ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

martedì 18 ottobre 2016

Happy theology!



La “teologia tisica” del vescovo Tisi


Per chi credeva di aver letto o visto tutto, si sbagliava di grosso. Dalla Teologia della Liberazione siamo arrivati alla teologia del popolo, abbiamo poi come fondamento della nuova chiesa la “Nouvelle Théologie”, non dimentichiamo naturalmente la nuova teologia dell’ospedale da campo e, di conseguenza, ci mancava proprio l’uscita del vescovo di Trento con la sua nuova teologia della risata!



Mons. Lauro Tisi, dal 10 febbraio 2016 arcivescovo di Trento.
Mons. Lauro Tisi

Ecco la presentazione: La teologia della risata, la dottrina del piercing, l’apologia dei festaioli. L’ha predicata il vescovo Lauro Tisi in occasione dell’incontro della Pastorale giovanile che ieri al Pala-Trento ha attirato più di mille adolescenti. “Gesù rideva, non è l’uomo triste che vi hanno sempre descritto, gli piaceva la gente borderline, era un festaiolo” (vedi qui).
Intanto chi ha mai descritto, parlando del Catechismo e della Dottrina del Vangelo, un Gesù “triste”, questo accade quando la scelta dei vescovi cade non sulla loro cultura e preparazione, ma proprio sulla loro ignoranza, perché si vogliono fare vescovi che ignorano le Scritture e l’autentica predicazione. Pensiamo all’ignoranza del vescovo della CEI che ha detto, a migliaia di giovani, che Sodoma non fu distrutta… (vedi qui), non vogliamo pensare che questi vescovi siano eretici per volontà, dunque c’è solo l’ignoranza delle Scritture e della autentica predicazione apostolica, la Tradizione.
Fa pensare che i Dodici Apostoli scelti da Gesù erano tutto il contrario di quanto affermato da Tisi! Erano pescatori dal carattere forte e brontolone, dediti al duro lavoro e fa pensare che quando li vede ritornare stanchi dalla predicazione non li invita ad una festaiola, ma dice loro: «Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò.  Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime.  Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero» (Mt.11,28-30) e che a ben leggere, questo capitolo, tratta proprio di alcuni “guai” lanciati da Gesù a quelle città perverse che non si volevano convertire. Ma convertirsi a chi e a che cosa? Non certo a quello spirito festaiolo predicato dal vescovo Tisi.
Fa pensare il concetto di felicità che la Vergine Immacolata annuncia alla piccola Bernadette: “Non vi prometto di farvi felice su questa terra”, le disse. Per non parlare del volto “triste” della Vergine a Fatima quando spiegava a tre bambini, pastorelli, il futuro del mondo. Fa vedere loro l’inferno, mica Gesù che ballava in discoteca!
Questo non significa che Gesù fosse “triste o musone”. La felicità nel Vangelo non è la “festaiola” predicata da mons. Tisi! Gesù era invitato sovente a nozze e banchetti, e si ballava e si mangiava, ma non per questo Gesù era ubriacone o festaiolo. Basta leggere le Nozze di Cana per comprendere il clima della festa nuziale e i pensieri che affollavano la mente di Gesù e soprattutto il suo comportamento.
E di grazia, per quanto abbiamo cercato nei Vangeli e nelle Lettere Apostoliche, non abbiamo trovato traccia di queste “festaiole”, l’uso dei termini è molto importante, specialmente per un vescovo. Purtroppo sappiamo da chi stanno imparando, va di moda il linguaggio di Papa Francesco, non stanno solo imitando la croce pettorale, ma anche i modi e i comportamenti e questo si chiama “scimmiottare”.
Gesù amava, dice Tisi, frequentare “gente borderline”… È solo un modo diverso di dire che Gesù amava stare con persone ammalate o che avevano grossi problemi, gente che viveva “al confine” al bordo di un limite soprattutto spirituale. E chi lo ha mai messo in dubbio questo? Non ha forse Egli detto di essere venuto per i malati? E non riguardava appunto solo la malattia del corpo, ma soprattutto quella dello spirito, dell’anima connivente con il peccato a causa del quale anche il corpo si ammala. Ma come finivano gli incontri di Gesù con le persone ammalate di qualsiasi patologia? La maggior parte di loro veniva guarita, ossia si convertiva, molti diventavano discepoli, cambiavano vita, diversamente, se non si convertivano, Gesù non le incontrava più: li abbandonava al loro destino, come spiega san Paolo.
