ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 22 settembre 2016

Il bel tacer..

Bergoglio: i giornalisti non devono alimentare la paura delle migrazioni



“Amare la verità, una cosa fondamentale per tutti, ma specialmente per i giornalisti; vivere con professionalità, qualcosa che va ben oltre le leggi e i regolamenti; e rispettare la dignità umana, che è molto più difficile di quanto si possa pensare a prima vista”. Sono le tre raccomandazioni rivolte dal Papa ai giornalisti ricevuti oggi in udienza nella Sala Clementina il Consiglio nazionale dell’Ordine.
“Vivere con professionalità – ha aggiunto Francesco – vuol dire innanzitutto, al di là di ciò che possiamo trovare scritto nei codici deontologici, comprendere, interiorizzare il senso profondo del proprio lavoro. Da qui deriva la necessità di non sottomettere la propria professione alle logiche degli interessi di parte, siano essi economici o politici”.
Ma dopo aver dichiarato che i giornalisti devono dire la verità, ribalta tutto e li invita a non dire a non dire la verità per non alimentare la paura. Dire la verità insomma, ma non tutta, per non rovinare i piani mondialisti.
“Il giornalismo non può diventare “arma di distruzione” di persone e addirittura di popoli. Né deve alimentare la paura davanti a cambiamenti o fenomeni come le migrazioni forzate dalla guerra o dalla fame“, ha concluso Papa Francesco.
Non una parola sulle sanzioni degli USA contro i Paesi poveri che sono la vera causa delle migrazioni.
giovedì, 22, settembre, 2016


"Cristiani causa dei naufragi". Migranti islamici li uccidono

Due scafisti musulmani a processo in Spagna. Torturati e affogati i cristiani: "Le loro preghiere provocano le tempeste" SOSTIENI QUI


Un omicidio religioso contro i cristiani. Un assassinio che attraversa il Mediterraneo e macchia di sangue i barconi di migranti che abbandonano l'Africa per arrivare in Europa.
Due scafisti islamici sono sotto processo in Spagna per aver torturato e ucciso sei cristiani che avevano affidato le speranze a quella improbabile nave che avrebbe dovuto portarli sulle coste spagnole.

L'assassinio di 6 cristiani

Torniamo al 5 dicembre 2014, quando la capitaneria spagnola di Almería recuperò 29 superstiti a bordo di una imbarcazione di fortuna. Sul gommone di 10 metri era rimasta solo la metà dei 50 migranti salpati da Nador, in Marocco: il bilancio fu di 21 morti accertati, di cui sette bambini e sei cristiani assassinati barbaramente dall'odio islamico. Il capitano della barca, Alain N. B, e il suo vice avrebbero infatti picchiato e gettato in acqua sei passeggeri, perché convinti che le tempeste fossero provocate dalle preghiere dei migranti cristiani.
A caratterizzare quel maledetto viaggio furono dure tempeste e giorni di paure in balia del mare mosso. Per questo un parroco cattolico presente a bordo invitava i fedeli ad affidarsi Dio per chiedere la grazia di arrivare sani a salvi a destinazione. Un grido di fede e speranza, umano e religioso al tempo stesso. Ma i due scafisti camerunensi erano convinti che "il tempo peggiorava ogni qual volta si rivolgevano a Gesù". E così li hanno uccisi.
A raccontarlo agli inquirenti spagnoli sono stati i testimoni del massacro, i quali ricordano chiaramente anche le torture inflitte alle vittime prima che fossero lasciati annegre in mare aperto. I due camerunensi avrebbero utilizzato alcune componenti in legno della barca per picchiare il prete. Poi avrebbero perquisito altri cinque passeggeri cercando crocifissi o altri simboli religiosi che ne provassero l'appartenenza religiosa. Poi li hanno annegati. Colpevoli soltanto di credere in Cristo e di non aver invocato Allah.

