ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

venerdì 19 agosto 2016

Anche allah ha la sua santegidio

LOSCA FALSIFICAZIONE DEI COMPLICI DEI TERRORISTI

dustboy
Questa foto fa il giro sui media “occidentali” insieme alla storia strappalacrime degli “attivisti” di un quartiere di Aleppo occupato da al-Qaida. Un bambino apparentemente ferito, si siede tranquillamente in una nuovissima ambulanza molto ben attrezzata. A un certo punto tocca ciò che apparirebbe una ferita, sulla tempia sinistra, ma non mostra alcuna reazione. 2 minuti di video, da cui è tratta la foto, mostrano il bambino tratto dal buio da una tizio con giaccone da soccorso e portato in un’ambulanza. Si siede tranquillamente, senza essere sorvegliato, mentre diverse persone riprendono video e foto.
Un’altra bambina, chiaramente senza ferite, viene poi messa nell’ambulanza. Ecco come la storia viene raccontata: “Mahmud Raslan, un fotoreporter che ha preso la foto, ha detto all’Associated Press che soccorritori e giornalisti hanno cercato di aiutare il bambino, identificato come Umran Daqanish, insieme ai genitori e tre fratelli di 1, 6 e 11 anni. Li abbiamo passati da un balcone all’altro“, ha detto Raslan, aggiungendo: “Abbiamo inviato subito i bambini più piccoli nell’ambulanza, ma la ragazza di 11 anni aspettava che la madre venisse salvata, aveva la caviglia appuntata dalle macerie“. Una ricerca su internet di “Mahmud Raslan“, il preteso “fotoreporter”, non porta ad alcuna foto o video. Vi sono circa 15 uomini intorno alla scena e non fanno nulla. (Accanto a un sito “appena bombardato” in una zona di guerra? Nessuna paura di un secondo attacco?) Almeno altri due uomini, oltre al cameraman, riprendono foto e video. Un altro bambino viene trasportato nell’ambulanza. Sullo sfondo c’è qualcuno con un casco bianco che indossa una camicia dei “Caschi bianchi”, il gruppo di propaganda finanziato dagli anglo-statunitensi. Un ferito si dirige verso l’ambulanza. Come il bambino, l’uomo sembra avere una ferita alla testa. Ma come il bambino, non sanguina. Vi è una sostanza di colore rosso sul suo viso, ma senza che scorra. È sorprendente. Quando guidavo le ambulanze di pronto soccorso, i feriti alla testa sanguinavano sempre come maiali al macello (spesso sporcando l’ambulanza che dovevo pulire). ComeWebMD nota: “Piccoli tagli sulla testa spesso sanguinano pesantemente perché faccia e cuoio capelluto hanno molti vasi sanguigni sotto la superficie della pelle. Anche se tale quantità di sangue può allarmare, molte volte l’infortunio non è grave…
cql2utrxyaeiw7x

 cqlgeuuwcaapbez


La quantità di sostanza di colore rosso sul bambino e l’uomo non corrispondono alla quantità che ci si aspetta da una ferita anche minore alla testa. Non vengono inoltre applicate bende o qualsiasi altra cosa serva a fermare una vera ferita sanguinante alla testa. Si confronti ciò con la foto di un ragazzo nella zona ovest di Aleppo. (Alcun media “occidentali” ha mostrato questo ragazzo e la sua sofferenza. Non è della “nostra parte”).
cqhgqjoxeaa3ura

Il ragazzo ha  avuto una ferita alla testa dopo che un razzo di al-Qaida e affiliati colpiva il suo quartiere. Viene curato e l’emorragia arrestata. La quantità di sangue sul corpo e nel vestito è diverse volte ciò che appare immagini precedenti. Il sangue è anche mescolato con la polvere sul volto, non dipinto. Così appaiono i pazienti nella mia ambulanza. Sembra reale. Tutti gli elementi del video del “bambino sul sedile arancione” sono gli stessi che si vedono in decine di video dei “Caschi bianchi”. La stessa scena ripetuta più e più volte nell’album “Drammatici salvataggi! Uomini con bambini che corrono verso la telecamera”! Ritengo che il video sia la stessa sceneggiata di altri video e foto dei “Caschi bianchi”. L’aspetto della ferita del bambino è un po’ più realistico del solito, ma mancanza di sanguinamento, nessuno che se ne occupi, assenza di reazione alla “ferita” e l’impostazione generale del video, permettono di ritenerla una messa in scena.
Tale nuova propaganda, ampiamente diffusa, compare ancora in un momento in cui al-Qaida e affiliati in Siria sono in difficoltà. L’Aeronautica russa bombarda le retrovie dell’aggressione ad Aleppo ovest, devastandole. Un “cessate il fuoco umanitario”, che verrà utilizzato per riorganizzarsi e rifornirsi, è urgente. La propaganda serve a fare pressione per tale richiesta. Alcuni sponsor vogliono che i “Caschi bianchi” abbiano il Premio Nobel per la Pace. L’organizzazione si autopromuove sul suo sito. Qualcun altro ha mai fatto una cosa del genere? Non si vergognano a chiedere il Nobel? Proprio con un’altra versione del loro marchio aziendale preferito, la foto di un “Drammatico salvataggio! Uomo con bambino corre verso la macchina fotografica!“. Chiedono il Nobel proprio con un’altra foto inscenata? Ma perché no? Obama non era altro che un prodotto commerciale quando ebbe il Nobel per la pace, per poi bombardare 7 Paesi musulmani. Non vi è alcuna ragione quindi di non dare tale premio a un altro strumento della propaganda bellica. Poi avrà una nomination per gli Academy Awards, forse nella categoria “Miglior falso venduto”, più appropriata.


