ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

mercoledì 26 ottobre 2016

Le bombe spirituali

La Madonna “Bombardiera”

madonne-bombardiera-1















Il 7 ottobre 2016 dal pulpito della chiesa di un piccolo paese,  Don Mico apostrofa così la numerosa folla (circa una decina di persone), convenute per la messa:
“Cari fratelli e sorelle, oggi ricordiamo la festività dedicata alla Madonna del Rosario. Questa festa, nel calendario liturgico, fu inserita da Papa Pio V in ricordo della battaglia di Lepanto che vide di fronte la flotta cristiana e quella turca: era appunto il 7 ottobre 1571 quando le due flotte si scontrarono sul mare della Grecia davanti alla città di Lepanto. I tempi erano duri, i turchi avanzavano nel Mediterraneo verso l’Europa: certo genovesi e veneziani non erano quello che possiamo definire delle brave persone. Le provocazioni che ponevano in essere nei confronti dell’Islam erano quotidiane. Pensate che occupavano addirittura dei quartieri della capitale dell’impero ottomano e lì svolgevano i loro commerci senza nemmeno pagare le tasse al governo del Sultano.
La battaglia fu cruenta lo scontro vide episodi di grande ferocia e di valore da ambo le parti. Il papa Pio V che stava in Vaticano, “credette”  di avere una visione in cui la flotta cristiana, protetta dalla Vergine del Rosario, usciva vittoriosa dallo scontro, ma questo è un aneddoto. Alcuni giorni dopo si ebbe davvero la notizia della vittoria sulla flotta turca: addirittura i marinai cristiani rubarono la bandiera verde con ricamato sopra tante volte il nome di Allah dall’ammiraglia turca. Per fortuna Paolo VI restituì alla Turchia questa bandiera durante il suo pontificato”.

