ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 30 novembre 2019

Speranza de che?

I 50 anni della nuova Messa, speranza che si è fatta crisi

«Dalla speranza alla Pachamama: interroghiamoci». Il 30 novembre di 50 anni fa entrava in vigore la nuova Messa di Paolo VI. Il bilancio in chiaroscuro di don Nicola Bux: «Paolo VI voleva avvicinare l'uomo a Dio, ma vide con dolore che la Riforma tradiva il Concilio. Il fumo di Satana era per le deformazioni della Messa mentre fautori come Bouyer e i gesuiti ammisero che era ormai "malleabile" come il caucciù. La svolta con Ratzinger: capì che la crisi della Chiesa era prima una crisi liturgica». Che fare? «Tornare al diritto di Dio di essere adorato. E seguire il Summorum Pontificum: la Messa antica contagerà le Messe di oggi». 





50 anni fa oggi entrava in vigore il nuovo messale promulgato da Papa San Paolo VI. Che fare? Festeggiare o interrogarsi su quale sia lo stato della liturgia oggi? Lo abbiamo chiesto a don Nicola Bux, liturgista e teologo, che alle distorsioni della nuova messa ha dedicato molte pubblicazioni tra cui il fortunatissimo Come andare a messa e non perdere la fede (Piemme).

Don Nicola, lei nel 1969 aveva su per giù 20 anni…
Esatto. Ho vissuto quella riforma, quando fu promossa. A noi giovani di allora sembrava una cosa buona e diciamo che l’ho ritenuta tale per molti anni collaborando sia a livello diocesano che nazionale con quelli che erano i maestri principali della sua applicazione, come l’abate benedettino Mariano Magrassi, che poi divenne arcivescovo di Bari.

Che cosa le sembrava buono?
L’idea che allora andava per la maggiore: non doveva essere una rivoluzione bensì di una rimessa in forma – se ci sia permesso - del culto divino in maniera da rendere più evidente questa esigenza del rapporto dell’uomo con Dio. Questo era nella mens del pontefice al di là delle intenzioni maliziose di vari novatori: rendere ancor più stretto il rapporto tra Dio e l’uomo.


Eppure, i risultati ci dicono di una grande disaffezione alla Messa.
Quello che oggi si vede non era minimamente immaginabile. Del resto, quando si cita Paolo VI con le sue dichiarazioni allarmate circa le deformazioni della liturgia ci si riferisce a qualcosa che nessuno, a cominciare dallo stesso pontefice, poteva immaginarsi. Bisogna ammettere che all’epoca nessuno – o quasi – immaginasse uno snaturamento del genere della liturgia che oggi è passata dall’essere culto a Dio a culto dell’uomo.

Quando anche lei si accorto che qualcosa non funzionava?
Il giro di boa è avvenuto con la pubblicazione di Rapporto sulla fede di Ratzinger con Messori. Lì anche noi liturgisti ci accorgemmo che qualcosa non andava.

Era il 1984.
A 15 anni da quella riforma l’allora Prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede provò a fare un bilancio e il risultato non fu dei più incoraggianti.

Perché?
Perché dovette certificare che l’idea di crisi della Chiesa, che stava emergendo, fosse strettamente collegata alla crisi della liturgia. In effetti c’è uno rapporto strettissimo tra l’essere Chiesa e il manifestarlo attraverso la preghiera e il culto. Ratzinger comprese che era crollato qualcosa e più tardi, da Pontefice, disse che la crisi della Chiesa dipendeva in gran parte dal crollo della liturgia.


Che cosa intende per crollo della liturgia?
Lo scadimento della liturgia che diventa una autocelebrazione del popolo. Ricordo l’esempio che portava a sostegno di quella tesi: una danza a vuoto attorno al vitello che siamo noi stessi. Una deformazione clamorosa del culto.

Questa è la diagnosi. Ma di chi è stata la responsabilità?
Non sarebbe giusto attribuire questa intenzione né a Paolo VI né ai primi fautori della riforma sebbene siano state ampiamente dette e fatte critiche ai cosiddetti consiglieri della riforma come i membri del famoso consilium. Devo riconoscere che il giudizio più lapidario lo diede Louis Bouyer, che da luterano si fece cattolico e partecipò ai lavori. Nel suo celebre volume sull’Eucarestia diede un giudizio molto duro: dice che se prima della riforma la liturgia era un cadavere imbalsamato, dopo la riforma divenne un cadavere decomposto.

Lo condivide?
Eccessiva, ma è sicuramente vero che le direttive del Concilio non avrebbero mai permesso gli abusi e le deformazioni che poi sono diventate comuni. La situazione è sfuggita di mano perché se confrontiamo la Costituzione Liturgica Sacrosantum Concilium con quanto accade oggi mediamente nelle nostre chiese, è evidente che c’è una distanza in tanti punti e questa è stata tradita.

Il latino, il gregoriano…
Esatto.

E l’orientamento del celebrante, non più ad Deum, ma versus populum…
Di questo non ne parla proprio. Il punto critico è che c’è un’infinità di discrasie tra quella che è la Costituzione liturgica e l’applicazione attraverso cui passa il Messale nuovo.

Eppure, Paolo VI era consapevole degli attacchi che si stavano portando alla liturgia da certi ambienti molto vicini ai protestanti…
E' inevitabile che ci siano delle responsabilità, ma bisogna sempre salvare la buona fede del pontefice. Credo che molto dipenda dal lavorìo svolto da Bugnini, che è il padre della Riforma. Però è vero che quella Messa poi si rivelò lontana dalla sensibilità del Papa tanto che ebbe a lamentarsi quando scoprì ad esempio che l'Ottava del Corpus Domini era stata abolita così come il dies irae nelle Messe da requiem. 

Paolo VI cercò di correre ai ripari contro le storture che vedeva?
Io ricordo che parlai con monsignor Virgilio Noè, che fu cerimoniere del Papa e poi prefetto del Culto divino e Cardinale. Mi disse – e poi lo mise per iscritto nel suo memoriale pubblicato recentemente – che le famose parole di Paolo VI sul fumo di Satana, pronunciate nel 1972 erano da attribuire alle deformazioni della liturgia.


Come spiegare tutto questo?
Non è che tutto si debba imputare alla riforma liturgica, ma come Ratzinger ha detto la crisi della desacralizzazione ha snaturato la liturgia e quindi tutto il resto. Nel 40ennale della Sacrosantum Concilium, la Civiltà Cattolica, che è la rivista dei Gesuiti scrisse che quella vecchia era una Messa di ferro, quella nuova una Messa di caucciù...

Per via della facilità di "manomissione"?
E' evidente...

Diciamo la verità: non è che il Messale attuale si presta per caso a svariati snaturamenti…?
Mah… vede … il problema è che oggi siamo già oltre il Messale, che non è più ritenuto nemmeno vincolante né normativo perché è entrato in crisi il concetto di diritto di Dio nella liturgia: cioè, Dio non ha nessun diritto di dire in qual modo deve essere adorato, ma se oggi siamo arrivati in maniera inconsapevole a portare in chiesa una piroga con la sagoma di divinità come la Pachamama senza che nessuno si meravigli più di tanto, questo vuol dire che è venuta meno l’idea stessa del culto da dare a Dio.

E la liturgia svanisce?
Per forza! Perché dovrei rispettare le norme se devo adattare tutto alle esigenze della gente? E’ chiaro che qui non possiamo non attribuire una responsabilità enorme alla svolta antropologica di Karl Rahner che ha influito sul popolo cattolico. Rahner diceva che con la venuta di Cristo il profano è scomparso e non esiste più la distinzione tra sacro e profano. Ma questo è falso.

Perché?
Perché se fosse così non vedremmo le sopraffazioni e le violenze a cui invece assistiamo.


C’è un rimedio?
Avere il coraggio di tornare al sacro. Riavvicinare Dio all’uomo, celebrare Messa come se Dio fosse presente.

Non accade?
Le sembra che oggi con tutte le disfunzioni cui assistiamo, dalla trattoria in chiesa al Credo inventato, lo si faccia?

Sta dicendo che servirebbe una riforma della riforma?
Sì. Papa Benedetto XVI aveva ragione.

Come si inserisce in questo anniversario il Summorum Pontificum che sdogana definitivamente la messa tridentina?
Si inserisce come rimedio. E’ stato un dono di Benedetto XVI, ma non è un rimedio a tavolino, è un rimedio che lui ha preso andando in giro per il mondo e vedendo che nonostante tutte le deformazioni insopportabili – come disse lui - la concezione corretta del culto divino aveva resistito: nei monasteri e nelle comunità e soprattutto tra i giovani che hanno capito che il cosiddetto “rito” tridentino o “rito” gregoriano dava frutti. Non era una velleità di qualche nostalgico perché i giovani per definizione non sono nostalgici.

