ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 5 novembre 2016

L'apostrofo

Postato da 
http://opportuneimportune.blogspot.it/2016/11/la-dichiarazione-di-lund-problemi-di.html

sabato 5 novembre 2016

processione cattolica a Lund in riparazione delle bergoglionate

Contro il reato di concorso esterno in associazione eretica, il Rapid Response Team ha organizzato una processione mariana per le vie di Lund. Ecco qui il video riassuntivo:


Tra gli slogan sui cartelli bilingue: "non nascondere la verità cattolica!" - "come può dare unità la celebrazione di una ribellione?" - "la vera pace viene dal Cielo - ascoltate Nostra Signora di Fatima!"

Il video è a cura del Fatima Center.


Così Papa Leone X condannò e scomunicò

Lutero e gli eretici luterani
“Decet Romanum Ponteficem” di Sua Santità Leone X,
Gennaio 1521: condanna e scomunica di Martin Lutero,
l’eretico, e dei suoi seguaci
          “Muoio odiando il Papa. (…) Vivo, io ero la tua peste, 
                            morto sarò la tua morte, o Papa!”
                                                  Martin Lutero
“Decet Romanum Ponteficem” di Sua Santità Leone X, Gennaio 1521: 
condanna e scomunica di Martin Lutero l’eretico, e dei suoi seguaci
   Così Papa Leone X scomunicò l’eretico Martin Lutero











