ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

domenica 6 novembre 2016

Sterpate prima la zizzania,il grano invece riponetelo nel mio granaio dice il Signore.

1917-2017: quei cento anni che uniscono Fatima a Civitavecchia 


Il 2017 si avvicina e per molti si compiranno definitivamente in ottobre (mese dell’ultima apparizione in Portogallo) i segreti di Fatima. Sul segreto più controverso del terzo millennio è già stato detto molto, ma quello che tante persone non sanno è il legame fra la località portoghese e una città italiana: Civitavecchia. Diversi ricorderanno la misteriosa lacrimazione che interessò una statuina della vergine (dono del parroco alla famiglia Gregori di ritorno da un pellegrinaggio da Medjugorje) dal 2 febbraio al 15 marzo 1995. Ben quattordici furono le lacrimazioni (una addirittura nelle mani dell’allora vescovo di Civitavecchia mons. Grillo) sulle quali, dopo un’accurata indagine, si era espressa anche la procura di Civitavecchia con un verdetto sorprendente: il fenomeno è frutto di suggestione collettiva o a cause soprannaturali e spetta all’autorità ecclesiastica il compito di pronunciarsi sull’eventuale natura miracolosa del fatto. La Chiesa, però, non ha mai pronunciato nessun giudizio definitivo del fenomeno, anche dopo che la commissione d’inchiesta, costituita dallo stesso mons. Grillo, aveva dato verdetto positivo sulla miracolosità dell’evento.
Che legame, dunque, fra Fatima e Civitavecchia? La risposta sta nella figlia più piccola della famiglia Gregori, Jessica, che all’età di cinque anni assistette alla prima lacrimazione. Ma non solo. Da quella data fino ad oggi Jessica dice di parlare e vedere la Vergine Madre, presentandosi, dunque, come una veggente. Anche in questo caso, come in altri, la veggente di Civitavecchia ha già rivelato diversi messaggi che la Madonna gli avrebbe rivelato, ma tanti altri restano un segreto. In particolare quelli riguardanti Fatima. In un’intervista televisiva (la prima in vent’anni) rilasciata alla troupe della Rai per il programma “La storia siamo noi” mandata in onda nel marzo 2013 (ma girata nel giugno 2012), Jessica, che ormai è una donna sposata, racconta di aver incontrato l’ultima veggente di Fatima, suor Lucia, nel suo monastero a Coimbra, incontro nel quale si sarebbero scambiate a vicenda il segreto su Fatima. Nel video Jessica più volte dice di non poter parlare di Fatima fino a che non riceverà il benestare della Santa Sede. Come può una giovane ragazza conoscere un segreto che la Chiesa dice di aver rivelato nella sua interezza? Cosa può sapere la veggente di Civitavecchia sul terzo segreto di Fatima che non sia già stato rivelato da Giovanni Paolo II nel 2000? Jessica arrivò addirittura a scrivere a Papa Wojtyla nel febbraio 2005 avendo saputo dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute. Nel testo chiede la possibilità di incontrarlo per parlargli poiché ci sono cose che riguarderebbero la sua persona, ma ancora di più Fatima, e che nessuno gli ha mai detto. Ma Jessica non incontrerà mai il Santo Padre! Tutta questa vicenda potrebbe confermare che esista una parte non rivelata del terzo segreto di Fatima, e che ora questo segreto non solo è costudito in qualche cartella in Vaticano, ma anche nella cittadina laziale. Jessica farà dichiarazioni sorprendenti anche del pontificato di Benedetto XVI annunciando, ben otto mesi prima della sua abdicazione, la condizione di instabilità all’interno delle mura vaticane, avendo ricevuto un messaggio dalla Vergine in cui si dichiara che “il Santo Padre non comanda come dovrebbe comandare, sono i cardinali che decidono più che lui”.
Lo stesso Benedetto XVI, va ricordato, non solo si recò più volte a Fatima, ma nel viaggio di ritorno nel maggio 2010 dichiarò che “si illuderebbe chi pensasse che la missione profetica di Fatima sia conclusa”, volendo intendere con ciò che le profezie non parlano del passato della Chiesa ma del suo futuro. Lo stesso pellegrinaggio si concluse con una frase molto enigmatica: “Possano questi sette anni che ci separano dal centenario delle Apparizioni affrettare il preannunciato trionfo del Cuore Immacolato di Maria a gloria della Santissima Trinità”. Il pensiero di molti è subito volato alla profezia sui cento anni in cui stando sia alla beata Caterina Emmerich che alla visione di papa Leone XIII,  si fa riferimento ad un tempo di grande prova per la Chiesa, tempo posto sotto il dominio, per lo volontà di Dio stesso, di Satana in persona. Anche a Medjugorje (stando ai veggenti), nel 1982, la Madonna sembrerebbe confermare tale profezia: “…devi sapere che Satana esiste; un giorno si è presentato davanti al trono di Dio e ha chiesto il permesso di tentare la Chiesa per un certo periodo. Dio gli ha permesso di metterla alla prova per un secolo. Questo secolo è sotto il potere del demonio, ma quando saranno compiuti i segreti che vi sono stati affidati, il suo potere verrà distrutto”. Per molti, e forse per Ratzinger stesso, questi cento anni si compiranno con il 2017 e vedranno la piena realizzazione delle profezie di Fatima attraverso “la necessità di una passione della Chiesa” – così Benedetto XVI su Fatima – e di una sofferenza che verrà  “proprio dall’interno della Chiesa, dal peccato che esiste nella Chiesa. Anche questo si è sempre saputo, ma oggi lo vediamo in modo realmente terrificante: che la più grande persecuzione della Chiesa non viene dai nemici fuori, ma nasce dal peccato nella Chiesa”.
Matteo Carletti5 novembre 2016

http://www.libertaepersona.org/wordpress/2016/11/1917-2017-quei-cento-anni-che-uniscono-fatima-a-civitavecchia/#more-136019

