ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 21 aprile 2018

La posta in gioco


Propaganda di guerra (e non solo)

L’uso bellico della propaganda risale almeno alla fine del XIX secolo. Durante l’ultimo conflitto mondiale, com’è noto, ebbe un ruolo notevole su tutti i fronti: nazisti, sovietici e Alleati fecero a gara nella guerra delle immagini e della carta stampata. La macchina propagandistica serve, di volta in volta, a giustificare interventi militari, a demonizzare il nemico, a sollevare il morale con veri o presunti successi… con scarso o nullo rispetto per la verità, come ci si può facilmente aspettare. La manipolazione collettiva è condotta su basi scientifiche, come gli studi di psicosociologia di massa, e mira a colpire il ventre emotivo della società, non certo a suscitare riflessioni razionali fondate sulla realtà oggettiva. Quest’ultima, al contrario, è proprio ciò che la propaganda deve nascondere, suscitando il sospetto che i fatti non siano proprio virtuosi. D’altronde, con la separazione tra etica e religione teorizzata nell’Età Moderna, la “ragion di Stato” ha ufficialmente acquisito, al pari dell’economia, un’autonomia pressoché assoluta, che la sgancia da qualsiasi scrupolo morale.


Gli attuali mezzi a disposizione della propaganda ne hanno moltiplicato esponenzialmente il potere. Se la vendita di quotidiani è in calo, la televisione entra in tutte le case e i conventi, la Rete in tutte le stanze e i cellulari. Questi mezzi – oltre a controllare ognuno capillarmente, per scopi politici o commerciali – plasmano il pensiero delle masse riguardo alle grandi questioni etiche, determinano i loro orientamenti politici, sollevano i loro sentimenti di plauso o indignazione, a seconda delle necessità del momento… È così che, fra l’altro, un giovanotto arruolato dai Rothschild, nonostante i disturbi psichici da cui è affetto, è stato tratto dal cappello perché diventasse presidente della Repubblica Francese, oppure un bulletto avellinese, anch’egli ammesso a frequentare il cosiddetto Gruppo Bilderberg, si è trovato a capo della prima forza politica italiana, la quale altro non è che uno strumento per utilizzare la protesta secondo gli scopi dei padroni del mondo.

In questo momento, l’esercito di scribacchini e fotografi prezzolati è in fibrillazione per fornire una parvenza di legittimità all’aggressione, del tutto illegale, di un Paese sovrano membro delle Nazioni Unite, organizzazione nata con lo scopo di evitare le guerre, ma operante in realtà al fine di imporre ai governi politiche a favore di aborto, contraccezione, eutanasia e omosessualismo (oltre a quello di arricchirne i funzionari). Gli sforzi dell’ONU sono rivolti non tanto a sanare le cause di conflitto, quanto a indebolire le religioni che, con le loro dottrine dogmatiche e la loro strutturale intolleranza, ne sarebbero la fonte; in concreto, quella cattolica – che del resto, almeno ai suoi più alti livelli, si è conformata all’agenda massonico-sionista, fino al punto di invitare in Vaticano teorici della riduzione della popolazione mondiale. Perché qui sta il punto: gli uomini sono troppi, ma non per le risorse del pianeta, bensì per i perversi progetti dell’élite finanziaria.

Sono decenni che quei signori perseguono un conflitto globale nell’intento di ridurre la popolazione della Terra a un quinto dell’attuale. Essi non temono nemmeno le devastanti conseguenze di un eventuale uso di armi nucleari: secondo certe fonti esistono rifugi sotterranei dotati di ogni conforto, in cui i prescelti potrebbero sopravvivere per anni in attesa delle bonifiche. Sembra fantascienza, ma sappiamo ormai che la finzione scientifica è una forma di propaganda atta a familiarizzare le masse con tecnologie ancora segrete o con programmi aberranti (come la modificazione biotecnologica della specie umana). I costosissimi studi della NASA sulla possibilità di vivere su altri pianeti rispondono evidentemente a una logica analoga; pare anzi che esistano già basi situate sulla Luna o su Marte. La follia gnostica, di matrice esoterica e satanica, che guida questi sforzi mira nientemeno che a “creare” un mondo nuovo per una nuova umanità, del tutto indifferente al Creatore e prometeicamente tesa a superare i limiti imposti dalla condizione attuale, come l’invecchiamento e la morte.

