ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 4 agosto 2016

Ordo(a) befanarum sanctaemartae

DIACONESSE, QUANDO RATZINGER E WOJTYLA SBARRARONO LA STRADA ALLE INIZIATIVE AMBIGUE

Diaconesse, quando Ratzinger e Wojtyla sbarrarono la strada alle iniziative ambigue
1. Da taluni Paesi sono pervenute ai nostri Dicasteri alcune segnalazioni di programmazione e di svolgimento di corsi, direttamente o indirettamente finalizzati all'ordinazione diaconale delle donne. Si vengono così a determinare aspettative carenti di salda fondatezza dottrinale e che possono generare, pertanto, disorientamento pastorale.
2. Poiché l'ordinamento ecclesiale non prevede la possibilità di una tale ordinazione, non è lecito porre in atto iniziative che, in qualche modo, mirino a preparare candidate all'Ordine diaconale.


3. L'autentica promozione della donna nella Chiesa, in conformità al costante Magistero ecclesiastico, con speciale riferimento a quello di Sua Santità Giovanni Paolo II, apre altre ampie prospettive di servizio e di collaborazione.


4. Le Congregazioni sottoscritte - nell'ambito delle proprie competenze - si rivolgono, pertanto, ai singoli Ordinari affinché vogliano spiegare ai propri fedeli ed applicare diligentemente la suindicata direttiva.


Questa Notificazione è stata approvata dal Santo Padre, il 14 settembre 2001.


Dal Vaticano, 17 settembre 2001


Joseph Card. Ratzinger
Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede


Jorge Arturo Card. Medina Estévez
Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti


Darío Card. Castrillón Hoyos
Prefetto della Congregazione per il Clero



Chi c’è nella commissione voluta dal Papa sul diaconato femminile

Il punto di Matteo Matzuzzi
Lo scorso 12 maggio, Papa Francesco, ricevendo nell’Aula Paolo VI in Vaticano le partecipanti all’Assemblea plenaria delle Superiori generali, aveva pubblicamente appoggiato la proposta di istituire una commissione di studio sul diaconato femminile. “Credo che sarebbe bene per la chiesa chiarirlo”, è “utile avere una commissione che lo chiarisca bene”, per verificare se “è una possibilità per l’oggi”. Da qui si era da più parti giunti a conclusioni affrettate: il Papa dice sì alle donne diacono e addirittura alle donne prete. Niente di tutto questo.
I MEMBRI DELLA COMMISSIONE
Tre mesi dopo, Francesco ha costituito la commissione, “dopo intensa preghiera e matura riflessione”. Lo scopo è quello che aveva annunciato a maggio: “Studiare la questione”. Ne fanno parte dodici persone, sei donne e sei uomini provenienti da diverse parti del mondo. A presiederla sarà mons. Luis Francisco Ladaria Ferrer, gesuita e segretario della congregazione per la Dottrina della fede. I membri sono suor Nuria Claduch-Benages (Pontificia commissione biblica), la professoressa Francesca Cocchini (Università La Sapienza e Istituto Augustinianum), mons.Piero Coda (Istituto universitario Sophia e Commissione teologica internazionale), padre Robert Dodaro (preside dell’Istituto Augustinianum), padre Santiago Madrigal Terrazas (Università pontificia Comillas di Madrid), suor Mary Melone (Rettore dell’Università Antonianum), padre Karl-Heinz Menke (Università di Bonn e Commissione teologica internazionale), padre Aimable Musoni (Università Salesiana), padre Bernard Pottier (Institut d’Etudes Théologiques, Bruxelles e Commissione teologica internazionale), professoressa Marianne Schlosser (Università di Vienna e commissione teologica internazionale), professoressa Michelina Tenace (Università Gregoriana), professoressaPhyllis Zagano (Hofstra University, New York).
LE QUESTIONI APERTE
Scrive Luigi Accattoli sul Corriere della Sera che due sono le questioni aperte: quali erano esattamente i compiti delle diaconesse? Perché a un certo punto sono scomparse? “Sono questioni sulle quali hanno già lavorato due gruppi di lavoro della Commissione teologica internazionale, tra il 1992 e il 2002, arrivando a una conclusione attendista”. Il documento che ne venne, ricorda Accattoli, “batteva più sulle difficoltà che sulle opportunità del ristabilimento e concludeva rimettendo la questione al Papa: ‘Spetterà al ministero di discernimento che il Signore ha stabilito nella sua Chiesa pronunciarsi con autorità sulla questione'”.
SEI DONNE E SEI UOMINI
La Commissione istituita ieri “è più autorevole di quelle precedenti”, nota ancora il Corriere della Sera, “perché è nominata dal Papa”. “La parità di genere è un segnale vistoso: più volte Francesco ha detto che le donne vanno ascoltate dove si decide”, scrive Accattoli riferendosi alla composizione (sei uomini e sei donne) del nuovo organismo.
TEMPI LUNGHI
Temi per la decisione finale (se mai ci sarà) non ne vengono fatti, anche perché il punto centrale ed essenziale è individuare le funzioni che le diaconesse avevano nei primi secoli. Proprio a maggio, all’indomani delle parole del Pontefice, era Accattoli a scrivere che “il sottoproblema del diaconato femminile è freddo, si direbbe congelato. Per scongelarlo, ovvero per studiarlo a fondo e arrivare a qualche conclusione operativa, si richiedono tempi lunghi, mentre è urgente un qualche segno papale di nuova considerazione verso il mondo femminile”.

 Matteo Matzuzzi

4 commenti:

  1. Il papa ha istituito una commissione di studio 'dopo intensa preghiera e MATURA RIFLESSIONE'...

    Poiché di Bergoglio conosciamo ormai a memoria il grado di (non)rispetto verso le decisioni dei suoi predecessori e l'allegra nonchalance con cui butta sul piatto le idee che gli spuntano lì per lì - anche su temi assolutamente seri - posso dire che un'affermazione come quella citata fa appena sorridere?

    E che suona come un insulto all'intelligenza comune delle persone?

    RispondiElimina
  2. se inseriscono le donne-diacono-pretta siamo arrivati alla liturgia di-vino alcolico.....il Signore non potrebbe scendere nelle mani di queste impostore che mimando i gesti sacerdotali si macchiano di eresia Dio salvaci da questa apostasia!Amen!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe scendere un attimo solo per fulminarle, no?

      Elimina
    2. saette e zolfo dal cielo su tutti gli apostati....

      Elimina