ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

venerdì 11 gennaio 2019

Negatori di professione

CONFERME UFFICIALI DAGLI USA. VIGANÒ HA RAGIONE. WUERL SA DI MCCARRICK DAL 2004.

              

E ancora una volta l’arcivescovo Viganò aveva ragione. Recenti reportage dagli Stati Uniti dimostrano che il cardinale Donald Wuerl, arcivescovo di Washington e prima di Pittsburgh ha saputo delle accuse di abusi dell’arcivescovo McCarrick sin dll 2004. La divulgazione del 10 gennaio da parte della diocesi di Pittsburgh di questi dettagli è la prima conferma da parte delle autorità della Chiesa che il cardinale Wuerl era a conoscenza di accuse contro l’ex-cardinale caduto in disgrazia prima del giugno 2018. Wuerl però ha affermato di non sapere nulla della presunta cattiva condotta sessuale dell’ex-cardinale caduto in disgrazia fino al 2018; e per questo motivo l’arcivescovo Viganò lo ha accusato di mentire.

Questa notizia non è rassicurante; getta un’ombra oltre che sulla persona del cardinale, uomo di fiducia del Pontefice negli Stati Uniti, anche sulla gestione globale della crisi degli abusi da parte del papa e del Vaticano. Non si può ignorare che Wuerl, insieme con il card. Cupich, un altro uomo della filiera McCarrick e uomo di fiducia del Pontefice negli USA, sono stati accusati da colleghi affidabili oltreoceano di aver bloccato, in accordo con la Curia romana, alcune misure anti-abusi che i vescovi americani erano pronti a votare durante l’assemblea di novembre. Da notare che misure simili – una commissione di inchiesta composta da esperti laici – sono state approvate senza nessun problema romano o canonico in Francia. Il card. Cupich poi è stato nominato responsabile dell’organizzazione del meeting planetario sugli abusi di febbraio a Roma, al posto di quello che sarebbe stato il candidato “naturale”, il card. O’Malley. Cupich è stato chiamato in causa dall’arcivescovo Viganò nella sua testimonianza. Tutti elementi che – insieme allo straordinario, incredibile silenzio perdurante da oltre quattro mesi da parte del Pontefice, e delle persone accusate – sulla testimonianza Viganò, non alimentano gran fiducia sulla volontà del Pontefice e del suo gruppo di potere di voler fare chiarezza su troppi episodi oscuri. E in questo senso persone esperte di Curia e di procedure leggono la decisione di procedere amministrativamente – e in tutta fretta – nel caso McCarrick, e non per via giudiziaria, solo come un’astuzia per evitare di chiarire chi in Curia ha coperto le sue promozioni; e lo stesso papa Francesco, che sapendo dei suoi comportamenti criminali lo ha protetto e usato per la sua politica negli USA, in Cina, Cuba e  altrove.
Quando era vescovo a Pittsburgh Donald Wuerl ha ricevuto una denuncia di abusi compiuti dal card. McCarrick, e l’ha inoltrata al nunzio apostolico a Washington, D.C.. Così ha detto giovedì la diocesi di Pittsburgh. Un portavoce dell’arcidiocesi di Washington ha confermato alla Cna che un’accusa contro l’arcivescovo McCarrick è stata presentata al cardinale Wuerl mentre era vescovo di Pittsburgh, come parte di una denuncia presentata dal prete laicizzato Robert Ciolek.
In una dichiarazione, la diocesi di Pittsburgh ha detto il 10 gennaio che il prete licenziato Robert Ciolek è apparso nel novembre 2004 davanti al Comitato di revisione diocesano per discutere delle accuse di abuso che Ciolek aveva fatto contro un prete di Pittsburgh.
Durante quell’incontro, “Mr. Ciolek ha anche parlato degli abusi subiti da parte dell’allora cardinale Theodore McCarrick. Questa è stata la prima volta che la diocesi di Pittsburgh ha appreso di questa accusa”, si legge nella dichiarazione. “Qualche giorno dopo, il vescovo Donald Wuerl fece un rapporto sulle accuse al nunzio apostolico negli Stati Uniti”.
La rivelazione è la prima conferma da parte delle autorità ecclesiastiche che Wuerl era a conoscenza delle accuse contro l’arcivescovo McCarrick prima che l’arcidiocesi di New York annunciasse nel giugno 2018 che un’accusa credibile di abuso sessuale di un minore era stata fatta contro l’arcivescovo.
La notizia solleva domande sulle dichiarazioni del 2018 del cardinale Wuerl che ha negato di aver persino sentito “voci” sul suo predecessore come arcivescovo di Washington.
Ed McFadden, portavoce dell’Arcidiocesi di Washington, ha detto alla Cna che nel 2004 Ciolek “ha chiesto che la sua denuncia contro McCarrick fosse inoltrata al nunzio [apostolico]. Ed è stato così”, ha detto McFadden alla CNA. “Wuerl ha inoltrato il file e la denuncia alla nunziatura nel 2004”.
“All’epoca Ciolek ha chiesto la massima riservatezza”, ha detto McFadden, “e che il suo nome non venisse mai menzionato”.