Al di là degli interessi economici immediati che hanno portato all’abbattimento dei regimi arabi prima alleati, ma che in Siria hanno trovato un intoppo insormontabile, la posta in gioco è dunque molto più alta. Nella sanguinosissima guerra civile scatenata dalla galassia delle cosiddette milizie “ribelli”, finanziate, armate, addestrate e coordinate da Israele, Stati Uniti e Arabia Saudita con la cooperazione di vari Stati europei subalterni (fra cui il nostro) e dei numerosi Paesi, islamici e non, da cui provengono i combattenti, Damasco ha non solo resistito all’aggressione, ma, con l’aiuto di Russia e Iran, pure ricuperato buona parte del suo territorio. Nonostante la campagna diffamatoria che ha creato il “mostro” assetato del sangue del suo stesso popolo, Bashar al-Assad detiene ancora non soltanto il potere, ma anche il favore della popolazione, compreso quello dei cristiani, come dimostra il recente appello dei tre patriarchi di Antiochia. Ecco allora che la sporca macchina della propaganda inventa il massacro chimico di Duma e che, con questa ignobile scusa, parte la pioggia di missili occidentali (per quasi due terzi intercettati), seppur limitata ad una pubblicitaria “operazione chirurgica” probabilmente concordata tra un minaccioso Putin e un Trump obbligato, per quanto renitente, a dare un contentino ai sionisti (che lo tallonano per mezzo del genero).

Ancora una volta, cronisti e fotografi si scatenano per dare in pasto al pubblico del circo immagini e storie raccapriccianti, ottenute con banali fotomontaggi su sfondi di città in rovina oppure pagando gente che recita un copione prestabilito o bambini feriti col maquillage che si fanno immortalare per pochi spiccioli. In qualche istante, grazie alla Rete, questo ciarpame fa il giro del pianeta, finisce sulle prime pagine dei quotidiani, è ossessivamente propinato dai telegiornali… e le masse brute, sempre più incapaci di distinguere tra la realtà e la fiction o un videogioco, prendono tutto per buono e, per quanto assuefatte alla rappresentazione dell’orrido e della violenza, si commuovono e indignano per quella bambina dal nome fittizio e dallo sguardo struggente, oppure per quell’uomo che urla con un manichino imbrattato di rosso tra le braccia, quasi stringesse il figlioletto dilaniato dalle bombe… Accanto a loro, gli “eroi” dal bianco elmetto si prodigano a soccorrere, tutt’al più, sofferenze provocate da quelle stesse entità che li registrano sul proprio libro-paga, quando non sono anch’essi impegnati in dissimulate operazioni belliche; quanto eventualmente testimoniato da foto e video autentici, in effetti, non va imputato al governo siriano, bensì ai terroristi.

D’accordo: che esistesse la propaganda di guerra, lo sapevamo; ma c’è un limite a tutto, compreso il cattivo gusto e l’indecenza. Il nostro Occidente progredito e progressista, però, ignora il buon gusto e la decenza già da cinquant’anni, a partire da quella rivoluzione del pensiero e del costume che fu orchestrata, anche quella, dai soliti burattinai del sistema e che ha privato la nostra società degli anticorpi morali e intellettuali. Essa è servita da base ideologica per togliere ai popoli occidentali l’identità e la coscienza, onde farne degli schiavi-consumatori privi della benché minima autonomia economica, falcidiati dall’avvelenamento di aria, acqua e cibo, assassini seriali di esseri umani non nati, incapaci di relazioni mature e, quindi, di una sana vita familiare, lobotomizzati e connessi a cervelli artificiali che pensano e decidono al posto loro… gran bella liberazione! Ora ci stanno spingendo a forza sull’orlo di un precipizio, come stolide mandrie di animali senza ragione.

Solo un cieco può non vedere gli effetti di tale situazione sulla fede o, viceversa, come una fede autentica possa preservarne le persone. Non abbiamo certo il potere di intervenire direttamente  in questo disastro pianificato, ma deteniamo un vantaggio assolutamente decisivo: ce ne rendiamo conto. La consapevolezza è causa, per il momento, di una sofferenza supplementare, ma ci permette anche di pregare perché la catastrofe, naturale castigo dell’abbandono di Dio, sia attenuata. La fede ci dà altresì l’insperata possibilità di guardare oltre, al promesso trionfo del Cuore immacolato di  Maria. Qualunque cosa accada, sforziamoci ogni giorno, con l’aiuto della grazia, di salvare la semente mantenendo il lucignolo acceso. Il compito straordinario che la Provvidenza ci ha affidato, facendoci vivere in questa tragica epoca storica, non perderà la sua ricompensa eterna.

Pubblicato da Elia
http://lascuredielia.blogspot.it/2018/04/propaganda-di-guerra-enon-solo.html