ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

domenica 19 febbraio 2017

La strategia del ragno

Remnant-Cartoon 18/2/2017

LA STRATEGIA DEL RAGNO. COME GESTISCE IL POTERE IN CURIA, E ALTROVE, IL PONTEFICE ORA REGNANTE.

La strategia del ragno. La vera riforma della Curia il Pontefice l’ha fatta in senso totalmente personale, ignorando o saltando i meccanismi e le regole, svuotando dall’interno il potere al vertice di alcune Congregazioni, decapitandone rapidamente alcune e permettendo che molti impiegati e officiali venissero dimessi o spinti a dimettersi, senza che ci fosse altro motivo che quello di sostituirli con persone che davano più garanzie di lealtà non tanto all’istituzione quanto alla persona al comando. E soprattutto lasciando cadere due richieste formulate con molta forza dai cardinali nelle sessioni pre-conclave del 2013, quando tutti, anche i cardinali che non avevano più diritto al voto e esprimevano con piena libertà le loro osservazioni. La prima era un ridimensionamento del potere della Segreteria di Stato. Il che non è avvenuto in alcun modo; nella riforma dell’economia la parte economica della Segreteria di Stato, espressione della casta dei diplomatici, avrebbe dovuto essere affidata al Segretariato per l’Economia e le Finanze, così come la gestione del personale, e delle nunziature. Non è accaduto, anzi, le recenti vicende dell’Ordine di Malta, da cui promana sempre di più un profumo di soldi, più che di questioni dottrinali, confermano questa impressione. Il Gran Cancelliere espulso e poi riammesso dopo l’Anschluss e la defenestrazione del Gran Maestro aveva legami con la Segreteria di Stato e il delegato pontificio incaricato di rinnovare “spiritualmente” l’Ordine è il Sostituto, Angelo Becciu, il “Ministro degli Interni” della Santa Sede.
La seconda richiesta consisteva nel ripristino, e nel rispetto delle udienze di tabella. Cioè nell’appuntamento periodico e regolare dal Papa dei capidicastero; per dare informazioni, ricevere direttive e comunque mantenere in funzione la cinghia di trasmissione dal vertice ai livelli più bassi, e consolidare un rapporto personale fra il Pontefice e i suoi collaboratori (presunti) più diretti. Niente di tutto questo; e si sa della difficoltà di alcuni capidicastero a farsi ricevere a Santa Marta.
Ma se questo non avviene, come funziona allora in realtà la Curia, e con quale strategia la gestisce il Pontefice? Ne ho scritto oggi su La Nuova Bussola Quotidiana.

Nessun commento:

Posta un commento