ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

domenica 4 settembre 2016

Benvenuti nella Chiesa Cattolica S.p.A.

nuova stangata burocratica sulla rimozione dei vescovi

Notizia 1: il lugubre e ambiguo Müller ha dichiarato che la Fraternità San Pio X per poter rientrare formalmente nella Chiesa Cattolica deve riconoscere senza riserva e pubblicamente l'obbligo dell'ecumenismo:

http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV1533_Pentin_Muller_si_aspetta_dalla_FSSPX.html

Bisogna essere un po' tonti per illudersi che il Papa dichiaratamente persecutore dei Francescani dell'Immacolata faccia rientrare la FSSPX senza trabocchetti, insidie e trappole, "unilateralmente", lasciandola libera di agire.

Intanto gli anni passano, e si avvicina il momento in cui la Fraternità avrà bisogno di un nuovo vescovo. Cioè il momento in cui Fellay si troverà nei panni del Williamson che ha espulso - cioè negli stessi panni del Lefebvre.


Notizia 2: con la scusa del combattere gli abusi sessuali, è arrivata stamattina una nuova stangata burocratica sui vescovi, che potranno essere rimossi se a giudizio del Competente Dicastero Vaticano avranno:
«posto od omesso atti che abbiano provocato un danno grave ad altri, sia che si tratti di persone fisiche, sia che si tratti di una comunità nel suo insieme. Il danno può essere fisico, morale, spirituale o patrimoniale».
Le decisioni entreranno in vigore fra tre mesi, il 5 settembre 2016:

http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2016/06/04/0404/00936.html

Detta così sembrerebbe perfino una cosa buona.

Il problema che le anime belle si sforzeranno di non notare è che quando si legifera in fretta potete star certi che non solo c'è qualcosa di grosso che bolle in pentola (scandali in arrivo), ma anche del fatto che la burocrazia clericale coglie la palla al balzo per accrescere e perpetuare sé stessa.

Che senso ha quella lettera?
Il Diritto Canonico fino a ieri era manifestamente insufficiente?

Che senso ha quella lettera?
Il numero di vescovi pasticcioni è aumentato esponenzialmente?

In entrambi i casi la lettera agisce sui sintomi anziché sulle cause.

Cioè, dopo che per parecchi decenni sono stati eletti vescovi solo i più fervorosi fedelissimi del Concilio Vaticano II (a costo di mettere in squadra soggetti ambigui, carrieristi, affaristi, e soprattutto donabbondieschi), all'improvviso diventa necessario legiferare che per gravi cause (ma il CJC non lo diceva già?) si possono rimuovere i vescovi (ma il CJC non lo prevedeva già?), e che le gravi cause possono anche essere patrimoniali (ma il CJC le aveva mica ignorate?)

Data l'ampia interpretabilità dei danni morali, spirituali, patrimoniali, ecc. che si possono compiere facendo o omettendo, l'unica vera utilità di quella lettera è il trasformare i vescovi in impiegati rimuovibili a piacere qualora sgraditi all'apparato burocratico ecclesiale (per capire cosa significa, pensate per esempio ai parroci ampiamente cazziati dal Vicario Generale perché non avevano esposto nella bacheca della parrocchia i ridicoli manifestini inviati dalla Curia, e alla lenta ma inesorabile cascata di conseguenze).

Ossia rendere i vescovi meglio ricattabili dall'apparato e ancor più schiavi del politically/clerically correct.

La gerarchia cattolica, grazie al Vaticano II, diventa dunque composta da impiegati pensionabili e licenziabili:
  • preconcilio: parroco "a vita"; postconcilio: la nomina a parroco dura 9 anni;
  • preconcilio: vescovo "a vita"; postconcilio: dimissioni a 75 anni, rimuovibile;
  • preconcilio: Papa "a vita"; postconcilio: rassegna le dimissioni.*

* Bergoglio compie 80 anni il prossimo 17 dicembre 2016. Tre anni fa si era lasciato sfuggire che nel 2017 avrebbe rassegnato le dimissioni (un altro "papa emerito"). Ricordiamo che Gänswein parlava delle dimissioni di Benedetto XVI come l'istituzione di un collegio di "papi emeriti", un «ben ponderato passo di millenaria portata storica».

Benvenuti nella Chiesa Cattolica S.p.A.: ricordiamo ai gentili visitatori l'Obbligo dell'Ecumenismo, altrimenti non potete entrare.

sabato 4 giugno 2016


http://letturine.blogspot.it/2016/06/nuova-stangata-burocratica-sulla.html
La posizione liberale della sindaca che non sposa i gay



Susanna Ceccardi (foto via Facebook)

San Tommaso, ti affido Susanna Ceccardi, l’unica sindaca capace di mettere in pratica quanto scrivesti nella “Somma teologica”: “Una legge ingiusta, contraria alla legge naturale o alla legge divina, non è una legge ma una corruzione della legge, e non obbliga in coscienza”. Nel municipio di Càscina, pertanto, Susanna Ceccardi non solo non unisce in matrimonio persone dello stesso sesso ma nemmeno delega qualcuno a farlo: “Ognuno a casa propria deve poter fare ciò che vuole ma chiedermi di delegare, mettendo la firma, qualcosa che considero l’ennesima invasione dello stato nella vita personale, è violentare la mia coscienza”. La sua è una posizione liberale più che  cattolica (ammesso esista ancora una posizione cattolica). O forse è soltanto una posizione umana: “Non ci sto a collaborare a quello che è in realtà un progetto per arrivare all’adozione e quindi a togliere ai bambini la possibilità di avere un papà e una mamma come ho avuto io”. San Tommaso, ti affido l’unica sindaca tomista d’Italia.
di Camillo Langone | 03 Settembre 2016

