ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

mercoledì 10 dicembre 2014

Commissario in vista?

Fr. Reto Nay è andato dal novus
ordo al vetus: dovrebbe essere giustiziato - Dicembre 2014

L'abominio della desolazione nella Chiesa - Discorso Fr. Reto Nay 23 novembre 2014
Disclaimer : Questo articolo non è in alcun Blang mano libera dato a don Nay so solo che
non anche il contenuto dell'insegnamento che elargisce e cosa pensa il Concilio Vaticano II.

Anche cinque anni fa e, come potete vedere in questo video , il signor Fr. Reto Nay (1) ha celebrato la Messa di Paolo VI nella sua parrocchia-Sedrun Sedrun, Grigioni, Svizzera.
Egli è stato molto apprezzato dal vescovo Vitus Huonder , vescovo di Coira, etichettato come "neo-conservatori" (2) e talvolta come "pro-tradizionalista" (3), che gli ha portato il suo sostegno (4) al momento del lancio e l'aumento del portale Internet Gloria.TV che agisce senza Chiesa warrant, con sede in Moldavia e lavorare in più lingue.
Fin dall'inizio Gloria.TV è catalogato sensibilità tradizionalista perché ha accettato sul suo sito per trasmettere le notizie del variegato mondo della "tradizione".

Ma ora, Padre No non è stato abbastanza attento. Voleva essere il fair play e dire le cose più chiaramente possibile. Soprattutto, ha commesso due crimini imperdonabili .
Il primo è quello di essere stato "contaminato" da "tradizionalisti" video, dopo aver messo su un abito talare e scoprire i tesori della vecchia Messa. (5) Questo è quello che dice nel suo sermone l'abominio della desolazione nella Chiesa [vedi video sotto] in cui si afferma che un è il decadimento della liturgia che la Chiesa porta al disastro sappiamo. In una parola che proclama ad alta voce la frase di san Celestino 1, tanto caro a Lefebvre ,: Lex orandi lex credendi . In altre parole, la Chiesa crede come prega e chiede se qualcuno come lei crede e insegna qualcosa.
Il secondo peccato capitale di Gloria.TV è responsabile per aver lasciato scrittura 14 marzo 2013 nelle pagine in inglese del suo sito web che " i vescovi tedeschi (6) che ha accettato la pillola del giorno dopo in caso di stupro erano nazisti ".finestra a discesa Mal lo prese perché una volta, e anche se l'abate Nay ha detto al suo vescovo che non aveva alcuna responsabilità in questa materia, il vescovo Huonder Swiss Bishop (7), dicendo "questi eccessi inaccettabili", ha deciso di ritirare la sua missione canonica. Così la città ecclesiastica Tujetsch, che comprende la parrocchia di Sedrun, nel Canton Grigioni in Svizzera, ha respinto con effetto immediato Giovedi, 14 March, 2013 Fr. Reto Nay.
Padre Nay ha detto la verità, deve essere eseguito ... (8)
Che cosa vi è insolito in questo caso, è che siamo ancora in attesa del rilascio del vescovo Huonder di "sensibilità tradizionalista,"condannando il permesso - rilasciato dai suoi colleghi progressisti svizzeri - la pillola del giorno dopo a vittime di stupro.
La Porta Latina


Il video del sermone della Messa di Padre Nay - 23 novembre 2014 [08 '41' ']Video diretto e prodotto da Gloria.tv
Gloria.tv  23/11/2014 01:54:31
Il punto importante NON di fare il bene