Il punto dolente è il seguente: in quale modo Gesù – per davvero – frequentava la gente, la guariva, rideva e scherzava con loro? Il mondo non è un materasso e neppure una culla, non è la vita eterna, non è il paradiso perduto. La vita è un passaggio e la terra un luogo dove tempeste, eventi duri, scontri, lotte, accadono, è il regno di Satana, Gesù lo dice molte volte: “il mio regno non è di questo mondo”, oppure quando rammenta ai suoi di non avere neppure un cuscino sul quale appoggiare il capo…
Gesù è di passaggio anche Lui su questa terra, ma per compiere un’opera grandiosa nella quale ha voluto coinvolgerci, e la Festa vera è l’incontro con Lui, non il fare festa! Leggiamo dal Vangelo il caso della donna sofferente da anni di dismenorrea (mestruazioni dolorose con perdita di sangue) (Mc.5,25-34) ebbene, ciò che emerge è la grande fede della donna  di poter essere guarita, il non adattarsi alla sua condizione, non si arrende al suo male. Gesù le dice infatti: “La tua fede ti ha salvato”. E’ l’aver preso SERIAMENTE il suo problema, ma con una fede granitica nel Messia, che ha permesso a Gesù di intervenire con un ottimo risultato. La festa qui dove sta? Sta nella vittoria  che la donna ha ottenuto contro il male che la rendeva prigioniera. Sta nel fatto di non essersi scoraggiata, di non essersi arresa perché voleva essere guarita.
E questo dovrebbe accaderci sempre ogni volta che entriamo ed usciamo dal confessionale, rinati, guariti e dov’è la festa? Nell’atto di ricevere l’Eucaristia quale premio, ricevere il Sacramento pegno d’Amore è la festa, non il “fare” festa.
Cosa diceva davvero, Gesù, ai giovani e agli adulti con i quali si intratteneva? Portiamo un esempio concreto. Ha detto non per scherzo, non per festaiola: “Io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.“(Mt.5,28), Gesù ammonisce che si può compiere adulterio, pure, anche senza giungere, forse per motivi estrinseci, a commetterlo realmente, ma solo attuandolo con il cuore, con la scelta interiore, con una programmazione coerente e cosciente di tradimento.
Dice ancora Tisi: ” Perché anche lui danzava, cantava e faceva feste”… Ma questi vescovi modernisti, che vangeli leggono? Forse avrà pure danzato e cantato, ma che Gesù l’abbia fatto non c’è parola nella Scrittura e questo sapete perché? Perché nei Vangeli è scritto solo l’essenziale per la predicazione, solo ciò che è utile per trasmettere la fede, chi INVENTA sovente un nuovo identikit di Gesù è perché non solo non lo conosce affatto, ma non lo ha incontrato, e allora ha bisogno di inventarlo, di “ricrearlo” a propria immagine e somiglianza, o di se stesso o della società in cui vive, come avvenne nel ’68 con il Gesù “figlio dei fiori” che si faceva le canne! E quando mai Gesù “faceva feste”? Semmai veniva invitato a banchetti e nozze, ma non era certo lui ad organizzarle! Dio non si è incarnato per fare feste.
Voi direte: ma che male ci sarebbe se lo avesse fatto? E’ questo il punto sbagliato di porre la questione, perché dire ciò che nei Vangeli non è scritto? Gesù ha semmai detto:nulla sarà tolto, nulla sarà aggiunto (cfr. Mt.5,18; Lc.16,16-17). Come verranno su le nuove generazioni se questi vescovi criticano “preti e catechisti” che, nell’adempimento del proprio dovere di “trasmettere” la Dottrina ricevuta, non fanno altro ciò che è stato loro raccomandato dal Cristo? Che immagine avranno del Cristo? Questi vescovi che vogliono scimmiottare il Papa regnante e che dimostrano di non conoscere il Vangelo, sono “falsi maestri”, sì falsi, perché trasmettono una immagine di Gesù VERO DIO falsa, inventata dalle loro voglie di “nuove dottrine” come rammenta san Paolo: “…annunzia la parola, insisti in ogni occasione opportuna e non opportuna, ammonisci, rimprovera, esorta con ogni magnanimità e dottrina. Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole. Tu però vigila attentamente, sappi sopportare le sofferenze, compi la tua opera di annunziatore del vangelo, adempi il tuo ministero.”(2Tim.4,1-5)
Come è nostra santa regola, vogliamo concludere con parole più autorevoli delle nostre per dimostrare, anche, che non siamo noi a dire cose scellerate, ma ben altri, specialmente quando devono accusare la chiesa “del passato”, ora attaccano pure i catechisti e preti che dicono la verità, di trasmettere una immagina falsa di Gesù. E no caro monsignore Tisi, è lei a trasmettere una falsa immagine di Cristo, non loro!