Icona rubrica

Actualidad_151246640_14974231_1706x1706

Spagna, la benedizione di una coppia omosessuale contrasta con Amoris laetitia


Un prete della diocesi di Segorbe-Castellon (Spagna) ha effettuato una benedizione di una coppia omosessuale unita da poco in matrimonio civile ed è stato ripreso dalla curia diocesana.
La dichiarazione della curia indica che il p. José Garcia, che ha “benedetto” la coppia gay lo scorso 30 luglio, ha compiuto una cerimonia che è “gravemente in contrasto” con gli insegnamenti della Chiesa.
In particolare, recita la nota della diocesi spagnola, «per quanto riguarda la parificazione delle unioni omosessuali con il matrimonio, o azioni che potrebbero essere comprese in questo modo, noi affermiamo, in comunione con il Papa Francesco, che “non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia” (Amoris laetitia n°251)».
Il vescovo, monsignor Casmiro López Llorente, ha incontrato il sacerdote e il padre Garcia ha riconosciuto «davanti al vescovo il grave errore del suo comportamento, motivato da una errata applicazione della misericordia». P. José, prosegue il comunicato della diocesi, «non ha distinto, da un lato, l’accompagnamento accogliente e pastorale delle persone, con, dall’altro, l’apparente approvazione di una unione che la Chiesa non può approvare».
Pubblicato il  in sinodo2015.
http://sinodo2015.lanuovabq.it/spagna-la-benedizione-di-una-coppia-omosessuale-contrasta-con-amoris-laetitia/

venerdì 2 settembre 2016


il diavolo e l'acqua santa

Preti che ammazzano preti (stavolta non in senso metaforico).
Preti condannati per aver molestato chierichette.
Preti fuggiti coi soldi della cassa della parrocchia.
Preti che convivevano con l'amichetto del cu...ore.
Preti che si fanno tatuare, o che fanno i barman in locali notturni.
Preti pedofili.
Preti arrestati per furto di libri antichi.
Seminaristi e preti che posano nudi su Facebook.

E chi è che accoglieva giulivo tutta questa gente?

Il vescovo tanto amato dai tradizionalisti più coglioni (quelli che per un po' di latino e di svolazzi di talare vanno in brodo di giuggiole).

http://www.lastampa.it/2016/09/01/vaticaninsider/ita/news/papa-francesco-rimuove-il-vescovo-di-albenga-oliveri-subentra-borghetti-bw2NTZNn5YaGlgVwmo8ZSJ/pagina.html


Il Papa ha «accettato le dimissioni» di Oliveri, cioè lo ha licenziato definitivamente.

Oliveri lascia in eredità al suo successore la diocesi italiana con la più forte lobby dei preti gay (almeno una quarantina di preti gay), tra i quali tanti "tradizionalisti soft" (che vanno a trastullarsi nelle -ehm- saune di Nizza, quando non nelle Dark Room romane).

Per chi ha la memoria corta: già nel 2010 era stato proposto ad Oliveri un incarico di prestigio a Roma (nientemeno che all'Ecclesia Dei) pur di non fargli continuare la sua -ehm- "opera". Niente da fare, ha voluto rimaner lì, e recentemente si era scelto come segretario un prete che era stato arrestato per furto di libri antichi.

http://www.repubblica.it/vaticano/2016/09/01/news/pedofilia_oliveri-147004648/
http://www.ilsecoloxix.it/p/savona/2010/09/22/AMXCNe4D-modello_vescovo_incubo.shtml

http://letturine.blogspot.it/2016/09/il-diavolo-e-lacqua-santa.html

1 commento:

  1. Sto leggendo proprio in questi giorni alcune opere di Mons. Léfèbvre (accuso il Concilio, Lo hanno detronizzato) e mi sento come se da una tangenziale inquinatissima fossi passato su di una montagna con aria purissima. Mi sembra folle il pensiero che i figli del Monsignore possano anche solo lontanamente prendere in considerazione l'ipotesi di un accordo con il Vaticano, covo di vipere e di eretici, di veri anticristi. Perciò rivolgo loro una supplica: tenetevi lontano da quegli ipocriti, non li degnate di un saluto, come ci richiede NSGC (verso chi propugna false dottrine, per spingere le anime all'inferno). Non ci lasciate orfani anche voi, come hanno già fatto i FF I. Satana avrebbe campo libero su tutto l'orbe terrestre, in politica già spadroneggia su mezzo mondo (Usa, Ue, America latina), in ambito religioso si è impadronito della Chiesa ex Cattolica (dl 1958). Attendiamo insieme fiduciosi il trionfo del Cuore Immacolato di Maria SS.ma, che non può tardare molto, visto il degrado in folle aumento nella Chiesa un tempo Cattolica, Sono convinto che Gesù non la lascerà ancora per molto in mano a questi briganti. Signore vieni presto a salvarci. Amen

    RispondiElimina