Grande Prova

La seguente è una meditazione del Sacerdote, Padre Gabrielli Quartilio, a più di 200 sacerdoti e più di 10 vescovi negli Esercizi Spirituali Internazionali del Movimento Sacerdotale Mariano, a Collevalenza – Santuario dell’Amore Misericordioso (di Madre Speranza), 21-27 giugno 2015.

La Fine dei Tempi -- La Grande Prova

Cari Vescovi e Sacerdoti:

Vorrei iniziare questa meditazione innanzi tutto; un grande grazie alla Santissima Trinità Misericordia Infinita; se siamo qui è per un dono suo, non per nostra scelta; e per il dono che ci ha fatto di Maria, e per il dono del M.S.M.

Un grazie alla Madonna Mediatrice e Regina: la Madonna degli ultimi tempi, rappresentata nel bellissimo quadro che Madre Speranza ha voluto e fatto dipingere, qui sulla destra dell'altare.

In questo quadro il M.S.M. trova la spiegazione di ciò che la Madonna ci chiede con tanta insistenza e forza: "I cenacoli di preghiera", per ottenere il dono dello Spirito Santo che spazzerà via tutta la tenebra che il serpente ha diffuso in tutto il mondo e ovunque anche nella Chiesa. I Cenacoli che noi facciamo non sono altro che una incessante invocazione di questa "LUCE" per sconfiggere la "TENEBRA": ecco perché la Mamma li chiama "come un vaccino" per vincere i mali dei tempi che viviamo ora.

Dopo queste premesse disponiamoci a passare questa giornata con Maria nella preghiera, nella riflessione, nella fraternità, accogliendo quello che Maria vuole da noi oggi. Tutti noi vediamo e sperimentiamo la terribile confusione di oggi, la grande apostasia che ormai ha invaso tutto e tutti; ma ricordiamoci e teniamo presente quello che dice la Madonna a noi del Movimento per essere "Gli Apostoli degli ultimi tempi", per essere pronti alla battaglia allo scatenarsi delle forze del male.

Per questo ho scelto dei brani dai messaggi, dove troviamo descritta la prova, direi nei minimi particolari, con la descrizione dell'apostasia e dell'inganno che hanno oscurato la Verità insegnataci da Gesù e trasmessa dalla Chiesa con fèdeltà nei secoli. In questa prima meditazione mi fermerò a riportare i messaggi che ci descrivono:

1. La fine dei tempi.
2. la grande prova.


La fine dei tempi. Il messaggio apocalittico.

La prima cosa da vedere per essere convinti dei tempi che viviamo, (lasciatemi dire con dolore, perché anche per Don Stefano lo è stato: non tutti: anche nel Movimento c'è chi non crede a certi messaggi) questi sono i tempi che Lei ci descrive, per essere gli "Apostoli degli ultimi tempi”; ed è per questo che lei ha voluto questa SUA "Opera": per combattere la battaglia definitiva tra Lei, la "Donna vestita di sole, e il suo Avversario da sempre.

In questo sta tutto il messaggio di Fatima, che noi abbiamo conosciuto attraverso i messaggi del libro e molti di noi anche vivendo accanto a Don Stefano. Dico questo, perché ora il Movimento HA UN COMPITO IMPORTANTE DA SVOLGERE, nel mondo e nella Chiesa, che non può ignorare:
"Non è questo forse un forte segno che oggi tu mi dai? Vuoi farmi comprendere che la tua schiera è pronta; che i tuoi piccoli bambini ti hanno risposto, che tu hai trionfato nella vita di questi tuoi figli perché,attraverso di essi, realizzerai il trionfo del tuo Cuore Immacolato nel mondo.
Qui a Fatima è stato dato l'annuncio di un mistero che non è stato completamente svelato. Qui a Fatima c'è un messaggio che riflette un fascio di luce sopra tutti gli avvenimenti di questo secolo e su ciò che succederà nel prossimo" (Omelia di Don Stefano a Fatima, 20 novembre 1999).

Da queste parole di Don Stefano capite perché ora è il tempo della battaglia: la Madonna, la nostra Condottiera, e noi, la sua schiera, per combattere la battaglia definitiva.

Nel suo messaggio del 31 dicembre 1992, la Madonna ci ha indicato I CINQUE SEGNI DELLA FINE DEI TEMPI.

Ora li richiamo brevemente. Notate bene che la Mamma in questo messaggio dice che questi segni: "sono chiaramente indicati nei Vangeli, dalle Lettere di S. Paolo e di S. Pietro; nella Sacra Scrittura.

