ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 22 giugno 2019

Vaticonu

LA FALSA CHIESA ORTODOSSA ANTI-RUSSA CREATA DALLA NATO IN UCRAINA CROLLA IN SOLI 6 MESI



Creare una spaccatura tra le fila della “Chiesa ortodossa dell’Ucraina” (OCU) ha cambiato radicalmente la situazione attorno a questa organizzazione non riconosciuta nel mondo ortodosso. La struttura costruita artificialmente da Fanar (Costantinopoli) e dalle strutture della NATO (per produrre uno scisma), non è durata nemmeno sei mesi.

Il metropolita di Boryspil e Brovarsky Anthony , il capo della Chiesa ortodossa ucraina, membro permanente del Santo Sinodo del deputato canonico UOC, hanno scritto su questo e altro nel loro ultimo pezzo su Vesti Ucraina.
I due alti primati della Chiesa ortodossa osservano che, in connessione con interessi politici, geopolitici e certi interessi mercantili in Occidente, l’OCU dovrebbe cadere a pezzi. Inoltre, il sostegno amministrativo al consolidamento di questo organismo, dopo le ultime elezioni, è sprofondato nel dimenticatoio.
L’esponente della gerarchia ortodossa riassume i principali risultati della separazione scismatica, iniziata dalla struttura sotto la supervisione del Patriarcato di Costantinopoli.
In primo luogo, dalle labbra dei suoi rappresentanti, c’è stato un riconoscimento pubblico che “l’OCU” non è una “chiesa” indipendente ma si trova sotto il controllo del Fanar – l’attuale sede della NATO e del Vaticano a Costantinopoli, senza un vero collegio elettorale come Istanbul ed è ora una città prevalentemente musulmana in un paese prevalentemente musulmano.
Inoltre, come si scopre, con il Tomos (il decreto), gli ucraini sono stati ingannati, perché non è stata concessa questa autocefalia.
In secondo luogo, la situazione ha dimostrato un gran numero di contraddizioni e vari campi di influenza. Ciò crea i presupposti per nuove divisioni e fratture, il che pone seri dubbi sulle prospettive per l’attività futura della suddetta struttura. A questo proposito, Anthony ricorda le parole “Metropolitan” Macario che non nega legalmente la UAOC (Chiesa Ortodossa Autocefala Ucraina) fino a quando Philaret e l’UOC-KP (il cosiddetto Patriarcato di Kiev) fanno da soli.
In terzo luogo, l ‘”OCU” a causa della deframmentazione, può vedere messi alla fine i suoi tentativi di riconoscimento a livello delle Chiese ortodosse locali . Queste ultime non si esporranno a soffiare sul fuoco, entrando in una relazione con un’organizzazione che non è solo creata attorno ai canoni, ma che provoca anche ulteriori divisioni.
In quarto luogo, lo scandalo che si è verificato ha inferto un duro colpo all’autorità del patriarca Bartolomeo , le cui azioni in Ucraina non hanno portato al ripristino dell’unità dell’Ortodossia ucraina, ma a un drastico peggioramento della sua separazione.
In quinto luogo, la situazione attuale ha ulteriormente concretizzato le questioni relative alla Conferenza pan-ortodossa, in cui le Chiese locali devono trovare una soluzione per eliminare le conseguenze negative dell’interferenza di Fanar negli affari della Chiesa ucraina.
Il metropolita Anthony ritiene che questo problema sia ora di fondamentale importanza. Dopotutto, il ritardo nel processo in questione è pagato con nuove e nuove persecuzioni contro i credenti della Chiesa canonica, colpi politici mirati alla sua distruzione, così come una progressiva erosione dei fondamenti dell’unità pan-ortodossa.
La scissione finale avviene nel campo degli scismatici ucraini stessi. Filaret rianimò il Patriarcato di Kyiv e “annullò” l’OCU, e in risposta, chiamarono questa decisione senza valore in termini legali e canonici.

Nota: Il tentativo occidentale di creare una scissione per allontanare la Chiesa Ucraina da quella russa e dall’influenza del Patriarcato di Mosca mostra il suo fallimento.

di Joaquin Flores

Fonte: FRN
Traduzione: Sergei Leonov

Nessun commento:

Posta un commento