Anche Rita Katz paga gli Elmetti Bianchi
                    Anche Rita Katz  (SITE)   paga gli Elmetti Bianchi

Una strage di al-Qaida spacciata per salvataggio dei “caschi bianchi”
La famiglia Quraytam fu rapita da al-Nusra intorno il 29 luglio. I tre uomini furono uccisi immediatamente. Le quattro donne e gli otto bambini furono uccisi il 10 agosto e i loro corpi gettati e sbranati dai cani. Due giorni dopo, gli stessi 12 corpi furono utilizzati dai caschi bianchi, il ramo propagandistico di Jabhat al-Nusra, finanziato dalla NATO, come oggetti di scena nella loro ultima produzione pornografica. I corpi disfatti vennero “trovati” sul ciglio della strada, nei pressi del preteso cratere di una bomba, e gli attori di Jabhat al-Nusra, con caschi bianchi e relativa uniforme della Protezione Civile Siriana, correvano freneticamente davanti alle telecamere, girando a vuoto con un bambino morto e uno vivo. Il materiale video viene utilizzato per la propaganda #SaveAleppo di al-QaidaLibyan Civil War 

Chi è James Le Mesurier, fondatore dei “Caschi Bianchi”?
James Le Mesurier viene dipinto come anticonformista eroe umanitario, che miracolosamente si trovava al posto giusto (Istanbul) nel momento giusto;  quando nacque l’esigenza di creare la squadra della Protezione Civile Siriana, forse per caso, pochi mesi prima della  storia dell’attacco con ‘armi chimiche’ nel Ghuta dell’agosto del 2013  –  evento già dimostratosi oltre ogni dubbio un attentato false flag, come le successive accuse al governo siriano che avevano lo scopo di   imporre la ‘No Fly Zone’ desiderata dalla NATO.james_0
Tuttavia, ad  approfondire vita e opere di Le Mesurier, si capisce  che non fu un caso felice che fosse ad Istanbul in quel frangente. Laureato all’Accademia Militare di Sandhurst (UK)  e decorato con la medaglia della regina, la sua carriera lo vede nell’Ufficio dell’Alto rappresentante in Bosnia e premiato coordinatore dell’intelligence della NATO in Kosovo. Nella biografia si dice che Le Mesurier lasciò l’esercito inglese nel 2000, e ha poi prestato  servizio alle Nazioni Unite come vicecapo dell’Unità consultiva su ‘sicurezza e giustizia’, e come rappresentante speciale del corpo della sicurezza politica del Segretario Generale nella missione delle Nazioni Unite in Kosovo. La sua carriera poi lo portava a Gerusalemme, dove operava all’attuazione dell’accordo di Ramallah, poi a Baghdad come consulente speciale del ministro degli Interni iracheno, negli Emirati Arabi Uniti ad addestrarne la forza di protezione dei giacimenti di gas, e poi in Libano durante la guerra del 2006. Nel 2005 fu nominato Vicepresidente di Special Projects della società di mercenari Olive Group, e nel gennaio 2008 fu nominato direttore del Good Harbour International, entrambi a Dubai. Le Mesurier fondò anche Mayday Rescue, una società “non profit” per l’addestramento in ricerca e salvataggio nei conflitti civili. Secondo la sua biografia, Mayday Rescue fu fondata nel 2014, dopo aver creato i “caschi bianchi”. The Wall Will Fall

http://www.maurizioblondet.it/la-losca-falsificazione-dei-complici-dei-terroristi/

Pietà per il piccolo Omran. Ma su Aleppo quante bugie

L'immagine del bambino ferito in ambulanza spezza il cuore. Non deve però far dimenticare di chi è la colpa


Davanti ad una foto come quella di Omran Daqneesh nessuno può restare indifferente. L'immagine di quel bimbetto siriano di cinque anni coperto di sangue e polvere dopo un bombardamento su Aleppo stringe il cuore, lo riempie di sdegno e d'indignazione.


