ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

mercoledì 15 luglio 2015

La “svolta” LGBT di Radio Vaticana


 A lanciare l’allarme, sono stati lo scorso 8 luglio il giornalista inglese Edward Pentin del National Catholic Register ed il sito statunitenseCatholic Culture. Entrambi hanno notato, perplessi, l’eccessiva “disinvoltura” dimostrata dal sito in lingua tedesca di Radio Vaticana, nel pubblicare la foto di un bacio tra due donne a commento di un articolo su di un presunto “cambio di linea” da parte della Chiesa sul “matrimonio” tra persone dello stesso sesso, in “sintonia” con i nuovi orientamenti dell’opinione pubblica.
L’immagine è stata poi tolta, quindi rimessa on line ed, infine, di nuovo eliminata, dopo la pioggia di commenti negativi espressi da internauti sempre più sconcertati.
Il testo, invece, non è stato modificato, neppure il titolo, quanto mai “forzato”: «La morale sessuale della Chiesa è in movimento», dando peraltro voce, all’interno, a Martin Lintner, presidente della Società Europea per la Teologia Cattolica, dettosi convinto che la sessualità venga sempre più «percepita come una dimensione personale ed olistica», anziché tradizionale. Un articolo, insomma, che, con chiaro riferimento al prossimo Sinodo e ad un ipotetico “ripensamento” della Chiesa in materia, spinge di nuovo sull’acceleratore.
Questo, secondo l’agenzia Riposte catholique, non dovrebbe stupire, in quanto le varie edizioni internazionali di Radio Vaticana rifletterebbero le linee delle rispettive conferenze episcopali e si sa «come quella tedesca sia stata l’avanguardia di una vera e propria campagna per il cambiamento della dottrina della Chiesa in fatto di morale sessuale».
Non è un caso che, ancora una volta, a smascherare le manovre tedesche sia stato il giornalista inglese Edward Pentin, lo stesso che sbugiardò pubblicamente il Card. Kasper: Sua Eminenza, nell’ottobre scorso, negò d’aver mai rilasciato un’intervista molto “critica” verso i Vescovi africani, “rei” solo di aver difeso Scrittura, Magistero e Tradizione in fatto di morale sessuale della Chiesa. Ma Pentin pubblicò l’audio di quella conversazione con la voce del Cardinale.
Inutile dire come ampio spazio alla “novità” di Radio Vaticana sia stato assicurato anche dai siti Lgbt, delusi soltanto dal finale: speravano che quella foto rimanesse… 
(di Mauro Faverzani)

3 commenti:

  1. Cardinali apertamente bugiardi, oltre che filo sporcaccioni: ma è ancora Chiesa questa cosa qui? ma vi sentite, in cuor vostro, di darle ancora fiducia? Apostati, traditori di Cristo e, ancora, bugiardi sbugiardati: ce ne sarebbe d'avanzo per mandarli tutti a quel paese ! mi spiace solo che ci siano tanti pavidi, timorosi, tiepidi tra il clero che ancora conserva la ragione, la fede dei padri e l'amore per la Tradizione Cattolica. E' più facile che gridino le pietre, piuttosto che dalla loro bocca esca una decisa condanna del clero al potere nella Chiesa di Cristo dal 1958 !

    RispondiElimina
  2. Ha ragione Alessandro Gnocchi.
    Questa non é più la Religione Cattolica.
    É una nuova religione, infiltratasi nella Chiesa Cattolica come un tarlo.
    Con la sua morale, dottrina, gerarchia, liturgia, i suoi riti, i suoi canti. ecc..ecc...stanno cambiando tutto.
    Hanno usurpato piano piano le strutture della Chiesa Cattolica; ma di cattolico c'é solo la facciata e il nome.
    Solo ragionando così possiamo comprendere tutto quello che sta succedendo.

    RispondiElimina