ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

domenica 13 agosto 2017

Nonostante se stessa

https://onepeterfive.com/wp-content/uploads/2017/05/BenedictHack.jpgLE MANI DEMOCRATICHE NELLA TORTA VATICANA: LA RINUNCIA DI BENEDETTO FORZATA DA OBAMA?

Il 17 maggio ho pubblicato un articolo sul quotidiano La Verità sulla rinuncia di papa Benedetto. Alcuni giorni prima, in una rinomata rivista geopolitica italiana chiamata Limes, il professor Germano Dottori aveva sostenuto che l’abdicazione di Joseph Ratzinger del 2013 e le dimissioni dell’ex ex premier italiano Silvio Berlusconi nel 2011, dopo una tempesta finanziaria venduta all’opinione pubblica come “crisi del debito pubblico “, erano il risultato di pressioni da parte dell’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Obama.
Secondo Dottori, Obama era desideroso di detronizzare Benedetto XVI per due motivi. Da una parte, la sua presidenza era vicina all’islam fondamentalista ( de facto promossa dal cambiamento di regime in Libia e in Egitto e la guerra civile in Siria, provocata dal disegno di politica estera dell’ex segretario di Stato Hillary Clinton), mentre Ratzinger, sin dalla sua famosa conferenza di Regensburg , era stato identificato a livello internazionale come un forte avversario dell’islamismo. D’altra parte, Obama era preoccupato degli sforzi di riconciliazione della Chiesa verso il patriarca ortodosso di Mosca, nell’ambito – ha scritto Dottori – “di un progetto geopolitico mirato all’integrazione europea-russa, attivamente sostenuto dalla Germania e dall’Italia”.