1 - IL PRIMO SEGNO: LA DIFFUSIONE DEGLI ERRORI:"Verranno falsi celebri teologi, che insegneranno perniciose eresie; falsi maestri, che diffonderanno errori e molti li ascolteranno e li seguiranno: "per colpa loro, si diffonderanno gli errori, la vita cristiana sarà disprezzata, a causa di questo l'apostasia si diffonderà ovunque". (Mt 24,5-9; 2Ts 2,3; 2Pt 2,1-3).

2 - Il SECONDO SEGNO: LO SCOPPIO DI GUERRE E DI LOTTE FRATRICIDI: “Ci saranno carestie e terremoti, il predominio della violenza, dell'odio, ci saranno catastrofi naturali. Con epidemie carestie, inondazioni". (Mt 24,6-12) (Ebola) Aids, i tumori, le malattie rare.

3 - IL TERZO SEGNO: LA SANGUINOSA PERSECUZIONE:''Voi sarete arrestati, perseguitati ed uccisi. Sarete odiati da tutti a causa mia. Molti abbandoneranno la fede, vi odieranno e vi tradiranno” (Mt 24,9-10).
Mai come in questi anni ci sono stati attentati alle Chiese, persecuzioni vere e proprie solo perché cristiani: Nigeria, Sudan, Iraq, Libia,Pakistan; ma ci sono anche tante altre forme di persecuzione, anche in Italia, Europa, perfino nella Chiesa stessa di oggi: Francescani dell'Immacolata.

4 - IL QUARTO SEGNO: L’ORRIBILE SACRILEGIO: "Da colui che si oppone a Cristo cioè l'anticristo. Entrerà nel tempio, siederà sul trono, facendosi adorare lui stesso come Dio, con potenza di falsi miracoli e prodigi, userà ogni genere di inganno maligno per fare il male". (2Ts 2,4-9). In che cosa consiste l'orribile sacrilegio: si accoglierà la dottrina protestante, e si dirà che la Messa non è un sacrificio ma solo la sacra cena. Questo accordo è già stato fatto con i Luterani, in cui i cattolici possono partecipare ai loro riti, e luterani ai nostri.

5 - IL QUINTO SEGNO: I FENOMENI STRAORDINARI: che avvengono nel firmamento del cielo. Si moltiplicheranno guerre, catastrofi naturali, persecuzioni... la Madonna c'invita a rimanere forti nella fede:
"Lasciatevi portare da Me e raccoglietevi tutti nel sicuro rifugio del mio Cuore Immacolato, che Io vi ho preparato proprio per questi ultimi tempi. … Io sono sempre con voi, per dirvi che la realizzazione di questi segni vi indica con sicurezza che è vicina la fine dei tempi, con il ritorno di Gesù nella gloria”. (31 Dicembre 1992)

Ma prima della liberazione dobbiamo sapere che ci aspettano i tempi che ci descrive la Madonna.

Dopo il messaggio dei 5 segni degli ultimi tempi, vorrei portare alla vostra attenzione un altro messaggio del 13 Maggio del 1994, dove vengono descritti gli ultimi tempi, i tempi conclusivi.
"Dentro il vostro tempo è l’attuazione del messaggio, che a Fatima vi ho dato e contro cui il mio Avversario si è scatenato, ma che ora apparirà in tutta la sua straordinaria importanza per la Chiesa e per tutta l’umanità. È un messaggio apocalittico. Esso riguarda la fine dei tempi. Esso annuncia e prepara il ritorno di mio figlio Gesù nella gloria”. (13 maggio 1994)

Qui la Madonna ci dice che questo messaggio "Apocalittico” riguarda la Chiesa e l'umanità. Per primo la Madonna parla dell'umanità:
Su questa umanità ritornata pagana, avvolta dal gelo della negazione di Dio e della ribellione alla sua legge di amore, corrotta dal peccato e dal male e su cui Satana domina come sicuro vincitore, Io faccio scendere i raggi di amore e di luce del mio Cuore Immacolato...
Perché solo nel mio Cuore Immacolato troverete rifugio nel momento del castigo, conforto nell’ora della sofferenza, sollievo in mezzo ad indicibili dolori, luce nei giorni della tenebra più densa, refrigerio fra le fiamme del fuoco che consuma, fiducia e speranza in una ormai generale disperazione". (13 Maggio 1994)

Queste parole riguardano l'umanità; ora vediamo cosa dice per la Chiesa. Ora prestate bene attenzione su ciò che dice sulla Chiesa:
"Su questa Chiesa, oscurata e ferita, percossa e tradita, Io faccio scendere i raggi di amore e di luce del mio Cuore Immacolato. Quando in essa sarà entrato l’uomo iniquo, che porterà a compimento l’abominio della desolazione e che avrà il suo culmine nell’orribile sacrilegio, mentre la grande apostasia si sarà ovunque diffusa, allora il mio Cuore Immacolato raccoglierà il piccolo resto fedele che, nella sofferenza, nella preghiera e nella speranza, attenderà il ritorno di mio figlio Gesù nella gloria.
Per questo oggi vi invito a guardare alla grande luce, che da Fatima si è diffusa sulle vicende di questo vostro secolo e che si fa particolarmente forte in questi ultimi tempi. IL MIO è un messaggio apocalittico, perché siete dentro il cuore di ciò che vi è stato annunciato nell’ultimo e così importante Libro della Divina Scrittura.
Affido agli Angeli di luce del mio Cuore Immacolato il compito di portarvi alla comprensione di questi avvenimenti, ora che Io vi ho aperto il libro sigillato”. (13 Maggio 1994)

Vorrei che notaste le ultime parole che affida ai piccolo resto fedele:
"Siete dentro il cuore di ciò che vi è stato annunciato nell’ultimo e così importante Libro della Divina Scrittura”; e che la Madonna ci affida “agli Angeli della luce per portarci alla comprensione di questi avvenimenti" (13 maggio 1994).

