ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

venerdì 21 aprile 2017

Nonostante o grazie..?

La messa è finita: chiese sempre più vuote, nonostante Bergoglio
Quello del parroco di Venezia che non celebra per mancanza di partecipanti è solo l'ultimo caso. E i più disillusi, secondo le statistiche, sono proprio adulti e anziani

ROMA - Nonostante Francesco, il cui indice di gradimento fra credenti e non credenti è sempre alto, la secolarizzazione nel nostro Paese rimane stabile e anzi, in molti territori avanza.

A dimostrarlo non ci sono soltanto gli ultimi dati Istat, ma anche diverse défaillance sul campo. L'ultima, in ordine di tempo, è di Venezia. Come ha scritto Repubblica, don Mario Sgorlon, parroco di Sant'Erasmo, la grande e fuori dal tempo "isola giardino" davanti al Lido, ha deciso di affiggere fuori dalla propria chiesa un cartello che apre uno spaccato drammatico in merito alla pratica religiosa in Italia: "La messa è sospesa per mancanza di fedeli", ha scritto. E ancora: "Don Mario è disponibile su richiesta", e a fianco il suo numero di telefono. In sostanza, ha poi spiegato lo stesso don Mario, "non c'è più tanta gente che viene alle celebrazioni e, quindi, per evitare di restare io da solo sull'altare, ho messo l'avviso. D'inverno molto spesso non viene nessuno perché fa freddo, la gente si ammala e non esce di casa; una volta ci siamo trovati in tre. Insomma, celebrare così, non ha senso".

Anche se la Chiesa cattolica non ama le statistiche - "i numeri non sempre fotografano una vitalità comunque esistente", ripetono gli ecclesiastici - la "legge" della secolarizzazione resta implacabile, nonostante il ciclone Bergoglio.


Se nel 2006 una persona su tre (esattamente il 33,4 per cento) dichiarava di frequentare luoghi di culto almeno una volta alla settimana, oggi la percentuale è scesa al 29 per cento.


Almeno una volta
Mai
ItaliaPiemonteValle d'AostaLiguriaLombardiaTrentino Alto AdigeVenetoFriuli-Venezia GiuliaEmilia-RomagnaToscanaUmbriaMArcheLazioAbruzzoMoliseCampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna05101520253035
Fonte: Istat (2016)
Al contrario, secondo gli ultimi dati Istat, le persone che dichiaravano di non frequentare mai luoghi di culto sono passate dal 17,2 al 21,4 per cento. In pratica oltre una ogni cinque. E molto fa pensare il fatto che questi stessi dati sono di fatto "drogati" da una spinta in alto - senza sarebbero ancora più bassi - data dalla presenza dei bambini alle funzioni religiose: tra i 6 e i 13 anni sono il 51,9 per cento.

Frequentano almeno una volta a settimana
Franco Garelli, autore di "Educazione" e di "Piccoli atei crescono. Davvero una generazione senza Dio", entrambi per il Mulino, spiega che in effetti "non può essere un Papa a far migliorare la pratica religiosa". E anche il cosiddetto "effetto Bergoglio", "che comunque esiste, tanto che non sono pochi coloro che dichiarano che la presenza di questo Papa invita a una maggior riflessione su di sé e sul significato della propria vita, necessita di una traduzione nel concreto che non è affatto detto che la Chiesa riesca a fare. Se l'"offerta" rimane di comunità cosiddette "freezer", con una religiosità formale e con riti poco coinvolgenti, è ovvio che la pratica diminuisce, la gente si disaffeziona. Poi, resta il fatto, che magari queste stesse persone vivono comunque una loro pratica religiosa frequentano altri luoghi, altre persone, che non rientrano necessariamente nelle classificazioni standard".

Le comunità freezer. O, che è un po' lo stesso, sacerdoti che non riescono a comunicare la forza del Vangelo. È qui il punto centrale, il motivo di una disaffezione in alcune parti del territorio italiano, profonda. Ne è convinto don Alberto Maggi, fondatore del Centro Studi Biblici di Montefano, autore per Garzanti di "Chi non muore si rivede". Dice: "Sono i sacerdoti anzitutto che dovrebbero chiedersi: perché la gente non viene? Purtroppo la verità è che da certe messe bisognerebbe uscire per legittima difesa. A volte la lettura del messale sembra lo scorrere di un elenco telefonico. Ma come è possibile che Gesù faceva arrabbiare o entusiasmare mentre la lettura oggi delle sue parole spesso non fa altro che addormentare? Francesco fa ciò che tutti i preti dovrebbero fare: non vuole portare gli uomini a Dio, bensì portare Dio agli uomini attraverso la tenerezza, linguaggio universale".

Il crollo della frequentazione dei luoghi di culto ha colpito ogni fascia d'età. Quella in cui si "perde" la fede per eccellenza resta tra i 20 e i 24 anni. La curva, poi, tende a risalire lentamente. Ma il confronto con il 2006 ci dice che la fascia d'età più disillusa è quella tra i 55 e i 59 anni che nell'ultimo decennio ha perso il 30 per cento dei frequentatori di luoghi di culto. Fascia che potrebbe essere estesa ai 60-64enni, dove il calo è stato del 25 per cento. Dice ancora Gerelli: "Questo fenomeno può essere dettato o da fatto che in quella fascia d'età molti si costruiscono una seconda vita alternativa e i i nuovi impegni allontanano dalla pratica religiosa. O può essere un portato della crisi: persone uscite dal ciclo produttivo impegnate a rientrarci".