Però il Summorum pontificum, che codifica la Messa antica come forma extraordinaria dell’unico rito romano, non tocca la Messa nuova…
E invece nella mens profetica di Benedetto XVI la tocca, perché la forma straordinaria non può non contagiare positivamente quella ordinaria. Nel senso del recupero di una devozione o di una ars celebrandi che sia veramente rispettosa del sacro. E comunque nella consapevolezza che la devozione si deve esprimere come atteggiamento di adorazione costante a Dio. Questo è il miglior modo per contagiare positivamente la nuova Messa perché non diventi una vuota danza attorno a un idolo.

img
Andrea Zambrano

https://lanuovabq.it/it/i-50-anni-della-nuova-messa-speranza-che-si-e-fatta-crisi

-IL CAMBIO DI PARADIGMA CHE TRADI' IL CONCILIO di Aurelio Porfiri


Un complotto per scristianizzare la Chiesa Parola (romanzesca) di vaticanista

«L'ultima battaglia» racconta di un cattolicesimo senza dogmi, santi, liturgie


È singolare come l'attuale pontificato abbia spaccato il fronte del vaticanisti italiani. Una cosa del genere non si era mai vista. Quelli di più antico corso, come Sandro Magister, Marco Tosatti, Aldo Maria Valli, sono tra quanti mugugnano e non nascondono la loro scarsa simpatia per il nuovo corso bergogliano. Qualche maligno potrebbe dire che tanto, loro, sugli aerei papali non ci vanno (Magister fu addirittura escluso per un periodo dalla sala stampa vaticana) e, essendo vicini alla pensione non hanno fulgide carriere (di quelle per chiamata diretta) da intraprendere.
Ai vaticanisti del dissenso non resta che esprimere la loro opinione dove e come possono, fermo restando che si tratta pur sempre di opinione qualificata di gente che ha frequentato i sacri palazzi per una vita. Qualcuno, come Aldo Maria Valli, già vaticanista del Tg1, ricorre addirittura a romanzi fantascientifici sulla scia de Il padrone del mondo di R. H. Benson. Il quale, datatissimo, al massimo poteva immaginare nel futuro, il suo (1907), macchine volanti. Perciò, certe cose vanno aggiornate. Così, il Valli ha scritto L'ultima battaglia (Fede&Cultura). Sì, il titolo non è originalissimo, è lo stesso, infatti, del capitolo finale delle Cronache di Narnia di C.S. Lewis, ma si può dire che praticamente non esiste saga d'avventure che non preveda un'«ultima battaglia». Ora, per chi non lo sapesse, Il padrone del mondo parla dell'Anticristo, e di come questo sovvertirà il cristianesimo tramite il buonismo e il politicamente corretto. Proprio papa Francesco, quasi all'inizio del suo pontificato, ne consigliò la lettura, segno che almeno lui l'aveva letto. Bene, visto che pure il papa si aspetta un Anticristo buonista e politicamente corretto, la domanda è: da dove verrà fuori? Valli sposta la questione e, se nel suo romanzo distopico si occupa di «tempi ultimi», tralascia completamente il problema dell'Anticristo. Valli immagina un futuro in cui la Chiesa ha completato la sua trasformazione in qualcos'altro. Il cattolicesimo ha perso ogni pretesa di verità assoluta e si è allineato alle altre fedi in condizioni di totale parità. Si è imposta la smart theology, una roba senza dogmi (che sono, anzi, vietati) e una liturgia diventata «buon convivio», senza Santi e senza Madonne per non turbare i fratelli separati. In nome dell'ecumenismo, della tolleranza e della fratellanza universale sono sparite le croci, le benedizioni e le preghiere. La Basilica di San Pietro è stata rinominata Tempio Numero Uno e la piazza omonima Piazza del Dialogo. I «papi emeriti» sono, al momento della vicenda, tre o quattro e alloggiano in apposito Albergo romano. I preti possono sposarsi. Anche tra loro.
Il protagonista del romanzo, infatti, è un sacerdote svedese che si è sposato con un collega americano. I due hanno un figlio, si suppone da maternità surrogata, che però viene ucciso. Da qui l'inizio del disincanto. Infatti, c'è un complotto in atto. Orditore della trama è il Primo Guardiano, quello che un tempo si chiamava camerlengo. Un monsignore, un giornalista e il comandante della guardia svizzera si alleano per sventare la congiura, che è una vera e propria trahison des clercs ai danni della fede. Così dice il protagonista: «Un tempo pensavo che la situazione fosse semplicemente sfuggita di mano, che si fosse andati un po' troppo in là con l'umanitarismo e che fosse possibile correggere la rotta, ma lentamente ho dovuto prendere coscienza di un'altra realtà: esiste un progetto. Alcune forze, alcune potenze, si sono impossessate della Chiesa per snaturarla e piegarla ai loro voleri. Molte persone buone collaborano al progetto, perché non si rendono conto di ciò che comporta e perché ritengono che sia loro dovere fidarsi in ogni caso dei pastori. Ma i fili sono tirati da chi buono non è».
Rino Cammilleri 
http://www.ilgiornale.it/news/spettacoli/complotto-scristianizzare-chiesa-parola-romanzesca-1791703.html