madonna-bomba-2
Vista la folta partecipazione alla messa, la cosa è rimasta in un ambito ristretto di persone di una certa età e di una semplicità davvero molto elevate.
Da notare che Don Mico, il quale non fa altro che citare ad ogni piè sospinto Papa Francesco con toni esaltanti come se parlasse del Messia, non chiama mai Pio V santo, e racconta la storia secondo una sana e davvero encomiabile forma di nuovo revisionismo, questo sì ammesso ed applaudito da tutti, in quanto ristabilente la verità storica vulnerata e messa sotto i piedi da secoli di oscurantismo kattolico.
Esilaranti le teorie sui genovesi e veneziani sulle loro continue provocazioni contro i turchi e per la loro disonestà truffaldina, che poverini sarebbero tranquillamente stati a casa loro se non fosse stato per le continue provocazioni poste in essere dalla tracotanza dei veneziani e dei genovesi.
Sarà ora che la verità storica venga finalmente ristabilita!
E che i turchi abbiano almeno l’attenuante della provocazione: e poi andiamo, quello sgarro della bandiera tolta dall’ammiraglia fu davvero un insulto ed un’umiliazione, ma direi di più un atto di orgogliosa superbia perpetrata nei confronti degli sconfitti. Niente di cristiano, insomma!
BASTA PAPA FRANCESCO CE LO RIPETE CONTINUAMENTE CHIEDIAMO PERDONO, FACCIAMO AMMENDA DI QUESTA SUPERBIA, DI QUESTA VIOLENZA CONTRO I NOSTRI FRATELLI ISLAMICI, CHE ADORANO IL NOSTRO STESSO DIO!
Forse il suo Dio non certo quello cristiano!
Sul sito della radio Televisione Svizzera qualche giorno fa compare questa curiosa informazione:
“Nella chiesa di Pazzalino nei pressi di Lugano vi è un affresco che rappresenta il primo bombardamento aereo della storia. Sopra un altare laterale è raffigurata la battaglia di Lepanto avvenuta il 7 ottobre 1571. Le galere si scontrano, gli eserciti sparano gli uni contro gli altri, nella parte bassa della raffigurazione sono dipinte scialuppe di salvataggio, c’è chi vuole salire ma un turco con la spada sembra voler mozzare le mani a un suo confratello che tenta di aggrapparsi ai bordi. In effetti in acqua ci sono arti troncati e una testa mozzata. In basso a sinistra dell’osservatore si vedono Pio V e Filippo II in devota preghiera. Il potere spirituale e quello temporale sono concordi. In alto c’è la Madonna con il bambino e un angioletto alato. Madre e figlio hanno entrambi una bomba in mano che passeranno all’angioletto il quale la farà cadere sui turchi. Una bomba è rappresentata già in volo destinata infallibilmente a colpire la flotta nemica. L’angelo ne ha in mano un’altra pronta ad essere sganciata. La scorta è abbondante, il bombardamento, messo in atto da madre, figlio e angioletto, sarà inesorabile.
Il pittore è anonimo, ma non sarà stato certo lui a individuare il soggetto, avrà avuto senz’altro dei “dotti” committenti. Per moltissimo tempo celebranti e fedeli avranno visto, o almeno intravisto, quell’affresco mentre nel corso della messa recitavano, sia pure in latino, lo stesso Credo che viene proclamato tuttora: «Credo in Dio Padre onnipotente…» con quel che ne segue. Ma come credere che allora siano state credute le stesse cose di ora? Chi può oggi anche solo immaginare una Madonna bombardiera?
Per chi vive in Occidente l’autocoscienza ecclesiale non può prescindere dalla storia. Tuttavia non è raro che, in varie occasioni, la conoscenza storica provochi nell’animo di molti non poco sconcerto.”
E così dopo la Madonna di Kazan portata in processione da Stalin ed alla più esilarante Madonna giacobina[1] che avrebbe fermato in una battaglia in Puglia le armate del Cardinale Ruffo, adesso anche la Madonna bombardiera.
C’è da che scompisciarsi dalle risate!!
Lo scrupoloso giornalista elvetico, sacerdote del politicamente corretto parte subito con il piede sbagliato: per bacco i turchi sono raffigurati come dei boia che troncano gli arti ai propri connazionali che si vogliono mettere in salvo, ed il mare è pieno di arti galleggiati. Insomma la Battaglia di Lepanto viene raffigurata dai vincitori come un carnaio di arti tagliati dai turchi che non vogliono far salire sulle scialuppe di salvataggio i poveri disgraziati cacciati in acqua dai bombardamenti delle navi dei crociati! (per fortuna ora la nostra marina salva tutti e quando non ci riesce finisce sotto processo!)
Il tutto sotto gli occhi “devoti” (bontà sua) di Pio V  e di Filippo II; trono ed altare sono uniti nel benedire “devotamente” il carnaio di arti di cui è pieno il mare di Lepanto.
La cosa più assurda è che addirittura la Santa Vergine bombarda, aiutata da un angioletto, la povera flotta turca con delle bombe fatte scagliare da una sadica figura angelica, che sorride compiaciuto nel portare  a termine questo abominio.
A guardare bene il quadro nessuna delle bombe scagliate contro la flotta turca scoppia: e come mai?
In realtà scrupoloso, strisciante, servile pennivendolo del politicamente corretto, quelle non sono bombe, ma i grani del rosario che la Vergine scaglia contro la flotta turca: queste bombe spirituali sono fornite dai milioni di rosari che i devoti popoli cristiani cattolici dell’epoca in ogni parte d’Europa recitarono per assistere la Flotta Cristina durante lo scontro tra questi due opposti modi di concepire la vita e di praticare la religione. E contro queste bombe nulla e nessuno può niente nemmeno il buon profeta Maometto o il suo Allah “falso e bugiardo”.
“La scorta è abbondante, il bombardamento, messo in atto da madre, figlio e angioletto, sarà inesorabile.” Quindi madre Figlio ed angioletto detto tra le righe sono dei sanguinari assassini di innocenti marinai turchi: inorridite fratres!
E la nota subisce un climax crescente: il pittore che ha  avuto dei “dotti” committenti, in effetti tutti i pittori sono a dir suo sempre stati una manica di ignoranti che dipingevano solo su suggerimento e su commissione dei signori del denaro! E si arriva fino alla bestemmia quando con candore si afferma:
“Per moltissimo tempo celebranti e fedeli avranno visto, o almeno intravisto, quell’affresco mentre nel corso della messa recitavano, sia pure in latino, lo stesso Credo che viene proclamato tuttora: «Credo in Dio Padre onnipotente…» con quel che ne segue. Ma come credere che allora siano state credute le stesse cose di ora? Chi può oggi anche solo immaginare una Madonna bombardiera?”
Ma come credere che allora siano state credute le stesse cose di ora? Chi può oggi anche solo immaginare una Madonna bombardiera?
Quindi signori cari, prima si credevano solo delle blasfemie, mentre per fortuna oggi si professano finalmente la vera fede ed il vero credo! Nemmeno passa per la testa davvero lucida e finalmente “illuminata” che il quadro possa essere un’allegoria del rosario e delle sua potenza che vince e fa vincere la vera fede? No il Papa del Concilio di Trento non poteva essere che un sanguinario assassino che giova nel vedere il mare pieno di arti e di sangue insieme al suo sodale Re ed Imperatore asburgico sul cui impero non tramontava mai il sole delle nefandezze: a Lepanto contro i turchi, come in America latina contro i poveri e miti indigeni convertiti a suon di bagni di sangue dai crudeli e sadici Conquistadores spagnoli.
“Per chi vive in Occidente l’autocoscienza ecclesiale non può prescindere dalla storia. Tuttavia non è raro che, in varie occasioni, la conoscenza storica provochi nell’animo di molti non poco sconcerto.”
Parole memorabili e che ci piombano in testa come macigni, anzi come le bombe scagliate dalla Vergine e dal suo Divin Figlio contro le navi della flotta turca: “la conoscenza  storica provochi nell’animo di molti non poco sconcerto”. Nell’animo di chi? Non sicuramente dei nuovi democratici ed “illuminati” sostenitori del Novus Ordo Saeclorum: milioni sono i morti che sono stati fatti dalle guerre di liberazione condotte dagli amerikani in tutto il mondo quelle guerre dichiarate, non dichiarate, provocate con falsi pretesti, con criminali politiche di aggressione, con sanzioni inique, con l’imposizione di regimi più o meno oscenamente demoniaci!!
Le bombe sganciate da quasi un secolo dagli aerei e dai droni amerikani e dei loro democratisissimi alleati nel mondo, sono tutt’altra cosa dai grani del Rosario che la Santissima Vergine scaglia nel quadro contro la flotta turca!
Peccato, ma forse i tempi non sono ancora maturi, affinché il pennivendolo svizzero non invochi che il quadro venga tolto o meglio bruciato o relegato in un oscuro sito. In Spagna i frati del santuario della Vergine del Pilar a Saragozza hanno già provveduto a togliere dalla chiesa la statua di Santiago Matamoros che stava sotto l’altare della Basilica del Pilar.
Rivolgiamo un accorato appello al nuovo arcivescovo di Bologna affinchè faccia “sbanchettare”, anche in San Petronio il Maometto demoniaco raffigurato in quella basilica: che diammine è ora di fare in modo che la coscienza storica non provochi più ancora nell’animo di molte anime candide di democratici, non poco sconcerto!!
luciano garofoli

