ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

venerdì 22 giugno 2012

Friburgo, il fantasma di Martin L'utero


Germania 
Friburgo, il fantasma di Martin Lutero. Preti in rivolta contro il Papa   
Il Fatto Quotidiano - Rassegna "Fine Settimana"  
(Marco Politi) I preti tedeschi si ribellano al Vaticano. Duecento preti e diaconi della diocesi di Friburgo hanno firmato un appello su Internet, sostenendo la legittimità della comunione ai divorziati risposati. Il luogo è simbolico. La diocesi di Friburgo è retta dall’arcivescovo (...)



Preti in rivolta contro il Papa
di Marco Politi
in “il Fatto Quotidiano” del 21 giugno 2012
I preti tedeschi si ribellano al Vaticano. Duecento preti e diaconi della diocesi di Friburgo hanno
firmato un appello su Internet, sostenendo la legittimità della comunione ai divorziati risposati. Il
luogo è simbolico. La diocesi di Friburgo è retta dall’arcivescovo Robert Zollitsch, presidente della
Conferenza episcopale tedesca. È come se a Genova, sede del cardinale Bagnasco presidente della
Cei, duecento sacerdoti comunicassero ufficialmente di dare regolarmente l’ostia ai fedeli in
secondo matrimonio.
A Friburgo i duecento contestatori dichiarano che verso i divorziati risposati bisogna usare
“misericordia” e non nascondono la loro scelta: “Nelle nostre comunità i divorziati risposati
prendono parte alla comunione con il nostro consenso. Sono presenti nel consiglio parrocchiale e
partecipano ad altri servizi pastorali”. È una contestazione frontale delle istruzioni vaticane, ma
soprattutto una rivolta contro l’inazione del pontefice che da anni – già da prefetto della
Congregazione per la Dottrina della fede – si occupava della questione e non ha mai preso una
decisione per superare un divieto, che colpisce dolorosamente proprio i fedeli più assidui.
A FRIBURGO il vicario generale della diocesi ha tentato di persuadere il clero a non firmare o a
ritirare il consenso. Soltanto due dei firmatari lo hanno ascoltato. In realtà dietro l’appello c’è una
galassia di preti in tutta la Germania, ma anche in tante parti del mondo. Italia compresa, dove molti
parroci non infieriscono contro i divorziati risposati negando loro l’eucaristia.
Stephan Wahl, uno dei preti più noti in Germania per avere predicato il vangelo alla televisione per
dodici anni nella popolare trasmissione “La parola della domenica” (Wort am Sonntag), ha
commentato in maniera pregnante: “Come cattolico e come sacerdote mi è insopportabile che,
secondo l’attuale normativa (ecclesiastica), è più facile che un sacerdote colpevole di abusi possa
distribuire il sacramento (dell’eucaristia) piuttosto che un divorziato riceverlo”. I preti contestatori
tedeschi rimarcano di essere ben consapevoli di “agire contro le norme canoniche attualmente in
vigore nella Chiesa cattolica romana”, ma sostengono che in base all’attuale Codice di diritto
canonico il principio supremo, a cui orientarsi, è la “salvezza delle anime”. Perciò ribadiscono:
“Consideriamo urgentemente necessaria una nuova normativa canonica per i divorziati risposati”.
LO STESSO Ratzinger, da teologo, era del parere che di fronte ad un primo matrimonio “spezzatosi
da lungo tempo e in maniera irreparabile”, e alla luce di una seconda unione rivelatasi negli anni
un’autentica “realtà etica”, fosse giusto – su testimonianza del parroco e della comunità –
“concedere la comunione a coloro che vivono un simile secondo matrimonio”. Correva l’anno
1972, quando Ratzinger difendeva tesi del genere.
Da allora il pontificato di Giovanni Paolo II e quello di Benedetto XVI hanno battuto
ossessivamente sul tasto dell’indissolubilità del matrimonio, rifiutando qualsiasi soluzione. Benché
– come ha fatto notare lo scrittore cattolico Messori durante le giornate della famiglia a Milano,
benedette dal Papa – il cattolicesimo sia l’unica tra le confessioni cristiane e le religioni mondiali a
negare la possibilità del divorzio. Di una presunta “legge naturale”, in proposito, è inutile parlare.
Il presidente dell’episcopato tedesco Zollitsch, sebbene attaccato a sua volta dai preti tradizionalisti
riuniti nella “Rete dei sacerdoti cattolici”, ha deciso dopo qualche esitazione di ricevere una
delegazione dei contestatori. Dovrebbe accadere oggi.
Un atteggiamento molto diverso da quello del cardinale Scola, il quale – come riferito dall’agenzia
Adista – ha impedito nel gennaio scorso al consiglio presbiterale milanese di mettere all’ordine del
giorno anche la mera analisi e discussione del tema “divorziati risposati e accesso ai sacramenti”.
Dopo un netto intervento contrario del cardinale la proposta avanzata dai sacerdoti Aristide
Fumagalli e Giovanni Giavini ha ottenuto 7 sì, 13 no e 27 astensioni (segno evidente di come tanti
preti attendano un cenno dall’alto per parlare finalmente liberamente).
IL CASO di Friburgo è solo la punta dell’iceberg dell’insoddisfazione per lo stallo totale di ogni
riforma. Si sono già mobilitati i preti austriaci con l’“Iniziativa dei parroci”. Chiedono la riforma
della Chiesa, la fine del cumulo di parrocchie affidate a un solo parroco, l’accesso al sacerdozio di
sposati e donne.
http://ilsismografo.blogspot.com/2012/06/germania-friburgo-il-fantasma-di-martin.html

Nessun commento:

Posta un commento