Note
1) Padre Reto Nay è un sacerdote svizzero di 53 anni, formatosi alla scuola superiore di Disentis Abbazia, seminarista a Coira e al Pontificio Istituto Biblico di Roma. E 'stato ordinato sacerdote nel 1991 a Coira. Ha partecipato in Kreuz.net e poi gloria.tv due siti di ispirazione cattolica tradizionale. Fr. Reto Nay è accusato di indossare l'abito talare e non dire che la Messa "di San Pio V". Padre Reto No, che non ha apostolato ufficiale è ancora molto presente sul portale gloria.tv che pubblica un nuovo giornale inglese "news gloria.tv".
(2) Nel maggio 2011, il vescovo Huonder n non aveva esitato a denunciare la strategia delle organizzazioni LGBT nella "NZZ am Sonntag". "Era chiaro già durante l'introduzione del partenariato registrato, che è stato trattare con tattica del salame. Questo deriva dal fatto non dovrebbe essere assolutamente nell'ordine delle cose. Ogni bambino ha il diritto di una madre e un padre. Nella struttura di una partnership omosessuali, i bambini vengono deliberatamente privi di tale diritto. [...] Quando il padre o la madre tragicamente carente, [...] al bambino la possibilità di piangere questa perdita e a lavorare in modo costruttivo ".
(3) Leggere il 8 novembre 2012: il vescovo Vitus Huonder, vescovo di Coira in Svizzera, ricorda le regole liturgiche
(4) Nel 2008, il vescovo di Coira, Vitus Huonder, si era rivolto una raccomandazione molto caldo Gloria.tv. Ha elogiato " il lavoro che contribuisce alla fede cattolica, in unione con il Santo Padre . " Da parte sua, salutato Gloria.tv Huonder come un "eccellente vescovo."
(5) La "caccia" Immacolata francescani dovrebbe avere lo ha messo una pulce nell'orecchio ...
(6) autorizza Chiesa tedesca la pillola del giorno dopo. Consentendo la pillola del giorno dopo per le vittime di stupro e di accettare che le donne diventino diaconi, la Chiesa tedesca tende a riprendere un legame più forte con i fedeli che deserto le chiese. Si tratta di una vera e propria piccola rivoluzione di palazzo: in ospedali che gestisce, la Chiesa cattolica tedesca ha deciso di permettere al "giorno dopo" pillola per le donne vittime di stupro. "Le donne vittime di stupro naturalmente il diritto di umano, medico, psicologico e spirituale. In questo contesto, la questione di una "pillola del giorno dopo" è possibile, nella misura in cui ha un contraccettivo e non abortivo, ha detto l'arcivescovo Robert Zollitsch , presidente della Conferenza episcopale. In Le Figaro del 22 febbraio 2013.
(7) Le donne stuprate hanno il diritto di utilizzare il "pillola del giorno dopo" a certe condizioni, ha detto Mercoledì i vescovi svizzeri . Hanno quindi seguire l'esempio dei loro colleghi tedeschi e spagnoli. La decisione del CES non indebitamente sorprende, data la posizione analoga presa fornita dai vescovi tedeschi e spagnoli nelle ultime settimane. Nella mattina del 6 marzo del 2013.
(8) Le autorità civili avevano più indulgenza " Le autorità Chur Il grigionesi hanno abbandonato l'azione penale contro il gloria.tv portale internet,in Catho.ch del 22 agosto 2013. "




4 commenti:

  1. Traduzione a parte ( bruttissima ) Don Reto è un sacerdote " con gli attributi " . Bravo Don Reto, i sacerdoti come Lei mi rendono orgogliosa . Vescovi modernisti e vigliacchi che filtrate il mosceriano e lasciate passare il cammello, , non solo non andrete voi nel Regno dei Cieli, ma ne impedite l' ingresso anche a coloro , che per disgrazia ascoltano i vostri pruriti . Convertitevi e credete al Vangelo! jane

    RispondiElimina
  2. Cara Jane, sarà molto difficile che quei prelati ascoltino la sua esortazione, dato che, oltre ad essere modernisti e pavidi, sono anche arroganti e intolleranti con chi li critica e la pensa diversamente dal "verbum" vaticansecondista. Ne ho conosciuti tanti così, purtroppo, anche se dal punto di vista umano sono grandi amiconi, aperti, accoglienti, generosi: ma guai a parlargli male del CV II, a criticare le novità da esso introdotte nella Chiesa, si arrabbiano e fanno delle vere e proprie filippiche. Conclusione: evito di parlare di religione con loro e ne to alla larga il più possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro amico delle 17:41. Anch'io faccio proprio come fa Lei, evito di parlare con loro, perchè nonostante si riempiano la bocca con la parola " dialogo " , non accettano ne' domande, ne' obiezioni e rispondono in modo seccato e anche villano. quindi : alla larga . jane

      Elimina
    2. Concordo con jane e con anonimo!!!

      Elimina