A questo proposito riporto le parole dette da Benedetto XVI sul terzo segreto di Fatima nel 2010, durante il viaggio a Fatima. Il Papa rispondeva a un giornalista che chiedeva se nelle visioni di Fatima c'erano incluse le sofferenze della Chiesa di questo tempo (era il momento degli scandali per pedofilia). Il Papa ha risposto:
“La più grande persecuzione alla Chiesa non viene dall'esterno, dai nemici di fuori, ma nasce dal peccato nella Chiesa nel suo interno... Sono indicate realtà del futuro della Chiesa che conosceremo man mano si sviluppano e si mostrano c'è una visione della passione della Chiesa che naturalmente si riflette nella persona del Papa, la terribile crisi della fede, accompagnata da una profonda crisi morale... le soluzioni sono esterne, che riguardano un secolarismo costruttore di barriere contro la fede più preoccupato di pubblicità e di efficienza che della Verità".

A questo punto sono tantissimi i messaggi da analizzare, ed è impossibile vederli tutti; per questo vorrei soffermarmi principalmente sull'anno 1975: Siate nella Gioia.


Siate nella gioia.
"Vivi ogni momento in Me, senza pensare al domani, senza mai preoccuparti di ciò che dovrai fare… Presto tutto sarà piombato nell’oscurità. Allora Io stessa sarò la vostra condottiera… Per questo abituatevi a non guardare alle cose, ma a Me sola… Non guardate a quanto molti oggi fanno contro mio Figlio e contro di Me e si dispongono a fare contro di voi. Si avvicina l’ora delle tenebre, l’ora in cui dovrete bere il calice che mio Figlio ha preparato per ciascuno di voi. Ma neppure guardate a quest’ora, perché non vi prenda la paura e il turbamento. Guardate solo al mio Cuore Immacolato: qui rifugiatevi e riscaldatevi, qui rafforzatevi. Qui sentitevi al sicuro”. (15 marzo 1975)

Qui la Madonna ci avverte: noi siamo chiamati a vivere questi tempi con serenità, guardando solo a Lei, al suo Cuore di Mamma; ma che ci vuole anche consapevoli “dell'ora delle tenebre" e che siamo chiamati a bere il "calice amaro”.

È ora che incominci a svelarvi parte del mio piano. Anzitutto è necessario che il mio Nemico abbia l’impressione di avere tutto conquistato, di aver ormai ogni cosa nelle sue mani. Per questo gli sarà concesso d’introdursi anche nell’interno della mia Chiesa e riuscirà ad offuscare il Santuario di Dio”. (18 ottobre 1975).
Satana sta tramando in maniera sempre più aperta nella mia Chiesa. Si è ormai associato tanti miei figli Sacerdoti, illudendoli con il falso miraggio che il marxismo a tutti propone: l’interesse esclusivo dei poveri; un cristianesimo impegnato solo nella costruzione di una più giusta società umana; una Chiesa che si vorrebbe più evangelica e perciò sottratta alla sua istituzione gerarchica. Questa vera divisione nella mia Chiesa, questa vera apostasia da parte di tanti miei figli Sacerdoti, si accentuerà e diventerà anzi una violenta e aperta ribellione”. (31 dicembre 1975)
"Figli miei prediletti. Voi siete la mia trama; il disegno d’amore della vostra Mamma; il dono che Io faccio alla Chiesa perché sia consolata nella passione e nell’apparente morte che l’attende, prima del suo meraviglioso rinnovamento con il trionfo del mio Cuore Immacolato nel mondo". (31 gennaio 1975)

Noi siamo il disegno del suo Amore di Mamma. CAPITE!!!


La grande prova
"Preparatevi a vivere momenti che la storia della Chiesa non ha mai conosciuto e in cui ogni cosa sembrerà sovvertita. Ma nella più grande oscurità Io sarò vostra luce e la vostra guida.
Perciò non temete mai... abbiate la più grande fiducia nel Mio Cuore Immacolato... siete chiamati a vedere il più grande trionfo della Misericordia di Dio nel mondo”. (1 gennaio 1978)

"In questi tempi la Chiesa è chiamata a vivere le ore della agonia e del Getsemani; le ore della passione redentrice; le ore della sua cruenta immolazione sul Calvario… Quale pesante Croce devono portare oggi questi miei amatissimi figli!
La croce dell’apostasia e della mancanza di fede; la croce dei peccati e degli innumerevoli sacrilegi; la croce dell’abbandono e del rifiuto; la croce della condanna e della crocifissione. È vicino per la mia Chiesa il momento dello spargimento del sangue e della sua cruenta immolazione.
Soprattutto in questi tempi, Io sono sempre accanto a questa mia figlia sofferente ed agonizzante, come lo sono stata sotto la Croce, su cui Gesù veniva immolato per la nostra redenzione…
Pregate, figli prediletti, fate penitenza, perché ormai siete entrati nel tempo del grande castigo che il Signore manderà per la purificazione della terra… La vostra sofferenza aumenterà con l’aumentare della prova che è già incominciata.” (1 gennaio 1991)

La grande prova è giunta per tutti voi, miei poveri figli, così minacciati da Satana e colpiti dagli Spiriti del male…
Mai, come ai vostri giorni, la pace viene tanto minacciata, perché la lotta del mio Avversario contro Dio si fa sempre più forte, insidiosa, continua ed universale”. (1 gennaio 1993).