 Bolla di scomunica – Preambolo                            
Roma – Bolla di scomunica di Papa Leone X contro l'eresia del luteranesimo, 1521 - Per il potere conferitogli da Dio, compete per nomina e divina disposizione al Romano Pontefice gestire le pene spirituali e temporali come ogni caso solidalmente merita. Lo scopo di ciò è la repressione dei malvagi disegni di uomini fuorviati, che sono stati così affascinati dal loro degradato impulso verso fini malvagi da dimenticare il timore del Signore, da mettere da parte con disprezzo i canonici decreti e gli apostolici comandamenti, e di osare formulare nuovi e falsi dogmi e di introdurre il male dello scisma nella Santa Chiesa di Dio – o di supportare, aiutare e aderire a tali scismatici, che fanno un commercio del loro stracciare la tunica del nostro Redentore e l’unità della corretta fede. Quindi si addice al Pontefice, per timore che la nave di Pietro sembri navigare senza pilota o rematore, prendere severe misure contro tali uomini e i loro seguaci, e attraverso il moltiplicare misure punitive e attraverso altri opportuni rimedi fare in modo
                        che questi stessi uomini prepotenti,
    dedicati come sono a fini malvagi, insieme ai loro aderenti,
        non debbano ingannare la moltitudine dei semplici
                                      con le loro menzogne
                        ed i loro meccanismi ingannevoli,
          né trascinarli insieme a condividere il loro errore
                                  e la loro propria rovina,
           contaminandoli con ciò che equivale ad una
                                      contagiosa malattia.
Si addice anche al Pontefice, dopo aver condannato gli scismatici, per evitare la loro ancora maggiore perdizione e confusione – pubblicamente, mostrare e dichiarare apertamente a tutti i fedeli cristiani come temibili sono le censure e le punizioni a cui la colpa può portare, acciocché attraverso una tale dichiarazione pubblica loro si possano rivolgere, in contrizione e rimorso, alla loro vera essenza, facendo un’ abiura incondizionata delle conversazioni proibite, ristabilendo comunione e (soprattutto) obbedienza a quanto detto nella precedente missiva ( la bolla Exsurge Domine n.d.r.), in questo modo essi possono sfuggire ai castighi divini, ed a qualsiasi grado di partecipazione alle rispettive loro condanne.
  II                                                                              
[Qui il Papa riassume la sua precedente bolla Exsurge DomineSiamo stati informati che dopo che questa Nostra precedente missiva (la bolla Exsurge Domine n.d.r.) era stata esposta in pubblico e dal momento che l’intervallo o gli intervalli temporali di risposta prescrittivi sono trascorsi [60 giorni] – e con la presente notifichiamo solennemente a tutti i cristiani fedeli che questi intervalli erano e sono trascorsi – molti di coloro che avevano seguito gli errori di Martino Lutero hanno preso atto della nostra missiva e dei suoi avvertimenti e ingiunzioni; lo Spirito di un sano consiglio li ha portati di nuovo in loro stessi, hanno confessato i loro errori e abiurato l’eresia come da Nostra istanza e, tornando alla vera fede Cattolica, hanno ottenuto la benedizione di assoluzione che quegli stessi messaggi erano stati autorizzati a concedere, e in diversi stati e località della detta Germania, i libri e gli scritti del suddetto Martino furono pubblicamente bruciati, come avevamo ingiunto. 
                                Tuttavia lo stesso Martino,
           e ci dà grave dolore e turbamento il dire questo,
                   lui lo schiavo di una mente depravata,
       ha disprezzato di revocare e rinnegare i suoi errori
nell’intervallo prescritto e di inviarci anche una sola parola di revoca come da Noi paternamente richiesto, o di venire da Noi lui stesso, anzi, come una pietra d’inciampo, non ha temuto di scrivere e predicare cose peggiori di prima, contro di Noi e questa Santa Sede e la fede cattolica, e di guidare gli altri a fare lo stesso.
                Ora viene solennemente dichiarato eretico
e così anche gli altri, qualunque sia la loro autorità e rango, che non hanno curato nulla della propria salvezza, ma pubblicamente e davanti gli occhi di tutti gli uomini diventano seguaci della
                    perniciosa ed eretica setta di Martino,
e coloro che hanno dato a lui apertamente e pubblicamente il loro aiuto, consiglio e favore, incoraggiandolo in mezzo a loro nella sua disobbedienza e ostinazione, o ostacolando la pubblicazione della nostra suddetta missiva: questi uomini sono incorsi nelle pene stabilite in tale missiva, e devono essere trattati legittimamente come eretici ed evitati da tutti fedeli cristiani, come dice l’Apostolo (Tito 3. 10-11).
 III                                                                                  
Il nostro proposito è che tali uomini debbano legittimamente essere classificati alla stessa stregua di Martino e degli altri infausti eretici e scomunicati, e che proprio qualora si siano schierati con la stessa caparbietà nel peccare del suddetto Martino, loro parimenti condivideranno le sue punizioni ed il suo stesso nome, portando con loro ovunque il titolo (marchio) di “luterani” e le punizioni che esso comporta. Le nostre istruzioni precedenti erano così chiare e così efficacemente notificate e se ci si attiene così strettamente ai nostri presenti decreti e dichiarazioni, che non mancherà, avviso, prova o citazione. I Nostri decreti che seguono vengono rivolti contro Martino e gli altri che lo seguono nella caparbietà verso il suo scopo depravato ed esecrabile, come anche contro coloro che lo difendono e lo proteggono con una guardia del corpo militare, e coloro che non temono di sostenerlo con le proprie risorse o in qualsiasi altro modo, e coloro
        che hanno la presunzione di offrire e fornire aiuto,
                           consiglio e favore verso di lui.
Tutti i loro nomi, cognomi e grado – per quanto elevata e folgorante possa essere la loro dignità – vogliamo che siano considerati come inclusi in questi decreti con lo stesso effetto come se vi fossero elencati singolarmente e potrebbero esservi così elencati nella pubblicazione dei decreti, che deve essere favorita con un’energia pari all’altezza della forza suoi articoli. 
 Su tutti costoro noi decretiamo, dichiariamo, definiamo
                  le sentenze di scomunica, di anatema,
        della nostra perpetua condanna e interdetto, d
 i privazione della dignità, degli onori e delle proprietà
                 sopra di essi e sopra i loro discendenti,
e di inidoneità dichiarata per i beni stessi; della confisca dei loro beni e del delitto di lesa maestà: queste e le altre sentenze, censure e pene che vengono inflitte dal diritto canonico per gli eretici e che sono indicate nella nostra predetta missiva,
       decretiamo essere cadute su tutti questi uomini
                                   a loro dannazione.

