ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

lunedì 13 aprile 2015

Pericoloso amore

Non dormite più in negligenza...


"Aprite l’occhio e ragguardate la perversità della morte che è venuta nel mondo, e singolarmente nel corpo della santa Chiesa.

Oimè, scoppi il cuore e l’anima vostra a vedere tante offese 
di Dio. 
Vedete, padre, che ‘l lupo infernale ne porta la creatura, le pecorelle 
che si pascono nel giardino della santa Chiesa; e non si trova chi
si muova a trargliele di bocca. 
Li pastori dormono nell’amor proprio di loro medesimi, in una cupidità 
e immondizia: sono sì ebbri di superbia, che dormono e non si
sentono, perché veggano che il diavolo, lupo infernale, se ne porti
la vita della Grazia in loro e anco quella de’ sudditi loro. 
Essi non se ne curano: e tutto n’è cagione la perversità dell’amore
proprio. 


Oh quanto è pericoloso questo amore nelli prelati e nelli sudditi! S’egli è prelato ed egli ha amore 
proprio, egli non corregge il difetto de’ suoi sudditi; perocché colui che ama sé per sé, cade in timore
servile, e però non riprende.
Che se egli amasse sè per Dio, non temerebbe di timore servile; ma arditamente con virile cuore 
riprenderebbe li difetti e non tacerebbe né farebbe vista di non vedere. 
Di questo amore voglio che siate privato, padre carissimo. 
Pregovi che facciate sì che non sia detta a voi quella dura parola con riprensione dalla prima verità,
dicendo:«maladetto sia tu che tacesti». 
Oimè, non più tacere! Gridate con cento migliaia di lingue. Veggo che, per tacere, il mondo è guasto, 
la Sposa di Cristo è impallidita, toltogli è il colore, perché gli è succhiato il sangue da dosso, cioè 
che il sangue di Cristo, che è dato per grazia e non per debito, egli sel furano con la superbia, 
tollendo l’onore che debbe essere di Dio, e dannolo a loro; e si ruba per simonia, vendendo i doni
e le grazie che ci sono dati per grazia col prezzo del sangue del Figliuolo di Dio. 
Oimè! ch’io muoio, e non posso morire. Non dormite più in negligenzia; adoperate nel tempo presente
ciò che si può. Credo che vi verrà altro tempo che anco potrete più adoperare; ma ora pel tempo 
presente v’invito a spogliare l’anima vostra d’ogni amore proprio, e vestirla di fame e di virtù reale
e vera, a onore di Dio e salute dell’anime.
(SANTA CATERINA DA SIENA - Dalla lettera a un cardinale) 

Nessun commento:

Posta un commento