L’amministrazione Obama può aver ricorso a due strumenti: favorire gli scandali all’interno della Chiesa e del governo italiano e minacciare di perdere risorse finanziarie italiane e vaticane. L’Italia rischiava di essere esclusa dai mercati finanziari internazionali. La minaccia contro il Vaticano era quella di bloccare l’IOR (Istituto per le Opere di Religione, la banca vaticana) della rete SWIFT (Società per la rete internazionale di telecomunicazioni finanziarie interbancarie). Considerando come scusa il fatto che lo IOR non rispettasse le norme internazionali di trasparenza, Deutsche Bank (che gestisce sistemi di pagamento a punto di vendita in Vaticano ed è stato sospettato da Bankitalia di ospitare un conto IOR dove tutti i soldi guadagnati in Vaticano Convergenti) erano stati indotti a bloccare tutti i bancomat in Città del Vaticano, un servizio ricavato stranamente, ha notato Dottori.
Per quanto riguarda questa storia, è utile spendere qualche parola su una figura importante: l’ex presidente dello IOR Ettore Gotti Tedeschi. Scelto da Papa Benedetto nel 2009 per riformare lo IOR e riportarlo agli standard internazionali di trasparenza, nel 2010 Tedeschi è stata oggetto di un’indagine per il riciclaggio di denaro.
Notate quanto siano sospetti gli eventi: due anni dopo l’inizio dell’inchiesta, nel 2012, Tedeschi fu licenziato dal suo ufficio; Nel 2014, dopo le dimissioni di papa Benedetto, il giudice di Roma ha respinto l’inchiesta e tutte le accuse contro  Gotti Tedeschi. Nel 2015, in un’intervista con The Catholic Herald, Tedeschi ha dichiarato che era stato licenziato dal consiglio di amministrazione di IOR a causa della sua intenzione di fare riforme radicali. E in un’intervista del 2012 pubblicata sul quotidiano italiano Il Fatto Quotidiano, Tedeschi aveva già rivelato che in quei mesi era così spaventato di poter essere assassinato per aver scritto una segreta relazione sul IOR. (Secondo le mie fonti, aveva scritto anche la sua volontà.) Il rapporto segreto era stato affidato a due amici stretti di Tedeschi come una sorta di polizza assicurativa sulla propria vita.
Se si collega la storia di Tedeschi  con la rivendicazione di Dottori per quanto riguarda il ricatto finanziario emanato contro la Banca Vaticana per fare pressione Papa Benedetto, si potrebbe sospettare che Tedeschi era ben consapevole che le forze oscure, da dentro e fuori il Vaticano, brulicavano, e che la sua opposizione a quelle influenze erano probabilmente la causa delle sue disgrazie.
Le considerazioni di Dottori devono essere prese con un granello di sale. Per esempio, la sua interpretazione della crisi governativa di Berlusconi nel 2011 è leggermente contraria alla lettura prevalente, che assegna la responsabilità al cancelliere tedesco Angela Merkel e all’ex presidente francese Nicolas Sarkozy. Inoltre, va notato che la principale preoccupazione dell’amministrazione Obama non è probabile che sia l’opposizione ideologica di Ratzinger all’Islam radicale. Probabilmente è più utile concentrarsi sulla questione russa.
Da una parte, la prospettiva di una più stretta integrazione politica tra l’Europa e la Russia, sostenuta dalla Chiesa cattolica a motivo della costruzione di una sorta di “fronte conservatore religioso”, era una causa di ansia per Obama e Clinton. Il ruolo del papa potrebbe essere quello di un tratto d’unione (letteralmente, un trattino) tra Angela Merkel e Vladimir Putin – come tedesco e come leader morale, Benedetto XVI potrebbe mediare per alleviare l’attrito tra due politici uniti da un rapporto di Amore-odio, ma le cui intenzioni, al di là di tutto, erano quelle di approfondire i legami tra i loro paesi. Che gli Stati Uniti hanno sostenuto la rivolta dell’Ucraina contro il governo pro-russo e hanno sostenuto la guerra civile nella regione di Donbas (il coinvolgimento dell’amministrazione Obama è stato denunciato dagli Affari esteri nel 2014) E che hanno sabotato il progetto per il gasdotto South Stream (con l’aiuto del senatore John McCain, che ha letteralmente minacciato il primo ministro della Bulgaria e ha ottenuto il suo ritiro dal progetto), è la prova che i democratici sono disposti a fare tutto il possibile per impedire un avvicinamento Politico ed economico tra l’Europa e la Russia. In questo senso, Berlusconi, amico personale di Putin (e del  dittatore libico Gheddafi), era un individuo inquietante.
D’altra parte, l’amministrazione Obama doveva essere spaventata dalla posizione conservatrice di papa Benedetto sulla liturgia, la morale e la politica. Un papa conservatore, in un momento in cui l’aiuto della Chiesa non era più necessario per combattere il comunismo nell’Unione Sovietica – e la Russia stava diventando nazione conservatrice – potrebbe significare una svolta indesiderata e politicamente pericolosa, giusta per i cattolici americani e una convergenza invisibile tra Conservatori religiosi negli Stati Uniti e in Russia.
La paura di Obama è stata ben informata, dal momento che Donald Trump ha vinto con il voto cattolico nelle elezioni del 2016, malgrado un papa progressista che ha quasi sostenuto apertamente Hillary Clinton e malgrado il voto di sinistra dei cattolici nelle due elezioni precedenti del 2008 e del 2012.