Lo stesso successe un anno fa con la foto di Aylan, affogato mentre con la famiglia passava dalla Turchia in Europa. Entrambe quelle foto nascondono però un trappolone. Quello celato dietro l'immagine del povero Aylan è ben noto. Quello scatto spinse la Cancelliera Angela Merkel ad abdicare all'etica della responsabilità per decidere sull'onda dell'emozione. L'immediata e ingestibile conseguenza fu l'arrivo in Germania di oltre un milione di profughi accompagnati da un numero ancora imprecisato di terroristi ed apprendisti tali. La foto del povero Omran, diffusa dall'Aleppo Media Center, la centrale di propaganda dei ribelli jihadisti, rischia invece di farci dimenticare le cinque grandi menzogne della battaglia di Aleppo.
Un'assedio a parti invertite
Ad assediare Aleppo non sono le forze governative, ma i ribelli jihadisti che, nell'estate del 2012, entrarono in Siria dal confine turco e circondarono la città. Aleppo, nella strategia dei gruppi armati, appoggiati dalla Turchia di Erdogan, dall'Arabia Saudita e dal Qatar, doveva diventare la capitale dei territori liberati e la sede di un governo provvisorio pronto - dopo il riconoscimento dell'Onu, dell'America di Obama e dell'Europa - a prendere il posto del regime di Bashar Assad. Il risultato sono stati invece la nascita dell'Isis e il perdurare di una guerra costata oltre 300mila vite
I quartieri est ovvero una roccaforte di Al Qaida
La parte est della città è oggi in gran parte sotto il controllo di forze qaidiste. L'accerchiamento delle forze governative che a fine luglio bloccavano con l'appoggio russo l'accesso alla zona è stato rotto dai ribelli di Jabhat Fateh al Sham, la fazione qaidista, già conosciuta come Jabat Al Nusra, che a luglio ha cambiato nome ed ha annunciato il divorzio, per semplici ragioni di opportunità politica, dall'organizzazione creata da Bin Laden.
Aleppo e gli inganni del politicamente corretto
La narrativa «politicamente corretta» del conflitto siriano lo descrive come lo scontro tra i ribelli appoggiati della maggioranza sunnita del Paese e il regime del dittatore Bashar Assad sostenuto da quella minoranza alawita, inferiore al 22 per cento della popolazione, a cui appartiene la sua famiglia. Se così fosse Aleppo, citta di quasi due milioni di abitanti in larga parte sunniti, sarebbe caduta da un pezzo. Invece i civili sunniti di Aleppo, come i militari e gli ufficiali di un esercito anch'esso a maggioranza sunnita, hanno preferito restare con il regime anziché schierarsi con dei ribelli considerati troppo fanatici e troppo legati ad interessi stranieri.
Chi impedisce la fuga dei civili
A luglio, prima che i ribelli qaidisti rompessero l'accerchiamento dei quartieri est, Mosca e il regime di Assad garantivano il libero passaggio a tutti i civili decisi ad abbandonare la zona ribelle e ai militanti pronti ad arrendersi. L'offerta s'inseriva nelle cosiddette operazioni di riconciliazione, già sperimentate a Homs e a Damasco, con cui il governo s'impegna a reintegrare nella società i ribelli di nazionalità siriana e d'ispirazione moderata pronti a posare le armi. Ma l'esodo dei civili, accompagnato dalla resa di qualche decina di combattenti, è stato bloccato ed impedito dall'intervento dei ribelli jihadisti.
Il ruolo dei russi
Oggi l'accerchiamento dei quartieri ribelli per mano russa e governativa suscita lo sdegno dei grandi media e spinge il ministro degli Esteri tedesco Franz-Walter Steinmeier a proporre un ponte aereo per rifornire i quartieri est. L'assedio ribelle ai danni di gran parte della città di Aleppo, durato dall'estate 2012 alla scorsa primavera, non ha, invece, mai mosso a compassione nessuno. Come ha più volte ripetuto al Giornale il vescovo cattolico di Aleppo Monsignor Abu Khazen «solo l'intervento russo ha dato respiro a questa città. Per anni tutti ripetevano di voler combattere l'Isis e il fanatismo, ma solo i russi l'hanno fatto veramente».

http://www.ilgiornale.it/news/politica/piet-piccolo-omran-su-aleppo-quante-bugie-1297520.html

La bufala del “bambino ferito sul sedile arancione”

