ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 29 luglio 2017

E questa é casa mia, gospa o non gospa la devi piantàr


                                      https://www.youtube.com/watch?v=7Vh5UjL7WA8

La forza di Medjugorje va oltre il riconoscimento del Vaticano

Giuseppe Colombo/Huffpost
Il giudizio di Papa Francesco, chiamato a pronunciare la parola definitiva sull'autenticità delle apparizioni a Medjugorje, segnerà inevitabilmente uno spartiacque nella valutazione che non solo la Chiesa, ma anche i pellegrini, faranno di un luogo di preghiera che dal 1981 registra migliaia di visite ogni anno. Il "marchio" del Vaticano sdoganerebbe per sempre Medjugorje, mettendola sullo stesso piano dei santuari che sono nati dalla stessa matrice, quella cioè delle apparizioni mariane: Lourdes e Fatima. Ma non è affatto detto che la forza spirituale che pervade quel piccolo centro sulle colline della Bosnia-Erzegovina dipenda, in modo esclusivo, dalla decisione della Santa Sede.

La valutazione finale del Vaticano è attesa, ma non temuta. Ho avuto modo di visitare Medjugorje qualche settimana fa insieme a don Salvatore Cipolla, viceparroco della chiesa Santa Maria Immacolata di Lourdes di Roma, e quella convinzione pervade gran parte della comunità locale ma anche il pensiero di tanti pellegrini stranieri: la forza di Medjugorje ha più di una possibilità di non esaurirsi con un'eventuale decisione negativa. A Medjugorje si prega e si spera. Il sì di Bergoglio sanerebbe una "frattura" che oggi esiste, quella cioè tra i fedeli e i vescovi, le "sentinelle" della Santa Sede, che non si sono mai recate in quel luogo perché ancora non riconosciuto. È una sfumatura, importante, che si andrebbe aggiungere a tante altre e altrettanto importanti, come il ritrovarsi parte di un'unica comunità di preghiera, finalmente "libera" dalla preoccupazione riassumibile nell'interrogativo "Cosa ne pensa la Chiesa?".





Un giudizio sospeso tra dubbi e prese d'atto
A Medjugorje c'è grande attenzione nei confronti delle parole pronunciate da Papa Francesco il 13 maggio scorso sul volo di ritorno da Fatima. "Preferisco la Madonna Madre a quella che fa il capo di ufficio telegrafico che ogni giorno invia un messaggio", ha affermato Bergoglio. Un'analisi, quella del Pontefice, che fa riferimento alla relazione, commissionata da Benedetto XVI e presieduta dal cardinale Camillo Ruini. L'esito di quell'indagine è chiaro: si devono tenere distinte le apparizioni della prima settimana, ritenute autentiche, da quelle che vedono protagonisti i veggenti anche oggi e sulle quali occorre ancora investigare. "Io sono più cattivo", ha aggiunto il Papa, che a fine marzo ha inviato a Medjugorje il suo inviato speciale, l'arcivescovo polacco monsignor Henryk Hoser, per monitorare la situazione.
È proprio in quella scelta, compiuta appunto da Bergoglio, che si può trovare l'altra faccia della medaglia, quella che cioè protende per un riconoscimento di Medjugorje da parte della Santa Sede. "Il Santo Padre è molto interessato allo sviluppo della pietà popolare che si svolge in questo luogo", ha dichiarato Hoser appena arrivato sul luogo.
Il Papa è attento e sempre sullo stesso volo di ritorno da Fatima non ha nascosto quello che invece lo convince di Medjugorje. "C'è il fatto spirituale e pastorale, il nocciolo della relazione: gente che si converte, che incontra Dio, che cambia vita. E questo non grazie a una bacchetta magica. Questo fatto non si può negare". In queste parole c'è uno snodo importante, forse fondamentale per il futuro di Medjugorje, al di là del suo riconoscimento.





La mia Medjugorje
Le parole del Papa come un faro durante la mia visita: "C'è gente che incontra Dio". Dio, non i veggenti. Non la ricerca ossessiva di un segno visivo in cielo. Arrivare a Medjugorje scevri da pregiudizi è l'atteggiamento più corretto o quantomeno più sensato se si vuole sperimentare, in prima persona, il significato autentico di quel luogo. L'aspettativa è desiderio umano e rispettabilissimo, ma anche vacuo perché presuppone un meccanismo di richiesta-soddisfazione che rischia di creare scontento e soprattutto di guardare, in modo fuorviante, al merito della questione.
Medjugorie è preghiera, meditazione, silenzio. È, soprattutto, ricerca personale, momento di bilancio della propria esistenza e di rilancio. Non è facile, ovviamente, misurarsi con una dimensione che mette a nudo le proprie fragilità: non lo è per chi è credente così come per chi non lo è. E pur tuttavia è un esercizio introspettivo importante per entrambi. Per chi è credente, innanzitutto, perché la preghiera, sia nella dimensione privata che in quella collettiva, è strumento di collegamento che va coltivato. Medjugorje, con i suoi spazi riservati, i suoi monti (quello della Croce, il Križevac, e la collina delle apparizioni, il Podbrdo) da scalare, i suoi santuari non appariscenti, dà vita a una dimensione autentica della fede, quella che non necessita di segni folgoranti, ma che al contrario si nutre di pulizia interiore e testimonianza.
È tuttavia innegabile che molti pellegrini giungono a Medjugorje desiderosi di una dimensione sensazionalistica che passa per la ricerca ossessiva dei veggenti, visti come moderni oracoli, piuttosto che per stare con lo sguardo rivolto sempre all'insù. Chi riesce a ritornare a casa con un'idea completamente diversa può dirsi, a mio avviso, vincente, perché è partito più "debole" rispetto a chi si è recato in quei luoghi con intenti più vicini alla dimensione autentica della fede (anche se il carattere autentico è di per sé una ricerca continua e mai verità assoluta) ma allo stesso ha compiuto il percorso più difficile, come quei pellegrini anziani che scelgono di salire sul Križevac a piedi nudi.