È un mistero di amore e di dolore, di luce e di tenebra, di gioia e di sofferenza, di morte e di vita… È una prova tanto grande e dolorosa, che voi non potete neppure immaginare, ma è necessaria per la Chiesa e per tutta l’umanità, perché possa giungere a voi la nuova era, il mondo nuovo, la riconciliazione dell’umanità con il suo Signore”. (2 febbraio 1991)


Siete così entrati nella grande prova.
"Il pericolo che correte è quello di perdere la Grazia e la comunione di vita con Dio, che mio figlio Gesù vi ha ottenuto nel momento della Redenzione, quando vi ha sottratto dalla schiavitù del Maligno e vi ha liberato dal peccato. Ora il peccato non è più considerato un male; anzi spesso viene esaltato come un valore ed un bene… RICONOSCETE IL PECCATO COME IL MALE PIÙ GRANDE, come la fonte di tutti i mali individuali e sociali.
La grande prova è giunta per la Chiesa, tanto violata dagli Spiriti del male, così divisa nella sua unità ed oscurata nella sua santità. Vedete come in essa dilaga l’errore che la conduce alla perdita della vera fede. L’apostasia si diffonde in ogni parte. SPECIALE DONO del mio Cuore Immacolato per questi vostri tempi è il CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA, che il mio Papa ha voluto promulgare, quasi suo luminoso e supremo testamento.
Soprattutto per la Chiesa è giunta l’ora della sua grande prova, perché sarà scossa dalla mancanza di fede, oscurata dalla apostasia, ferita dai tradimenti, abbandonata dai suoi figli, divisa dagli scismi, posseduta e dominata dalla massoneria, resa terra fertile da cui spunterà l’albero cattivo dell’uomo malvagio, dell’anticristo, che porterà al suo interno il suo regno.
Quanto più entrerete nel tempo della grande prova, tanto più sperimenterete, in maniera straordinaria, la mia presenza di Mamma accanto a voi per aiutarvi, per difendervi, per proteggervi, per consolarvi, per prepararvi nuovi giorni di serenità e di pace”. (1 gennaio 1993).

Ora lasciatemi fare un piccolo sfogo. Voi sapete che la Madonna ha disposto che passassi gli ultimi anni accanto a Don Stefano, e vi posso dire che erano molte le prove e le sofferenze che ha dovuto affrontare per il Movimento; ma ricordo, per lui era di grandissima sofferenza quando qualche responsabile metteva in dubbio i messaggi e così dubitava sulla la loro veridicità. Nel 2000 molti responsabili non hanno più partecipato agli esercizi spirituali annuali, vari hanno continuato ma poi hanno lasciato. Ricordo a questo proposito; Gerardo, P. Fabio del Salvador, un Vescovo del Perù che per vari anni ha tenuto delle bellissime meditazioni sui messaggi con le relative citazioni bibliche; e tanti altri....

Anche ai nostri giorni penso che per il Movimento sia arrivato il momento di essere pronti a svolgere la missione che Lei, la Condottiera, ci chiede; dobbiamo affrontare delle prove dolorose, perché questi sono i tempi della grande battaglia.

Cosa ci chiede di fare la Madonna, in questi tempi di battaglia.
"Preparatevi a vivere momenti che la storia della Chiesa non ha mai conosciuto e in cui ogni cosa sembrerà sovvertita. Ma nella più grande oscurità Io sarò vostra luce e la vostra guida.
Perciò NON TEMETE MAI.. abbiate la più grande fiducia nel Mio Cuore Immacolato... siete chiamati a vedere il più grande trionfo della Misericordia di Dio nel mondo". (1 gennaio 1978)

Qui la Madonna ci dice di prepararci per questi momenti di grande buio nella Chiesa e noi ora li viviamo questi tempi, in cui si vuole sovvertire la Verità del Vangelo, si vuole trasformare la Fede, solo in pietismo, ecumenismo...
"Come Mamma sono sempre accanto a voi, alla Chiesa ed alla umanità, per condurvi sulla strada dell’attuazione del Volere del Padre… in modo che la santissima e divina Trinità sia sempre più glorificata; dove si trova la sorgente della nostra gioia, e della nostra pace.” (1 gennaio 1993)

La grande prova è iniziata perché siamo minacciati da satana che ci fa perdere il vero senso del peccato, la vera causa di ogni male non solo spirituale ma anche fisico. La grande prova è iniziata in modo particolare per la Chiesa, e la Madonna ci invita a guardarla:
"Vedete come in essa dilaga l’errore che la conduce alla perdita della vera fede. L’apostasia si diffonde in ogni parte. Speciale dono del mio Cuore Immacolato per questi vostri tempi è il Catechismo della Chiesa Cattolica, che il mio Papa ha voluto promulgare, quasi suo luminoso e supremo testamento.” (1 gennaio 1993)

