ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

martedì 25 ottobre 2011

Mammona incalza!

"Occupare Wall Street". Il Vaticano sulle barricate
Alla vigilia del G-20 la Santa Sede invoca un'autorità politica universale che governi l'economia. Per cominciare, chiede che sia introdotta una tassa sulle transazioni finanziarie

di Sandro Magister




ROMA, 24 ottobre 2011 – A sentire padre Thomas J. Reese, professore alla Georgetown University di Washington e già direttore del settimanale dei gesuiti di New York, "America", il documento rilasciato oggi dalla Santa Sede "è non solo più a sinistra di Obama: è più a sinistra anche dei democratici liberal ed è più vicino alle vedute del movimento 'Occupare Wall Street' che di qualsiasi membro del congresso americano".

In effetti, il documento diffuso lunedì 24 ottobre dal pontificio consiglio della giustizia e della pace invoca niente meno che l'avvento di un "mondo nuovo" che dovrebbe avere il suo cardine in una autorità politica universale.

L'idea non è inedita. Era già stata evocata nell'enciclica "Pacem in terris" di Giovanni XXIII, del 1963, ed è stata rilanciata da Benedetto XVI nell'enciclica "Caritas in veritate" del 2009, al paragrafo 67.

La "Caritas in veritate", però, diceva molto altro e molto di più e l'auspicio di un governo mondiale della politica e dell'economia non ne era sicuramente il centro.

Qui invece, l'intero documento ruota attorno a questa idea, richiamata fin dal titolo:


Quanto di utopico e quanto di realistico ci sia, nell'invocazione di tale governo supremo del mondo, è fatto intravedere dal generale disordine che le cronache dell'attuale crisi economica e finanziaria ci descrivono ogni giorno.

All'ambito del realistico e del praticabile appartiene però uno specifico elemento di innovazione auspicato dal documento: la tassazione delle transazioni finanziarie, altrimenti detta "Tobin tax".

Il documento dedica ad essa poche righe. E si sa che la proposta è contrastata da forti e argomentate obiezioni. Come pure si sa che la sostengono economisti famosi, quali Joseph Stiglitz e Jeffrey Sachs.

Ma nel presentare il documento alla stampa, la Santa Sede ha deciso di schierarsi con grande risolutezza a favore della "Tobin tax". Non solo chiedendo di "riflettervi", come si legge nel documento, ma rispondendo punto per punto alle obiezioni e mostrandone la praticabilità e l'utilità già nell'immediato.

Questa apologia della "Tobin tax" è stata affidata all'economista Leonardo Becchetti, professore all'Università di Roma "Tor Vergata". Ed egli ha svolto il suo compito con precisione e con ricchezza di dati:


Sul tavolo dei capi di governo del G-20, che si riuniranno a Cannes, in Francia, il 3 e 4 novembre prossimi, ci sarà dunque questa netta presa di posizione della Santa Sede a favore dell'introduzione della "Tobin tax", il cui gettito "potrebbe contribuire alla costituzione di una riserva mondiale per sostenere le economie del paesi colpiti dalle crisi".

Nessun commento:

Posta un commento