  IV                                                                                    
Noi aggiungiamo alla nostra presente dichiarazione, con la Nostra Autorità Apostolica, che gli stati, territori, campi, città e luoghi in cui questi uomini hanno temporaneamente vissuto o che gli è capitato di visitare, insieme con i loro beni – città che hanno cattedrali e sedi metropolitane, monasteri e altre case religiose e luoghi sacri, privilegiati o non privilegiati – ognuno e tutti sono posti sotto il nostro interdetto ecclesiastico, mentre questo interdetto dura, nessuna pretesa di Indulgenza Apostolica (tranne nei casi consentiti dalla legge, e anche lì, per così dire, a porte chiuse e escluse quelle sotto la scomunica e interdetto), può essere invocata per consentire la celebrazione della messa e degli altri uffici divini. Noi prescriviamo e ingiungiamo che gli uomini in questione siano dappertutto da
    essere denunciati pubblicamente come scomunicati,
                        infausti, condannati, interdetti,
                  privi di beni e incapaci di possederli.
             Essi devono essere rigorosamente evitati
                                da tutti i cristiani fedeli.

  V                                                                                     
Vorremmo far conoscere a tutti il piccolo commercio malevolo che Martino e i suoi seguaci e gli altri ribelli hanno creato su Dio e la Sua Chiesa con la loro temerarietà ostinata e senza vergogna.
 Vogliamo proteggere il gregge da un animale infetto,
                        per timore che la sua infezione
                      si diffonda a quelle pecore sane.
              Quindi poniamo l’ingiunzione seguente
   ad ogni e ciascun Patriarca, arcivescovo, vescovo,
ai prelati della cattedrale patriarcale, metropolitana,
                             e alle chiese collegiate,
                        e ai religiosi di ogni ordine
anche mendicante – privilegiato o non privilegiato – ovunque esso si trovi di stanza: che con la forza della fede e del loro voto di obbedienza e sotto pena della sentenza di scomunica, essi, se richiesto per l’esecuzione di questi presenti decreti, annuncino pubblicamente e facciano in modo che siano annunciati da altri nelle loro chiese, che lo stesso Martino e il suo seguito sono scomunicati, dannati, condannati, eretici, induriti, interdetti, privati di beni e incapaci di possederne, e così elencati nell’esecuzione di questi decretali. Tre giorni verranno concessi: noi pronunciamo un avvertimento canonico e concediamo un giorno di preavviso sul primo (avvertimento n.d.r.), un altro sul secondo, ma sul terzo decretiamo un’esecuzione perentoria e definitiva del nostro ordine. Questo avrà luogo di Domenica o in un giorno di festa, quando una grande moltitudine si riunisce per il culto. Il vessillo della croce deve essere sollevato, suonino le campane, le candele restino accese e dopo un certo tempo si spengano, si gettino a terra e si calpestino sotto i piedi, e delle pietre devono essere gettate via tre volte, e si facciano le altre cerimonie che sono solite essere osservate in tali casi.
I cristiani fedeli, tutti, devono essere rigorosamente
               ingiunti di rifuggire quegli uomini. 
Vorremmo ancora un’occasione in più per contrastare il suddetto Martino e gli altri eretici che abbiamo menzionato, e i loro seguaci e partigiani: da adesso, sulla forza della loro fede e del loro voto di obbedienza noi ingiungiamo ad ogni e ciascun Patriarca , arcivescovo e tutti gli altri prelati, che proprio in quanto sono stati incaricati con l’autorità di San Girolamo a dissipare scismi, così ora nella crisi attuale, come il loro ufficio li obbliga,devono ergere un muro di difesa per il loro popolo cristiano.
          Essi non devono tacere come cani muti
                   che non possono abbaiare,
          ma incessantemente devono gridare
            e alzare la voce della predicazione
      e fare che sia predicata la parola di Dio
               e la verità della fede Cattolica 
contro gli articoli condannati ed eretici suddetti.