Ecco, carissimi: non ci resta che guardare a Maria come Madre di Dio ma anche come vera Madre nostra e Madre della Chiesa. Siamo chiamati a non lasciarci sopraffare dalla sfiducia, dalla paura, tanto meno dallo scoraggiamento, anche se vediamo che:
"L’ateismo si è organizzato come forza protesa alla conquista del mondo intero e alla completa distruzione della mia Chiesa… Voi, poveri figli miei, siete i più colpiti in una lotta che è soprattutto fra Me e il mio Avversario… prima ancora di annunciarvi la battaglia, daMamma vi ho invitato a cercarvi un sicuro rifugio… IL MIO CUORE IMMACOLATO: capite ora, figli, perché questo è il più grande dono che il Padre celeste vi offre. Il mio Cuore Immacolato è il vostro più sicuro rifugio e il mezzo di salvezza che, in questi momenti, Dio dà alla Chiesa e all’umanità. E’ l’Opera che Io sto facendo nella mia Chiesa per chiamare a rifugiarsi in Me tutti i Sacerdoti, i miei prediletti…
Questa mia vittoria è già iniziata e presto splenderà su tutta lai Chiesa e sulla intera umanità rinnovata". (8 dicembre 1975)

"Consapevoli che l’ateismo ha fatto naufragare nella fede un grande numero di fedeli, che la dissacrazione è entrata nel Tempio santo di Dio non risparmiando neppure tanti nostri fratelli sacerdoti, che il male e il peccato sempre più dilagano nel mondo, osiamo alzare fiduciosi gli occhi a Te…” (atto di Consacrazione)

Quindi via la sfiducia, via la paura da noi del Movimento: l'unica preoccupazione deve essere quella di entrare e di aiutare altri ad entrare nel sicuro rifugio del Cuore Immacolato di Maria, vivendo la consacrazione al suo Cuore Immacolato "con lo semplicità dei bambini, in spirito di umiltà, di povertà, di fiducia e di filiale abbandono" (31 dicembre 1997).

E questo, anche se ormai è giunto il tempo in cui ...
"Coloro che vi ostacolano, che vi calunniano, che vi disprezzano, che vi emarginano, che vi perseguitano crederanno di fare cosa gradita al Padre Celeste e persino a Me, vostra Mamma Immacolata.
Questo fa parte del tempo tenebroso che vivete. Perché ormai entrate nella fase più dolorosa e più tenebrosa della purificazione e presto la Chiesa sarà scossa da una persecuzione terribile, nuova, che finora non ha ancora conosciuto”. (12 novembre 1988)

Oggi, carissimi, se uno non la pensa come i tanti altri, l'accusa più piccola è: sei un conservatore o Lefrevriano; o peggio ancora: sei contro il Papa, quindi non sei dei Movimento... Sentite cosa ci dice LEI, la Madre della Chiesa:
"Sono particolarmente accanto alla Chiesa in questi ultimi tempi, in cui essa deve vivere l’ora sanguinosa della sua purificazione e della grande tribolazione.
Anche per lei deve compiersi il disegno del Padre Celeste ed è così chiamata a salire il Calvario della sua immolazione. Questa mia amatissima figlia sarà percossa e ferita, tradita e spogliata, abbandonata e condotta al patibolo, ove verrà crocifissa.
Nel suo interno entrerà l’uomo iniquo, che porterà al culmine l’abominio della desolazione, predetta dalle divine Scritture.…”. (1 gennaio 1994)

"Ancora per poco avete da camminare nella luce: presto tutto sarà piombato nell’oscurità. Allora Io stessa sarò la vostra luce e vi guiderò a compiere ciò che il mio Cuore Immacolato desidera.
Per fare questo, figli prediletti, vi devo chiedere ciò che alla vostra natura umana costa di più: vi chiedo di vivere senza pensare al domani, senza preoccuparvi del futuro… Vivete, con perfetto amore e con perfetto abbandono, il presente che Io - attimo per attimo - dispongo per voi.
Per questo abituatevi a non guardare alle cose, ma a Me sola. Non guardate a ciò che vi attende, alle vicende così tribolate di questo vostro tempo…
Si avvicina l’ora delle tenebre, l’ora in cui dovrete bere il calice che mio Figlio ha preparato per ciascuno di voi. Ma neppure guardate a quest’ora, perché non vi prenda la paura e il turbamento.
Guardate solo al mio Cuore Immacolato: qui rifugiatevi e riscaldatevi, qui rafforzatevi. Qui sentitevi al sicuro. Abbandonatevi a questo mio Cuore completamente, senza riserve: solo allora risponderete al mio disegno di salvezza". (15 marzo 1975)
"Nello stesso momento infatti in cui Satana si sarà assiso quale signore del mondo e si sentirà ormai vincitore sicuro, Io stessa gli strapperò dalle mani la preda. Si troverà per incanto a mani vuote e all’ultimo la vittoria sarà soltanto di mio Figlio e mia: questa sarà il trionfo del mio Cuore Immacolato nel mondo”. (19 dicembre 1973)

Sono tanti i segni ormai chiari che, in questi tempi, Satana si è assiso sicuro di vincere, anzi di stravincere; non lasciamoci ingannare: lui non prevarrà: e accogliamo l'invito della Mamma:

