ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 6 ottobre 2016

Luce avellinese?


PADRE MANNELLI NEGA TUTTO DURANTE IL LUNGO INTERROGATORIO


Presso la Procura di Avellino sono iniziate le audizioni: il Co-Fondatore padre Stefano Manelli, indagato per violenza sessuale e maltrattamenti nei confronti di alcune suore, è stato sentito.

Dalle prime indiscrezioni trapelate sembrerebbe che durante l’interrogatorio di ieri, martedì 4 ottobre 2016,  – durato oltre tre ore – padre Stefano Manelli, accompagnato dall’avvocato Enrico Tuccillo abbia negato tutte le contestazioni a lui addebitate, sostenendo la tesi della calunnia nei suoi confronti.


Gli accertamenti furono  eseguiti dal comando compagnia di Mirabella Eclano, agli ordini del capitano Leonardo Madaro su delega del sostituto procuratore Adriano Del Bene – a seguito di un esposto-dossier consegnato dall’avv. Giuseppe Sarno alla Procura della Repubblica del capoluogo irpino.
Quel dossier – dove sono raccolti documenti e testimonianze di ex suore – fu preso in consegna dal legale nell’aprile 2015: fu padre Fidenzio Volpi, all’epoca dei fatti commissario dell’istituto dei frati francescani dell’Immacolata, a raccomandargli di farne buon uso se a lui fosse accaduto qualcosa.
Così l’avvocato Sarno dopo il decesso di padre Volpi ripensò a quelle parole e consegnò il faldone all’autorità giudiziaria.
In esso  sarebbero contenute alcune dichiarazioni relative a strane condotte di padre Manelli: si parla di “attenzioni particolari” verso alcune novizie ma anche di un patto di totale obbedienza a lui che avrebbe fatto sottoscrivere addirittura con il sangue.
Le suore dovevano – secondo l’accusa – sottostare a regole molto rigide: mangiare cibi avariati  e in grandi quantità, tanto da provocare malesseri fisici. Tutto questo perché il cibo ricevuto era frutto della beneficenza dei benefattori.
Ci sarebbe il racconto choc di una ex suora che dichiara: “Mi sottoposero cibo scaduto in quantità enormi tanto da sentirmi male ed essere ricoverata in ospedale”.
Intanto le indagini dei carabinieri della compagnia di Mirabella Eclano continuano per fare piena luce sulla condotta di padre Stefano Manelli.

Nessun commento:

Posta un commento