ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 31 marzo 2018

Non dimenticare l’uomo oggi chiuso nel sepolcro

Non approfittate del triste spettacolo offerto dalla Chiesa per dimenticare Cristo

Potete non credere che sia il figlio di Dio ma non potete non credere che si sia fatto uccidere per sollevare la vostra condizione

Cristo deriso da un soldato. Carl Heinrich Bloch (1835-1890)
Molte persone non vanno in chiesa per via di questo Papa straparlante, Giovedì Santo forse pure stralavante (lavanda dei piedi a detenuti maomettani), e nei giorni precedenti certo stracoprente i monsignori che hanno mancato di rispetto, platealmente, ignobilmente, impunemente, al vecchissimo e malatissimo Papa emerito. Molte persone enfatizzano la rottura bergogliana dimenticando un Papa strabaciante (Giovanni Paolo II nel 1999 baciò il Corano, gettando nella costernazione i cristiani orientali perseguitati dai seguaci di quel libro), un Papa profanatore di cadaveri (Stefano VI), un Papa eretizzante (Liberio), un Papa spergiurante (Pietro) e chissà quanti altri Papi disdicevoli, laggiù nei secoli felicemente bui in cui il mistero proteggeva i pontefici da sé stessi e dal mondo.
Molte persone sembrano approfittare del triste spettacolo offerto dalla Chiesa per dimenticare l’uomo oggi chiuso nel sepolcro, e a queste mi rivolgo: potete non credere che sia il figlio di Dio ma non potete non credere che si sia fatto uccidere per sollevare la vostra condizione. E lo volete lasciare solo? O con la sola compagnia dei preti? Se siete migliori di chi lo ha tradito, dimostratelo rendendogli onore. Se siete peggiori o uguali, risarcitelo rendendogli onore.

di Camillo Langone
https://www.ilfoglio.it/preghiera/2018/03/31/news/pasqua-cristo-chiesa-papa-francesco-187159/

Meditazione per il sabato – DELL’ETERNITÀ DELLE PENE
I) Considera, come nell’inferno non v’è fine: si patiscono tutte le pene, e tutte eterne. Sicché passeranno cento anni di quelle pene, ne passeranno mille, e l’inferno allora comincia; ne passeranno cento mila, e cento milioni, mille milioni d’anni e di secoli, e l’inferno sarà da capo. Se un angelo a quest’ora portasse la nuova ad un dannato che Dio lo vuol cacciare dall’inferno, ma quando? quando saran passati tanti milioni di secoli, quante sono le goccie d’acque, le frondi degli alberi e le arene del mare e della terra, voi vi spaventereste; ma pur è vero che quegli farebbe più festa a questa nuova, che non fareste voi, se aveste la nuova d’esser fatto re d’un gran regno. Sì, perché direbbe il dannato: È vero che hanno da passare tanti secoli, ma ha da venire un giorno che han da finire. Ma ben passeranno tutti questi secoli, e l’inferno sarà da capo; si moltiplicheranno tante volte tutti questi secoli, quante sono le arene, le goccie, le frondi, e l’inferno sarà da capo. Ogni dannato farebbe questo patto con Dio: Signore, accrescete voi quanto vi piace la pena mia: allungatela per quanto tempo vi piace; basta che ponghiate termine, e son contento. Ma no, questo termine non vi sarà mai. Almeno il povero dannato potesse ingannare se stesso, e lusingarsi con dire: Chi sa, forse un giorno Dio avrà pietà di me, e mi caccerà dall’inferno! No, il dannato si vedrà sempre in faccia scritta la sentenza della sua dannazione eterna, e dirà: Dunque tutte queste pene ch’ora patisco, questo fuoco, questa malinconia, queste grida non hanno da finire mai, mai? E quanto tempo dureranno? sempre, sempre. Oh mai! Oh sempre! Oh eternità! Oh inferno! Come? gli uomini ti credono, e peccano, e seguitano a vivere in peccato?
II) Fratello mio, sta attento, pensa che per te ancora sta l’inferno, se pecchi. Già arde sotto i tuoi piedi questa orrenda fornace, ed a quest’ora che leggi quante anime vi stan cadendo? Pensa che se tu ci arrivi una volta, non ne potrai uscire più. E se qualche volta già t’hai meritato l’inferno, ringrazia Dio che non ti ci ha mandato; e presto, presto rimedia quanto puoi, piangi i tuoi peccati; piglia i mezzi più atti che puoi per salvarti: confessati spesso, leggi questo o altro libretto spirituale ogni giorno, prendi la divozione a Maria col rosario ogni giorno, col digiuno ogni sabbato: nelle tentazioni resisti, chiamando spesso Gesù e Maria: fuggi l’occasioni di peccare, e se Dio ti chiama anche a lasciare il mondo, fallo, lascialo: ogni cosa che si fa per iscampare da una eternità di pene è poco, è niente. «Nulla nimia securitas, ubi periclitatur aeternitas» (S. Bern.). Per assicurarci nell’eternità non vi è cautela che basti. Vedi quanti anacoreti, per sfuggire l’inferno sono andati a vivere nelle grotte, ne’ deserti! E tu che fai, dopoché tante volte t’hai meritato l’inferno? Che fai? che fai? Vedi che ti danni. Datti a Dio, e digli: Signore, eccomi, voglio fare tutto quello che volete da me.
Maria, aiutami.