La croce che Gesù vi domanda oggi di portare: vivere accanto a fratelli Sacerdoti che non credono più, che non vivono più, che tradiscono il Vangelo, che sono servi infedeli e restano tuttavia nella Chiesa per essere i ministri di questa infedeltà.
Questa per voi è la croce più pesante, ma rientra in un mio più grande disegno.
Gli avvenimenti decisivi sono ormai iniziati, e questo che voi vivete è il principio. Dovrà ancora approfondirsi e aggravarsi questo scandalo. Dovrete essere chiamati sempre più a soffrire, perché questa vera apostasia dal Vangelo diventerà un giorno generale nella Chiesa, prima della purificazione liberatrice.” (9 luglio 1975)

Proprio oggi un carissimo confratello mi ha raccomandato di non citare per il momento questi messaggi, perché, diceva, è troppo presto, non si è capiti e potremmo allarmare le persone per niente. Ma io dico: sono 40 anni che Lei, la Mamma, ci ha detto queste cose: cosa dobbiamo aspettare!
"E’ il momento in cui questo dovete sapere, per prepararvi consapevolmente alla battaglia. È ora che incominci a svelarvi parte del mio piano.
Anzitutto è necessario che il mio Nemico abbia l’impressione di avere tutto conquistato, di aver ormai ogni cosa nelle sue mani. Per questo gli sarà concesso d’introdursi anche nell’interno della mia Chiesa e riuscirà ad offuscare il Santuario di Dio. Mieterà le vittime più numerose fra i Ministri del Santuario.” (18 ottobre 1975)

L'Avversario deve avere l'impressione che ha tutto in mano, con l'introdursi all'interno della Chiesa, mietendo così tante vittime tra i ministri, e questo, carissimi, noi lo vediamo ogni giorno: e come Movimento Sacerdotale Mariano dobbiamo ancora fare finta che tutto è normale!?!

Padre Gabrielli Quartilio

- - - - - - -

Notate:

Diversi vescovi hanno dato il loro Imprimatur al libro, con i messaggi della Madonna rivelati attraverso Don Stefano Gobbi. Si può trovare queste Imprimatur e anche tutti I messaggi a:
Ai sacerdoti figli prediletti della Madonna”,
visitate:

- - - - - - -

Il “Fiat Lux” del Vaticano, il 8 dicembre 2015, ha dimenticato di far vedere la specie più minacciata – i bambini non nati!

In inglese, visitate:

Vatican’s ‘climate change’ light show skipped the most endangered species of all – the unborn child”

As the Year of Mercy launches with this show, it makes me wonder if we’re testing God’s mercy rather than celebrating it.”

7 commenti:

  1. Ormai siamo ossessionati dal prurito di voler conoscere il futuro. Messaggi di qua, messaggi di là; veggenti che spuntano come funghi da ogni parte. Lacrimazioni a gogò più o meno sanguinolente, sigmate a mani e altrove e via discorrendo. Io in tutto questo ci trovo ( tenendo conto comunque del periodo miserabile in cui stiamo vivendo )un grande peccato,il peccato di voler essere più di Dio, di voler a tutti i costi come forzare e scrutare i disegni di nostro Signore. Siamo diventati un popolo mezzo cristiano, con atteggiamenti non solo millenaristici,ma anche pagani e divinatori.Vogliamo anticipare e programmare tutto e tutti.Anche Dio. Abbiamo assorbito pian piano senza accorgercene la mentalità televisiva che programma tutto e tutti e su tutti indaga e su tutto pontifica.Ci manca la fede!!!! Abbiamo perso la fede!!!,si prega troppo poco, non si accettano le croci;vogliamo stare con un piede in due scarpe, una con il mondo perchè ci fa comodo, e una con Dio ( che detto tra noi ci fa meno comodo perchè ci chiede di salire e di passare per la porta stretta).Non vogliamo il suo giogo e soprattutto non ci fidiamo di LUI perchè non gli vogliamo più bene, non lo amiamo Crocifisso, ma solo quando ci guarisce dai mali e quando stiamo bene e pancia piena.Stiamo cadendo nelle braccia del nemico senza accorgercene , imbambolati dl Pifferaio Magico del mondo. jane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sia lodato Gesù Cristo.

      Concordo con lei, aggiungo infatti due questioni. La prima è la condanna per Don Stefano Gobbi, condanna emessa dell' arcivescovo Agostino Cacciavillan (USA) 12.1.95, quindi perchè tirarlo in ballo?. Altra questione è Medjugorje, tirata in ballo continuamente, anche qui senza approvazione e con leggerezza estrema, già questo è fortemente sospettoso e antimariano, ( Virgo Prudentissima, Sèdes Sapiéntiae ). Domando, ma quando verrà fuori la verità questa imprudenza non potrebbe costare caro? A Medjugorje si parla di segreti e di un segno indiscutibile, però a differenza di Fatima e Lourdes, questo segno sono oltre 35 anni che si attende. Se dovesse accadere come a Garabandal, dove la persona è morta senza che si manifestasse il miracolo – e non solo - promesso, come prova di verità? La proverbiale prudenza della chiesa, dovrebbe riguardare ancor più i fedeli che dovrebbero solo attendere e pregare, infatti lo scandalo fa perdere le anime guadagnate e molte altre in più. Bisognerebbe ricordare le parole di N.S. Gesù Cristo in merito allo scandalo, Egli ci dice che sarebbe meglio non essere nati, piuttosto che dare scandalo.

      Viva Maria

      Elimina
    2. Il motivo per la pubblicazione l'ho sintetizzato nel titolo "grano e zizzania" come ricorda il Vangelo di ieri (Vetus Ordo).