Adolfo Tanquerey ha scritto un Compendio di teologia (scarica qui) che vale la pena conoscere, dice:
“Il piacere non è cattivo in sé stesso; Dio lo permette ordinandolo ad un fine superiore, il bene onesto; se annette il piacere a certi atti buoni, lo fa per renderli più facili e attirarci così all’adempimento del dovere. Gustare moderatamente il piacere riferendolo al suo fine che è il bene morale e soprannaturale, non è male; anzi è atto buono, perché tende a fine buono, che in ultima analisi è Dio. Ma volere il piacere indipendentemente da questo fine che lo giustifica, volerlo quindi come fine in cui uno si ferma, è un disordine, perché è un andare contro l’ordine sapientissimo stabilito da Dio. E questo disordine ne trae seco un altro: quando si opera per il piacere, si è esposti ad amarlo con eccesso, perché non si è più guidati dal fine che impone dei limiti a questa smodata sete del piacere che tutti ci punge… (..) Il rimedio a un sì gran male è la mortificazione dei sensuali diletti; perché, dice S. Paolo: “Quelli che sono di Cristo, crocifiggono la carne con i suoi vizi e le sue cupidigie: Qui sunt Christi, carnem suam crucifixerunt cum vitiis et concupiscentiis”[Gal.5,24]. Ora crocifiggere la carne, significa legare, infrenare, soffocare internamente tutti gli impuri e sregolati desideri che sentiamo nella nostra carne; significa pure mortificare i sensi esterni che ci mettono in comunicazione con gli oggetti del di fuori ed eccitano in noi pericolosi desideri. Il motivo fondamentale che ci obbliga a praticare questa mortificazione sono le promesse battesimali…”.

IPSE DIXIT
«Il cristiano moderno sente l’obbligo professionale di mostrarsi affabile e allegro, di sfoggiare un benevolo sorriso a trentadue denti, di ostentare cordialità ossequiosa per convincere il miscredente che il cristianesimo non è religione “ombrosa”, dottrina “pessimista”, morale “ascetica”. Il cristiano progressista ci stringe forte la mano con ampio sorriso elettorale» (Nicolás Gómez Dávila, 1913-1994, Tra poche parole)


