ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

domenica 11 giugno 2017

“Con Francisco a mi lado”..



SCHOLAS OCCURRENTES E IL GENDER. UN LIBRETTO IMBARAZZANTE. CHE COSA PENSA DAVVERO IL PONTEFICE?
Un articolo appassionato di Montse Sanmartì sul sito spagnolo Como Vara de Almendro pone in luce, una volta di più, atteggiamenti contraddittori del Pontefice. Qualche giorno fa a Roma è stata aperta la sede ufficiale di Scholas Occurrentes, a piazza San Callisto, nei palazzi vaticani del rione Trastevere. Scholas Occurrentes è una Fondazione, nata quando Jorge Bergoglio era arcivescovo di Buenos Aires, nata come una collegamento di scuole di quartiere, che si è sviluppata poi fino a diventare un progetto presente in molti Paesi, con tre obiettivi fondamentali. Lavorare sui giovani con Istruzione, Sport e Cultura. Dal 2013 Scholas Occurrentes è diventata una “Pia fondazione di Diritto Pontificio”, le cui finalità sono “congruenti” con la missione della Chiesa.
Però….Come fa notare Montse Sanmartì, non sembra – almeno a leggere quello che è scritto sul sito della Fondazione – che di cristianesimo si parli molto. Si parla di cultura dell’incontro e dell’impegno per il bene comune, e si mette bene in rilievo il fatto di essere appoggiati dal Papa. E invece una collana di libretti per studenti, “Con Francisco a mi lado”, “Con Francesco al mio fianco” possono creare un certo imbarazzo. Infatti sul numero di aprile del 2016 della rivista on line “Christian Order” una giornalista cattolica statunitense, Maike Hickson, rilevava alcuni punti presenti in questi libretti, che aveva ricevuto da María Paz Jurado, una delle responsabili di Scholas Occurrentes. La Hickson notava che nel testo dedicato dal tema della diversità le diverse forme di “famiglia” sono messe tutte alla pari, comprese le coppie omosessuali con bambini; il che è certamente contrario non solo a quello che la Chiesa dice, ma anche a quello che dice il Pontefice. In un altro punto, del libretto dedicato alla “Stima di sé”, ha visto che si promuoveva l’idea della scelta variabiledella propria identità, compresa quella sessuale. Maike Hickson ha chiesto per iscritto a Scholas Occurrentes di dare chiarimenti su questa linea educativa, certamente lontana da quella proposta dalla Chiesa. Ma non ha mai ricevuto risposta.

In buona sostanza, è quello che propone l’ideologia Gender; e cioè il fatto che l’identità anche sessuale è slegata dal dato fisico maschio-femmina. In Spagna girava tempo fa la pubblicità secondo cui ci sono bambine con il pene e bambini con la vulva, per sponsorizzare questo genere di pensiero. Trovarlo però in una Pia Fondazione di diritto pontificio può suscitare un certo grado di curiosità. Anche perché il Pontefice, tornando dall’Azerbaijan, sulla ideologia Gender, che si sta cercando di far filtrare anche nelle scuole italiane, in maniera surrettizia, è stato tranciante: “Quello che ho detto, è questa cattiveria che oggi si fa nell’indottrinamento della teoria del Gender…questo lo chiamo colonizzazione ideologica”.
E allora? Come spesso succede in questo Regno, non ci sono risposte chiare. Certe frasi, comportamenti, posizioni, e soprattutto scelte e promozioni di uomini, appaiono spesso contraddittori, ambigui, per non dire schizofrenici.
MARCO TOSATTI
http://www.marcotosatti.com/2017/06/11/scholas-occurrentes-e-il-gender-un-libretto-imbarazzante-che-cosa-pensa-davvero-il-pontefice/

Alcune Suore Francescane dell’Immacolata diventano Suore Carmelitane



La priorìa delle Suore Francescane dell’Immacolata a Lanherne, diocesi di Plymouth, Inghilterra, è diventato un monastero carmelitano, scrive Sara Harvey-Craig su friendsoflanherne.org.

Ne luglio 2001 dodici suore del ramo contemplativo delle Suore Francescane dell’Immacolata si è trasferita a Lanherne, un ex monastero carmelitano acquistato da un gruppo di laici.

In seguito l'Ordine, comprese le suore di Lanherne, grazie al "Motu Proprio" di Sua Santità Benedetto XVI, ha sempre fatto celebrare la Messa Tridentina, ma nell'ottobre 2015 papa Francesco ha nominato un commissario apostolico con l'ordine di abolire la Messa Tridentina costringengo le suore a tornare al Novus Ordo.
Molte suore , in seguito a questo, hanno lasciato l'abito.

La priorìa di Lanherne ha preso un percorso diverso: Nel dicembre 2016 alcune suore divennero monache carmelitane alle quali è ancora consentito il rito antico carmelitano.

Foto: Lanherne, friendsoflanherne.org, #newsGoapmvjbcf

2 commenti:

  1. ... infierno asegurado!

    RispondiElimina
  2. Sulla fondazione Scholas Ocurrentes:

    questa è solo l'ennesima conferma che l'impostura è ormai più che conclamata e che si sta estendendo a macchia d'olio.

    Però qui la cosa è ancora più grave perché:

    - è un'opera di traviamento di giovani vite (quanti minori avrà già traviato, in Sudamerica e in altri luoghi?);

    - la fondazione si mimetizza sotto la pietosa definizione di 'pia' (!).

    Ormai l'aggettivo PIO, quando è usato da questi personaggi, è solo l'acronimo di "Per Ingannare gli Onesti" !!

    Quanto al fatto che Scholas Occurrentes NON ABBIA MAI DATO RISPOSTA alla giornalista Hickson che chiedeva chiarimenti su questa 'linea educativa' (adesso il traviamento si chiama così?): pare proprio che questo sia un marchio di fabbrica!

    Occorre un movimento dal basso, da parte dei genitori degli infanti a rischio, per mettere fine a questa impresa viziosa.

    RispondiElimina