Per chi non crede, Medjugorje può diventare un'occasione di conversione. Una conversione che passa per una via autentica, quella cioè della possibilità di iniziare a coltivare la fede non perché folgorato da un'apparizione, ma da una sensazione. Sensazione che può giungere dalla preghiera, ma anche dalla condivisione delle tante Medjugorje che i pellegrini vivono sul posto. Non è inusuale trovare capannelli di pellegrini che si scambiano impressioni e valutazioni. Interrogarsi è già di per sé un primo tentativo di uscire da quella dimensione di certezza che spesso anima la nostra quotidianità. Da Medjugorje può iniziare un percorso: la durata, le curve, i rettilinei e soprattutto l'arrivo dipendono da ognuno di noi.


 http://www.huffingtonpost.it/huffingtonpost/la-forza-di-medjugorje-va-oltre-il-riconoscimento-del-vaticano_a_23053714/

Metodo Müller

Nei Sacri Palazzi fanno l’elenco dei cardinali che il Papa s’accinge a silurare, con pacca sulle spalle


“Versaldi, Ladaria Ferrer, Sandri, Ravasi, Tauran. E poi Amato e Coccopalmerio, più Pinto”. Prego? Che è, un profano sgranar di rosari in un noioso pomeriggio romano senza la frescura data dalle fontane petrine in attività fatte chiudere dal Papa ecologista? “No!”, ribatte il vescovo di fronte a me: “È la lista dei curiali, prefetti e presidenti, che entro un anno, un anno e mezzo, compirà 75 anni”. Capisco: è l’elenco dei pensionandi, anche se Amato di anni ne ha 79 e Coccopalmerio (quello col segretario dedito a feste rumorose ma già perdonato dal Santo Padre) addirittura quasi 80. Insomma, per farla breve: si tratta di poltrone che stanno per liberarsi e pare che per molte di codeste eminenze il Papa non veda l’ora che giunga la fatidica data del compleanno per poter dar sfoggio di quello che ormai è definito nelle Sacre stanze il “metodo-Müller”, ossia il siluramento corredato da sorrisi e magari qualche pacca sulla spalla. “Ma va”, dice il vescovo in borghese che beve il Chinotto Lurisia con la cannuccia. “Vedrà che per tanti arriveranno le proroghe e le deroghe, tacite e silenziosissime, perché pur volendo rivoluzionare e rinnovare il parco cardinalizio che lo circonda – e se fosse per il Santo Padre la curia verrebbe rasa al suolo e sostituita con un esercito di suore – Francesco non lo può fare. Vedrebbe il moltiplicarsi di serpenti e corvi, veline ai giornali e pettegolezzi incontrollabili”. Sarebbe un gran casino, concludo. Il monsignore aspira – in modo lievemente rumoroso – quel che resta del Chinotto, sorride e dice come s’avesse raggiunto la pace dei sensi che “la storia della chiesa è come il pendolo, che va un po’ di qua e un po’ di là ma alla fine, casino o no, torna sempre al centro, in equilibrio”.
http://www.ilfoglio.it/chiesa/2017/07/29/news/metodo-muller-146510/

1 commento:

  1. In pratica Medjugorje potrebbe essere il centro psicoanalitico mondiale dove ciascuno attinge quel che vuole o può.Interessante... Si potrebbe dedicarlo a Jung, tanto Madonna o non Madonna...
    D' altra parte nell'ultimo messaggio, la gospa o chi per lei, invita a lavorare su sé stessi, in perfetto linguaggio psicoanalitico, in perfetto stile New age... Tutto torna!
    Piccola falsità dell' articolista, ripetuta da tutti quelli che vogliono manipolare la realtà: l' ipocrita commissione Ruini dice che sui primi sette giorni Si Può continuare ad indagare, non è stato approvato niente, è solo una formula per salvare capra e cavoli, non prendendo impegni, cioè non perdere turisti e denari, in perfetto stile curiale del doppio gioco. In sintesi la Chiesa che tanti rimpiangono. Ah come si stava bene dieci anni fa....

    RispondiElimina