ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 24 novembre 2012

Vaticanisti apparenti


Pontifex.RomaI sospetti erano già in rete da tempo, basta leggere questo articolo: "CAMMILLERI: UN ALTRO SCRITTORE CATTOLICO NEL PANTANO DI MEDJUGORJE?"; ebbene, Cammilleri nel pantano della menzogna sembra esserci prorpio finito e, o per malizia o per ignoranza, la settimana scorsa si è preso burla addirittura dell'ottimo Vatican Insider, rilasciando un'intervista che di vero non ha nulla ... Chi come me ha letto l’articolo di Vatican Insider (CLICCA QUI) del 15 novembre 2012, “Medjugorje, un’esperienza di fede” con l’intervista a Rino Cammilleri, non può non aver notato la faziosità e menzogna del vaticanista sull’argomento Medjugorje.
Nel secondo capoverso infatti scrive: “Dopo più di 30 anni di (non ancora riconosciute) apparizioni, infatti, abbonda la letteratura su Medjugorje”. Vorrei ricordare che la Chiesa cattolica condanna le "apparizioni" di Medjugorje, basta andare sul sito del Vescovo di Mostar-Duvno e leggere ...
...  (www.cbismo.com); ritengo importante che leggiate anche questa sintesi autorevole e vera "CHIESA CATTOLICA E MEDJUGORJE, QUANTE COMMISSIONI E INTERVENTI ECCLESIASTICI?".
Questa è, ad oggi, la situazione anche alla luce del testo di Paolo VI sul discernimento nelle apparizioni e negli eventi straordinari.
Quel ‘non ancora’ denota una sua posizione sugli avvenimenti, che devono essere studiati dalla Chiesa, lasciando credere che per il riconoscimento è solo questione di tempo. I media non amanti della verità, hanno riempito 31 anni di simili attese, e di sonanti euro le loro casse. Pensate se il fenomeno si fosse dissolto solo dopo pochi mesi, quanti guadagni costoro avrebbero perso.
Il compianto mons. Zanic (Ordinario del luogo, unico avente diritto al giudizio su fenomeni straordinari locali), vescovo di Mostar fin dall’inizio del fenomeno, ebbe a scrivere: “In tale situazione viene a collocarsi, con effetti deleteri per la verità e la serietà dei fatti soprannaturali e per la credibilità stessa della Chiesa, l’incredibile campagna propagandistica orchestrata su molti giornali e riviste cattoliche all’estero, specialmente in Italia”. 
Ed ecco allora Cammilleri, stimato e buon scrittore, che, dopo averci pensato molto, ha ritenuto di essere un grande esperto di apparizioni, (perché lui è stato ben due volte - sic! - a Medjugorje!) e di scrivere un libro!
Sarei un bugiardo se dicessi che ho letto ‘Medjugorje. Il cammino del cuore’. Come sarei un illuso se sostenessi che di Medjugorje io conosco tutti i meandri (cosa sostenuta invece da un esponente di spicco di Radio Maria). No, assolutamente. Sono convinto invece di non conoscere ancora il peggio di ciò che là è successo, in questi 31 anni di pseudo apparizioni e di pellegrinaggi.
Dall’articolo si evince che le domande che Vatican Insider fa all’Autore tendono a fargli dire ciò che il popolo medjugorjano vuol sentirsi dire. E perciò ecco il tormentone.
Gli chiede: "Cosa fa delle apparizioni di Medjugorje un evento eccezionale nella storia?"
Risposta di Cammilleri: “…Il numero di persone che tornano convertite o sbalordite dalla vista di fenomeni straordinari… C’è il bisogno di andare alla fonte, dalla Madonna, che parla poco e agisce molto, garantendo quel poco che dice coi miracoli”.
Sui presunti frutti ci sarebbe da dire molto, ma vi rimando alla lettura di questi approfondimenti (CLICCA QUI).
