ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

mercoledì 26 luglio 2017

L’umiltà secondo Francesco

Umiltà?



L’«autorevole uomo di Chiesa», che ieri ha pubblicato anonimamente sul blog di Sandro Magister Settimo Cielo un articolo in risposta ad alcuni interventi del Card. Christoph Schönborn in Irlanda, a un certo punto della sua trattazione, ha riportato un episodio riferito dal sito Crux:
Schönborn ha rivelato che quando ha incontrato il papa dopo la presentazione di Amoris laetitia, Francesco lo ha ringraziato e gli ha chiesto se il documento era ortodosso. «Gli dissi: Santo Padre, è pienamente ortodosso». Schönborn ha aggiunto che pochi giorni dopo ricevette da Francesco una piccola nota che diceva: «Grazie per quella parola, che mi ha confortato».
Postilla l’anonimo autore:
Questo racconto, se da un lato rivela lumiltà di Francesco che chiede un parere ai suoi teologi di fiducia, non toglie il fatto che dovrebbe essere il papa a dare risposte ai teologi, ai vescovi, ai cardinali i quali, con la parresia richiesta e incorggiata dallo stesso pontefice, gli esprimono gravi preoccupazioni per lo stato della Chiesa.

In tali parole ritroviamo la tesi centrale dell’articolo (non è il Card. Schönborn che deve rispondere ai dubia, ma il Pontefice stesso). Sono pienamente d’accordo con l’articolista; facevo un’osservazione simile nel post del 14 febbraio 2017. Ma qui vorrei soffermarmi sulla prima frase della citazione su riportata: «Questo racconto  rivela lumiltà di Francesco che chiede un parere ai suoi teologi di fiducia». Beh, non sono molto d’accordo con tale affermazione. Voi direte: perché?

Perché il Card. Schönborn, come dicevo nel post di febbraio, pur essendo un grande teologo e un Cardinale di S. R. C. (e quindi uno stretto collaboratore del Papa), non ha alcun titolo per esprimere giudizi di ortodossia sui documenti pontifici. O meglio, può esprimere liberamente il suo parere, come possono farlo tutti gli altri Cardinali, compresi i quattro che hanno sottoposto al Papa dei dubia.

Se c’è qualcuno che, ex officio, ha il dovere di esprimere un parere in merito, è la Congregazione per la dottrina per la fede. Naturalmente, tale parere va espresso prima e non dopo la pubblicazione del documento pontificio. La Curia Romana esiste per questo: per coadiuvare «il Romano Pontefice nellesercizio del suo supremo ufficio pastorale per il bene e il servizio della Chiesa universale e delle Chiese particolari» (Giovanni Paolo II, Costituzione apostolica Pastor bonus, 28 giugno 1988, Norme generali, art. 1). A parer mio, Papa Francesco non doveva chiedere un parere sull’ortodossia di Amoris laetitia al Card. Schönborn, ma alla CDF. Certamente l’avrà fatto; il problema è che, a quanto pare, non ne avrebbe tenuto alcun conto. Ha scritto recentemente Marco Tosatti (che si assume ovviamente tutta la responsabilità delle sue affermazioni):
Rileggendo gli appunti che ho preso nel corso di questi anni è evidente la frustrazione del card. Müller  e del personale della Congregazione per l’evidente disinteresse del Pontefice al loro lavoro. Semplicemente, per il Papa era come se non esistessero. Non chiedeva nessuna cooperazione, non offriva nessun dialogo. E, naturalmente, questa situazione è peggiorata durante la preparazione dell’Amoris Laetitia, l’esortazione apostolica su famiglia e divorziati-risposati. Il Papa non ha un metodo di lavoro collegiale, confidava Müller a colleghi cardinali durante gli esercizi spirituali della Curia, all’inizio del 2016. Disse: abbiamo fatto almeno duecento osservazioni, dalle piú gravi che le abbiamo messe in grassetto, alle piú veniali. Non c’è stata nessuna risposta. (La nuova Bussola Quotidiana, 9 luglio 2017).
Ovviamente il Sommo Pontefice è libero di chiedere pareri a chi vuole, come è libero di fare, di tali pareri, l’uso che ritiene piú opportuno. Non si parli però di umiltà, che non c’entra niente. Si tratta semplicemente di sovrano (ancorché problematico, per evidenti ragioni) esercizio della sua autorità primaziale. 
Q

Pubblicato da 
http://querculanus.blogspot.it/2017/07/umilta.html

1 commento:

  1. Quelli come Querculanus che si perdono in diatribe del tipo "La scuola di Atene" [in forma molto ridotta ma tecnologizzata], farebbero meglio ad accusare i personaggi che criticano? onde evitare gli strafalcioni del tipo ..Schoenborn...grande teologo, oppure precisare a quale? teologia si riferisce, visto che quella dei Rahner, de Lubac, Kung, von Balthasar e Ratzinger è quella che ha ispirato il Con.Vat.II, denunciando la loro perversa attitudine nel collaborare alla massonica distruzione della Chiesa cattolica. Sarebbe meglio ora "vendere il mantello e comperare una spada" altrimenti tacere. Abbiamo dovuto registrare i danni fatti e correnti di certi 'Conti' del tipo O.G.M. nel campo politico, in quello antropologico pan-europeo, e quello ecclesiale. L'aristocrazia al servizio di satana, non male come epilogo. Giada



    RispondiElimina