https://cronicasdepapafrancisco.wordpress.com/2016/10/17/la-teologia-tisica-del-vescovo-tisi/
Abbiamo ricevuto questa e-mail che condividiamo con voi.
Carissima Redazione,
sono di Trento e già vi segnalai la precedente notizia che avete pubblicato qui e della quale, scrivendo al nostro Vescovo, non ho mai ricevuto alcuna risposta. Ma è chiaro che una specie di risposta l’ha data seppur indirettamente. Al Pala-Trento mons. Tisi ha incontrato centinaia di giovani (per la verità non erano un migliaio come ha gonfiato il giornalista). Che cosa ha detto e come l’ha detto vi invito a leggere questo articolo in cui si spiega bene, ma ciò che mi ha colpito di più è il nuovo confiteor, l’accusa di essere peccatori con l’intenzione di convertirsi, che sembra destinato a cambiare.
Il Confiteor dottrinale è questo:
Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli, che ho molto peccato in pensieri, parole, opere e omissioni per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa. E supplico la Beata sempre Vergine Maria, gli angeli, i santi e voi, fratelli, di pregare per me il Signore Dio nostro.
Dalle parole di mons. Tisi ecco la nuova versione:
Confesso a Dio onnipotente e a voi fratelli che sono un borderline in pensieri, parole, opere e omissioni per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa. E confido in Gesù Cristo festaiolo che venuto dal cielo per farmi ridere e sognare, non pretende da me alcuna conversione, né alcun sacrificio; supplico altresì la beata sempre Vergine Maria, gli angeli, i santi e voi fratelli di creare per me giornate di festa, riti danzanti ed un clima di beatitudine in terra, a gloria di Dio Padre. Amen
Può sembrare irriverente che un fedele cattolico possa aver pensato, seppur lontanamente, un frasario del genere, ma è questo ciò che stanno costruendo con la nuova pastorale dove l’importante non è più il sacrificarsi per combattere il proprio peccato, ma trovare accomodamenti per continuare a vivere da peccatori, pretendendo ugualmente la salvezza eterna. Che Dio ci perdoni!


4 commenti:

  1. Luca 7,34 "È venuto il Figlio dell'uomo che mangia e beve, e voi dite: Ecco un mangione e un beone, amico dei pubblicani e dei peccatori." Forse il Vescovo di Trento si riferiva a questa frase. Ma perché si devono prendere sempre le spine per le punte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Egregio, è chiaro che il passo di riferimento è quello da Lei citato.
      Ma perché limitarsi a questo quando il vescovo Tisi (nomen omen) ha detto molto di più?

      "....... Gesù faceva feste borderline, con gente borderline. Altro che gente con orecchino e piercing: si circondava di persone che oggi un buttafuori le avrebbe buttate fuori veramente. Feste incredibili. E anche oggi è amico delle persone un po' fuori, dei ragazzi con il piercing, della gente che ha voglia di fare festa, di urlare e danzare. Perché anche lui danzava, cantava e faceva feste” (........).

      Ora provi a immaginare che queste parole - unite per di più al tono sovraeccitato con cui sono state pronunciate - siano state fatte proprie dagli adolescenti che erano nell'uditorio: Gesù come modello di 'organizzatore di feste borderline, feste incredibili, era un uomo festaiolo, amico della gente che ama urlare e ballare'.

      A parte la rozzezza di un argomentare di questo tipo, oltretutto falso, se lei avesse figli si fregherebbe le mani al pensiero che essi abbiano trovato un catechista elettrizzante ed entusiasmante come questo?
      O cosa?

      Elimina
  2. Adolfo Tanquerey ha spiegato perfettamente cosa significa la gioia cristiana.
    Per quanto riguarda il vescovo Tisi trovo le sue esternazioni più che irriverenti nei confronti di Gesù e per giunta false; non fa altro che dissacrare seguendo la tendenza attualmente diffusa all'interno della stessa Chiesa e condivido il timore di Marisa, perchè quelle parole anche se non vere, nei giovani ascoltatori rimarranno e perpetueranno un'immagine di Gesù falsata e caricaturale . Purtroppo,soprattutto ai bambini e ai ragazzi, da alcuni anni si tende a proporre Gesù come amico e non come Dio.

    RispondiElimina
  3. Ma ha detto veramente questo pseudo-confiteor o è un'invenzione dell'autore? Spero che sia la seconda ipotesi perché altrimenti...

    RispondiElimina