ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

domenica 2 luglio 2017

Timbri e francobolli?

Il cardinale Müller, come Benedetto XVI,dà una frenata ad un possibile accordo dottrinale con la FSSPX 




La Casa Generalizia della Fraternità San Pio X ha comunicato a tutti i suoi membri il contenuto di una lettera del cardinale Gerhard Müller, la quale ha prodotto negli ingenui l’effetto di una doccia fredda, anzi gelata.
Ecco i principali e più saporiti estratti di questa lettera:

«Come sapete, Papa Francesco ha manifestato, a più riprese, la sua benevolenza nei confronti della vostra Fraternità, accordando in particolare a tutti i sacerdoti membri la facoltà di confessare in maniera valida i fedeli e autorizzando gli Ordinai dei luoghi a concedere delle licenze per la celebrazione dei matrimoni dei fedeli che seguono l’attività pastorale nella vostra Fraternità.
Per altro verso, proseguono le discussioni sulle questioni relative al pieno ristabilimento della comunione della vostra Fraternità con la Chiesa cattolica.

A questo proposito, con l’approvazione del Sommo Pontefice, ho ritenuto necessario sottoporre alla Sessione Ordinaria della nostra Congregazione, riunita lo scorso 10 maggio, il testo della Dichiarazione dottrinale che vi è stata trasmesso durante l’incontro del 23 giugno 2016, come condizione necessaria in vista del pieno ristabilimento della comunione.
Ecco, a questo proposito, le decisioni unanimi di tutti i membri del nostro Dicastero:

1) E’ necessario esigere dai membri della Fraternità Sacerdotale San Pio X l’adesione alla nuova formula della Professio fidei del 1988. Di conseguenza, non è più sufficiente chiedere loro di emettere la Professio fidei del 1962.

2) Il nuovo testo della Dichiarazione dotrinale deve contenere un paragrafo nel quale i firmatari dichiarano, in maniera esplicita, la loro accettazione degli insegnamenti del Concilio Vaticano II e del periodo post conciliare, accordando alle dette affermazioni dottrinali il grado di adesione loro dovuto.

3) I membri della Fraternità Sacerdotale San Pio X devono riconoscere, non solo la validità, ma anche la legittimità del rito della Santa Messa e dei Sacramenti. Secondo i libri liturgici promulgati dopo il Concilio Vaticano II.»
E il caro cardinale conclude, in cauda venenum, che «nel corso dell’udienza accordata al Cardinale Prefetto, il 20 maggio 2017, Il Sommo pontefice ha approvato queste decisioni.»

Nella sua lettera di accompagnamento, Don Thouvenot ricorda, molto «opportunamente», la parole di Mons. Fellay alla conclusione della riunione dei Superiori maggiori ad Anzère il 28 giugno 2016:
«La Fraternità Sacerdotale San Pio X non ricerca prima di tutto un riconoscimento canonico al quale essa ha diritto perché è cattolica. La soluzione non è semplicemente giuridica. Essa è legata ad una posizione dottrinale che è imperativo manifestare. (…) La Divina Provvidenza non abbandona la Sua Chiesa il cui capo è il Papa, Vicario di Gesù Cristo. Per questo, un segno incontestabile di queste restaurazione sarà nella volontà manifestata dal Sommo Pontefice di dare i mezzi per ristabilire l’Ordine del sacerdozio, della fede e della Tradizione – segno che sarà, in più, la garanzia della necessaria unità della famiglia della Tradizione.»

Siamo ben lontani dal «timbro» che certuni avevano festeggiato con entusiasmo, e dobbiamo ringraziare la Divina Provvidenza perché continua a vegliare sull’opera di restaurazione intrapresa, cinquant’anni fa, da Mons. Lefebvre, che ha dimostrato lo stesso coraggio dei nostri sette decani e delle comunità amiche fedeli alla sua battaglia per l’unica verità.