E non si accorge, l'intervistatore, che Rino Cammilleri, con questa dichiarazione, dà la netta sensazione di non conoscere affatto il fenomeno! - moltissimi sono i vescovi (quasi tutti per convizione personale o per rispetto all'Ordinario del luogo) che affermano di non credere a quelle apparizioni proprio perché "quella 'Madonna' parla troppo" e non c’è mai stato nessun segno di soprannaturalità! (sono parole del Papa)! - né di conoscere le norme basilari della Chiesa, specie quando più avanti afferma: “Oggi, a quanto pare, il compito della rievangelizzazione se l’è assunto direttamente la Vergine”.
Ma allora la Gospa avrebbe scavalcato il Magistero della Chiesa Cattolica ed il mandato missionario dato da Gesù agli Apostoli!, alla Chiesa, al Papa?
Questa è una menzogna simil sedevacantista che, se fosse pertinace ed attenzionata, diventerebbe anche eresia, non a caso i Vescovi di Mostar parlano di scisma in atto.
E infine fa dichiarazioni palesemente inesatte - “La commissione [di Ruini] non può pronunciarsi finché non siano finite le apparizioni…”-, tant’è vero che non dovrà essere la Commissione a pronunciarsi, e da nessuna parte sta scritto che un vescovo, responsabile del luogo in cui si verifica l’avvenimento, non possa riconoscerlo anche in fieri, cosa peraltro già successa.
La teologia, la storia e la legislazione della Chiesa diffidano di questo soprannaturale sensibile: “La teologia biblica oppone la Parola di Dio all’intrusione delle rivelazioni private; la teologia dogmatica le considera degli accessori senza autorità; la teologia fondamentale non le enumera tra i luoghi teologici; la teologia morale le considera un campo ambiguo; la teologia mistica consiglia di guardarsi da attribuire ad esse molta importanza; la storia della Chiesa non le considera per nulla; il Diritto Canonico si è solo fermato alle precauzioni da prendere per limitare o reprimere questi fenomeni”. Sapete chi afferma tutto questo? Laurentin! Nientemeno.    
E ancora. Cammilleri espone con faziosità (che mi auguro solo dovuta all’ignoranza sui fatti) un’ultima analisi citando il Card. Bertone: «Tutti i pellegrini cattolici possono recarsi a Medjugorje, luogo di culto mariano dove è possibile esprimersi con tutte le forme devozionali», ‘dimenticando’ la frase più significativa (metodo ormai consolidato dai medjugoristi), e cioè che “…sono permessi a condizione che  non siano considerati come un’autenticazione degli avvenimenti…” (http://www.radiomaria.it/documenti/dwnl.php?id=944 ).
La realtà è ben diversa. Basta leggere questo articolo assolutamente imparziale e onesto, tratto dagli atti della Chiesa cattolica (Congregazione per la Dottrina della Fede e Segreteria di Stato Vaticano) e della Diocesi: "I PELLEGRINAGGI A MEDJUGORJE, SIA PUBBLICI CHE PRIVATI, SONO VIETATI?".
Del Card. Bertone e di Medjuogrje, invece, la cosa più importante da sapere è questa "LO SCIACALLAGGIO MEDIATICO DI RADIO MARIA, MEDJUGORJE E LA RISPOSTA DURISSIMA DEL VATICANO".
Non so se leggerò mai il libro di Cammilleri - oggi prediligo la letteratura critica sul caso (GRATIS IN INTERNET) -  Ne ho comperati tanti, in questi 31 anni, da ritenermi fra i benefattori di Medjugorje. Il buon Paolino Brosio sa quanto è stato più remunerativo scrivere pagine e pagine sul fenomeno, che fare l’inviato per le tv… Questo sì che è stato il vero miracolo della Gospa! Provi Cammilleri ad indagare…
articolo di L.C.
approfondimenti di Carlo Di Pietro

http://www.pontifex.roma.it/index.php/opinioni/laici/13275-medjugorje-commento-onesto-allintervista-di-vatican-insider-a-rino-cammilleri

Nessun commento:

Posta un commento