ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 3 maggio 2018

La falsificazione della religione cristiana

GLI INGANNI DEL "MODERNO"


Depurare mente e cuore dagli inganni del moderno. Le "prove" che, se il totalitarismo culturale viene imposto in maniera efficace, esso riesce a far passare qualsiasi verità di comodo, senza che nessuno ci trovi nulla di strano 
di Francesco Lamendola   

 0 102 cristo duval
  
La civiltà moderna ha immerso la nostra mente e il nostro cuore in un labirinto d’inganni, di menzogne, di false apparenze di bene; ci ha persuasi, con una propaganda martellante, che il progresso è la chiave di tutto, non si può tornare indietro ma si deve andare sempre avanti; che il nostro futuro, il nostro destino, la nostra salvezza, dipendono dalla nostra disponibilità ad essere assolutamente moderni (come diceva l’ossesso Rimbaud, che terminò la sua vita vendendo armi e, forse, schiavi in terra d’Africa), e insomma che non vi è alcun Dio fuori del progresso, e nessun orizzonte al di là – o al di qua – del moderno.
La prima cosa da cui dobbiamo liberarci è il condizionamento mentale, anzi, il riflesso condizionato per cui, non appena sentiamo pronunciare, o leggiamo, la parola moderno, subito ci si forma l’acquolina in bocca, perché “sentiamo” di essere in presenza di qualcosa di altamente positivo, di qualcosa che è buono in se stesso. 
In realtà, l’aggettivo moderno ha almeno due significati: uno storico e uno ideologico. Storicamente, è moderna una cosa rispetto a una cosa che la precede nel tempo: dunque indica, semplicemente, una scansione temporale, una successione dal prima al dopo. In questo senso, anche Virgilio è moderno rispetto a Omero, e Dante è moderno rispetto a Virgilio, e Ariosto è moderno rispetto a Dante. Insomma, quella del moderno non è una categoria dal valore assoluto, ma relativo: si è moderni fino a che si viene superati da qualcuno o da qualcosa che sono più moderni di noi, perché sono venuti dopo di noi. Questo, naturalmente, non significa affatto che i moderni siano migliori, ma semplicemente che sono più recenti. I giovani non sono migliori dei vecchi; hanno meno anni, meno esperienza, anche meno acciacchi, se si vuole: ecco tutto. I giudizi morali, le valutazioni di merito, non hanno niente a che fare con il fatto di essere giovane o di essere vecchio: bisogna vedere, caso per caso, che tipo di persona si ha davanti, indipendentemente dalla sua età. E per il moderno, inteso in senso storico, è la stessa cosa: un edificio, uno scritto, un evento politico, non sono migliori perché più recenti: anche perché, come si è visto, se sono più recenti rispetto a quel che è venuto prima, saranno più vecchio rispetto a quel che verrà. Niente è moderno in assoluto, come nessuno è giovane per sempre. Ideologicamente, la parola moderno ha un secondo significato: esprime, sia pure tacitamente, un giudizio di merito, e più precisamente un giudizio di segno positivo. Così, quando Arthur Rimbaud affermava che si deve essereassolutamente moderni, intendeva fare l’elogio dell’essere moderni, e suggeriva che se non si è moderni, allora si vale di meno, si è incapaci di capire il presente, non si dà un valido contribuito al bene della società (o della cultura, o della poesia, in quel caso specifico).

Di fatto, però, il secondo significato è divenuto assolutamente prevalente, per non dire esclusivo, inglobando in sé e annullando il primo. A causa di ciò, nessuno si sognerebbe di aprire una riflessione sulla legittimità di quel segno “più” che, mentalmente, ciascuno tende a porre accanto alla parola moderno; nessuno si chiede quale sia l’origine dei quel senso di compiacimento e di approvazione che si prova quando si sente dire che una certa cosa è moderna, rispetto a un’altra che non lo è: e questo accade perché, vivendo all’interno della modernità e avendone accettato, acriticamente, sia le premesse e la prospettiva, sia i valori (o disvalori) essenziali, noi tendiamo a identificarci completamente con il suo paradigma culturale e a fare tutt’uno con i suoi elementi costitutivi. Non arriviamo neppure a immaginare che si possa pensare o sentire altrimenti, che si possa vedere la realtà con altri occhi, o, se pure ci si arriva, è solo per sminuire, denigrare, ridicolizzare o criminalizzare gli altri paradigmi culturali, quelli esistiti prima di quello attuale, e grazie ai quali i nostri avi hanno visto il reale con altri occhi, e sentito le cose con un altro cuore, e riflettuto su di esse con un altro modo di usare l’intelligenza. Siamo talmente condizionati e manipolati che non riusciamo neanche a vedere i meccanismi, talvolta sottili, altre volte assai vistosi e grossolani, che ci tengono schiavi e legati al paradigma moderno.

0 CHIESA MASSONE
Della "Grande manipolazione" e della dittatura del pensiero unico moderno quanti ne sono veramente consapevoli?

