ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 2 novembre 2019

Quando sapremo?

Caso Orlandi / Laura Sgrò: “In Vaticano c’è un fascicolo su Emanuela. Chiedo di vederlo”

https://s3-eu-west-1.amazonaws.com/intopicartimages/18209286.jpg(immagine aggiunta)

Nell’archivio della segreteria di Stato c’è sicuramente il testo della prima telefonata che il Vaticano ricevette dopo la sparizione di Emanuela Orlandi, il 22 giugno 1983. Questo quanto ci ha detto ieri, nel corso di una lunga intervista, l’ex nunzio negli Usa Carlo Maria Viganò, che trentasei anni fa lavorava negli uffici della segreteria di Stato della Santa Sede e visse quei momenti drammatici. Dichiarazioni, quelle di monsignor Viganò, che hanno suscitato vasta eco e sulle quali interviene ora Laura Sgrò, legale della famiglia Orlandi.

Avvocato Sgrò, quale impressione ha tratto dalle dichiarazioni di monsignor Viganò?
Sua eccellenza monsignor Viganò aveva riferito anche a me, nella tarda primavera del 2018, nell’ambito delle attività difensive che stavo svolgendo, quanto lei ha scritto il 1 novembre nel suo blog. Mi aveva, tuttavia, chiesto di mantenere l’anonimato della fonte. Ritengo le sue dichiarazioni molto interessanti. Le ritenni interessanti sin da subito, infatti in un incontro con le autorità vaticane – seppur mantenendo l’anonimato della fonte, come mi era stato richiesto – chiesi verbalmente di approfondire la circostanza della telefonata giunta la sera stessa del rapimento di Emanuela alla sala stampa vaticana e trasmessa, poi, in segreteria di Stato. Da quell’incontro è passato più di un anno e non credo sia stata fatta la verifica da me richiesta. Sono contenta che monsignor Viganò abbia deciso di parlare pubblicamente e di liberare anche me dall’anonimato della fonte: la verifica dell’esistenza di quella telefonata è fondamentale, perché indirizza le indagini. Se appena qualche ora dopo la sparizione di Emanuela i presunti rapitori chiedono di parlare con la segreteria di Stato allora è evidente che l’interlocutore è la Santa Sede e non la famiglia Orlandi. Si tratta, peraltro, di una verifica ancora fattibile. Basta guardare l’Annuario pontificio del 1983 e si vedrà che alcune persone che lavoravano al tempo in segreteria di Stato sono ancora vive e con ruoli apicali. Perché non convocarle e chiedere loro lumi?
Monsignor Viganò parla di documenti che sono nell’archivio della segreteria di Stato e che sarebbero molto utili per le indagini, eppure non sono stati ancora resi noti. Perché questi silenzi?
Chiedo da anni di avere accesso al fascicolo su Emanuela in possesso della segreteria di Stato. Che esista un fascicolo è pacifico, oscuro è, invece, il contenuto. Credo che questo silenzio non potrà continuare a lungo. Come diceva il poeta Archiloco, “la volpe sa molte cose, ma il riccio ne sa una grande”. Nonostante le mille furbizie con cui ci scontriamo, noi siamo fermi, inamovibili e centrati sul nostro obiettivo: trovare la verità su Emanuela.
Monsignor Viganò cita numerosi rappresentanti vaticani di primissimo livello che all’epoca della sparizione di Emanuela lavoravano nella segreteria di Stato. Che cosa vuole dire a questi esponenti della Santa Sede?
Che dicano la verità. Solo questo. Emanuela aveva appena quindici anni quando è scomparsa, si stava affacciando alla vita. Nel pozzo nero della sua scomparsa è finita anche la sua famiglia. Ercole Orlandi se n’è andato cercando la sua bambina; sua moglie, Maria Pezzano Orlandi, la cerca ancora. Emanuela la cercano anche Pietro, Natalina, Federica e Cristina Orlandi, i suoi fratelli. E anche tutti i suoi nipoti che non l’hanno mai conosciuta ma ne sentono parlare ogni giorno. Non smetteranno mai di cercarla, sia chiaro. E non c’è silenzio che potrà strapparla dal loro cuore.Faccio appello a chi ha coscienza: la verità rende liberi.
Circa la vicenda delle tombe nel camposanto teutonico, ci può dire qual è la situazione? Che cosa è stato trovato precisamente? Sono in corso analisi?
Siamo in attesa di conoscere come le autorità vaticane intendano procedere. Quando sapremo cosa avranno deciso di fare, avremo modo di commentare adeguatamente tutta la vicenda.
Lei, come legale della famiglia Orlandi, quali iniziative intende prendere a questo punto? 
Tutte, nessun esclusa.
Aldo Maria Valli
https://www.aldomariavalli.it/2019/11/02/caso-orlandi-laura-sgro-in-vaticano-ce-un-fascicolo-su-emanuela-chiedo-di-vederlo/

Oggi 2 Novembre…’A livella – Totò (Principe Antonio De Curtis)


Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.
St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.
‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.
“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”
‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.
Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, sulamente ‘na crucella.
E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!
Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?
Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.
Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?
Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.
E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?
Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo.calmo calmo,
dicette a don Gennaro:”Giovanotto!
Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!
La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!
Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”
“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?
Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo, obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.
“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”
“Famme vedé.-piglia sta violenza…
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…
Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.
“Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.
“Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora è fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.
‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?
Perciò, stamme a ssenti… nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo à morte!”

Fonte: https://www.facebook.com
Link: https://www.facebook.com/antonio.demartini.589

Nessun commento:

Posta un commento