Moon of Alabama 18 agosto 2016
dustboyQuesta foto fa il giro sui media “occidentali” insieme alla storia strappalacrime degli “attivisti” di un quartiere di Aleppo occupato da al-Qaida. Un bambino apparentemente ferito, si siede tranquillamente in una nuovissima ambulanza molto ben attrezzata. A un certo punto tocca ciò che apparirebbe una ferita, sulla tempia sinistra, ma non mostra alcuna reazione. 2 minuti di video, da cui è tratta la foto, mostrano il bambino tratto dal buio da una tizio con giaccone da soccorso e portato in un’ambulanza. Si siede tranquillamente, senza essere sorvegliato, mentre diverse persone riprendono video e foto. Un’altra bambina, chiaramente senza ferite, viene poi messa nell’ambulanza. Ecco come la storia viene raccontata: “Mahmud Raslan, un fotoreporter che ha preso la foto, ha detto all’Associated Press che soccorritori e giornalisti hanno cercato di aiutare il bambino, identificato come Umran Daqanish, insieme ai genitori e tre fratelli di 1, 6 e 11 anni. Li abbiamo passati da un balcone all’altro“, ha detto Raslan, aggiungendo: “Abbiamo inviato subito i bambini più piccoli nell’ambulanza, ma la ragazza di 11 anni aspettava che la madre venisse salvata, aveva la caviglia appuntata dalle macerie“. Una ricerca su internet di “Mahmud Raslan“, il preteso “fotoreporter”, non porta ad alcuna foto o video. Vi sono circa 15 uomini intorno alla scena e non fanno nulla. (Accanto a un sito “appena bombardato” in una zona di guerra? Nessuna paura di un secondo attacco?) Almeno altri due uomini, oltre al cameraman, riprendono foto e video. Un altro bambino viene trasportato nell’ambulanza. Sullo sfondo c’è qualcuno con un casco bianco che indossa una camicia dei “Caschi bianchi”, il gruppo di propaganda finanziato dagli anglo-statunitensi. Un ferito si dirige verso l’ambulanza. Come il bambino, l’uomo sembra avere una ferita alla testa. Ma come il bambino, non sanguina. Vi è una sostanza di colore rosso sul suo viso, ma senza che scorra. È sorprendente. Quando guidavo le ambulanze di pronto soccorso, i feriti alla testa sanguinavano sempre come maiali al macello (spesso sporcando l’ambulanza che dovevo pulire). Come WebMD nota: “Piccoli tagli sulla testa spesso sanguinano pesantemente perché faccia e cuoio capelluto hanno molti vasi sanguigni sotto la superficie della pelle. Anche se tale quantità di sangue può allarmare, molte volte l’infortunio non è grave…
Mahmud Raslan. il "fotoreporter" taqfirita assieme ai terroristi che avevano decapitato il bambino palestinese a luglio, ad Aleppo.
Mahmud Raslan, “fotoreporter” taqfirita assieme ai terroristi che avevano decapitato, a luglio, il bambino palestinese Abdullah al-Isa, presso Aleppo.
CqL2UTRXYAEIw7XLa quantità di sostanza di colore rosso sul bambino e l’uomo non corrispondono alla quantità che ci si aspetta da una ferita anche minore alla testa. Non vengono inoltre applicate bende o qualsiasi altra cosa serva a fermare una vera ferita sanguinante alla testa. Si confronti ciò con la foto di un ragazzo nella zona ovest di Aleppo. (Alcun media “occidentali” ha mostrato questo ragazzo e la sua sofferenza. Non è della “nostra parte”).CqHgQJOXEAA3URAIl ragazzo subiva una ferita alla testa dopo che un razzo di al-Qaida e affiliati colpiva il suo quartiere. Viene curato e l’emorragia arrestata. La quantità di sangue sul corpo e nel vestito è diverse volte ciò che appare immagini precedenti. Il sangue è anche mescolato con la polvere sul volto, non dipinto. Così appaiono i pazienti nella mia ambulanza. Sembra reale. Tutti gli elementi del video del “bambino sul sedile arancione” sono gli stessi che si vedono in decine di video dei “Caschi bianchi”. La stessa scena ripetuta più e più volte nell’album “Drammatici salvataggi! Uomini con bambini che corrono verso la telecamera”! Ritengo che il video sia la stessa sceneggiata di altri video e foto dei “Caschi bianchi”. L’aspetto della ferita del bambino è un po’ più realistico del solito, ma mancanza di sanguinamento, nessuno che se ne occupi, assenza di reazione alla “ferita” e l’impostazione generale del video, permettono di ritenerla una messa in scena.
Tale nuova propaganda, ampiamente diffusa, compare ancora in un momento in cui al-Qaida e affiliati in Siria sono in difficoltà. L’Aeronautica russa bombarda le retrovie dell’aggressione ad Aleppo ovest, devastandole. Un “cessate il fuoco umanitario”, che verrà utilizzato per riorganizzarsi e rifornirsi, è urgente. La propaganda serve a fare pressione per tale richiesta. Alcuni sponsor vogliono che i “Caschi bianchi” abbiano il Premio Nobel per la Pace. L’organizzazione si autopromuove sul suo sito. Qualcun altro ha mai fatto una cosa del genere? Non si vergognano a chiedere il Nobel? Proprio con un’altra versione del loro marchio aziendale preferito, la foto di un “Drammatico salvataggio! Uomo con bambino corre verso la macchina fotografica!“. Chiedono il Nobel proprio con un’altra foto inscenata? Ma perché no? Obama non era altro che un prodotto commerciale quando ebbe il Nobel per la pace, per poi bombardare 7 Paesi musulmani. Non vi è alcuna ragione quindi di non dare tale premio a un altro strumento della propaganda bellica. Poi avrà una nomination per gli Academy Awards, forse nella categoria “Miglior falso venduto”, più appropriata.white-helmet-infographic-2Una strage di al-Qaida spacciata per salvataggio dei “caschi bianchi”
La famiglia Quraytam fu rapita da al-Nusra intorno il 29 luglio. I tre uomini furono uccisi immediatamente. Le quattro donne e gli otto bambini furono uccisi il 10 agosto e i loro corpi gettati e sbranati dai cani. Due giorni dopo, gli stessi 12 corpi furono utilizzati dai caschi bianchi, il ramo propagandistico di Jabhat al-Nusra, finanziato dalla NATO, come oggetti di scena nella loro ultima produzione pornografica. I corpi disfatti vennero “trovati” sul ciglio della strada, nei pressi del preteso cratere di una bomba, e gli attori di Jabhat al-Nusra, con caschi bianchi e relativa uniforme della Protezione Civile Siriana, correvano freneticamente davanti alle telecamere, girando a vuoto con un bambino morto e uno vivo. Il materiale video viene utilizzato per la propaganda #SaveAleppo di al-QaidaLibyan Civil War
Terroristi di al-Qaida e Stato islamico e “Caschi bianchi” ad al-Lataminah
Chi è James Le Mesurier, fondatore dei “Caschi Bianchi”?
james_0James Le Mesurier viene dipinto come anticonformista eroe umanitario, che miracolosamente si trovava al posto giusto (Istanbul) nel momento giusto, quando nacque l’esigenza di creare la squadra della Protezione Civile Siriana, forse per caso, pochi mesi prima dell’infame e universalmente screditata storia dell’attacco con ‘armi chimiche’ nel Ghuta dell’agosto del 2013, evento già dimostratosi oltre ogni dubbio un attentato false flag, come le successive accuse al governo siriano senza riuscire ad imporre la ‘No Fly Zone’ desiderata dalla NATO. Tuttavia, se si approfondisce vita e opere di Le Mesurier, si capirà che non fu un caso felice che fosse ad Istanbul in quel frangente. Laureato all’Accademia Militare di Sandhurst e decorato con la medaglia della regina, la sua carriera lo vede nell’Ufficio dell’Alto rappresentante in Bosnia e premiato coordinatore dell’intelligence della NATO in Kosovo. Viene detto che Le Mesurier lasciò l’esercito inglese nel 2000 prestando servizio alle Nazioni Unite come vicecapo dell’Unità consultiva su ‘sicurezza e giustizia’, e come rappresentante speciale del corpo della sicurezza politica del Segretario Generale nella missione delle Nazioni Unite in Kosovo. La sua carriera poi lo portava a Gerusalemme, dove operava all’attuazione dell’accordo di Ramallah, poi a Baghdad come consulente speciale del ministro degli Interni iracheno, negli Emirati Arabi Uniti ad addestrarne la forza di protezione dei giacimenti di gas, e poi in Libano durante la guerra del 2006. Nel 2005 fu nominato Vicepresidente di Special Projects della società di mercenari Olive Group, e nel gennaio 2008 fu nominato direttore del Good Harbour International, entrambi a Dubai. Le Mesurier fondò anche Mayday Rescue, una società “non profit” per l’addestramento in ricerca e salvataggio nei conflitti civili. Secondo la sua biografia, Mayday Rescue fu fondata nel 2014, dopo aver creato i “caschi bianchi”. The Wall Will Fall
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’Esercito siriano ed Hezbollah prendono il controllo degli edifici militari ad Aleppo. Campagna mediatica occidentale per salvare i terroristi pro USA-Sauditi dall’annientamento

