ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

martedì 28 marzo 2017

Pap A e Pap B*

Kirill denuncia e condanna un'eresia globale


Il Patriarca ortodosso Kirill: la Chiesa deve combattere un 'eresia globale' senza precedenti che rivendica il diritto di peccare


Mosca, Russia, 23 marzo 2016 ( LifeSiteNews ) - Il leader di 200 milioni di cristiani ortodossi della Russia dice che il mondo moderno è intriso di eresia come mai prima.

L ' "eresia" contro cui egli parla è "adorare l'umano" sancendo leggi che danno il "diritto" di peccato, che il Patriarca chiama "la nuova idolatria che rimuove Dio dalla vita umana."

E avverte che le conseguenze di questo moderno eresia "possono diventare apocalittiche".


Parlando dal pulpito della Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, il Patriarca Kirill ha detto: "Oggi stiamo [assistendo] ad un'eresia globale di inchinarsi per l'uomo, la nuova idolatria che rimuove Dio dalla vita umana ... Niente di simile mai prima era accaduto su scala globale ".

Predicando nella Domenica dell’Ortodossia, la prima Domenica della Quaresima ortodossa, il primate ha deplorato che il criterio della verità nella società attuale è dato dai "diritti",  individuali e che una tale mentalità "ha dato inizio ad un rivoluzionario esilio di Dio dalla vita dell'uomo e quella della società.”

SuaSantità ha detto che l'eresia è iniziata in Europa occidentale e in America, ma ora è in tutto il mondo, che sta infestando anche suo paese. "L'idea di una vita senza Dio sta sviluppando su larga scala in tutto il mondo", ha avvertito.

Ha criticato l'elevazione dei diritti umani al sopra della moralità, la decenza, la Bibbia, e anche di Dio stesso. "Stiamo vedendo come gli sforzi concertati sono stati fatti in molti paesi ricchi di stabilire per legge il diritto di una persona a qualsiasi scelta, tra cui i più peccaminose, quelli che contraddicono la Parola di Dio, il concetto di santità, il concetto di Dio"

Il Patriarca ha poi esortato la sua Chiesa a combattere questa moderna eresia. "E 'specificamente per superare la presente eresia, le cui conseguenze possono diventare apocalittiche, che la chiesa deve mirare l’impeto della sua forza, la sua parola, il suo pensiero".

"Dobbiamo difendere l'ortodossia", ha detto Kirill.
http://unafides33.blogspot.it/2017/03/kirill-denuncia-e-condanna-uneresia.html
Dov'è il Papa in questo "punto di non ritorno" per la civiltà occidentale?
Cristo Gesù proteggerà "usque ad consummationem saeculi" la Sua Chiesa che "  è una, santa, cattolica e apostolica nella sua identità profonda e ultima, perché in essa già esiste e si compirà alla fine dei tempi « il regno dei cieli », « il regno di Dio », ... (Catechismo della Chiesa Cattolica;Parte Prima la Professione della Fede Cattolica QUI )
Sappiamo infatti che "
Non ai papi ma a Cristo, al Signore stesso e a nessun altro appartiene la navicella di Pietro frustata dalle onde del mare in tempesta" (Mons.G.Gänswein 20/5/2016) e "Nessun Erode è in grado di spegnere la luce della speranza, della fede e della carità di colui che crede in Cristo!" (Papa Francesco nella Solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo 2015 QUI)
Più volte, in differenti sedi  diametricalmente lontane e belligeranti fra di loro, abbiamo sognato almeno una tregua risanante per difendere l'agonizzante civiltà occidentale.
Postiamo ad hoc un interessante articolo di una mente onestamente laica .
Buona lettura!
AC


MA CHI CI DIFENDE? 
( dal Il Resto del Carlino del 25 marzo 2017)


Dove sono i nostri difensori davanti all'invasione dei migranti? 
Un governo imbelle che balbetta provvedimenti legalitari e chiama l'Europa invano in soccorso, mentre accoglie ogni giorno migliaia di disperati che non possiamo più mantenere? 


Un'opposizione di incompetenti narcisi, come quella dei grillini, che si scatena per l'abolizione dei vitalizi invece di contribuire alla nostra difesa, unita al governo? 

Anche nel 1453, mentre il turco Maometto II, avo di Erdogan, prendeva Costantinopoli, i bizantini-grillini discettavano sul sesso degli angeli. 

E il Papa? 


Perchè non mostra il suo amore cristiano anche a noi? 

Lo invoca per i disperati che vengono dal mare, sul quale getta corone di fiori. 

Ma non meritiamo anche noi italiani di essere compresi nell'abbraccio del Cristo dal suo vicario? 

Noi non vogliamo attaccare, ma solo difendere la patria dei nostri padri. 

Quel che abbiamo, quel che siamo, ce lo siamo guadagnati con tanta fatica. 

Dove sono i Pio V, che seppero armare la difesa contro i Turchi, fermandoli a Lepanto nel 1571? 

Taccio di Giulio II, che al grido di "fuori i barbari", armò le sue forze contro gli spagnoli. 

Dove sono i Giovanni Sobieski, che arrestarono alle porte di Vienna, nel 1683, le armate musulmane, superando il particolarismo polacco per amore dell'Europa cristiana? 

E fino a quando sopporteremo il cinismo di Erdogan, che rivela il disegno dell'Islam di distruggere l'Occidente, facendo figliare ad ogni famiglia almeno cinque bambini? 

E noi europei paghiamo quest'uomo, come gli ultimi imperatori romani pagavano il tributo al re dei barbari. 
A completare il quadro, un politico olandese, di quel Nord Europa devoto al culto della divina bottiglia, ci rimprovera di essere inclini alla gozzoviglia ed ai piaceri di Venere.... Deus amentat quos vult perdere - Dio toglie il senno a chi ha deciso che si perda- .

E l'immobilità decisionale del nostro governo è anche il frutto avvelenato della sconfitta di un referendum, che consentiva invece la necessaria governabilità. perchè quando la casa brucia, non si può perdere tempo per paura di essere fuori dalla Costituzione: bisogna agire, e agire subito.

Il commento del blog cattolico (sotto linkato ) 
" Al netto di qualche distinguo, e mi riferisco soprattutto alle considerazioni circa il referendum, cui unisco la consapevolezza che siamo ancora lontani dal prendere coscienza con umiltà che o si torna a Cristo o siamo finiti; tralasciando che sono proprio i signori come lo scrivente che, colonizzando la cultura dal dopoguerra in poi, hanno contribuito a portarci dove siamo arrivati, espellendo il cristianesimo per fare posto a cumuli di deleterie truffe superomistiche; sorvolando sul fatto che i Giovanni Sobieski, San Pio V e tutti gli altri soldati di Cristo che nei secoli passati ci hanno difesi ed ai quali dovremmo essere grati in eterno, sono frutto di una civitas cristiana che oggi, in occidente, è quantomeno agonizzante, e che gli stessi, ai nostri giorni, per molto meno verrebbero immediatamente fatti fuori e seppelliti sotto montagne di ignominia (Benedetto XVI docet); ecco, a parte tutto ciò, prendo atto con gioia e preoccupazione che anche il mondo cosiddetto laico comincia a capire che forse, in fondo, un Papa che faccia il Papa dei cristiani non sarebbe poi così malvagio, che la scomparsa del vir christianus per l'homo voluptati deditus, al di là dei consumi, non può contribuire. 

Con gioia, perchè mi illudo che, davanti all'incombere del pericolo sempre più stringente, le menti di coloro che pilotano le masse cambino parole d'ordine; con preoccupazione, perchè se perfino un Pazzi arriva ad invocare quell'integralista di San Pio V, uno degli innominati dei cattolici à la page, vuol proprio dire che forse il punto di non ritorno è già stato abbondantemente superato".


Dal blog Bonum Semen il post dal titolo : Se anche i laici cominciano a rimpiangere quell'integralista di San Pio V