di Calcedonia. In un primo momento, papa Vigilio ha preso una posizione ferma. Per questo, egli fu fatto prigioniero ed esiliato a Costantinopoli. Dopo anni di lotta, in cui ha sofferto il ridicolo e la violenza fisica, Vigilio ha vinto. Su ordine di Giustiniano, un nuovo concilio di Costantinopoli è stato convocato e i "Tre Capitoli" sono stati condannati, vale a dire, il monofisismo è stato accettato.Vigilio , che ha voluto concludere il suo esilio, ha chiesto a Giustiniano il permesso di tornare a Roma. L'imperatore ha accettato, con la condizione che il Papa avrebbe approvato le decisioni del Consiglio recente. Vigilio tirato indietro dalla sua posizione di ex ortodosso, ha scritto una lettera di ritrattazione, ha condannato i "Tre Capitoli" e ha lanciato un anatema contro i suoi autori. Dopo questa riconciliazione con Giustiniano, Vigilio è stato ricompensato con concessioni che gli hanno permesso di riorganizzare il governo di Roma e d'Italia. Ha lasciato Costantinopoli, ma non ha mai effettuato i suoi piani perché morì prima di raggiungere Roma. Si tratta di un breve racconto di sei precedenti storici che illustrano gli errori di Papi in passato, e la conseguente possibilità di opporvisi con una legittima e salutare resistenza. Tre casi interessanti rimangono ancora, che sarà trattato nel prossimo articolo. 
http://www.traditioninaction.org/religious/i011-Resist-2.htm

Ristampato da resistiamo È al Volto ,
Los Angeles, TIA, 2000, pp 157-161,
Inviato 15 apr 2013

Nessun commento:

Posta un commento