      Non so chi sia ossessionato dal prurito di conoscere il futuro.. mi sembra in realtà che siano molto pochi coloro che vivano con Fede, questo tempo calamitoso, sia dentro che fuori della Chiesa.
      Vero é che c'é una pletora di messaggi e veggenti pseudo mariani e che tanti fedeli, sacerdoti e vescovi ne usano e abusano senza umile discernimento, anche perché l'autorità tace, e tacendo (forse per interesse?) non aiuta a discernere fra grano e zizzania.

      Su don Gobbi mi pare che oltre a quanto riportato sulla condanna del 95, sia evidente come la falsa profezia del 1998 (=666x 3) abbia demolito il fenomeno, forse proprio per eliminare quanto di positivo era scritto nel libro «Ai Sacerdoti figli prediletti della Madonna».

      Su Med. e Gospa mi pare che ci siano pochi dubbi.

      Su Civitavecchia personalmente mantengo molti dubbi, ciò non toglie che alcuni contenuti possano risultare credibili e utili.

      In tutto questo perciò mi pare che accanto a tanta zizzania, ci sia qualche stelo di grano e che con prudenza, possa essere riconosciuto, senza fare del millenarismo, anzi forse per cercare di vivere con fede, nonostante la confusione.

      Elimina
    3. Caro amico Brontolone, non mi riferivo certamente a te quando parlavo di ossessioni pruriginose. Certamente vi è del buon grano , Dio non abbandona la sua Chiesa.jane

      Elimina
    4. Sia lodato Gesù Cristo

      Grazie per la risposta e per il sito in generale. Preciso che non stavo puntando il dito sull'articolo in se per se, ma alla sete di straordinario che esiste e nel essere più creduloni che credenti. Pensate davanti a delle obiezioni o meglio le contraddizioni su Med. ho visto assumere posizioni ideologiche. Anche io su Civitavecchia la penso più o meno come lei, del resto leggendo una risposta del sig. Gragori alla seguente osservazione:
      Alcuni sostengono che lei non ama associare i fatti che investono la sua famiglia con quelli di Medjugorje…
      La mia preoccupazione è che la mariofania di Civitavecchia sia conosciuta in sé stessa per la sua specificità. Mi spiego. Sia la statua che ha lacrimato sangue, custodita al santuario, sia la statua che abbiamo in casa che essuda olio sono state fabbricate a Medjugorje e ne riportano il nome sul basamento. Il legame è evidente e ne ho profondo rispetto.
      Ma in questi vent’anni ho provato dispiacere nel vedere che molti si sono fermati a sottolineare unicamente la provenienza delle due immagini, senza approfondire l’iniziativa della Vergine a Civitavecchia. A me e alla mia famiglia la Madonna ha chiesto di vivere e testimoniare il messaggio che ha dato qui. E nelle sue apparizioni ella ha fatto riferimento a Fatima: «Ho scelto Fatima per l’inizio del secolo ventesimo», ha detto, «Civitavecchia sul suo finire».
      Interessante in qualche maniera
      Saluti
      Paolo
      Viva Maria

      Elimina
  2. Siamo in un tempo sia d'apostasia e sia di creduloneria. Abbiamo molte chiese ( che oltre ad essere chiuse ) sono molto poco frequentate, mentre in luoghi dove si blatera di apparizioni attribuite al cielo, la folla va come povere pecore in cerca di miracolismo, e si dimentica che nel tabernacolo c'è la presenza reale di nostro Signore Gesù Cristo.Così, dimenticandosi della sana e santa dottrina si diventa pruginosi e vogliosi di miracolismo, non ci si accontenta più della nostra vita così come il Signore c'e l'ha donata,e del posto in cui ci ha messi, ma si vuole di più,si vuole essere partecipi e anche usufruttari di vedere quello che non si può ne' vedere ne'tanto meno toccare,si vuole decidere che quello che tizio o caia ci propinano sia la verità e che in tal posto ci sia l'apparizione o la locuzione voglio essere io a deciderlo senza bisogno che nessuno se ne faccia interprete perchè a me piace così. Siamo in tempi di tutta confusione e come diceva san Pio da Pietrelcina: tutte tenebre. jane

    RispondiElimina
  3. voce di uno che grida nel deserto7 novembre 2016 23:24

    volontà di conoscere il futuro?creduloneria?ossessioni pruriginose?atteggiamenti
    millenaristici?ricerca di miracolismi?chiudiamo tutti i santuari mariani a cominciare da Lourdes e poi a seguire Fatima e tutti quelli riconosciuti come veri dalla Santa Madre Chiesa...basta madonne che piangono lacrime di sangue,basta frati con le stigmate, abbiamo la sana e santa dottrina e voilà ecco il bel Lutero servito su un piatto d'argento a tutti coloro che ormai cattolici maturi non credono più agli interventi divini per raddrizzar i gobbi:benvenuti lor signori nella neochiesa Bergogliana dove tutti son ben accetti tranne i cattolici...benvenuti lor signor all'INFERNO!!!(ma non diteglielo che è un'invenzione pagana e divininatoria potrebbe restarci di un male Lucifero)Vagliate TUTTO e trattenete ciò che vale dice San Paolo ma anche lui va liquidato...c'è una grande confusione ma c'è anche tanta superbia

    RispondiElimina