In pratica si verifica una situazione curiosa, paradossale. La civiltà moderna nasce, almeno a parole, come rivendicazione della libertà di pensiero contro l’autoritarismo della tradizione (e ancora continuano a rintronarci gli orecchi, dopo quasi cinque secoli, con la lacrimevole storia del processo di Galilei, una storia largamente taroccata e manipolata); tuttavia, di fatto essa si configura come una vera e propria dittatura del pensiero unico moderno, cioè come una forma particolarmente efficace e capillare di totalitarismo. Per nascondere il trucco ed evitare che le persone si sveglino dall’ipnosi e si facciano qualche domanda scomoda, pertanto, è necessario che alcuni dogmi fondativi della modernità, assurti al livello di una spiegazione mitologica delle origini, siano custoditi e ribaditi nella mente delle persone, fino ad ottenere l’effetto di un riflesso condizionato, come nel caso del cane di Pavlov. Si tratta, cioè, di trasformare gli esseri umani in altrettanti cani di Pavlov, ai quali viene l’acquolina in bocca ogni qualvolta odono squillare il campanello, cioè, fuori di metafora, ogni qualvolta odono pronunciare le parole-mantra, corrispondenti ai miti e ai dogmi della cultura moderna. Per ottenere questo risultato, non basta che il potere intervenga direttamente a reprimere le rarissime voci di dissenso, le quali si permettono di mettere in dubbio la giustezza dei miti delle origini e osano insinuare dei dubbi circa la veridicità e l’inconfutabilità dei dogmi fondativi. Certo, questo è un aspetto necessario, anzi, essenziale, ma non è sufficiente: perché, anche se quelle rarissime voci di dissenso possono essere colpite con sanzioni amministrative (fino al licenziamento) e penali (fino al pagamento di multe e alla prigione) nei confronti dei sovversivi che si macchiano di così orrendi misfatti, l’ideale, per il potere, sarebbe che tali voci non arrivassero nemmeno ad essere udibili, che non si levassero proprio. L’ideale sarebbe il controllo totale delle menti, in modo che nessuno osi nemmeno formulare un pensiero divergente dai dogmi del politicamente corretto, affinché l’ideologia moderna  non venga scalfita neppure in minima misura. Infatti, trattandosi di un misero castello di carte (truccate), il pericolo che il sistema corre quando qualcuno denuncia apertamente l’inganno è veramente troppo grave: l’intero castello potrebbe andare a catafascio. Perciò bisogna evitare di poter giungere a tanto, non basta reprimere dopo che il guaio è già stato fatto; e per prevenire, esiste la disponibilità di una manovalanza quanto mai numerosa, in pratica quasi tutti i cittadini possono e devono essere trasformati in cani da guardia del sistema totalitario. Bisogna che chiunque se ne va per la strada, magari munito di un telefonino, possa, all’occorrenza, registrare quei comportamenti e quei discorsi che criticano e mettono in dubbio i dogmi e i miti della cultura dominante; inutile dire che bisogna fare in modo che quei passanti e quei telefonini lavorino solo a senso unico, cioè che non siano neppure sfiorati dalla tentazione di documentare delle cose che, pur essendo conformi al sistema e perciò gradite al potere, non sono, in se stesse, né vere, né etiche, e pertanto, se venissero diffuse sulla rete, o sui media, potrebbero gettare un’ombra sull’intero castello di carte. Come si può ottenere un risultato del genere? Agendo soprattutto su una classe di persone ambiziose e arroganti, ma pigre, nullafacenti, sostanzialmente parassitarie: basta dar loro la qualifica (che non costa nulla) di “intellettuali” e arruolarli come giornalisti, opinionisti, tuttologi, e porli a capo dei programmi televisivi, delle redazioni dei giornali, invitarli quotidianamente nei salotti televisivi, piazzarli nelle cattedre universitarie, in tutte le posizioni strategiche dalle quali si controlla e si domina la vita associata; senza trascurare, ovviamente, la politica, la pubblica amministrazione, l’economia, la finanza. Ma attenzione: nulla deve sfuggire al sistema, pena la possibilità di un crollo; ed ecco che anche lo spettacolo, la musica, leggera, lo sport, insomma tutto, assolutamente tutto, deve essere presidiato: in ogni luogo devono esserci i fedeli, gli zelanti cani da guardia, incaricati di sorvegliare notte e giorno tutto quel che accade, quel che si dice, quel che si bisbiglia, quel che si scrive, anche e soprattutto in rete; e pronti, soprattutto, a lanciare l’allarme, a far partire la reazione, a criminalizzare chiunque osi anche solo dare l’impressione di poter criticare seriamente il sistema, specialmente se con le armi dell’intelligenza e della verità. E bisogna che questa massa di solerti spioni non si rendano conto, o non più di tanto, di ciò che realmente sono, altrimenti proverebbero schifo di se stessi e, forse, non sarebbero più utilizzabili dal sistema, perché potrebbero essere presi da qualche crisi di coscienza. Ma è un pericolo abbastanza remoto, in verità: perché nella civiltà moderna, che è sostanzialmente una costruzione dell’usura, tutto ha un prezzo, e quindi anche ogni uomo può essere comprato con il denaro. Gli si offre un avanzamento di carriera, un posto più prestigioso; lo si lusinga, lo si invita, lo si applaude, gli si fa credere di essere un grand’uomo, si ascolta con reverente compunzione le perle di saggezza che gli escono continuamente di bocca, et voilà, il gioco è fatto. Aggiungeteci un buon stipendio, specie in questi tempi di crisi del lavoro, e l’opera sarà completa.

Depurare mente e cuore dagli inganni del moderno

di Francesco Lamendola
continua su: