ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

martedì 1 maggio 2018

Alla lunga vengono a noia

Come Facebook, Twitter, ecc., sopprimono le verità chiave…..
President Barack Obama, with Facebook CEO Mark Zuckerberg, holds a town hall meeting at Facebook headquarters in Palo Alto, California, April 20, 2011. (Official White House Photo by Lawrence Jackson)
di  Eric Zuesse
Il 23 aprile Rd , il grande giornalista d’inchiesta indipendente, Craig Murray – un ex diplomatico britannico – ha titolato nel suo blog, “Condemned By Their Own Words” (condananto dalle proprie parole) , e lui stesso ci ha postato la trascrizione tradotto da Inglese (tratto sotto) per questa radio ebraica israeliana, in onda il 21 aprile , in cui un israeliano, un generale di brigata, di nome Fogel, ha spiegato il motivo per cui le truppe israeliane stanno facendo la cosa giusta con lo sparare e persino l’ uccidere gli abitanti di Gaza che vengono (in modo non meglio specificato) troppo vicino al muro che separa Israele dalla Gaza:
Qualsiasi persona che si avvicini alla recinzione, chiunque possa essere una futura minaccia al confine dello Stato di Israele e dei suoi residenti, dovrebbe pagare un prezzo per tale violazione. Se questo fosse un bambino o qualcun altro che si avvicina alla barriera per [il soldato pensa forse] nascondere un ordigno esplosivo o [per] controllare se ci sono zone morte lì o per tagliare la recinzione in modo che qualcuno possa infiltrarsi nel territorio dello Stato di Israele per ucciderci …

Nesiel [l’intervistatore] : Allora, la sua punizione [per essere sospettato] è la morte?
Fogel: la sua punizione è la morte. Per quanto mi riguarda, sì, se puoi sparargli solo per fermarlo, alla gamba o al braccio – fantastico. Ma se è più di così, sì, vuoi controllare con me il cui sangue è più spesso, il nostro o il loro. È chiaro che se una persona del genere riuscirà ad attraversare la recinzione o nascondere un ordigno esplosivo lì …
Nesiel: Ma ci è stato insegnato che il fuoco vivo è usato solo quando i soldati affrontano un pericolo immediato. … Non fa molto bene per noi, quelle immagini che sono distribuite in tutto il mondo.
Fogel: Senti, Ron, siamo persino terribili [sopprimendo quelle foto] . Non c’è niente da fare, David ha sempre un aspetto migliore contro Golia. E in questo caso, noi siamo i Golia. Non il David. Questo è del tutto chiaro per me. … Ci trascinerà in una guerra. Non voglio essere sul lato che viene trascinato. Voglio essere dalla parte che inizia le cose. Non voglio aspettare il momento in cui trova un punto debole e mi attacca lì. Se domani mattina entrerà in una base militare o in un kibbutz e ucciderà persone lì e prenderà prigionieri di guerra o ostaggi, chiamatelo come volete, siamo in una sceneggiatura completamente nuova. Voglio che i leader di Hamas si sveglino domani mattina e per l’ultima volta nella loro vita vedono i volti sorridenti dell’IDF [esercito israeliano]. Questo è quello che voglio che accada. Ma siamo trascinati. Quindi stiamo mettendo i cecchini perché vogliamo preservare i valori di cui siamo stati educati [che i soldati di Israele sono giurati, giudici e persino boia, quando sospettano un abitante di Gaza – Gaza è la zona di fuoco libero di Israele] .
L’intervistatore non ha contestato nulla di tutto ciò, sebbene non gli piacessero, “quelle immagini sono distribuite in tutto il mondo”. Israele vuole che tutte le nazioni blocchino la verità.
Murray chiuse l’intervista aggiungendo un suo breve commento: “Non c’è spazio per dubitare della natura malvagia dello stato espansionista caratterizzato dall’apartheid che Israele adesso è diventato. Né la vacuità morale dei suoi apologeti nei media occidentali. “Poiché questa era, naturalmente, una dichiarazione schiacciante sui media” di informazione “mainstream in Occidente, questi media” di notizie “mainstream, tra cui Facebook, potrebbero non gradire questo – ed evidentemente lo fanno.



Palestinesi colpiti a Gaza

Il 25 aprile Murray ha scritto: sono stato “Bloccato da Facebook per la vulnerabilità dei nuovi media” , ed ha riportato:
I numeri di visitatori di questo sito sono attualmente circa un terzo dei livelli normali, bloccati a circa 20.000 visitatori unici al giorno. La causa non è difficile da trovare. Normalmente oltre la metà dei nostri visitatori arriva via Facebook. Questi ultimi giorni, praticamente nessuno è venuto da Facebook:
Ciò che è particolarmente pernicioso è che Facebook impone deliberatamente questa censura in maniera segreta. Il meccanismo principale quando un blocco viene imposto da Facebook è che i miei post su Facebook non vengono semplicemente inviati nelle bacheche della maggior parte delle persone che sono amici o che seguono. Sono rimasto a credere che il post è stato condiviso con loro, ma in realtà è stato mostrato solo a un numero molto piccolo. Quindi, se sei uno dei pochi destinatari e vedi il post e lo condividi, verrà mostrato nella tua cronologia come condiviso, ma in realtà la stragrande maggioranza dei tuoi amici non lo riceverà. Facebook non sta facendo quello che sta dicendo di fare- ti mostra che è condiviso – mentre Facebook sta deliberatamente nascondendo questo post fatto da te.
Twitter ha un sistema simile a “shadow ban”. Di nuovo è riservato e la vittima non è informata. Al momento non mi sembra di essere bandito dall’ombra, ma c’è stata una brusca caduta – di un fattore dieci – nelle impressioni che i miei tweet stanno generando.
Sono tra coloro che sostengono che la forza dello stato e dei media mainstream è stata sempre più fortunatamente indebolita dalla nostra capacità di comunicare attraverso i social media. Ma i social media si sono sviluppati in modo tale che i canali di comunicazione sono dominati dalle corporation – Facebook, Twitter e Google – che in effetti possono disattivare il traffico verso un sito di citizen journalism in un secondo. Il sito non viene rimosso e la persona determinata può comunque navigare direttamente verso di esso, ma la maggior parte del traffico viene interrotta. Inoltre, questo viene fatto segretamente, senza che tu sia informato e in una maniera deliberatamente difficile da individuare. La capacità di bloccare semplicemente le vie attraverso cui le persone arrivano a vedere opinioni dissenzienti è terrificante.
Inoltre, né Facebook né Twitter ti contattano quando bloccano il traffico sul tuo sito per dirti che sta succedendo, per non parlare del perché, e tanto meno ti danno la possibilità di contrastare qualsiasi argomento essi facciano. Non so se sono bloccato da Facebook come un presunto troll russo, o per qualsiasi altro motivo. So che sembra che sia successo poco dopo aver pubblicato la trascrizione del generale israeliano che discute le procedure per sparare ai bambini.
Questa soppressione di notizie nascosta, mai spiegata, ma chiaramente sistematica, esemplifica l’operazione diffusa e coordinata dai principali media, contro qualsiasi sito indipendente che documenta cose che l’establishment, l’aristocrazia, lo “stato profondo”, o comunque quelli che tu chiami i proprietari controllanti delle società che pubblicizzano e possiedono i media, assumono i loro giornalisti e redattori per far impedire tramite loro di raggiungere il pubblico.