In questa luce si può anche interpretare il recente articolo di La Civiltà Cattolica (una rivista il cui contenuto deve essere supervisionato dal papato per la pubblicazione) che ha attaccato la fedeltà tra cattolici e evangelici negli Stati Uniti. Il messaggio del Vaticano è chiaro: secondo Papa Francesco, i buoni cattolici americani dovrebbero votare nuovamente per i democratici. Perché il nuovo papato è così preoccupato che i cattolici e i protestanti conservatori potrebbero unire le loro forze in politica quando favorisce il “dialogo interreligioso” ogni qualvolta si tratti di venerazione incondizionata del luteranesimo?
Che il voto cattolico fosse in gioco nel complotto dell’amministrazione Obama contro Benedetto XVI è dimostrato anche dalle rivelazioni di WikiLeaks sull’uomo di destra di Hillary Clinton, John Podesta. Le sue email smarrite hanno mostrato che stava pensando di promuovere una “primavera cattolica”, una rivoluzione che intendeva sostituire le sezioni conservatrici della Chiesa e far progredire i progressisti.
Ora, cerchiamo di leggere su questo sfondo le posizioni del nuovo papato sulle questioni morali e politiche. La Chiesa è quasi silenziosa per l’aborto, la ridefinizione del matrimonio e l’eutanasia. Ed è sorprendente che, sulla questione dei migranti, Papa Francesco abbracci l’agenda di George Soros. Non dimentichiamo che Soros è uno dei finanziatori più generosi di Clinton, con una donazione da 11 milioni di dollari per la sua campagna elettorale e una donazione da 6 milioni di dollari dalla Fondazione Soros alla Fondazione Clinton. Soros è venuto quasi 60 volte in email di John Podesta. Si può ammettere che una simile triangolazione tra un candidato presidenziale balistico, un miliardario liberale accusato di diverse cospirazioni politiche in diverse nazioni, indesiderato dal governo del suo paese e da Israele, nonostante la sua nascita ebraica, e il papa della Chiesa cattolica è un caso particolare.
Ora, anche se il giornalista italiano Sandro Magister, il 3 agosto, pubblica per L’Espresso un articolo in cui afferma che in realtà Papa Francesco sta perseguendo ancora rapporti amichevoli con l’ortodossia russa, sconvolgendo così i cattolici in Polonia e Ucraina, Ai paesi della NATO, soprattutto ora che gli Stati Uniti sono governati da Trump – sembra esserci una differenza sostanziale tra le politiche russe di papi Benedetto e Francesco. Il primo poteva essere almeno un mediatore morale tra l’Europa e la Russia per l’integrazione politica ed economica, e desiderava convergere con i conservatori russi per quanto riguarda la religione nella società e altre priorità morali. Francesco, a sua volta, sembra essere spostato dalle preoccupazioni per la condizione dei cristiani in Siria, dove solo la Russia ha una chiara strategia a lungo termine.
Altri commentatori hanno gettato ombre sulle connessioni ambigue della Chiesa con i democratici americani. Il 4 luglio Piero Laporta pubblica in La Verità un articolo su Libero Milone, un dirigente di 67 anni, nominato dal papa Francesco come supervisore delle finanze del Vaticano nel 2015. Il suo mandato doveva durare per cinque anni, ma Nel giugno del 2017, ha deciso di dimettersi dopo aver denunciato la violazione del suo ufficio e il suo computer hackerato. Tuttavia, la vera storia di questa inaspettata dimissioni potrebbe essere diversa. Secondo Laporta, Milone si stava avvicinando alle manovre ambigue che avrebbero portato una donazione di circa 1 milione di dollari alla campagna elettorale di Hillary Clinton, presa da Pence di Peter. Le voci su di esso stavano già diffuse nel febbraio 2016, quando Laporta raccolse le perdite da una fonte segreta, ironicamente chiamata “Pretino”, che ha dichiarato che il Vaticano ha fornito a Clinton un aiuto finanziario, ma che Trump vincerà le elezioni grazie ad un’indagine FBI contro Clinton. Secondo Laporta, non è casuale che, allo stesso tempo in cui Milone ha rassegnato le dimissioni, il cardinale George Pell è stato indagato sulle accuse di abuso sessuale per eventi avvenuti quarant’anni fa. Qualcuno stava cercando di distogliere l’attenzione dalla storia di Pence di Peter e, allo stesso tempo, rassicurare indirettamente tutti i soggetti potenzialmente coinvolti nello scandalo che il silenzio sarebbe stato mantenuto.
Ora, mentre Laporta sostiene di essere “sicuri al 90%” di questa relazione, è molto più difficile verificare se, o in che misura, Papa Francesco era a conoscenza di un’operazione finanziaria e politica che, comunque, avrebbe potuto essere sostenuta dal segretariato di Stato della Santa Sede, e di aver richiesto la mediazione della Nunziatura dell’Apostolato americano. Laporta ipotizza che durante la sua visita a Roma, nel giugno del 2017, il presidente Donald Trump avrebbe potuto avere una discussione animata con Papa Francesco, mentre chiede chiarimenti sull’assistenza della Chiesa a Clinton. Secondo lui, l’espressione pazza del papa e l’espressione screziata nelle fotografie prese al presidente americano era dovuta proprio alla loro lite e all’imbarazzo di Francesco.
Le delucidazioni sono proprio ciò di cui abbiamo bisogno. Nello spirito della letteraindirizzata da The Remnant a Donald Trump, i cattolici americani dovrebbero chiedere al loro nuovo presidente di indagare sul coinvolgimento dell’amministrazione Obama negli eventi che hanno portato all’abbandono di Papa Benedetto. Chiarimenti sarebbero ben accolti anche sulle manovre ambigue tra la Santa Sede e Hillary Clinton durante la campagna del 2016. Questi sembrano essere questioni molto più urgenti che l’isteria russofobica sulla presunta trama di Trump con Vladimir Putin.
Comunque, in questo tempo difficile, dobbiamo anche essere certi che la Chiesa ha unabenedict-saturnoforza che manca ai suoi nemici: è destinata a sopravvivere nonostante se stessa.