ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 23 luglio 2016

L'ideale ridotto a sub-reale

La svolta decisiva nella lotta tra massoneria e Chiesa cattolica



Ormai gli aderenti all'infame sètta massonica non temono più di comparire in mondovisione attraverso la televisione, internet e gli altri mezzi di comunicazione moderni. Una volta scomparsa la monarchia - grande impedimento per la realizzazione degli obiettivi massonici di aggregazione politica, economica e religiosa sotto il controllo del governo massonico mondiale - e una volta tolta - non in teoria ma nella pratica si - la scomunica della Chiesa Cattolica - attraverso i valori tipicamente massonici del dialogo e della tolleranza come valori assoluti - la massoneria non ha più avuto problemi a mostrarsi con una veste di agnello al pubblico mondiale.
Essi propongono al mondo una filosofia molto bella, interessante, senz'altro seducente: una filosofia di vita che propone dei valori laici quali la tolleranza, la fratellanza, il libero pensiero, la crescita interiore, la liberazione dai dogmi e la costruzione di una civiltà di pace e di amore. Questa, in verità, non è altro che un'esca con cui i massoni attirano gli ignoranti e li convincono ad accostarsi alla loro infame sètta. Ciò che va considerato con attenzione è un fatto: la società secolarizzata e laica, una volta perduti i valori cristiani, ha assunto in modo del tutto inconsapevole i valori assoluti della massoneria. La mentalità comune oggi è infatti satura degli ideali della rivoluzione francese (rivoluzione massonica), "fratellanza, uguaglianza, libertà". Non si sopportano più i dogmi, si vuole il rispetto del diverso, non si crede più che esista una verità assoluta e se esiste una verità trascendente - Dio o altro - deve adattarsi alla realtà perchè è la realtà ciò che conta e la realtà - è un fatto - è varia. L'ideale insomma viene ridotto a sub-reale. Purtroppo oggi anche illustri uomini di chiesa fanno questo genere di discorsi. Questo è molto grave! Ciò significa che questa mentalità di stampo relativistico e laicistico ha contaminato le menti anche degli uomini di chiesa. Poiché una persona agisce in base alle sue idee, un cattolico che assume inconsapevolmente le idee massoniche, agirà da massone pur rimanendo convinto di essere cattolico. E' un problema serio, anche perchè ormai il livello di "Inquinamento" mentale prodotto da questi ideali di stampo massonico ha raggiunto i più alti vertici (e questo non da oggi!). Fatto ancora più grave come portata è che questo inquinamento delle idee e quindi delle azioni da parte degli uomini di chiesa viene tollerato dalla stragrande maggioranza della popolazione mondiale ed ecclesiale, come se niente fosse! Non è cosa occulta oggi che uno degli obiettivi dei massoni negli anni passati era quello di far assumere gli ideali della rivoluzione massonica a tutti gli uomini senza che essi se ne rendessero conto, così da poterli vincere senza troppo rumore. E' un fatto, sono documenti, sono testimonianze scritte e orali assolutamente innegabili! Oggi però non si può più dire questo perchè questa mentalità massonica è riuscita nella più sottile forma di scomunica possibile immaginabile: convincere le persone che chi dissente dal loro pensiero o che chi propone un tipo di informazione diversa da quella ufficiale, è un poco di buono, un complottista o, per dirla con la mentalità massonica ecclesiale, un profeta di sventura, che vede il male ovunque anche dove non c'è e per questo non va ascoltato troppo. Non si hanno documenti per provare che le accuse mosse contro i massoni sono inventare e false e così si ridicolizza chi porta questo genere di accuse, ridicolizzando così di conseguenza le accuse stesse. Le accuse però rimangono e sono pesanti. Se si ascolta la predicazione pubblica dei massoni oggi si scoprirà che i veri motivi della scomunica da parte