Manipolazione dei media

Si tratta di un’operazione multiforme ma coordinata, di censurare le verità chiave, che sono quelle verità che nessuna dei proprietari controllanti vogliono che il pubblico sappia (come Craig Murray ha fatto una volta ora e, a quanto pare, troppo spesso per Facebook per continuare a consentirlo). È il modo in cui sono abilitati a usare il governo nella forma che serva loro, e non al pubblico in generale. Questo è, allo stesso modo, la fonte dell’oscena disuguaglianza di ricchezza che ne deriva, la vasta disuguaglianza economica di cui tutti beneficiano a spese del pubblico. Il denaro è potere e loro ce l’hanno. E lo usano, contro gli impotenti. Anche se i proprietari controllanti competono tra di loro per vendere al pubblico, tutti sopprimono queste verità chiave per non farle arrivare al pubblico; perché, se così non fosse, allora i politici “sbagliati” verrebbero eletti in uffici pubblici. Mentre alcuni dei politici “giusti” sono repubblicani, e alcuni sono democratici, tutti loro a servire la stessa oligarchia di potere, solo lati diversi di quella stessa medaglia. Perché altrimenti non avrebbero nemmeno la possibilità di essere eletti.
Ecco un altro esempio di come funziona: La CIA è una branca del governo federale degli Stati Uniti che praticamente serve solo l’oligarchia di potere americana, motivo per cui mente – travisando consapevolmente – in quasi tutto ciò che dice pubblicamente sulle relazioni internazionali, come nel 2002 , quando affermava che Saddam Hussein aveva ancora e stava ancora costruendo armi di distruzione di massa. Il governo degli Stati Uniti, di cui fa parte la CIA, ha usato quella “informazione” per “giustificare” l’invasione e l’occupazione di una nazione (Iraq) che non aveva mai invaso né minacciato di invadere gli Stati Uniti. È un’aggressione. Stanno facendo lo stesso in Siria, Libia, Ucraina , Yemen, ecc. Sono le verità chiave che vengono tenute nascoste al pubblico. Le verità chiave sono quelle che espongono e confutano le bugie che l’establishment diffonde al pubblico.
Wikipedia è un esempio di questo. Wikipedia è pubblicato dalla CIA, non solo nel senso che chiunque (incluso te) può modificare ciò che è su Wikipedia, ma anche nel senso che Wikipedia stesso blocca modifiche o modifiche che introducono fatti e prove che smentiscono alcune delle accuse che sono state fatte su articoli di Wikipedia, e che Wikipedia non dice a una tale persona perché una revisione o aggiunta all’articolo è stata respinta e non sarà considerata da Wikipedia: le persone segrete che controllano gli articoli e il processo segreto con cui lo fanno , sono riservati, divulgati a nessun estraneo, ma conosciuti dalle persone che controllano Wikipedia. I perpetratori sanno quali sono le verità chiave, ma il pubblico no, perché i media nascondono le verità chiave.
Inoltre, i principali mezzi di informazione che riportano cose che non lo sono, non si limitano a seppellire le loro “correzioni” post-fattuali in modo che forse solo l’1% delle persone che sono state ingannate da un articolo capiscano che è stato un falso, ma ora anche stanno semplicemente rifiutando di rilasciare alcuna “correzione” – stanno completamente ignorando il diritto del lettore di non essere ingannato da quel principale mezzo di informazione . (La maggior parte di questi mezzi di informazione hanno anche terminato o limitato severamente la loro sezione di commenti dei lettori, perché altrimenti un commento del lettore potrebbe sfuggire e confutare l’articolo di “notizie” dato, e l’obiettivo dei media controllati dall’oligarchia è di bloccare quelle verità per non raggiungere il loro pubblico.)
Il Washington Post , che ha reso famosa l’accusa secondo cui i media non mainstream sono false notizie, è a sua volta un leader di false notizie , e lo è stato nel 2002 e all’inizio del 2003, stenograficamente riferendo ai suoi lettori le falsità dell’amministrazione di George W. Bush sulle “armi di distruzione di massa di Saddam” e sulla legittimità per l’America di invadere un paese (Iraq) che non aveva mai invaso né minacciato di invadere gli Stati Uniti.
Tutti i principali media, e quasi tutti i media “alternativi”, sono posseduti o comunque controllati dall’oligarchia di potere dominante e censurano fatti cruciali che confutano le accuse secondo cui il governo ( l’aristocrazia dominante ) vuole che il pubblico non lo sappia . Soprattutto, escludono articoli come quello attuale, che (come tutti gli articoli che faccio) viene presentato a tutti per la pubblicazione gratuita. Quindi: ovunque questo articolo non sia pubblicato, sai che le “notizie” false vengono pubblicate. Per esempio, è così che l’America ora sta invadendo e occupando molti paesi – tutto sulla base della menzogna, perché nessuna di queste nazioni ha invaso gli Stati Uniti, mai, e nessuno sta invadendo gli Stati Uniti ora; Le invasioni americane, negli ultimi decenni, come sempre tutte sono state palesi violazioni del diritto internazionale. Se il popolo americano lo sapesse, allora voteremmo per i politici che lo tollerano e chi li voterebbe? Questo spiega la manipolazione dei mezzi di informazione.