Fedeli di sempre - Danilo Quinto - 29.11.'19

Intervista di Lydia Tamburrino a Paola Travaglini, 85 anni, tre figli, nove nipoti una persona semplice, “comune”, attaccata strenuamente al Magistero bimillenario della Chiesa, nel solco dei più grandi teologi e sacerdoti che ha conosciuto nella sua vita, a cominciare da Padre Enrico Zoffoli, con il quale ha collaborato.


Quali sono i suoi fondamentali nella religione cattolica?

Prima di tutto la mia appartenenza al Cristianesimo è un’appartenenza all’unica Rivelazione nella storia, dove il Signore Gesù, Figlio Unigenito di Dio, si fa carne e con la Sua morte in Croce mi redime.

Da che cosa la redime?

Dal peccato, che è un’offesa a Dio.

Oggi, perchè è amareggiata?

Sono amareggiata perchè vedo come trattano sia i sacerdoti che i laici la Santissima Eucaristia. Dal 1983 ho incominciato a difendere le Sacre Specie, perchè fui testimone oculare di atti di profanazione in San Giovanni in Laterano e per questo feci una denuncia (n.d.r.: vedi “Il segno del soprannaturale”, n. 177, marzo 2003), ma tutto cadde nel silenzio, perchè non ebbi una risposta. Qui iniziò la mia battaglia per difendere Gesù e così potei incontrare sacerdoti e vescovi santi.
Collaborai con tanti di essi, con i vescovo Pestana e Bommarito, con Gherardini, con Landucci, oltre che con Padre Zoffoli e il cardinale Ivan Diaz. Incontrai perfino due volte, una delle quali fortuita, l’allora cardinale Ratzinger. Erano in tanti ad opporsi al decreto del cardinale Poletti, che chiedeva di prendere la Comunione in mano. La Chiesa di sempre difendeva le Sacre Specie. Sono stata testimone oculare di liturgie con balli e profanazioni. Le ho fotografate e denunciate… Non mi sono mai arresa. Oggi, invece, vedo che il male è dichiarato bene e viceversa.

Da dove parte secondo lei tutto questo?

Per mia esperienza, sono certa che tutto è partito dalla deriva della liturgia neocatecumenale. S’intende, sono brave persone i catecumeni, ma con tanti errori dottrinali mai corretti dalla Chiesa.

Ci faccia un esempio.

Guardi, il più sconcertante è l’oggetto della mia pubblica denuncia. Padre Mirco, del Cammino Neocatecumenale, in San Giovanni in Laterano, in presenza di altri testimoni, ebbe a dire che loro non credono nella Transustanziazione, ma nella transignificazione (ricordo della Cena). Le pare poca cosa!?!
Io non mi capacito come di fronte a tale gravità dei fatti, i papi non solo hanno taciuto, ma anche approvato. Tant’è che oggi mi ritrovo sul foglietto della Domenica primo ottobre 2017 che la Chiesa ringrazia Lutero del grande dono spirituale e teologico che ci ha fatto. Ma come si fa, mi domando in un colloquio interiore, a screditare così il sacrificio dei martiri che sono morti per la fede? Penso, per esempio, a Tommaso Moro.

Forse la Chiesa si è modernizzata!?!

Ma cosa dice, la Chiesa è irreformabile e immutabile, perchè custodisce la Verità. La Verità non può essere messa ai voti con la collegialità (la Cei). La Verità è Una e non cambia.

Quando va a Messa oggi, perchè dice di soffrire?

Perchè parecchi sacerdoti non spiegano la parola di Dio in base al Magistero, ma fanno dire alla Sacra Scrittura le cose più fantasiose. Faccio dire tante Messe, proprio per i Sacerdoti, perchè il sacerdote può assolvermi dal peccato e celebrare la Messa. Solo a lui, neanche alla Vergine Santissima è stato dato questo potere. Purtroppo, oggi si preferisce dire Messa concelebrata, andando contro il diritto canonico (C904). Anche se ci fossero sull’altare otto sacerdoti che concelebrano, la Messa è una, uno il Sacrificio, uno la Vittima, uno Gesù. Così facendo si sottrae tanta grazia a Dio, perchè tante Messe vengono meno. Il sacrificio non si moltiplica in base ai celebranti. Ecco perchè lo stesso Polo VI sollecita ed evidenzia il valore immenso della Messa, anche se celebrata da un solo sacerdote senza assemblea (MF15). Io le sottolineo che a noi è stato sempre insegnato che sull’altare, in quel momento, c’è tutta la Chiesa: militante, purgante e trionfante.

