ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

domenica 30 aprile 2017

Ad ognuno spetta la propria parte

La spaccatura nella Chiesa è grave: cattolici, chiedere al Papa chiarezza è un dovere
La situazione di divisione e confusione dottrinale e pastorale nella Chiesa è molto grave: in gioco ci sono le fondamenta della Chiesa stessa.
E' questa, in estrema sintesi, la certezza che abbiamo guadagnato grazie al Convegno internazionale "Fare chiarezza, a un anno dall'Amoris Laetitia", organizzato da La Nuova Bq e Il Timone lo scorso 22 aprile a Roma.



Un evento per molti versi eccezionale: è la prima volta in assoluto che un convegno di tale spessore ecclesiale viene organizzato esclusivamente da laici e con la presenza di soli laici provenienti da tutto il mondo.
Gli interventi dei relatori, tutti di notevole spessore, hanno evidenziato due elementi sostanziali. Da una parte le contraddizioni di carattere dottrinale presenti nell'Esortazione Apostolica Amoris Laetitia, dall'altra il confronto con analoghe crisi vissute dalla Chiesa nella sua storia. E' emerso così uno scenario chiaro: la crisi e la confusione che viviamo oggi nella Chiesa, sono il frutto di decenni di insegnamenti eterodossi portati avanti da determinati teologi ed anche da alcuni vescovi. E' proprio a tali insegnamenti che l'Amoris Laetitia, con l'ambiguità di certi suoi passaggi, dà spazio e offre diritto di cittadinanza.
E' dunque per tutto questo - e veniamo alla seconda grande certezza emersa dal convegno - che diventa sempre più urgente e di vitale importanza, chiedere un intervento chiarificatore del Papa. Non solo: è doveroso chiederlo, proprio come accaduto in altri momenti cruciali nella storia della Chiesa.
Sappiamo con certezza - perché lo ha detto Gesù - che le porte degli inferi non prevarranno e che non siamo certo noi a salvare la Chiesa. Ma sappiamo con altrettanta certezza che ad ognuno spetta la propria parte: testimoniare fino in fondo la fedeltà alla Chiesa assumendoci le responsabilità che ci sono state affidate.  E' con questa coscienza che La Nuova Bussola Quotidiana e il Timone continueranno la loro opera di informazione, ancora più certi della propria missione. 
di Riccardo Cascioli30-04-2017

1 commento:

  1. Ingenuo il Cascioli che mentre evidenzia l'assoluto disinteresse del papa nei confronti dei laici giacché non risponde neppure ai cardinali che hanno posto gli stessi quesiti di questo convegno, però insiste nel dare l' 8×1000 alla Chiesa Cattolica...visto che questo papà non ci sente da entrambe le orecchie, quelle dei cardinali e quelle dei laici, il buon Cascioli propone altro per scuotere questo granitico fautore del nuovo ordine mondiale? Io non darò l'8x1000 e lo destinero agli Ortodossi...

    RispondiElimina