Programmazione dei media per la manipolazione

E questo spiega come l’America sia in guerra-permanente per essere costantemente la “paladina del mondo intero” . Certo, se la legge internazionale fosse applicata in modo equo, allora ogni presidente degli Stati Uniti negli ultimi decenni sarebbe dovuto morire in prigione. Quindi, ovviamente, solo i pochi (e nessuno di loro è qualcosa di simile ad essere “mainstream”), l’editore onesto pubblicherà questo articolo. Puoi cercare sul Web questo articolo per scoprire quali sono quelli che lo pubblicano. Tutti gli altri non vogliono che tu sappia le verità che questo articolo riporta e (tramite i suoi link) documenta.
Questo articolo riguarda una cospirazione? Non esistono grandi corporations che non realizzino cospirazioni, perché farlo è essenziale per il loro successo. La stessa affermazione che le cospirazioni non esistono tra le persone più potenti e persino all’interno e tra le organizzazioni più potenti, è ridicola, ma l’oligarchia dappertutto fa il lavaggio del cervello al pubblico ovunque, per pensare che solo le “loro”, gli altri progettano cospirazioni, il “noi” ‘no. Lo fanno tutti; è il modo in cui il mondo funziona davvero, e questo è il motivo per cui l’aristocrazia nasconde questo – il fatto più basilare del mondo. Lo fanno per impedire al pubblico di capire come le cose accadono realmente. E impediscono al pubblico di comprendere che nessuna semplice massa di persone cospira – “gli ebrei”, i massoni, ecc. – ma che solo le poche persone dell’elite lo possono fare , e lo fanno, e che in realtà devono, per poter avere successo e potere. Si chiama, ed è, in effetti, potere “strategico”. Questo è ciò che fa attuare una cospirazione ovunque: sviluppa ed esegue una strategia. Per mantenere il pubblico istupidito e fuorviato, i propagandisti assoldati sostengono l’esatto opposto.
Quindi: basta la ricerca sul Web per questo articolo, e vedrai ancora più prove del fatto che ciò che dice è vero – che è occultato, non pubblicato, da tutte le fonti di notizie “rispettabili”. Come la maggior parte degli articoli che scrivo, viene inviato a tutti loro come un atto di coraggio – e nessuno di loro accetta il coraggio e pubblica qualcosa da me. Questo è uno dei motivi per cui so che quello che scrivo sul modo in cui funzionano i “notiziari” è vero, e che quello che dicono sul modo in cui lavorano, è falso. Lo sto continuamente testando e sperando che uno di loro mi dimostri che ho torto, solo una volta. Non è ancora successo.
Traduzione: Alejandro Sanchez