Infine, in questo 1 luglio, mi si permetta di rivolgere un pensiero pieno di amicizia e di riconoscenza all’eroica obbedienza del nostro confratello Don Patrick de La Rocque che ha accettato con umiltà il suo trasferimento-sanzione nelle Filippine e che si è visto rifiutare di poter festeggiare il suoi 25 anni di sacerdozio a Ecône insieme con il Superiore generale della sua cara Fraternità.

di Christian Lassale


Pubblicato su Medias Presse Info
1 luglio 2017


2 commenti:

  1. "accettazione degli insegnamenti del Concilio Vaticano II e del periodo post conciliare" ? Ma che sono tutti impazziti i santi sacerdoti della Fraternità? non ricordano le parole di Mons. Léfèbvre "nessun patto con Roma apostata, se prima non ritorna cattolica?" non hanno gli occhi per vedere lo sfacelo provocato da 59 anni di potere modernista nella Chiesa di Cristo, in particolare questi ultimi 4 anni di dittatura subdola ed ingannatrice?
    Suvvia, cari fratelli sacerdoti, non fatevi ingannare, rimanete cattolici, se poi Mons. Fellay vi ponesse di fronte alla scelta se accettare l'inciucio o essere espulsi dalla Fraternità (normalizzata) non abbiate dubbi: entrate nell'Unione Sacerdotale Mons. Léfèbve, l'ultima "enclave" cattolica in un mondo impazzito e preda del demonio. Dio vi benedica e vi salvi tutti, ad Jesu per Mariam.

    RispondiElimina
  2. Dunque a Mueller, almeno secondo la foto, piacciono le donne magari un po' freak ma giovanissime (da non confondersi con Cristo accusato dai Frisei di mangiare 'con le prostitute') ma lo qualificano anche alcuni altri dettagli: è stato allievo di Gustavo Gutiérrez, l'iniziatore della 'Teologia della liberazione'-tanto cara a 'el papa'-per cui dichiara " "La teologia di Gustavo Gutiérrez, a prescindere da come la si consideri, è ortodossa perché è ortopratica e ci insegna il corretto modo di agire in modo cristiano, poiché deriva dalla fede autentica." Olé. Per la verità neppure la "non più santa sede" dei pappi precedenti si è disturbata nel censurarla.
    Altra perla: Nella sua opera di 900 pag.(sic)"Dogmatica cattolica. Per lo studio e la prassi della teologia", Freiburg. 5ª edizione, 2003), ha dichiarato che la dottrina della Perpetua verginità di Maria non è "tanto relativa alle specifiche proprietà fisiologiche durante l'atto naturale del parto [...], ma piuttosto alla guarigione e all'azione salvatrice della grazia del Salvatore verso la natura umana." (wiki) Così fa il paio con il super-eretico Walter Kasper, che si è spinto pure più in là, negando non solo la Verginità di Maria Ssma. ma anche l'Immacolata Concezione. La nostra amatissima Madre di Cristo-Dio che viene vilipesa dai 'ministri'??? della Chiesa di Satana. La sala d'aspetto per l'inferno si fa sempre più gremita. Gute Reise Herr Mueller.

    Ma il bello è che l'ormai 'emerito' viene tacciato come conservatore da 'El papa', e purtroppo anche alcuni cattolici devoti lo vedono come tale, lo strabismo dilaga. Potrebbe essere una scusa, tanto per giustificare la sostituzione con il gesuita spagnolo Luis Ladaria Ferrer.
    Per quanto riguarda la storia ormai infinita della Fraternità, i confronti si sono già avuti con Ratzinger che aveva preteso l'accettazione in toto del Con.Vat.II,, la cosa a tutt'oggi non è cambiata, quindi si decidessero (a parte che un gruppo si già distaccato): o dentro o fuori. "O SEI CON ME O SEI CONTRO DI ME". Tanto semplice.

    RispondiElimina