Nella sua denuncia si parla anche di confessioni pubbliche…

Sì, è vero. I neocatecumenali hanno diversi ingressi piramidali e ogni gradino d’ingresso non conosce l’altro e praticano la confessione pubblica che Santa Romana Chiesa non ha mai consentito. Conservo ancora una copia del libro “Verità del Cammino Neocatecumenale”. Questo è una raccolta di tutte le testimonianze delle persone sulle eresie del Cammino Neocatecunenale. Per farle capire quanto sia stato grave tacere su tutto ciò, le faccio un esempio. L’altro giorno, nel confessionale a San Giovanni, sono stata corretta nell’Atto di Dolore dal sacerdote. Questa cosa è pubblica, diffusa nei confessionali. Invece di dire “Ho meritato i Tuoi castighi”, avrei dovuto dire: “Mi sono allontanata dal Tuo amore”. Il sacerdote ha aggiunto che Dio non castiga. Mi domando: ma se la giustizia di Dio ha messo in croce Suo Figlio per salvarmi, com’è possibile che un sacerdote erri fino a questo punto? Come pretendono questi teologi che vivono oggi la Storia, cambiare il bimillenario Magistero della Chiesa? Il Magistero è la fede e neanche il papa può modificarlo. Il Magistero è lo Spirito Santo che ci ha sempre confermati in duemila anni nel Corpo Mistico della Chiesa. Come ebbe a dire Padre Zoffoli, “anche se dovessi rimanere solo, continuerei a credere perche il Magistero mi basta”. Io ascolto più Messe possibili, certa del loro valore salvifico, sia in latino che in italiano. Il valore della Messa è infinito! Una Messa vale di gran lunga di più di tutto il sangue dei martiri messo insieme.

Signora Paola, secondo lei perchè oggi i giovani non vanno più in Chiesa?

I ragazzi di oggi sono soli e pur cercando delle risposte, trovano una Chiesa che corre dietro alle cose del mondo: pace, ecologia, fratellanza universale. Questo fa sì che li si vuoti dal di dentro della loro personalità. Sono lontani dal concetto per cui ognuno di noi è, per Nostro Signore, unico, irripetibile. Tutto ciò era così chiaro quando avevamo il Catechismo di San Pio X! Con le domandine e le risposte, quanti santi bambini ha formato quel Catechismo. Capivamo il senso salvifico del sacrificio quotidiano, a cui l’uomo è chiamato nel tempo della sua vita. Ecco perchè anche da bambini saremmo stati felici di soffrire e morire per Gesù. Il Catechismo di San Pio X oggi è proibito nella Chiesa. Le dico proibito perchè io sono stata catechista. Ho preparato sempre le mie nipotine alla Prima Comunione. E proprio quando Papa Ratzinger decise di ristamparlo, io preparai l’ultima delle mie nipoti alla Prima Comunione. Beh, mi fu proibito di poter far accedere la bambina al Sacramento, proprio perchè preparata sul catechismo di San Pio X. In tutta Roma non ci fu una Chiesa che ci accolse. Ormai, Lutero, che è sulla copertina del Catechismo CEI, sembra che abbia vinto attraverso lo strumento del Catechismo di Kiko Argüello. Nell’aula Paolo VI, il papa ha fatto esporre una sua statua. Che Dio ci perdoni e abbia misericordia di noi!

Se lei tornasse indietro, cosa cambierebbe nella sua lotta per Gesù, Verità e Vita?

Agli inzi degli anni ’80 ero titubante nell’aiutare padre Zoffoli e il cardinale Ivan Diaz. Li facevano passare per retrogradi e contro il Concilio. Solo oggi ho capito che al Concilio hanno fatto dire l’impossibile, cioè entrare in contraddizione con il Magistero. Desidero morire prima, da cattolica, con tutti i Sacramenti, perchè io non appartengo ad una Chiesa luterana e che Dio non voglia farmela vedere, con questi occhi, diventare pagana.
Danilo Quinto


https://gloria.tv/post/8eXHKHoe89dN1rutdEZTcYQdH

Nessun commento:

Posta un commento