L’orgoglio di Israele per gli omicidi mirati

DI GIDEON LEVY
haaretz.com
Circa due mesi fa una notizia ha sconvolto il mondo. Sergej Skripal, ex spia russa che faceva il doppio gioco a beneficio del Regno Unito, è stato avvelenato insieme alla figlia Yulia in un parco di Salisbury. Le autorità britanniche hanno subito puntato il dito contro la Russia ed espulso decine di diplomatici russi come forma di ritorsione per il tentato omicidio. A far infuriare Londra è stato il tentato omicidio (si sa che l’occidente è molto sensibile al valore della vita umana), ma soprattutto l’idea che la Russia avesse osato agire su suolo britannico.
Poche settimane dopo si è verificato un altro omicidio, questa volta riuscito. In una strada di Kuala Lumpur, in Malesia, dodici proiettili hanno colpito il dottor Fadi al Batsh, ingegnere elettronico del campo profughi di Jabaliya, a Gaza. I due sicari erano in sella a una moto. Prima è stato detto che si trattava di una Bmw. Poi è arrivata la correzione, era una Kawasaki. Al Batsh aveva tenuto una lezione all’università e, secondo le fonti, si occupava dello sviluppo di armi per conto di Hamas.
Tutti gli occhi si sono rivolti subito verso Israele. Eppure nessuno stato ha pensato di espellere un singolo diplomatico israeliano dal suo territorio e nessuno ha criticato Tel Aviv. Per il mondo non è successo nulla. Al Batsh non stato assassinato. La sovranità della Malesia non è stata violata. In fondo perché dovremmo paragonare una spia russa a un ingegnere palestinese, o la sovranità britannica a quella della Malesia?
Una falsa ambiguità
Il sistema dei due pesi e due misure è apparso ancora una volta in tutta la sua evidenza: quello che va bene per Israele è assolutamente vietato per gli altri, perfino per la Russia. I russi sono famosi per i loro omicidi con il veleno. Israele invece è l’unica democrazia del mondo, quindi può anche usare il veleno (come nel tentato omicidio del leader di Hamas Khaled Meshal nel 1997).
Israele ha mantenuto una falsa ambiguità sulla vicenda, ma le strizzate d’occhio, gli accenni, le allusioni, i sorrisi e le spacconate non lasciano alcun dubbio: i bravi ragazzi del Mossad hanno colpito ancora. Il ministro Yoav Galant ha dichiarato: “Daremo la caccia a tutti, li seguiremo all’altro capo del mondo”.
Gli assassini camminano tra noi. Alcuni hanno fatto carriera
Israele ha apprezzato questo atto di coraggio, come apprezza sempre l’omicidio degli arabi, soprattutto quando non avviene alla luce del sole, dall’assassinio mirato di Abu Jihad, ucciso a Tunisi nel 1988 davanti alla moglie e ai figli, passando per Sheikh Ahmed Yassin (ucciso a Gaza nel 2004) e Yahya Ayyash (ucciso a Gaza nel 1996) fino a tutti gli omicidi all’estero: un ingegnere palestinese specializzato nei droni a Tunisi, uno scienziato nucleare a Teheran, un alto ufficiale di Hezbollah a Beirut, Samir Kuntar a Damasco e Mahmoud al Mabhuh a Dubai. La Bulgaria è famosa per gli assassini che usano punte di ombrelli avvelenate, ma gli agenti segreti vestiti da tennisti a Dubai sono eroi.
Tutti questi atti sono omicidi e gli autori sono assassini su commissione. Qualcuno potrebbe sostenere che gli omicidi fossero giustificati, che abbiano permesso di salvare vite umane o che le vittime meritassero di morire. Ma ciò non toglie che si tratti di omicidi. Gli assassini camminano tra noi. Alcuni hanno fatto carriera.
Nessun dibattito pubblico
Magari alcuni omicidi rappresentano la realizzazione di fantasie malate. Alcuni erano superflui, perché ogni vittima lascia il posto a un sostituto, solitamente più estremista di chi l’ha preceduto. Tutti gli altri sono semplicemente stupidi. Uccidere Khalil al Wazir, conosciuto anche come Abu Jihad – un gesto considerato il massimo dell’audacia (nel suo letto a Tunisi) e che ha comportato l’omicidio di uno degli importanti leader palestinesi che avrebbero potuto diventare partner di un negoziato – è stata un’idiozia. Moshe Yaalon continua a vantarsene ancora oggi. Israele è orgoglioso di lui. È il genere di omicidio (punizione, deterrenza, prevenzione o vendetta) che di solito viene eseguito dalle famiglie mafiose.
Al Batsh probabilmente si occupava dello sviluppo di armi, ma difficilmente possiamo sostenere che meritasse di morire per questo. Nessuno dei fanatici nei mezzi d’informazione e nell’opinione pubblica ha la minima idea di quale fosse il suo lavoro e se meritasse la morte. Non c’è e non ci sarà traccia di un dibattito pubblico sulla vicenda. Possiamo fidarci ciecamente del Mossad.
Migliaia di ingegneri israeliani stanno sviluppando armi molto più pericolose e devastanti degli aquiloni di Hamas. Anche loro meritano di morire? I palestinesi avrebbero ragione a volerli uccidere? Uno stato che invia squadroni della morte all’altro capo del mondo non è qualcosa di cui essere orgogliosi. Alla fine queste persone sono soltanto killer su commissione.
Gideon Levy
Link: https://www.internazionale.it/opinione/gideon-levy/2018/04/27/israele-omicidi-mirati
27.04.2018
(Traduzione di Andrea Sparacino)
Questo articolo è stato pubblicato sul quotidiano israeliano Haaretz
Nella foto: Il funerale di Fadi al Batsh nel campo profughi di Jabaliya, nella Striscia di Gaza, il 26 aprile 2018. (Ali Jadallah, Anadolu Agency/Getty Images)
https://comedonchisciotte.org/lorgoglio-di-israele-per-gli-omicidi-mirati/
E GLI USA CONFERMANO: “TUTTO VERO!”






Se voi farete fuori Saddam, vi garantisco che ci sarà un enorme riverbero positivo in tutta la regione”. Così Benjamin Netanyahu in un’audizione con i parlamentari degli Stati Uniti, 2002.


Nel 2012, all’ONU già fornì la prova che l’Iran era al 90% dal farsi la Bomba. Entro 3 anni, 5  al massimo.

  


Suscitando incredulità, allora.

Nel 2014, all’ONU, dimostrò  così  che Hamas usa i bambini come scudi umani:


A febbraio ha dimostrato che un alettone apparteneva a un drone iraiano.





















Teresa May ha mostrato al mondo le prove che è colpa di Putin:














(Perché sentono il bisogno di ammannirci queste scene ripetitive per giustificare un’altra guerrra? Alla lunga vengono a noia)