L'accusa del pm spagnolo

"Il capitano - scrive il procuratore nell'accusa riportata dal Telegraph - era consapevole del fatto che le vittime non avrebbero potuto sopravvivere e che sarebbero morti per annegamento, dal freddo o dalle lesioni fisiche che avevano subito. Inoltre era consapevole della bassa temperatura, del mare mosso, della grande distanza dalla costa e dell'assenza di eventuali imbarcazioni vicine che li avrebbe potuti salvare". Non solo. Quando i due camerunensi sbarcarono ad Almería, la polizia li trovò in possesso di circa 1.500 euro, gli stessi che - secondo i testimoni - avrebbero sottratto alle vittime prima di abbandonarle in balia delle onde.
Il pm ha chiesto nei giorni scorsi una pena di 15 anni di galera per ogni omicidio commesso, delitti aggravati dalla motivazione di odio religioso. In totale, il camerunense potrebbe scontare fino a 90 anni di carcere, mentre il suo vice è morto in Spagna prima dell'inizio del processo. Morto come quei cristiani uccisi dall'odio islamico.
CRISTIANI SOTTO TIRO: SOSTIENI IL REPORTAGE
Vogliamo continuare a raccontare con gli Occhi della guerra le drammatiche storie dei cristiani sotto attacco nel mondo. In Africa e nel Medio Oriente, ma anche nelle nostre città e ovunque i cristiani siano un bersaglio. Abbiamo bisogno anche di te.www.occhidellaguerra.it/projects/cristiani-sotto-tiro/​
www.gliocchidellaguerra.it
http://www.ilgiornale.it/news/mondo/migrante-islamico-uccise-cristiani-accusati-provocare-onde-1309326.html

L’ultimo delirio di Juncker scoperchia il vaso di Pandora. Ma sui migranti potrebbe essere tardi

Di Mauro Bottarelli , il 

superciuk
Intervenendo stamattina alla plenaria del CESE, Superciuk Juncker, ha rivolto il suo pensiero a Italia, Grecia e Malta e ha lodato il loro “virtuoso lavoro nel contrasto dell’immigrazione clandestina”. Ora, capisco che sarà già stato al quinto bianchino ma fino all’altro giorno non erano migranti da accogliere? Non c’era l’obbligo di dare rifugio a chi scappava dalla guerra e dalla fame? Inoltre, sempre il simpatico etilista ha detto che “se l’Ue non interviene in Africa, l’Africa verrà in Ue”.
juncker
Vero, sarebbe però anche ora di dare un’occhiata a come vengono spesi i soldi della cooperazione in loco, perché non saranno tanti ma parliamo di miliardi, soldi sufficienti a garantire almeno i bisogni fondamentali della gente, acqua e cibo in testa, gli stessi che spingono la popolazione a migrare. Forse sarebbe anche il caso di smetterla con il mito del buon selvaggio e l’autoflagellazione occidentale per le colpe del colonialismo, perché non so voi ma a me sapere che i soldi della cooperazione servono per i rubinetti d’oro e i vizi di gente alla Mugabe fa girare vagamente le palle, visto che poi l’accoglienza di chi scappa la pago con le mie tasse. Se non sanno scegliersi i governanti (come noi, d’altronde) e non riescono o non vogliono abbatterli, perché invece di combattere in casa propria scappano in cerca di wi-fi super-veloce, non è più moralmente un mio problema.
refugees_eu
E siccome mi piace parlare della cose con cognizione di causa, ho fatto una ricerca sul database dell’Ue per trovare qualche cifra ufficiale riguardo aiuti e cooperazione europea in Africa. Primo, l’Ue resta il donatore più importante per il Continente nero. La cooperazione allo sviluppo viene realizzata attraverso diversi strumenti finanziari, il più importante dei quali è il Fondo europeo di sviluppo (FES), basato sull’accordo di Cotonou ed escluso dal bilancio comune dell’Ue. La dotazione finanziaria per il 10° FES (2008-2013) è ammontata a 22,7 miliardi di EUR ma nel giugno 2013 il Consiglio dei ministri congiunto ACP-UE ha approvato una dotazione di 31,5 miliardi di euro per la cooperazione allo sviluppo per il periodo 2014-2020.
cooperazione
L’11o FES avrà un budget di 29,1 miliardi di euro, 24,3 miliardi dei quali per i programmi di cooperazione nazionali e regionali, 3,6 miliardi di euro per la cooperazione intra-ACP e 1,1 miliardi per il Fondo investimenti ACP gestito dalla Banca europea per gli investimenti. Il FES riguarda tutti i Paesi africani facenti parte dell’accordo di Cotonou, tranne il Sud Africa: il nuovo DCI per il periodo 2014-2020 stanzia inoltre 845 milioni di euro a favore del Programma panafricano (PANAF), che è stato istituito per finanziare la strategia congiunta Africa-UE e le attività continentali e transcontinentali. Fanno parte degli strumenti finanziari riguardanti l’Africa anche lo strumento europeo di vicinato per l’Africa settentrionale, gli strumenti tematici DCI (beni pubblici globali, sfide, società civile e autorità locali) e lo strumento europeo per la promozione della democrazia e dei diritti umani (EIDHR).
Loading the C 130 plane
Veniamo poi al 15 dicembre scorso, quando dal Vertice di La Valletta, lo stesso Juncker ha lanciato il Fondo fiduciario di emergenza per l’Africa, il quale consta di 1,8 miliardi di euro, provenienti dagli strumenti di finanziamento dell’Unione europea, così come da contributi degli Stati membri dell’UE e di altri donatori. All’epoca, 25 Stati membri dell’Unione europea e 2 donatori non dell’Ue (Norvegia e Svizzera) avevano annunciato un contributo totale di circa 81,3 milioni di euro. Il Fondo fiduciario di emergenza andrà a beneficio della regione del Sahel e dell’area del lago Ciad, del Corno d’Africa e dell’Africa del nord, tutte aree che, insieme, comprendono le principali rotte migratorie africane verso l’Europa. I paesi vicini in queste regioni possono anch’essi beneficiare dei progetti del Fondo fiduciario per far fronte ai flussi migratori regionali e alle sfide transfrontaliere collegate. E veniamo al 14 settembre scorso, quando sempre il nostro amato Superciuk ha tenuto il discorso sullo Stato dell’Unione. Oltre alle solite banalità sullo spirito europeista e i richiami all’unità nella lotta contro le cavallette del post-Brexit, Juncker ha presentato anche il Piano di investimento per l’Africa e il vicinato, il quale “ha il potenziale di racimolare 44 miliardi in investimenti, cifra che può raddoppiare con l’intervento diretto degli Stati membri”.
cooperazione4
Insomma, non stiamo parlando proprio di cifre da poco, tanto più che progetti basici come pozzi per l’acqua, costruzione di infrastrutture, scuole e ospedali, progetti di sviluppo agricolo, in Africa non hanno certo i costi che possono avere in Europa. Non è che i soldi ci sono ma si perdono nei soliti mille rivoli di corruzione e clientela? Non è che i soldi che arrivano dall’Europa ai governi africani, vengono usati da questi ultimi per vivere da nababbi e detenere il potere (comprandosi esercito e milizie) invece che essere investiti per progetti di sviluppo per il popolo? Vi faccio un esempio basato sui fatti. Nel corso di una conferenza stampa ad Abuja, Nigeria, a inizio settembre, il generale Lucky Irabor ha fatto sapere che l’altissimo livello di corruzione presente all’interno dell’esercito nigeriano sta destabilizzando gli sforzi che la nazione compie contro la setta islamista, poiché è stato appurato che alcuni soldati delle forze regolari vendono armi e munizioni a Boko Haram.
Boko
Quattro settimane fa è stato infatti aperto un processo contro sedici militari nigeriani accusati di aver venduto armi alla formazione jihadista e intanto aumentano le denunce da parte di uomini dell’ esercito. Di più, un soldato impegnato sulla linea del fronte, e la cui identità per motivi di sicurezza è stata tenuta segreta, ha raccontato all’agenzia di stampa Associated Press che 21 cannoni anti aerei assegnati alla sua brigata sono scomparsi e che, a lui e agli altri militari in prima linea, è stata data in dotazione soltanto una pistola. Ora, siccome i nigeriani sono, insieme agli eritrei, gli immigrati che hanno raggiunto in numero maggiore l’Italia in questi mesi, proprio con la scusa di fuggire da Boko Haram (stranamente, però, non sono donne e bambini ma cristoni di 20 anni, alti un metro e novanta e larghi come mobili dell’Ikea), io mi sento vagamente preso in giro: l’esercito nigeriano, che beneficia dei soldi che l’Ue manda al suo governo, vende armi ai terroristi islamici e devo farmi carico io della situazione? Siamo alla follia collettiva.
milano_immigrati