Aleppo Esercito siriano
L’Esercito siriano ed i combattenti di Hezbollah, dopo feroci scontri con i terroristi del gruppo Yaish al Fateh (ex Al Nusra), hanno preso il controllo degli edifici di quella che era una volta la Base Tecnica della Forza Aerea nel sud di Aleppo.
Questo successo è avvenuto doppo che le truppe governative si sono impadronite del 90% del complesso degli edifici circpostanti (area 1070), dopo un durissimi combattimenti urbano con gli estremisti takfiri.
Il generale dell’Esercito, Deeb Bizzi, capo della Base Técnica, che comandava l’offensiva, è caduto nel corso dei combattimenti. La Base Tecnica della Forza Aerea era stata una delle tre basi strategiche che l’Esercito siriano aveva perso nel corso dell’offensiva della coalizione dei gruppi estremisti di circa due settimane addietro.
Secondo fonti siriane, gli alleati hanno iniziato anche un’offensiva per impadronirsi della Scuola di Artiglieria, dove sono avvenuti combattimenti.

Il risultato più importante della conquista degli edifici militari è che i membri del Yaish al Fateh hanno perso il controllo del corridoio che erano riusciti a stabilire verso i quartieri assediati dell’Est della città, che attualmente non può essere utilizzato per causa degli attacchi aerei e che di conseguenza si rende più facile il percorso per la liberazione dello strategico distretto di Al Ramusah.
Dall’altro lato del fronte, l’Esercito siriano, assieme ad Hezbollah ed alle milizie sciite irachene, hanno conquistato anche il paese di Al Qarassi questo Giovedì, dopo aver lanciato il loro secondo attacco contro tale località.
L’Esercito siriano ha utilizzato nuove tattiche miltari per annientare le posizioni dei terroristi mentre sono proseguiti i bombardamenti dell’aviazione russo-siriana sui percorsi di rifornimento utilizzati dai terroristi dello Yaish al Fatah, tanto ad Aleppo come più lontano, nella provincia di Idlib, in modo da privare i miliziani takfiri dei mezzi logistici e dei rifornimenti che provengono da Turchia ed Arabia Saudita. Questo consente alle forze siriane di lanciare nuovi attacchi e mantenere le posizioni.
L’Esercito siriano d’altra parte mantiene saldo l’assedio sulle zone del sud est di Aleppo, evitando però una offensiva frontale in modo da risparmiare perdite fra le proprie file e fra la popolazione civile ancora asserragliata nella zona, presa in ostaggio dai terroristi. La liberazione totale di Aleppo si avvicina sempre di più.
Secondo una fonte militare ad Aleppo , Yaish al Fath ha perso, nel corso dei combattimenti a Al Qarassi, tre comandanti da campo: Abu Mohammad Al Nashimi, Abu Ahmad Al Suri y Abu Al Baraa Al Hamwi, gli ultimi due tenevano il collegamento direttamente con il comando Saudita.
Le forze siriane ed i loro alleati stanno adesso attaccando il paese di Jalsah, che era caduto nelle mani di Yaish al Fatah nel maggio di quest’anno.
Dozzine di terroristi sono stati uccisi e feriti nel corso di queste operazioni militari dell’Esercito siriano mentra altri sono fuggiti.
Campagna mediatica in corso
Nel frattempo è partita una campagna mediatica da parte occidentale per cercare di convincere l’opinione pubblica nella necessità di una tregua nei combattimenti, con la finalità dichiarata di offrire alla popolazione la possibilità di uscire dalle zone sotto assedio e ricevere rifornimenti, campagna che nasconde anche un altro fine inconfessabile di salvare dall’annientamento le milizie dei takfiri rimaste ad Aleppo, sostenute da Arabia Saudita ed USA.
Dopo aver distorto e manipolato tutte le informazioni sul conflitto, queste campagne, che cercano di toccare l’emozione del pubblico con l’immagine di piccole vittime dei bombardamenti (sempre regolarmente addebitati ai russi e siriani), sono volte a convincere l’ONU a stabilire una tregua duratura. Tuttavia il comando russo e siriano ha comunicato la loro disponibilità a concordare una tregua di sole 48 ore, sotto stretto controllo dell’ONU, per evitare che tale tregua serva ai miliziani takfiri di farsi rifornire e far arrivare rinforzi dal confine turco, come già accaduto nel corso della precedente tregua.
Il Comando USA e saudita che segue la situazione sul campo farebbe qualsiasi cosa per evitare l’annientamento delle milizie mercenarie armate ed addestrate da americani e sauditi, con la probabilità che agenti di questi paesi si trovino fra i miliziani assediati, con compiti di coordinamento. Si stanno conducendo negoziati fra le parti per concordare le modalità della tregua.
Fonti:   Al Mayadeen     Al Manar
Traduzione e sintesi: Luciano Lago
 http://www.controinformazione.info/lesercito-siriano-ed-hezbollah-prendono-il-controllo-degli-edifici-militari-ad-aleppo-campagna-mediatica-occidentale-per-salvare-i-terroristi-pro-usa-sauditi-dallannientamento/