  VI                                                                                      
Ad ogni rettore di chiese parrocchiali, ai rettori di tutti gli Ordini, anche mendicanti, privilegiati o non privilegiati, noi ingiungiamo negli stessi termini – sulla forza della loro fede e del loro voto di obbedienza – che sono designati dal Signore ad essere come le nubi, le quali cospargono piogge spirituali sul popolo di Dio –
                         che non abbiano paura
  a dare la più ampia pubblicità alla condanna
              contenuta negli articoli suddetti,
              in quanto il loro ufficio li obbliga.
È scritto che l’amore perfetto scaccia via la paura. Lasciate che ognuno di voi si assuma l’onere di tale dovere meritorio con devozione completa, mostratevi quindi puntigliosi nella sua esecuzione, così zelanti e ansiosi in parole e opere, che dai vostri lavori, con il favore della grazia divina, venga l’auspicata raccolta , e che attraverso la vostra devozione non solo guadagniate quella corona di gloria che è la ricompensa dovuta a tutti coloro che promuovono la difesa della fede, ma anche otteniate da noi e la Santa Sede l’elogio sconfinato che la vostra diligenza si merita.
 VII                                                                                      
Tuttavia, poiché sarebbe difficile consegnare la presente missiva, con le sue dichiarazioni e i suoi annunci, a Martino in persona e agli altri dichiarati scomunicati, a causa della forza della loro fazione, il nostro desiderio è che l’affissione pubblica della presente missiva sulle porte di due cattedrali – o entrambe metropolitane o una cattedrale e una metropolitana fra le chiese di Germania – da parte di un messo dei nostri in quei luoghi, abbia una tale efficacia vincolante che Martino e gli altri che abbiamo nominato,
                devono essere mostrati condannati
   in ogni punto in modo deciso, come se la missiva  
fosse stata portata personalmente a loro conoscenza
                               e presentata a loro.

  VIII                                                                                    
Sarebbe anche difficile trasmettere questa missiva in ogni singolo posto dove la sua pubblicazione potrebbe essere necessaria. Di qui il nostro desiderio e decreto autorevole è che le copie di esso, sigillate da qualche prelato ecclesiastico o da uno dei nostri messaggeri di cui sopra, e controfirmato dalla mano di qualche pubblico notaio, dovrebbe recare ovunque la stessa autorità come la proposizione e l’ esibizione dello stesso originale.
 IX                                                                                        
Nessun ostacolo è concesso ai nostri desideri nelle costituzioni Apostoliche e nei decreti o in nulla nella nostra suddetta missiva precedente (la bolla Exsurge Domine n.d.r.) che noi non vogliamo ostacolare, o da qualunque altro pronunciamento contrario.
 X                                                                                          
Nessuno può infrangere questa o alcuna nostra decisione, scritto, dichiarazione, precetto, ingiunzione, assegnazione, volontà, decreto o avventatamente contravvenirli.
Se qualcuno osa tentare una cosa del genere, sappia che
           incorrerà nella collera di Dio onnipotente
                   e dei beati apostoli Pietro e Paolo.
                                  Noi abbiamo detto.

Dato a  San  Pietro, Roma, il  3  Gennaio  dell’anno del Signore 1521
anno VIII del Nostro Pontificato (Papa Leone X)
partecipa al dibattito – infounicz.europa@gmail.com
Segui su Facebook la nuova pagina - Qui Europa news | Facebook
______________________________________________________________________________________________________________
 Video correlati                                                           

Idolatria del denaro e protestantesimo – YouTube


___________________________________________________________________________________________
 Articoli correlati                                                       

Secca condanna di Lutero e Calvino negli scritti di San Pio da Pietrelcina

Secca condanna di Lutero e Calvino negli scritti di San Pio da Pietrelcina
Giovedì, 3 Novembre/ 2016    - San Pio da Pietrelcina / Scritto tratto dall'Epistolario, vol. IV -  Redazione Quieuropa, Padre Pio, Protestantesimo, Martin Lutero, setta protestante, blasfemo  Secca condanna di Lutero e Calvino negli scritti di San Pio da Pietrelcina "Lutero, Calvino e compagnia bella, furono pieni di superbia, zeppi di vizi fino agli occhi, e si divisero dalla Chiesa per assecondare le [...]

Così Papa Leone X condannò e scomunicò Lutero e gli eretici luterani

Sabato, 5 Novembre/ 2016   
Bolla di scomunica di Papa Leone X contro Lutero -