[1] A proposito della Madonna Giacobina la cosa fu solennemente smentita da una ricerca storica approfondita condotta dal compianto Pino Tosca che costrinse il vescovo a dover ammettere trattarsi di un falso storico sesquipedale

DI LUCIANO GAROFOLI




http://www.maurizioblondet.it/la-madonna-bombardiera/



Padre Amorth, affermava che ad oggi la Consacrazione di Mosca e della Russia, al Cuore Immacolato di Maria non è stata fatta.



09:54
Poi, nel 1984, Giovanni Paolo II decise la Consacrazione del mondo, la più solenne, quella del 25 marzo 1984. Il giorno dell’annunciazione fece venire la Statua della Madonna di Fatima, quella proprio che sta fissa nel piazzale e che non si muove mai. La fece veni re a Roma e io fui incaricato, come segretario di un comitato Mariano, di organizzare la piazza, la sistemazione dei gruppi; ma c’era così tanta gente per cui fu molto difficile da organizzare! Molti non riuscirono in quel giorno a vedere né la statua della Madonna né la figura del Papa tanto era la calca della gente, dentro e fuori il colonnato del Bernini, in tutta la Via della Conciliazione, nelle vie vicine. Il Papa fece una piccola novità, pronunciando le parole della Consacrazione. Lui avrebbe voluto consacrare Mosca, la Russia, al Cuore Immacolato di Maria; quello era il suo desiderio perché questa era la richiesta della Madonna, una richiesta precisa. Pe rò, il suo circondario gli era contrario: “No, perché così irritiamo il patriarca di Mosca” “Qui ci mettiamo contro [i sovietici]...” Dopo diversi tentativi di convincere i suoi consiglieri, Papa Giovanni Paolo II decise di ascoltarli e di non nominare la Russia durante la consacrazione. Egli tuttavia rese un servizio alla Madonna di Fatima, e cioè fece capire pubblicamente, in modo abbastanza chiaro, che quel giorno non stava compiendo la consacrazione richiesta dalla Madonna di Fatima. Il Papa sottolineò questo aspetto per ben due volte, quel giorno: la prima alla mattina, durante la cerimonia stessa di consacrazione, e la seconda tre ore più tardi, all’interno della Basilica di San Pietro. Il testo della cerimonia di consacrazione era stato preparato con molti mesi d’anticipo ed era stato inviato a tutti i vescovi con una lettera datata 8 dicembre 1983 (pubblicata dall’Osservatore Romano il 17 febbraio 1984). La mattina del 25 marzo 1984, tuttavia, dopo aver pronunciato quella parte dell’Atto di Consacrazione nella quale aveva consacrato il mondo alla Beata Vergine – ben sette paragrafi dopo, per l’esattezza – Papa Giovanni Paolo II si di scostò inaspettatamente dal testo preparato. Dopo le parole