La dichiarazione della diocesi di Pittsburgh ha confermato che in origine Ciolek aveva insistito sulla riservatezza, ma anche che di recente aveva autorizzato la diocesi a parlare della questione.
“Il sig. Ciolek ha chiesto che le accuse sull’allora cardinale McCarrick fossero condivise solo con le autorità ecclesiastiche. Nel novembre 2018 il signor Ciolek ha autorizzato la diocesi di Pittsburgh a rispondere alle richieste della stampa su questo argomento”.
La notizia che il cardinale avesse ricevuto una denuncia formale contro l’arcivescovo McCarrick già nel 2004, e l’avesse inoltrata alla nunziatura apostolica a Washington, sollevano serie domande sulle dichiarazioni del 2018 del cardinale riguardo al suo predecessore.
Il cardinale Wuerl ha scritto in una lettera del 21 giugno di essere “scioccato e rattristato” dalle accuse rivolte contro l’arcivescovo McCarrick.
Nella stessa lettera, il cardinale Wuerl ha affermato che “nessuna rivendicazione – credibile o meno – è stata fatta contro il cardinale McCarrick durante il suo periodo qui a Washington”.
In una dichiarazione del 10 gennaio, l’arcidiocesi di Washington ha affermato che “il cardinale Wuerl ha cercato di essere accurato nell’affrontare le domande sull’arcivescovo McCarrick. Le sue affermazioni si riferivano a richieste di abusi sessuali su un minore da parte dell’Arcivescovo McCarrick, così come le voci su tale comportamento. Il cardinale sostiene queste affermazioni, che non erano destinate a essere imprecise. “
“Il cardinale Wuerl ha detto che fino a quando l’accusa di abuso di un minore del cardinale McCarrick è stata fatta a New York”, continua la dichiarazione, “nessuno di questa arcidiocesi ha presentato un’accusa di abuso da parte dell’Arcivescovo McCarrick durante il suo periodo a Washington “.
Le dimissioni del Cardinale Wuerl come Arcivescovo di Washington sono state accettate il 12 ottobre 2018, in seguito allo scandalo seguito alla pubblicazione del Report del Grand Jury di Pennsylvania, che ha evidenziato una gestione pessima da parte di Wuerl di diversi preti abusatori. Il cardinale è stato nominato da papa Francesco come amministratore provvisorio dell’arcidiocesi fino alla nomina di un successore; la lettera di elogi del Pontefice ha suscitato non poca indignazione in molti laici.
Il successore dell’arcivescovo Montalvo come nunzio a Washington fu l’arcivescovo Pietro Sambi. La CNA ha precedentemente riferito che nel 2008, agendo su esplicite istruzioni di Papa Benedetto XVI, l’arcivescovo Sambi aveva ordinato all’arcivescovo McCarrick di trasferirsi fuori dal seminario arcidiocesano in cui viveva durante il suo pensionamento.
Tale ordine, e altre misure che potrebbero essere state imposte all’arcivescovo McCarrick durante il suo pensionamento, erano un elemento centrale delle accuse del proprio successore dell’Arcivescovo Sambi, l’arcivescovo Carlo Viganò.
Nella sua ormai famosa “testimonianza”, pubblicata nell’agosto dello scorso anno, l’arcivescovo Viganò ha insistito sul fatto che il cardinale Wuerl era a conoscenza delle restrizioni imposte all’arcivescovo McCarrick durante il suo pensionamento per diversi anni e che riguardavano direttamente le sue interazioni con i seminaristi. In risposta alle affermazioni dell’arcivescovo Viganò, il cardinale Wuerl ha negato “di aver ricevuto informazioni dalla Santa Sede riguardo al comportamento del cardinale McCarrick o di qualsiasi dubbio sulla sua vita e sul suo ministero suggerito dall’arcivescovo Viganò”. E l’arcivescovo Viganò lo ha accusato a più riprese di non essere sincero.
Da notare ancora un volta che a oltre quattro mesi di distanza dalla testimonianza dell’arcivescovo Viganò né il Pontefice, chiamato in causa direttamente, né nessuno degli altri personaggi interpellati dalla testimonianza hanno smentito alcunché di quanto dichiarato da Viganò. L’unica forma di reazione è stato il tentativo, compiuto grazie a media compiacenti, di cercare di screditare la figura dell’ex nunzio. Ma sui fatti denunciati, non una parola. 
Marco Tosatti
Oggi è il 134° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.
Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?
È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?
Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.
http://www.marcotosatti.com/2019/01/11/conferme-ufficiali-dagli-usa-vigano-ha-ragione-wuerl-sa-di-mccarrick-dal-2004/


Sodoma distrutta


Consigli per gli acquisti:

dalle Edizioni RadioSpada, un agevole libretto con le condanne all'omosessualismo dagli apostoli Pietro e Paolo fino a papa Pio X:


https://www.edizioniradiospada.com/component/virtuemart/ecommerce/sodoma-distrutta-le-parole-di-santi-e-papi-contro-l-omosessualismo-detail.html


Ne andrebbero diffuse copie nei seminari e nei conventi, da mettere sullo scaffale dei libri per la meditazione.

Nessun commento:

Posta un commento