della Chiesa (con decine di encicliche di diversi Papi) verso la massoneria avrebbe - secondo loro - solo motivazioni politiche e storiche e, in quanto tali, oggi non avrebbero più motivo di essere avendo un carattere immanente e quindi soggetto al divenire della realtà. Dicono questo perchè, anche se hanno inquinato la mente dei cattolici quanto basta per far passare i loro ideali nelle loro vite, non sono ancora riusciti a togliere dalla loro sètta infame la cappa di negatività che la chiesa gli ha attribuito con verità nel corso dei secoli. I motivi della scomunica sono storici e politici si, ma soprattutto filosofico religiosi! Gli ideali massonici sono intrinsecamente perversi e inconciliabili con la fede rivelata da Dio che è l'unica vera fede e in quanto tale proviene da Dio e non è soggetta al cambiamento. E' evidente un contrasto insanabile: da una parte Colei che porta la verità rivelata da Dio a tutti gli uomini a cui tutti gli uomini - attraverso la conversione personale - devono aderire per ottenere la salvezza eterna, e dall'altra la portatrice di ogni opinione che non tollera neanche il pensiero di una verità che si impone e quindi di un Dio o di un re che pretenda di insegnare o comandare alcunché all'uomo. Da una parte la religione del Dio che si fa uomo, dall'altra la religione dell'uomo che si fa dio. Per molti secoli le due fedi si sono viste protagoniste in un epico scontro. Nell'ultimo secolo - come un illustre personaggi ha constatato - queste due religioni a un certo punto non si sono più scontrare ma incontrate. Niente più anatèmi, niente più scomuniche, niente più lotte. Una nuova mentalità ha invaso la Chiesa Cattolica tanto da farle decidere di adottare i valori del nemico: non più anatèmi, ma dialogo; non più scomuniche, ma incontro; non più lotte ma convivenza pacifica. Non guardare più ciò che divide ma ciò che unisce. "Quale comunione ci può essere tra Cristo e Belial?" (2 Cor 15). Evidentemente nessuna, ma questo modo di ragionare - tipico della Chiesa Cattolica di sempre - è stato ritenuto dalle stesse autorità della Chiesa, un modo di ragionare catastrofista e insopportabile da tollerare. E' questo il modo in cui la massoneria è riuscita ad arrivare al punto in cui è arrivata oggi: è riuscita a far penetrare il "fumo di satana" - il dio della massoneria - all'interno della Chiesa - sua storica nemica - attraverso ecclesiastici impregnati di valori massonici. Le idee infatti, pur essendo astratte, sono quelle che muovono il mondo. Sono le idee che la Chiesa ha sempre guidato, difeso e rinforzato. Sono le idee quel terribile il cavallo di troia che ha portato l'infame sètta al livello di potere che ha oggi nella società e nella Chiesa. La Vergine Maria apparendo a Fatima consegnò un segreto a una bambina che sarebbe poi divenuta la famosa Suor Lucia, dicendole di consegnarlo al Santo Padre perchè lo rivelasse nel 1960. Disse che doveva essere rivelato nel 1960 perchè in quell'anno sarebbe stato più chiaro ciò che Lei avrebbe rivelato nel segreto. Il Santo Padre Giovanni XXIII decise di non rivelare il testo del segreto, allo stesso modo non lo rivelarono i suoi successori. Non è così strano ipotizzare - da buoni "complottisti" - che il segreto parlasse appunto del pericolo imminente che la Chiesa avrebbe vissuto attraverso il connubio innaturale e straordinario che abbiamo descritto sopra, con le conseguenze che ancora portiamo sulla spalle e nel cuore.

3 commenti:

  1. l'inquinamento massonico nelle menti dei prelati sta portando allo scempio la chiesa...ma hanno già perso...si rassegnino....noi rimaniamo fedeli al Signore per partecipare alla sua vittoria sul mondo!Amen!

    RispondiElimina
  2. Amen, così sia ! laudetur Jesus Christus !

    RispondiElimina
  3. Dal pacioccone papa Roncalli al piacione papa Bergoglio.

    Siate lo stucchevole zucchero della Terra?

    RispondiElimina