“Madre della Chiesa,” egli aggiunse le seguenti parole: “Illumina specialmente i popoli di cui tu aspetti la nostra consacrazione e il nostro affidamento.”

Questo fu l’unico cambiamento effettuato dal Papa al testo della cerimonia. Le sue parole indicano chiaramente che egli sapeva che la Consacrazione della Russia chiesta dalla Madonna di Fatima non veniva esaudita con la consacrazione di quel giorno. Le sue parole, infatti, imploravano la Madonna di illuminare dei popoli in particolare, la cui consacrazione la Madonna stava ancora aspettando. L’unico paese o popolo che la Madonna di Fatima abbia chiesto di consacrare era quello Russo. Per rendere il concetto ancora più chiaro, Papa Giovanni Paolo II ripeté lo stesso messaggio qualche ora più tardi, alle ore 16 di pomeriggio, all’interno della Basilica di San Pietro e davanti a 10 mila fedeli, in occasione del congedo dalla Statua della Vergine Pellegrina. Anche in quel caso, a ore di distanza dalla cerimonia di consacrazione del mattino, il Papa riconobbe in una cerimonia pubblica che la consacrazione richiesta dalla Madonna di Fatima doveva ancora essere compiuta. Nella sua preghiera alla Vergine, egli attirò l’attenzione su certi popoli (il popolo Russo) che avevano particolare bisogno d’essere consacrati – “quei popoli per i quali Tu stessa aspetti il nostro atto di consacrazione e di affidamento. Tutto questo abbiamo potuto fare secondo le nostre povere, umane possibilità, nella dimensione della nostra umana debolezza”. La Madonna aveva chiesto solo la consacrazione della Russia, da notare che a Fatima non aveva mai chiesto la consacrazione del mondo, quella la chiese per mezzo di Alessandrina Maria da Costa e dell’Episcopato Portoghese, ma ha avuto un altro cammino. Però, non era ancora la vera e propria consacrazione della Russia. E io che mi trovavo ad un metro da distanza dal Papa, inginocchiato nel pronunciare la consacrazione, mentalmente per conto mio feci la consacrazione della Russia. Se la Madonna vuole, la Madonna si che andrà a Mosca! La Madonna sì che sta girando il mondo e andrà anche lì, donde è partito l’errore più grande del nostro se colo, del secolo scorso, e anche quello attuale: il comunismo! E la Madonna di Fatima l’aveva già

predetto: se non si consacrerà la Russia al Mio Cuore Immacolato la Russia spargerà ne l mondo i suoi errori, e il comunismo ateo è stato sparso veramente in tutto il mondo, perché non si è fatto quello che la Madonna voleva.

La Madonna può ancora, nonostante ciò che è stato fatto, può ancora distruggere ciò che è stato fatto di sbagliato e ritornare attraverso Mosca, a riportare l’umanità nella Retta Via, e quella nazione che ha sparso gli errori del comunismo, in tutto il mondo, questa nazione potrà diventare l’artefice di

missionari, di missionari, che sparge ranno la devozione alla Madonna in tutto il mondo. Fatima, ossia la Madonna, che ama il mondo e sta portando il mondo a Dio e alla pace. Con questo benedico volentieri quanti sono in ascolto, che per intercessione di Maria Santissima, scenda la benedizione della Trinità nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e che l’amore a Maria ci porti veramente all’amore a Gesù, perché attraverso Maria che Gesù è venuto a noi, ed è attraverso Maria che noi andiamo a Gesù. Si a lodato Gesù Cristo, sempre sia lodato.

http://www.iltempo.it/politica/2013/10/12/news/la-russia-non-e-stata-ancora-consacrata-910389/

www.fatima.org/…/apparition_tuy.…


https://gloria.tv/video/tLrroNLuMbSr6EBhwiR1woFZV