Le forze USA hanno protetto la ritirata dei jihadisti da Manbij

“Un convoglio  di circa duemila veicoli  è riuscito ad evacuare Manbij  e raggiungere Jarabulus, erano combattenti di Daesh con le loro famiglie e civili usati come scudi umani”:  così attesta un abitante di Manbij, Adnan al-Hussein, raggiunto al telefonod al New York Times.  Lo stesso grande quotidiano raconta che quel convoglio è stato sorvegliato dall’alto da droni delle forze armate Usa,  che non  l’hanno disturbato. In pratica, hanno coperto  la ritirata dei jihadisti da Manbij.
manbij bruci burka
Manbij, ricordate?, è la città   dove pochi giorni fa le tv occidentali hanno mostrato la popolazione felice di essere stata liberata dai wahabiti: donne che si strappavano il chador e lo  bruciavano, uomini che si facevano  tagliare le barbe e fumavano ostentatamente (i wahabiti glielo vietavano), abitanti che abbracciavano  gli ‘eroici peshmerga  liberatori’  ossia curdi – ma così moderati che meritano uno stato tutto loro.  Vedete anche voi che le loro ragazze non indossano chador, bensì mimetiche della NATO:  quindi sono moderne, e dunque democratiche.
http://abcnews.go.com/Politics/wireStory/convoy-fighters-allowed-leave-syrian-city-41430252

la liberatrice peshmerga
la liberatrice peshmerga
Ora i bei servizi  tv assumono un altro sapore. Il portavoce delle forze Usa, colonnello Chris Garver, ha dovuto spiegare ai giornalisti, in conferenza stampa, come mai  gli Usa avessero permesso l’ordinata evacuazione dei jihadisti (sono oggi per lo più mercenari importati). La risposta: c’erano dei civili in quei veicoli coi guerriglieri, e gli Usa vogliono evitare vittime civili (mai, mai vittime civili!).  Ha anche aggiunto che i comandanti delle Syria Democratic Forces (sono sempre loro, gli ‘eroici-pesmerga’) avevano “deciso di lasciar passare il convoglio IS”, e chi sono gli americani per opporsi? Qualche giornalista ha osato chiedere:  dunque c’è stato un accordo preventivo fra gli eroici peshmerga e Daesh per lasciar andare via senza colpo ferire  le migliaia di terroristi su quel convoglio? Il colonnello ha detto che non sapeva. Il  che è perfettamente logico: gli eroici peshmerga sono armati, addestrati  da addestratori NATO, anche italiani;  stipendiati dagli americani, vestono mimetiche NATO; a Manbij erano assistiti (dice il NYT) da “almeno 300 elementi delle Forze Speciali americane”  – ma mica si consultano con gli americani prima di consentire la ritirata strategica ai terroristi.  E’ la prova  di quanto sono autonomi, i curdi, e meritino uno stato autonomo tutto loro.
Oltretutto, gli eroici peshmerga sono   utilissimi perché, mentre “combattono lo Stato Islamico” (nel modo che si vede),  sono ferocissimi a combattere contro  le truppe del mostruoso dittatore Assad, contemporaneamente:  come   attesta  il sito Palaestina Felix:
http://palaestinafelix.blogspot.it/2016/08/la-marmaglia-curda-prova-ad-attaccare.html#more

Esfiltrazione “concordata” dai  curdi  coi  jihadisti

Insomma  sembra che i pesherga non abbiano “espugnato Manbij”, come hanno scritto Il Foglio e il Fatto….quella di Manbij è stata  una liberazione  concordata d’accordo  fra i combattenti  (tutti e due anti-Assad), coi peshmerga in favore di telecamere ,  mentre i mercenari dell’IS   erano esfiltrati sotto lo sguardo protettore dei droni Usa?  Chissà. Oltretutto, gli abitanti della cittadina, che sono arabi, non sono molto contenti di essere stati liberati da curdi.  Va’ a sapere .

manbij ultimo passo per turch
Manbij, ultimo varco aperto per i jihadisti
Ma, come spiega il New York Times, “Manbij è uno dei soli due punti di passaggio  rimasti fra Turchia e Siria; l’altro, al-Rai, è sotto continuo attacco delle fazioni ostili allo Stato Islamico. La strada fra Manbij e  Jarabulus,  e  stata usata dai jihadisti esteri per unirsi allo Stato Islamico dalla Turchia e lasciare per raggiungere di nuovo le loro destinazioni Europee”. E’ umano che i mercenari venissero convogliati e messi al sicuro, prima che quel passo venisse definitivamente chiuso dai bombardamenti russi e dalle forze siriane-iraniane ed Hezbollah. I mercenari costano, specie quando cominciano a scarseggiare le vittorie – quelli sono buoni per un’altra volta. Così hanno fatto trapelare i comandi russi, naturalmente non ripresi da alcun media: stanno difendendo il “mostruoso dittatore Assad” (come dicono i  radiogiornali Rai),  quindi silenzio.
I media – come non potete ignorare – hanno titoli, lacrime e strilli solo per “i civili di Aleppo”, dove “si rischia la catastrofe umanitaria” –  l’ha detto BAn ki Mon, l’ha detto Avvenire, il giornale di El Papa; anzi dipiù: “C’è già una catastrofe umanitaria senza precedenti”,  dato che   “nella città martoriata vivono 130mila bambini”:  siccome il numero dei bambini addirittura aumenta  sotto i bombardamenti (di ospedali, sempre di ospedali)  e l’assedio, ed ora sono 130 mila, vuol dire che i jihadisti preferiti dall’Occidente hanno proprio bisogno di un cessate-il-fuoco per riorganizzarsi. O magari esfiltrare   sotto l’occhio protettore del Grande Drone.  .