E che il punto di non ritorno si avvicini lo testimonia il report annuale presentato mercoledì al Parlamento tedesco da Iris Gleicke, commissario governativo per gli affari interni della ex Germania Est, la quale ha detto parole chiare ed espresso un concetto altrettanto cristallino: l’aumento esponenziale di attacchi contro i rifugiati e l’aumento dei sentimenti xenofobi nella ex DDR pongono una minaccia al benessere economico e sociale. Ecco le sue parole: “Xenofobia, estremismo di destra e intolleranza pongono una seria minaccia allo sviluppo sociale e anche economico dei nuovi Stati”, dove si registrano una media di 60 attacchi contro migranti per milione di abitanti, cinque volte in più che nei Lander occidentali.
germany_nazi2
In Meclemburgo-Pomerania, dove tre settimane fa Alternative fur Deutschland ha fatto il botto, l’intelligence interna parla di 58.7 attacchi per milione di abitanti, mentre in Brandeburgo e Sassonia rispettivamente 51,9 e 49,6. E a farne le spese sono anche i rifugiati che avrebbero davvero diritto di stare in Germania ma la Gleicke pare non aver capito bene il problema, quando dichiara che “la fuga di cervelli e la crisi demografica della ex DDR possono essere risolti con un influsso di massa di persone provenienti dalle aree di crisi”. Piano Kalergi 2.0. Il problema è che 27 anni dopo la riunificazione, i cinque Lander dell’Est – Brandeburgo, Meclemburgo-Pomerania, Sassonia, Sassonia-Anhalt e Turingia – faticano ancora a raggiungere il livello di Pil pro-capite dei vecchi Stati della Germania Est. Nel 2015, il gap tra Ovest ed Est era del 27,5%: davvero si risolve la questione impiantando nigeriani e maghrebini?
merkel_out4
No e lo ammette involontariamente la stessa Gliecke quando dice che “nonostante la maggior parte degli abitanti della Germania dell’Est non sia xenofoba o estremista di destra, chiude un occhio di fronte a questi attacchi”. Ma è emergenza in tutta la Germania, visto che nel 2015 sono stati registrati 1408 attacchi a sfondo xenofobo, il 42% di aumento rispetto al 2014 e gli incendi dolosi contro centri profughi sono passati da 5 del 2014 a 75 dell’anno scorso. E anche in Francia la tensione sta salendo, visto che un sondaggio condotto da Elabe per l’emittente BFMTV dimostra come il 57% degli interpellati sia contrario all’accoglienza di migranti e rifugiati e alle quote imposte dall’Ue. La stessa analisi demoscopica ricordava come quella percentuale scese dal 56% al 47% nel settembre 2015, quando i media resero nota la foto del piccolo profugo Aylan morto su una spiaggia. Inoltre, 8 persone su 10 vogliono lo smantellamento immediato e la chiusura del campo profughi di Calais, la famigerata “Giungla”. Non staranno tirando un po’ troppo la corda? E, mia personale domanda retorica, riferendomi al dato della Germania Est: quanti danni ha procurato la caduta di quel maledetto muro?
Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli