ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 22 settembre 2016

Favorire il nuovo ordine mondiale..

Assisi 1986 - 2016: trent'anni dopo lo scandalo si rinnova

Comunicato della Corsia dei Servi, 22/09/2016
La Corsia dei Servi fa proprio il comunicato della Fraternità Sacerdotale San Pio X. Non ci dilunghiamo in commenti ma sottoscriviamo parola per parola quanto pubblicato sul sito sanpiox.it
Il 20 settembre 2016, Papa Bergoglio, ripetendo in modo pressoché identico il gesto di Giovanni Paolo II, ha invitato ad Assisi i rappresentanti di tutte le eresie e le false religioni, per metterle sullo stesso piano della Chiesa cattolica. Mentre i modernisti e gli altri eretici sedicenti cristiani pregavano insieme nella Basilica di San Francesco, le altri religioni offrivano culti a false divinità in vari luoghi della città, violando così in modo oggettivo il Primo Comandamento, su impulso dello stesso Francesco.
Il tutto a servizio della propaganda di una pace che deve favorire il nuovo ordine mondiale, di cui il Papato in mano ai modernisti ha accettato la cappellania, ponendosi a presidenza della nuova religione panteista e sincretista (non per nulla l'incontro avveniva nel corso del meeting "Nostra Madre Terra"). Si è fatta chiara professione di totale indifferentismo e si è lasciato chiaramente intendere che nessun dogma ha reale significato, poiché tutte le credenze più contraddittorie sono ritenute degne di considerazione e modi di conoscere e raggiungere il "divino", secondo la più pura gnosi modernista.
In attesa di commentare in modo approfondito parole ed eventi di questo ultimo scandalo, facciamo nostre e confermiamo le parole di Monsignor Lefebvre e Monsignor De Castro Mayer in seguito all'incontro del 1986, ritenendole assolutamente attuali e appropriate al tempo presente. 

Dichiarazione di Mons. Marcel Lefebvre e di Mons. Antonio de Castro Mayer
in seguito alla visita di Giovanni Paolo II alla sinagoga e al congresso delle religioni ad Assisi 
Roma ci ha fatto chiedere se abbiamo l’intenzione di proclamare la nostra rottura con il Vaticano in occasione del congresso di Assisi. A noi sembra piuttosto che la domanda dovrebbe essere la seguente: Credete e avete l’intenzione di proclamare che il Congresso di Assisi segna la rottura delle Autorità romane con la Chiesa Cattolica?
Perché è proprio questo che preoccupa coloro che sono ancora cattolici.
In effetti, è ben evidente che a partire dal Concilio Vaticano II il Papa e gli Episcopati si allontanano sempre più nettamente dai loro predecessori.
Tutto ciò che è stato messo in opera dalla Chiesa nei secoli passati per difendere la fede, e tutto ciò che è stato compiuto dai missionari per diffonderla, fino al martirio, è ormai considerato come un errore di cui la Chiesa dovrebbe scusarsi e per il quale dovrebbe farsi perdonare.
L’attitudine degli undici papi che dal 1789 al 1985 hanno condannato la rivoluzione liberale, con documenti ufficiali, è considerata come «una mancanza di comprensione del soffio cristiano che ha ispirato la Rivoluzione».
Da qui il voltafaccia completo di Roma a partire dal Vaticano II, che ci ha fatto ripetere le parole rivolte da Nostro Signore a coloro che stavano per arrestarlo: Haec est hora vestra et potestas tenebrarum (Questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre) (Lc XXII 52-53).
Adottando la religione liberale del protestantesimo e della Rivoluzione, i princípi naturalisti di J. J Rousseau, le libertà atee della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo, il principio della dignità umana senza più alcun rapporto con la verità e la dignità morale, le Autorità romane voltano le spalle ai loro predecessori e rompono con la Chiesa Cattolica, esse si mettono al servizio dei distruttori della Cristianità e del Regno Sociale di Nostro Signore Gesù Cristo.
Gli atti attuali di Giovanni Paolo II e degli Episcopati nazionali illustrano di anno in anno questo cambiamento radicale della concezione della fede, della Chiesa, del sacerdozio, del mondo, della salvezza che si ottiene con la grazia.
Il colmo di questa rottura con il magistero anteriore della Chiesa si è raggiunto ad Assisi, dopo la visita alla sinagoga. 
Il peccato pubblico contro l’unicità di Dio,contro il Verbo Incarnato e la Sua Chiesa, fa fremere d’orrore: Giovanni Paolo II che incoraggia le false religioni a pregare i loro falsi dei: scandalo incommensurabile e senza precedenti.
Noi potremmo riprendere qui la nostra dichiarazione del 21 novembre 1974, che rimane più attuale che mai.

Noi, che restiamo in modo indefettibile attaccati alla Chiesa Cattolica Romana di sempre, siamo obbligati a constatare che questa religione modernista e liberale della Roma moderna e conciliare si allontana sempre più da noi che professiamo la fede cattolica degli undici papi che hanno condannato questa falsa religione.
La rottura non viene dunque da noi, ma da Paolo VI e da Giovanni Paolo II, che rompono con i loro predecessori.
Questo rinnegamento di tutto il passato della Chiesa attuato da questi due papi e dai vescovi che li imitano è un’empietà inconcepibile ed una umiliazione insostenibile per coloro che restano cattolici nella fedeltà a venti secoli di professione della stessa fede.
Noi consideriamo, dunque, come nullo tutto ciò che è stato ispirato da questo spirito di rinnegamento: tutte le riforme postconciliari e tutti gli atti di Roma che sono compiuti con questa empietà.

Noi contiamo nella grazia di Dio e nel suffragio della Vergine fedele, di tutti i martiri, di tutti i papi fino al Concilio, di tutti i Santi e le Sante fondatori e fondatrici degli ordini contemplativi e missionari, perché ci vengano in aiuto nella rinascita della Chiesa con la fedeltà integrale alla Tradizione.

Buenos Aires, 2 dicembre 1986.

S. Ecc. Mons. Marcel Lefebvre, Arcivescovo emerito di Tulle
S. Ecc. Mons. Antonio de Castro Mayer, Vescovo emerito di Campos, in perfetto accordo con la presente Dichiarazione

Nessun commento:

Posta un commento