L'ultimo selfie prima di evacuare
L’ultimo selfie prima di evacuare
Intanto  però, con i loro contrattacco (costosissimo in vite) ad Aleppo, i mercenari preferiti dall’Occidente hanno comunque ritardato un’offensiva prevista dai russi e dagli iraniani per liberare Al-Sukhanah, città petrolifera che si trova lungo il confine dei governatorati di Homs e Deir Ezzor.  L’offensiva era previsata per agosto, ma  l’offensiva dei ribelli jihadista nel governatorato di Aleppo ha richiesto due unità della Guardia Repubblicana da ridistribuire a nord della Siria, al fine di proteggere il capoluogo di provincia  (da Al Masdar).   E’ uno dei motivi per cui i russi hanno avvicinato i loro bombardieri Tupolev, facendoli decollare dall’iraniana Hamadan.
http://www.maurizioblondet.it/le-forze-usa-protetto-la-ritirata-dei-jihadisti-manbij/

Il Pentagono fa fuggire in Turchia centinaia di terroristi dello Stato Islamico

South Front 17/08/2016re_evolution__jalal_hajirCome Southfront ha riferito il 13 agosto, la “liberazione finale” di Manbij è il risultato di un accordo tra le Forze Democratiche siriane (SDF) appoggiate dagli USA e il gruppo terroristico dello Stato islamico (SIIL). Ora, l’informazione è ufficialmente confermata dal Pentagono. Manbij era un nodo logistico chiave e importante roccaforte dello SIIL. Le forze della coalizione guidata dagli USA hanno passato quasi tre mesi effettuandovi attacchi aerei e assalti. Il colonnello dell’US Army Carver, portavoce dei combattenti della coalizione degli USA, ha detto che le SDF avevano permesso a ”diverse centinaia di veicoli con 100-200 combattenti del SIIL, di uscire al sicuro dalla città di Manbij“. Secondo il colonnello Carver, la decisione era stata presa dai capi delle SDF perseguendo l’obiettivo di evitare vittime, aggiungendo che lo SIIL aveva civili in ogni autoveicolo. Osservò che alcuni civili erano probabilmente ostaggi, ma non negò che potessero essere saliti a bordo volontariamente. “Continuavano a spingere i civili sulla linea del fuoco, cercando di farli uccidere per usarli nella propaganda, pensiamo“, aveva detto il colonnello Chris Garver. L’ufficiale aggiunse che i terroristi cedettero le armi prima di andarsene. I terroristi dello SIIL lasciavano Manbij il 12 agosto sotto la sorveglianza dei droni della coalizione per garantirsi che non si raggruppassero cercando di rientrare in città. Il colonnello Carver sottolineò che era il primo accordo di questo tipo con lo SIIL.
Questa bella storia del Pentagono pone alcune domande:
– i tizi del Pentagono credono davvero che qualcuno accetti la versione sui terroristi dello SIIL che gettano le armi al centro di Manbij (dove gli ultimi scontri erano in corso) per avere un passaggio sicuro delle SDF dopo 3 mesi di scontri pesanti e attacchi aerei sulla città? Dopo che centinaia di combattenti delle SDF avevano perso la vita in questa operazione, i loro comandanti aprivano giusto un passaggio sicuro per i terroristi dello SIIL “disarmati”?
– dopo 3 mesi di attacchi aerei sulle zone residenziali di Manbij, si persegue l’obiettivo di evitare “vittime civili”? Perché le “vittime civili” fermarono la coalizione il 12 agosto?
– “alcuni” civili negli autoveicoli dello SIIL erano “probabilmente” degli ostaggi. Come poterono i combattenti “disarmati” dello SIIL sequestrarli?
– se i terroristi dello SIIL avevano ceduto le armi, perché il Pentagono si aspettava che potessero riorganizzarsi e rientrare in città?
L’unica risposta logica a queste domande è che i 100-200 terroristi dello SIIL che lasciavano Manbij erano armati di tutto punto, non avevano consegnato le armi alle SDF e né avevano intenzione di farlo. Purtroppo, ciò danneggia seriamente l’immagine di Stati Uniti e SDF. Perciò il colonnello Carver decise di “edulcorare” la realtà.Cpp0ghiWgAEOWpg
CqMrhB_WIAAbu2G
CqMrg_dWgAIhQFp
CqMrg7vW8AAbg6_
Dalle foto è possibile capire che non si tratta di 200 terroristi, ma forse di un migliaio (gli ‘ostaggi’ probabilmente erano solo altri terroristi da coprire). La battaglia di Mambij non è stata la favola hollywoodiana che la CIA e le sue appendici dei centri sociali in Italia raccontano.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora
https://aurorasito.wordpress.com/2016/08/18/il-pentagono-fa-fuggire-in-turchia-centinaia-di-terroristi-dello-stato-islamico/ 



Il papà torna solo a Kobane

Aylan, la vera storia: questo bambino l'ha ucciso l'Isis


Aylan, la vera storia: questo bambino l'ha ucciso l'Isis
Il barcone che si capovolge, l’onda che gli porta via i suoi due figli che teneva stretti a sé, l’arrivo della guardia costiera turca quando ormai non c’è più niente da fare.  Sono le immagini della tragedia che ancora ha negli occhi Abdullah al-Kurdi, il padre del piccolo Aylan, il bimbo siriano di tre anni  trovato senza vita sulla spiaggia di Bodrum, in Turchia, la cui foto è diventata il simbolo della tragedia dell’immigrazione. Abdullah, fuggito con la sua famiglia da Kobane, la città curda assediata lo scorso anno dai jihadisti dello Stato islamico (Is), ha perso in mare due figli e la moglie. "Ho tentato di salvare i miei ragazzi", ha raccontato disperato a Radio Rozana, una stazione radiofonica vicina all’opposizione siriana, ma non c’è stato nulla da fare. "Li stringevo entrambi quando la barca si è capovolta, ma  un’onda alta prima ha ucciso mio figlio più grande, Galip, e poi si è presa il più piccolo", ha aggiunto l’uomo. Anche la moglie Rehan è  morta nell’incidente. Il padre del piccolo Aylan ha spiegato che, come migliaia di migranti, in passato aveva provato «diverse volte» a raggiungere l’Europa attraverso i barconi dei trafficanti di esseri umani, ma tutti i precedenti tentativi erano falliti a causa dell’intervento della guardia costiera turca. "Stavolta ero riuscito, con l’aiuto di mia sorella e mio padre, a mettere insieme 4mila euro per fare questo  viaggio", ha aggiunto Abdullah, che in Siria faceva il parrucchiere.
Il ritorno a Kobane - L’uomo ha affermato che ad un tratto la piccola imbarcazione di cinque metri sulla quale viaggiava con i suoi familiari è stata colpita da diverse onde, quando erano a metà circa della traversata. "Improvvisamente abbiamo visto il trafficante turco saltare in mare e ci hanno lasciati soli a lottare per le nostre vite  - ha aggiunto - Sono restato tre ore in mare fino all’arrivo della  guardia costiera turca». Secondo i media canadesi, Abdullah e la sua famiglia avevano chiesto asilo in Canada prima di tentare il tragico viaggio, ma la richiesta era stata respinta. Le autorità turche, intanto, hanno arrestato quattro persone  sospettate di responsabilità nella morte di Aylan. Hanno tutte tra i 30 e i 41 anni e apparentemente sono di nazionalità siriana. Adesso il Canada ha offerto asilo politico al papà di Aylan. Ma lui vuole tornare a Kobane, per seppellire Aylan, il fratellino Galip e sua moglie. Ora non ha più senso scappare, perché non ha più nulla da perdere.
http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11824672/Aylan--la-vera-storia-.html

Sulla Siria menzogne a gogò

 
siria esercito silhouettedi Mauro Gemma

Le televisioni di regime, ormai da giorni, continuano a insistere sullo stesso tasto. E in questo periodo ferragostano le menzogne diffuse, sugli sviluppi della situazione in Siria, non solo non hanno registrato una pausa, ma hanno raggiunto un livello parossistico.

In particolare per le reti legate al governo e al PD, da quelle parti, a battersi contro l'ISIS sarebbero solo i curdi, le bande turcomanne (le stesse che massacrarono il pilota dell'aereo russo abbattuto da un F16 turco, mentre era impegnato proprio in un'azione contro l'ISIS) e i ribelli anti-Assad sedicenti "moderati" (anch'essi caratterizzati dalla presenza di componenti integraliste sunnite, come la Fratellanza Musulmana e gruppi fanatici sostenuti dall'Arabia Saudita che sono responsabili di tante atrocità, denunciate spesso anche dalla Chiesa siriana). Una coalizione che gode di benedizione e sostegno logistico dell'amministrazione USA e dei suoi alleati europei e del Golfo, che su questi alleati contano, non tanto per sconfiggere lo "Stato Islamico", quanto soprattutto per creare rapporti di forza tali da determinare le condizioni del rovesciamento del governo a guida Baath.

Non per caso e con questo obiettivo, le stesse emittenti intensificano paurosamente la demonizzazione del legittimo governo siriano e della Russia (a cui vengono attribuiti i più inverosimili crimini contro le popolazioni civili), ripetendo lo stesso copione che abbiamo già visto quando negli anni scorsi, a più riprese, l'imperialismo statunitense (con il solito codazzo di ONG compiacenti, spesso le stesse che hanno un ruolo attivo nelle "rivoluzioni colorate" in altre parti del pianeta) era alla ricerca di ogni pretesto per potere regolare definitivamente i conti con il governo legittimo della Repubblica Araba di Siria che ormai da anni, insieme ai suoi alleati Russia e Hezbollah, sta difendendo l'intera civiltà dall'assalto di quelle componenti estremiste islamiche che per decenni hanno potuto godere della simpatia, del finanziamento e del supporto logistico di tutto l'Occidente.

In tal modo, ancora una volta l'apparato mediatico dominante si rivela la più formidabile arma di cui dispone l'offensiva aggressiva dell'imperialismo in ogni parte del mondo, per continuare ad esercitare il suo dominio messo in discussione dalla resistenza dei popoli e dal manifestarsi di poderose spinte alla creazione di un mondo multipolare.

Quando l'opinione pubblica democratica e progressista prenderà finalmente consapevolezza che in Siria (come in Ucraina, nel resto del Medio Oriente, nella regione Asia-Pacifico, in America Latina e in altre aree del mondo) l'imperialismo (insieme ai suoi alleati della NATO, tra cui il governo PD del nostro paese) è alla continua ricerca di pretesti per innescare una conflagrazione dalle conseguenze imprevedibili e tragiche per tutta l'umanità, forse sarà troppo tardi. E con la prevedibile elezione alla presidenza USA di "Killary" Clinton, c'è davvero da stare poco allegri.

Nessun commento:

Posta un commento